Vera Zvonarëva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Vera Zvonarëva
Vera Zvonareva at the 2010 US Open 01.jpg
Vera Zvonarëva agli US Open del 2010
Dati biografici
Nome Vera Igorevna Zvonarëva
Nazionalità Russia Russia
Altezza 172 cm
Peso 59 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 464 - 219
Titoli vinti 12 WTA, 2 ITF
Miglior ranking 2º (25 ottobre 2010)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2009, 2011)
Francia Roland Garros QF (2003)
Regno Unito Wimbledon F (2010)
Stati Uniti US Open F (2010)
Altri tornei
WTA Championships F (2008)
Olympic flag.svg Giochi olimpici Bronzo (2008)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 167 - 109
Titoli vinti 6 WTA, 0 ITF
Miglior ranking 9º (8 agosto 2005)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (2012)
Francia Roland Garros QF (2006)
Regno Unito Wimbledon F (2010)
Stati Uniti US Open V (2006)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2008)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte {{{carriera_m}}}
Titoli vinti 2
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2005, 2006)
Francia Roland Garros SF (2006)
Regno Unito Wimbledon V (2006)
Stati Uniti US Open V (2004)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 28 agosto 2012

Vera Igorevna Zvonarëva cir. Вера Игоревна Звонарёва [ˈvʲɛrə zvənɐˈrʲɔvə] (Mosca, 7 settembre 1984) è una tennista russa.

In carriera ha vinto 11 titoli di singolare e 6 di doppio, raggiungendo la sua miglior classifica di singolo il 25 ottobre 2010 piazzandosi al numero 2.

Tra i suoi maggiori successi ci sono la Fed Cup vinta con la Russia nel 2004 ed il bronzo olimpico di singolare vinto a Pechino nel 2008, dove ha sconfitto nella finalina la cinese Na Li per 6-0 7-5 dopo aver perso 6-3 7-6 in semifinale dalla concittadina Elena Dement'eva.

Nei quattro tornei del Grande Slam vanta, la vittoria agli US Open 2006 nel doppio insieme alla francese Nathalie Dechy e la finale nel singolo agli US Open 2010. A Wimbledon 2010 raggiunge entrambe le finali della manifestazione, nel singolare e nel doppio, entrambe però perse.

Completano il suo palmarès 2 titoli dello Slam nel doppio misto e uno di doppio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Figlia di Igor Zvonarëv e Natalija Zvonarëva-Bykova. Il padre Igor è stato un giocatore di Bandy (hockey russo) nel campionato dell'Unione Sovietica con la Dinamo Mosca, mentre la madre Natalija ha giocato ad Hockey su prato ed è stata medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Mosca 1980[1]

Carriera sportiva[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Ha iniziato a giocare a tennis a 6 anni spinta dalla madre Natalia ed è diventata professionista nel 2000. Ad inizio carriera era nota per la psiche particolarmente fragile, che ripetutamente l'ha portata a piangere in campo anche dopo un semplice punto perso (da qui il soprannone lacrima usato tra gli appassionati di tennis). Questa debolezza, a detta degli esperti, le avrebbe inizialmente precluso risultati più prestigiosi. Negli ultimi tempi comunque la sua tranquillità in campo è notevolmente cresciuta ed anche il suo rendimento sembra averne tratto beneficio, al punto di riuscire a rientrare tra le top 10 nel 2008, a quattro anni di distanza dalla prima apparizione.

Vera Zvonareva allo US Open.

2010[modifica | modifica sorgente]

Una delle migliori performance della sua carriera è quella di Wimbledon 2010 dove, dopo aver passato i primi quattro turni battendo tra le altre Yanina Wickmayer e Jelena Janković rispettivamente teste di serie numero 15 e numero 4,è approdata ai quarti di finale eliminando l'ex numero uno del mondo e ottava del seeding Kim Clijsters[2]. In semifinale riesce a vincere anche contro la sorpresa del torneo, la bulgara Cvetana Pironkova, che in precedenza aveva eliminato Venus Williams[3], conquistando la finale del torneo[4]. Tuttavia in finale verrà sconfitta dalla numero 1 al mondo e già tre volte vincitrice dello Slam britannico Serena Williams.[5]

L'ottimo momento di forma e di prestazioni è confermato anche dai risultati nel torneo di doppio in cui, in coppia con la connazionale Elena Vesnina, passa agevolmente i primi tre turni battendo anche coppie inserite come teste di serie e giungendo in semifinale grazie al successo sulla coppia formata dalle stesse sorelle Williams, numero 1 del ranking di doppio e quindi data per favorita per la vittoria finale del torneo[6], conquistano l'accesso alla finale sopravanzando in due set Gisela Dulko e Flavia Pennetta.[7] Come per il torneo di singolare, la finale si conclude con una sconfitta contro la coppia composta dalla statunitense Vania King e la kazaka Jaroslava Švedova infatti, dopo un primo set combattuto fino al tie-break, la coppia russa cede alle avversarie concludendo subendo per 2-6 nel secondo set.[8]

Le due finali di Wimbledon, pur terminate con due sconfitte, le garantiscono il rientro nella top ten del ranking WTA, più precisamente al 9º posto.[9]

Nell'ultimo torneo del Grande slam dell'anno, gli US Open, la Zvonarëva sfrutta un tabellone reso agevole dalle eliminazioni di Agnieszka Radwańska e Nadia Petrova ed eliminando tutte le sue avversarie in due set, tra le quali le sole Alexandra Dulgheru e Kaia Kanepi come testa di serie, raggiunge la semifinale dove elimina nuovamente in due set la giovane campionessa danese e finalista uscente Caroline Wozniacki, in finale però la Zvonarëva cede di schianto e perde 6-2, 6-1 contro l'ex numero 1 del mondo Kim Clijsters. Nonostante la sconfitta in finale a Flushing Meadows, il lunedì successivo raggiunge per la prima volta in carriera la quarta posizione del ranking.

L'11 ottobre 2010 perde in finale al Torneo di Pechino contro la stessa Wozniacki in tre set, successo grazie al quale la danese diventa la 20ª tennista a raggiungere la prima posizione del ranking. Tuttavia, nonostante la sconfitta riesce a guadagnare una posizione nel ranking WTA piazzandosi al terzo posto. Due settimane dopo migliora ancora il suo best-ranking salendo al secondo posto.

2011[modifica | modifica sorgente]

Vera inizia l'anno nel torneo di Sydney, ma viene sconfitta all'esordio da Flavia Pennetta 7-5, 7-5. All'Australian Open raggiunge la semifinale, dove la belga Kim Clijsters la batte 6-3, 6-3.

Partecipa in seguito a Pattaya City. Accreditata dalla prima testa di serie e campionessa in carica delle ultime due edizioni, si fa sorprendere dalla slovacca Daniela Hantuchová in semifinale in due set. Durante il secondo set ha anche avuto un battibecco con il giudice di sedia. A Dubai, perde contro la connazionale Alisa Kleybanova al terzo turno. Al torneo di Doha, invece, conquista l'undicesimo titolo in carriera battendo in finale la numero uno del mondo Caroline Wozniacki 6-4, 6-4.

Al torneo di Indian Wells, viene sconfitta da Dominika Cibulkova al terzo turno in tre set. A Miami, raggiunge le semifinali, ma viene battuta 6-0, 6-3 dalla Azarenka. Nei quarti di finale di Fed Cup contro l'Italia, batte le azzurre Sara Errani e Roberta Vinci, e grazie anche alla vittoria in singolare delle Kuznetsova, la Russia raggiunge la semifinale.

Inizia la stagione sulla terra rossa e Vera gioca a Stoccarda, ma la sua strada finisce nei quarti contro Samantha Stosur. A Madrid, esce al terzo turno per mano della ceca Petra Kvitova. Nell'innaugurale torneo di Bruxelle, perde in semifinale dalla forte cinese Peng Shuai. Al Roland Garros, esce al quarto turno contro la connazionale Anastasia Pavlyuchenkova in tre set.

Sull'erba di Eastbourne, perde ancora dalla Stosur ai quarti; in precedenza aveva anche eliminato la rientrante Serena Williams in tre combattuti set. Delude a Wimbledon, uscendo al terzo turno dalla Pironkova in due set facili.

Ritorna a vincere un torneo a Baku, superando in finale Ksenia Pervak 6-1, 6-4. Raggiunge un'altra finale a San Diego, perdendola contro Agnieszka Radwanska 6-3, 6-4. Perde ancora contro la Radwanska a Toronto, questa volta al terzo turno ma sempre in due set. A Cincinnati, perde da Maria Sharapova in semifinale. Allo US Open, giunge ai quarti ma perde ancora dalla Stosur in due set.

Vera finalista al torneo di Tokyo 2011.

Vera gioca in seguito a Tokyo, dove arriva in un'altra finale. Curiosamente, come successo anche al torneo di San Diego, la perde ancora contro la Radwanska e sempre in due set. Al torneo di Pechino, invece, perde al terzo turno da Ana Ivanovic. Con questo risultato, Vera si è qualificata al WTA Tour Championship per il quarto anno consecutivo. Gioca, poi, il torneo di casa a Mosca, deludendo nel match di quarti contro Dominika Cibulkova.

Ai WTA Tour Championship, fa parte del Red Group insieme a Caroline Wozniacki, Agnieszka Radwanska e Petra Kvitova. Vince un solo incontro contro la Wozniacki, ma perde gli altri due. Riesce comunque a qualificarsi per le semifinali, ma perde da Victoria Azarenka. Conclude l'anno al numero sette del mondo.

2012[modifica | modifica sorgente]

La Zvonareva comincia l'anno a Sydeny, perdendo subito dalla Kuznetsova. All'Australian Open batte nei primi due turni Dulgheru e Hradecka, per poi cedere dalla connazionale Ekaterina Makarova in due set. Vince, invece, il doppio insieme a Svetlana Kuznetsova, battendo nell'atto conclusivo il duo italiano Errani/Vinci in tre set.

Al torneo di Pattaya si ritira nei quarti contro Sorana Cîrstea sul 2-2 al terzo set. Stessa sorte a Doha, dove nel primo turno contro la rumena Niculescu, si ritira quando già era sotto di un set.

Nemmeno nei due Premier americani ottiene fortuna. Dà forfait ad Indian Wells nel match di terzo turno contro Klara Zakopalova senza nemmeno scendere in campo, a causa di una influenza cha aveva colpito anche molte giocatrici. Va male anche a Miami dove si fa sorprendere all'esordio dalla wild-card spagnola Garbiñe Muguruza Blanco in due facili set.

Sulla terra verde americana di Charleston perde nei quarti contro Lucie Safarova in due set. Sulla terra blu di Madrid esce all'esordio dalla ceca Petra Cetkovska. Si ritira poi dal Roland Garros per un infortunio alla spalla.

Ritorna a giocare a Wimbledon, ma è costretta ancora al ritiro al terzo turno contro Kim Clijsters per problemi respiratori. Alle Olimpiadi di Londra perde nettamente da Serena Williams agli ottavi. Salta il resto della stagione per un infortunio alla spalla.

2013[modifica | modifica sorgente]

Si ritira dall'Open d'Australia sempre per l'infortunio alla spalla. Il 14 febbraio, si opera alla spalla con successo.

In un'intervista, la russa ha dichiarato di voler tornare ad allenarsi nel mese di luglio e ritornare nelle competizioni nel 2014.

2014[modifica | modifica sorgente]

Torna ufficialmente in campo dopo 16 mesi il 31 dicembre 2013 nel primo turno dello Shenzhen Open venendo sconfitta con il punteggio di 7-5, 6-3 dalla cinese Li Na.

Torna a giocare un incontro in uno Slam durante l'Australian Open venendo eliminata al primo turno dall' australiana Dellacqua per 6-2, 6-2.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (12)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (1)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (6) Premier (1)
Tier IV & V (1) International (3)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 4 maggio 2003 Croazia Croatian Bol Ladies Open, Bol Terra rossa Spagna Conchita Martínez Granados 6-1, 6-3
2. 21 febbraio 2004 Stati Uniti Cellular South Cup, Memphis Cemento (i) Stati Uniti Lisa Raymond 4-6, 6-4, 7-5
3. 19 febbraio 2005 Stati Uniti Cellular South Cup, Memphis (2) Cemento (i) Stati Uniti Meghann Shaughnessy 7-6, 6-2
4. 18 giugno 2006 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Stati Uniti Jamea Jackson 7-6, 7-6
5. 23 luglio 2006 Stati Uniti Western & Southern Open, Cincinnati Cemento Slovenia Katarina Srebotnik 6-2, 6-4
6. 4 maggio 2008 Rep. Ceca ECM Prague Open, Praga Terra rossa Bielorussia Viktoryja Azaranka 7-6, 6-2
7. 21 settembre 2008 Cina Guangzhou International Women's Open, Canton Cemento Cina Shuai Peng 6-7, 6-0, 6-2
8. 15 febbraio 2009 Thailandia PTT Pattaya Open, Pattaya Cemento India Sania Mirza 7-5, 6-1
9. 22 marzo 2009 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento Serbia Ana Ivanović 7-6, 6-2
10. 14 febbraio 2010 Thailandia PTT Pattaya Open, Pattaya (2) Cemento Thailandia Tamarine Tanasugarn 6-4, 6-4
11. 26 febbraio 2011 Qatar Qatar Ladies Open, Doha Cemento Danimarca Caroline Wozniacki 6-4, 6-4
12. 24 luglio 2011 Azerbaigian Baku Cup, Baku Cemento Russia Ksenija Pervak 6-1, 6-4

Sconfitte (18)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (2)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (1)
Tier I (3) Premier Mandatory (1)
Tier II (2) Premier 5 (2)
Tier III (1) Premier (2)
Tier IV & V (4) International (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 8 luglio 2002 Italia Internazionali Femminili di Palermo, Palermo Terra rossa Argentina Mariana Díaz Oliva 6–76, 6–1, 6–3
2. 16 agosto 2004 Stati Uniti Western & Southern Open, Cincinnati Cemento Stati Uniti Lindsay Davenport 6–3, 6–2
3. 25 ottobre 2004 Stati Uniti Advanta Championships of Philadelphia, Filadelfia Cemento (i) Francia Amélie Mauresmo 3–6, 6–2, 6–2
4. 7 gennaio 2006 Nuova Zelanda ASB Classic, Auckland Cemento Francia Marion Bartoli 6–2, 6–2
5. 6 gennaio 2007 Nuova Zelanda ASB Classic, Auckland (2) Cemento Serbia Jelena Janković 7–69, 5–7, 6–3
6. 11 gennaio 2008 Australia Moorilla Hobart International, Hobart Cemento Grecia Eleni Daniilidou walkover
7. 24 febbraio 2008 Qatar Qatar Total Open, Doha Cemento Russia Marija Šarapova 6–1, 2–6, 6–0
8. 20 aprile 2008 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston Terra verde Stati Uniti Serena Williams 6–4, 3–6, 6–3
9. 12 ottobre 2008 Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico (i) Serbia Jelena Janković 6–2, 6–4
10. 26 ottobre 2008 Austria Generali Ladies Linz, Linz Cemento (i) Serbia Ana Ivanović 6–2, 6–1
11. 9 novembre 2008 Qatar Sony Ericsson Championships, Doha Cemento Stati Uniti Venus Williams 6–7(5), 6–0, 6–2
12. 18 aprile 2010 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston (2) Terra verde Australia Samantha Stosur 6–0, 6-3
13. 3 luglio 2010 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Stati Uniti Serena Williams 6-3, 6-2
14. 23 agosto 2010 Canada Rogers Cup, Montreal Cemento Danimarca Caroline Wozniacki 6-3, 6-2
15. 11 settembre 2010 Stati Uniti US Open, New York Cemento Belgio Kim Clijsters 6-2, 6-1
16. 11 ottobre 2010 Cina China Open, Pechino Cemento Danimarca Caroline Wozniacki 6-3, 3-6, 6-3
17. 7 agosto 2011 Stati Uniti San Diego Open, San Diego Cemento Polonia Agnieszka Radwańska 6-3, 6-4
18. 1 ottobre 2011 Giappone Toray Pan Pacific Open, Tokyo Cemento Polonia Agnieszka Radwańska 6-3, 6-2

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (6)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (2)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (2) Premier Mandatory (1)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV & V (1) International (0)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversaria in finale Punteggio
1. 10 ottobre 2004 Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico (i) Russia Anastasia Myskina Spagna Virginia Ruano Pascual
Argentina Paola Suárez
6–3, 4–6, 6–2
2. 2 maggio 2005 Germania Qatar Telecom German Open, Berlino Terra rossa Russia Elena Lichovceva Zimbabwe Cara Black
Sudafrica Liezel Huber
4–6, 6–4, 6–3
3. 2 gennaio 2006 Nuova Zelanda ASB Classic, Auckland Cemento Russia Elena Lichovceva Francia Émilie Loit
Rep. Ceca Barbora Záhlavová-Strýcová
6–3, 6–4
4. 28 agosto 2006 Stati Uniti US Open, New York Cemento Francia Nathalie Dechy Russia Dinara Safina
Slovenia Katarina Srebotnik
7–65, 7–5
5. 21 marzo 2009 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento Bielorussia Viktoryja Azaranka Argentina Gisela Dulko
Israele Shahar Pe'er
6–4, 3–6, [10–5]
6. 27 gennaio 2012 Stati Uniti Australian Open, Melbourne Cemento Russia Svetlana Kuznecova Italia Sara Errani
Italia Roberta Vinci
5-7, 6-4, 6-3

Doppio misto[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

No. Data Torneo Superficie Partner Avversario in finale Punteggio
1. 12 settembre 2004 Stati Uniti US Open, New York Cemento Stati Uniti Bob Bryan Australia Todd Woodbridge
Australia Alicia Molik
6–3, 6-4
2. 16 luglio 2006 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Israele Andy Ram Stati Uniti Bob Bryan
Stati Uniti Venus Williams
6-3, 6-2

Rendimento nel tempo[modifica | modifica sorgente]

Tabella riepilogativa del rendimento nelle partite in singolare per anno

Torneo 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000 1999 Carriera
Australian Open 1T - 3T SF 4T SF 1T 4T 1T 2T 4T 1T - - - - 0
Roland Garros - - 4T 2T - 4T - 1T 3T 3T QF 4T - - - 0
Wimbledon - 3T 3T F 3T 2T - 1T 2T 4T 4T 2T - - - 0
US Open - - QF F 4T 2T 3T 3T - 4T 3T 3T - - - 0
WTA Tour Championships - - SF SF RR F - - - RR - - - - - 0
Finali 0 0 4 6 2 8 1 3 1 3 1 1 0 0 0 30
Tornei vinti 0 0 2 1 2 2 0 2 1 1 1 0 0 0 0 12
Record vittorie-sconfitte 0-0 11-10 56-22 50-19 33-14 65-22 30-14 37-22 21-21 54-27 46-24 41-14 12-9 6-2 3-1 464-220
Posizione ranking fine anno 98 7 2 9 7 23 24 42 11 13 45 371 357 N/A

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biografia di Vera Zvonarëva zvonareva.ru
  2. ^ Clamoroso a Wimbledon: fuori Venus e Clijsters gazzetta.it
  3. ^ La tennista russa supera in tre set la Pironkova eurosport.yahoo.com
  4. ^ Wimbledon: Zvonareva in finale
  5. ^ Williams: Zvonareva annientata lastampa.it
  6. ^ Elena Vesnina e Vera Zvonareva eliminano le sorelle Williams gazzetta.it
  7. ^ No. 1 Court - Ladies' Doubles - Semifinals wimbledon.org
  8. ^ Tennis: Wimbledon, Zvonareva ko anche in finale doppio femminile adnkronos.com
  9. ^ TENNIS, RANKING WTA

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]