Melanie Oudin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Melanie Oudin
Oudin WMQ14 (3) (14583908076).jpg
Melanie Oudin al Torneo di Wimbledon 2014
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 168 cm
Peso 59 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 198 - 159
Titoli vinti 1 WTA, 6 ITF
Miglior ranking 31º (19 aprile 2010)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2009, 2010, 2011, 2013)
Francia Roland Garros 2T (2012, 2013)
Regno Unito Wimbledon 4T (2009)
Stati Uniti US Open QF (2009)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 54 - 69
Titoli vinti 0 WTA, 0 ITF
Miglior ranking 125º (23 maggio 2011)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2010, 2011)
Francia Roland Garros 2T (2010)
Regno Unito Wimbledon 1T (2010, 2011, 2013)
Stati Uniti US Open 2T (2010, 2013)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti 1
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open V (2011)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 13 luglio 2014

Melanie Oudin (Marietta, 23 settembre 1991) è una tennista statunitense.

Ha conquistato un titolo dello Slam, gli US Open 2011 nel doppio misto.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

2008[modifica | modifica sorgente]

Melanie Oudin entra a far parte del circuito professionista nel 2008, grazie ad una wild-card accede infatti al tabellone principale del Pacific Life Open. Al primo turno supera la tennista estone Maret Ani ma a quello successivo viene sconfitta nettamente da Francesca Schiavone.[2] La settimana successiva la federazione statunitense le concede un'altra wild-card, per il Sony Ericsson Open, ma ancora una volta viene sconfitta da un'italiana. Tathiana Garbin la sconfigge infatti al primo turno in un match lungo tre set.
Ad agosto 2008 partecipa al suo primo torneo dello slam, lo US Open, grazie all'assegnazione di una wild-card. Tuttavia, anche in questa occasione viene battuta al primo turno dall'australiana Jessica Moore. Nel mese di ottobre partecipa al torneo del Quebec e arriva per la prima volta nella sua carriera ai quarti di finale di un torneo WTA dove viene sconfitta da Bethanie Mattek-Sands in due set.[3]

2009[modifica | modifica sorgente]

Al primo Slam dell'anno partecipa al torneo di qualificazione e riesce a superare tutti e tre i turni senza cedere un set. Nel tabellone principale degli Australian Open 2009 affronta l'uzbeka Akgul Amanmuradova che ha la meglio in due set.[4] Nella stessa stagione riesce a superare le qualificazioni anche a Londra, accedendo così al tabellone principale di Wimbledon. Si spinge fino al quarto turno dopo aver eliminato in match sempre lunghi quattro set Jaroslava Švedova oltre alle teste di serie numero 29 (Sybille Bammer) e numero 6 (Jelena Janković).[5] Nel match che le avrebbe garantito il primo quarto di finale in uno Slam viene però sconfitta da Agnieszka Radwańska, testa di serie numero 11.[5]
Allo Slam di casa, gli US Open 2009 ha la classifica giusta per presentarsi direttamente nel tabellone principale senza bisogno di fare le qualificazioni. Qui inizia la sua migliore avventura nei tornei dello Slam, elimina infatti in serie ben quattro tenniste russe.[6] La prima a farne le spese è Anastasija Pavljučenkova, eliminata con un netto 6-1, 6-2.[6] La seguono la numero quattro del seeding, Elena Dement'eva, la numero ventinove Marija Šarapova e la numero tredici Nadia Petrova, in tutti e tre i match la Oudin si è ritrovata a rincorrere da un set sotto.[6]
Arriva quindi per la prima volta in carriera ai quarti di finale di uno dei tornei più importanti al mondo, ma il suo percorso si ferma quando la futura finalista Caroline Wozniacki la supera in due set.

2010[modifica | modifica sorgente]

Come l'anno precedente viene eliminata al primo turno degli Australian Open, questa volta da Alla Kudryavtseva in tre set.

Nel mese di febbraio partecipa all'Open GDF Suez e raggiunge per la prima volta in carriera la semifinale di un torneo WTA, l'americana batte al primo turno Sorana Cîrstea, al secondo turno Patty Schnyder, ai quarti di finale Ágnes Szávay per poi venire sconfitta dalla russa Elena Dementieva. Successivamente la Oudin partecipa al torneo di Memphis in cui viene eliminata ai quarti di finale dalla svedese Sofia Arvidsson poi finalista del torneo.

Al Roland Garros viene superata al primo turno dalla spagnola Anabel Medina Garrigues per 6-2, 7-5. A giugno partecipa al Torneo di Wimbledon 2010 ma viene sconfitta al primo turno da Jarmila Groth.

Anche agli US Open non riesce a ripetere la prestazione dell'anno precedente e viene eliminata al secondo turno da Alona Bondarenko.

2011[modifica | modifica sorgente]

Per la terza stagione consecutiva comincia l'anno con la sconfitta al primo turno agli Australian Open, questa volta per mano della ceca Klára Zakopalová.

La Oudin a inizio febbraio scende in campo al torneo di Parigi dove batte al primo turno la russa Vera Dushevina 7-5, 5-7, 6-2. Nel secondo turno la Oudin perde contro Dominika Cibulková per 6-4, 7-6 (5). A metà febbraio l'americana disputa il torneo di Memphis. In questa circostanza ha vinto al primo turno contro Anastasia Pivovarova per 6-4, 6-0 ma nel secondo turno perde contro Evgeniya Rodina 6-1, 7-5. La settimana successiva la giovane americana perde già al primo turno del torneo di Acapulco contro l'ucraina Lesia Tsurenko. In seguito gioca ancora in Messico al torneo di Monterrey ma viene battuta al secondo turno dalla russa Anastasia Pavlyuchenkova. Nel mese di marzo gioca in nord America. Dapprima partecipa al torneo di Indian Wells ma esce al secondo turno contro la belga Yanina Wickmayer, poi gioca a Miami ed esce di nuovo al secondo turno contro la slovacca Daniela Hantuchová.

Il 9 settembre si aggiudica in coppia con il connazionale Jack Sock la finale di doppio misto dell'US Open battendo la coppia argentina formata da Gisela Dulko ed Eduardo Schwank con il punteggio di 7-6 (4), 4-6, 10-8.[1]

2012[modifica | modifica sorgente]

Tenta la qualificazione all'Australian Open ma viene sconfitta al primo turno dalla giovanissima britannica Laura Robson.[7]
A maggio ottiene una wild-card per il Roland Garros[8] e per la prima volta in carriera riesce a vincere un match sulla terra parigina. Sconfigge infatti con un doppio 6-3 la svedese Johanna Larsson prima di venire eliminata dalla futura finalista Sara Errani.
Il 18 giugno arriva la prima vittoria nel circuito Wta, a Birmingham batte Jelena Janković in finale dopo essere partita dalle qualificazioni.[9]

Fed Cup[modifica | modifica sorgente]

Melanie Oudin fa parte della nazionale statunitense di Fed Cup dal febbraio 2009, ha collezionato tredici presenze con cinque vittorie.[10]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 18 giugno 2012 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Serbia Jelena Janković 6–4, 6–2

Doppio misto[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (1)[modifica | modifica sorgente]

Tornei del Grande Slam
Australian Open (0)
Open di Francia (0)
Torneo di Wimbledon (0)
US Open (1)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversario in finale Punteggio
1. 9 settembre 2011 Stati Uniti US Open, New York Cemento Stati Uniti Jack Sock Argentina Gisela Dulko
Argentina Eduardo Schwank
7–64, 4–6, [10–8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Daniele Vallotto, US Open, a Oudin/Sock il titolo del doppio misto, ubitennis.com, 10 settembre 2011. URL consultato il 18 giugno 2012.
  2. ^ Vincenzo Martucci, L'unico rischio è la pressione - Oudin e Glatch le baby rampanti, Gazzetta dello Sport, 07 settembre 2009. URL consultato il 18 giugno 2012.
  3. ^ repubblica.it, Tennis, Wta Quebec: Petrova in semifinale, 01 novembre 2008. URL consultato il 18 giugno 2012.
  4. ^ australianopen.com, Melanie Oudin. URL consultato il 18 giugno 2012.
  5. ^ a b Bud Collins, Maiden of Marietta, Melanie Oudin, Makes her debutT, 27 giugno 2009. URL consultato il 18 giugno 2012.
  6. ^ a b c Bud Collins, Queen of Queens, Melanie Oudin reigns!, 07 settembre 2009. URL consultato il 18 giugno 2012.
  7. ^ Alessandro Mastroluca, Che fine ha fatto Melanie Oudin?, ubitennis.com, 17 marzo 2012. URL consultato il 18 giugno 2012.
  8. ^ ubitennis.com, A Oudin la wild card per il Roland Garros, 07 maggio 2012. URL consultato il 18 giugno 2012.
  9. ^ bbc.co.uk, Melanie Oudin beats Jelena Jankovic to win Aegon Classic, 18 giugno 2012. URL consultato il 18 giugno 2012.
  10. ^ fedcup.com, Melanie Oudin. URL consultato il 18 giugno 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]