Kateryna Bondarenko

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kateryna Bondarenko
Kateryna Bondarenko (7517709270).jpg
Kateryna Bondarenko nel 2013
Dati biografici
Nome Kateryna Volodymirivna Bondarenko
Nazionalità Ucraina Ucraina
Altezza 175 cm
Peso 60 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 287 - 224
Titoli vinti 1 WTA, 3 ITF
Miglior ranking 29 (12 ottobre 2009)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2009)
Francia Roland Garros 3T (2009)
Regno Unito Wimbledon 3T (2011)
Stati Uniti US Open QF (2009)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2008, 2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 149 - 145
Titoli vinti 3 WTA, 3 ITF
Miglior ranking 9 (20 ottobre 2008)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (2008)
Francia Roland Garros SF (2008)
Regno Unito Wimbledon 2T (2007)
Stati Uniti US Open 3T (2008)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici SF (2008)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 7 luglio 2014

Kateryna Volodymirivna Bondarenko (ucr. Катерина Володимирівна Бондаренко; Krivoj Rog, 8 agosto 1986) è una tennista ucraina.

È alta 175 centimetri e pesa 60 chilogrammi. La sua carriera è iniziata nel 2000. Destra, gioca il diritto a una mano e il rovescio a due mani. I suoi migliori risultati nei tornei del Grande Slam sono il terzo turno all'Australian Open 2009, il secondo turno all'Open di Francia 2007, il secondo turno al torneo di Wimbledon 2006 e 2007 e i quarti di finale agli US Open 2009. La sua migliore posizione di doppio è la nona (20 ottobre 2008). Kateryna è la sorella minore di Al'ona Bondarenko. Le due sorelle hanno vinto l'Australian Open in doppio nel 2008.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

2003[modifica | modifica sorgente]

La tennista si affaccia nel circuito maggiore qualificandosi, nel mese di febbraio, nel Wta di Bogotà perdendo al primo turno dalla più quotata Catalina Castaño. Dopo alcuni mesi di assenza, ritorna ad agosto nell'ITF Gdynia perdendo in finale. Successivamente raggiunga un'altra finale a Oulu, perdendola. Nel mese di novembre si qualifica nel Wta di Pattaya, giungendo al secondo turno.

2004[modifica | modifica sorgente]

Ad aprile, partendo dalle qualificazioni, giunge in finale nell'ITF di Bari, perdendo da sua sorella Alona. Riesce a qualificarsi nel Wta di Tashkent, sconfitta al primo turno da Virginie Razzano.

2005[modifica | modifica sorgente]

Grazie ad una wild card, giunge ai quarti a Memphis, battuta dalla n°1 del tabellone, Vera Zvonarëva per 7-5 6-0. Dopo mesi di scarsi risultati si qualifica a Wimbledon, sconfitta all'esordio da Conchita Martínez. Raggiunge il terzo turno a Los Angeles partendo dalle qualificazioni e venendo battuta da Daniela Hantuchová. Giunge al secondo quarto Wta dell'anno a Tashkent, perdendo dalla futura campionessa Michaëlla Krajicek.

2006[modifica | modifica sorgente]

Inizia l'anno perdendo all'ultimo turno di qualificazioni a Melbourne. Si qualifica a Pattaya, ma esce all'esordio. Parte dalle qualificazioni e raggiunge il secondo turno a Dubai, eliminata da Justine Henin. Riesce a qualificarsi nei tornei di Amelia Island, Charleston e Roma uscendo sempre al primo turno. Esce al secondo turno a Wimbledon, suo miglior risultato nelle prove dello Slam. Viene eliminata al secondo turno a San Diego partendo dalle qualificazioni. Raggiunge il primo quarto Wta dell'anno a Tashkent, eliminata da Iroda Tulyaganova. A fine anno si aggiudica il torneo ITF di Dubai.

2007[modifica | modifica sorgente]

Giunge ai quarti a Doha, partendo dalle qualificazioni, battuta da Jelena Janković. Nei tornei sulla terra rossa si registrano buoni risultati per l'ucraina. Partendo da ogni torneo dalle qualificazioni, raggiunge il secondo turno a Varsavia, Berlino e al Roland Garros, e il terzo turno nel torneo di Roma. Sul cemento americano raccoglie pochi risultati di rilievo, perdendo quasi sempre al primo turno e raggiungendo come miglior risultato gli ottavi a Los Angeles e il secondo turno agli US Open. Raggiunge i quarti a Stoccarda battendo tra le altre la N°5 del mondo Ana Ivanović.

2008[modifica | modifica sorgente]

L'anno non è molto brillante per la Bondarenko che fino al mese di maggio, raggiunge come miglior risultato i quarti a Parigi. Vince il primo torneo Wta a Birmingham, battendo in finale la belga Yanina Wickmayer per 7-6(7) 3-6 7-6(4). Nel mese di settembre giunge al secondo turno a Stoccarda perdendo da Venus Williams.

2009[modifica | modifica sorgente]

A Melbourne raggiunge il terzo turno, battendo al primo ostacolo la N°10 del tabellone Agnieszka Radwańska. Nei mesi successivi raggiunge il terzo turno sia a Roma che al Roland Garros. Arriva ai quarti a Praga perdendo da Francesca Schiavone. Partendo dalle qualificazioni raggiunge il secondo turno a Cincinnati, battuta da Serena Williams, e il terzo turno a Toronto, perdendo da Agnieszka Radwańska dopo aver eliminato Venus Williams. Agli US Open arriva al suo primo quarto di finale in uno Slam battendo nell' ordine Ivanovic, Perry, Rodionova e Dulko e venendo sconfitta da Yanina Wickmayer. Partendo dalle qualificazioni raggiunge il terzo turno a Tokyo, battendo nel turno precedente Elena Dement'eva, e il secondo turno a Pechino.

2010[modifica | modifica sorgente]

La stagione è costellata da vari infortuni, raggiungendo come risultati di rilievo il secondo turno a Melbourne, al Roland Garros e agli US Open. A fine anno vince l'ITF di Bratislava rientrando nuovamente nelle Top 100.

2011[modifica | modifica sorgente]

Parte l'anno arrivando ai quarti ad Auckland sconfitta da Julia Görges. Dopo un periodo nero, arrivano risultati di rilievo. Giunge al terzo turno a Wimbledon sconfitta da Nadia Petrova. Arriva ai quarti a Budapest, a Dallas e a Baku, e alle semifinali a Bad Gastein.

2012[modifica | modifica sorgente]

Raggiunge il terzo turno a Doha, partendo dalle qualificazioni, sconfitta da Monica Niculescu. Giunge al secondo turno a Miami dove viene elimianta da Daniela Hantuchová per 6-7(4) 6-2 7-6(4).

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (0)
Tier IV & V (0) International (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 15 giugno 2008 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Belgio Yanina Wickmayer 7–67, 3–6, 7–64

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (3)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (1)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (1) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV & V (0) International (1)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversari in finale Punteggio
1. 26 gennaio 2008 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Ucraina Al'ona Bondarenko Bielorussia Viktoryja Azaranka
Israele Shahar Peer
2–6, 6–1, 6–4
2. 10 febbraio 2008 Francia Open Gaz de France, Parigi Cemento (i) Ucraina Al'ona Bondarenko Rep. Ceca Vladimíra Uhlířová
Rep. Ceca Eva Hrdinová
6–1, 6–4
3. 13 luglio 2009 Rep. Ceca ECM Prague Open, Praga Terra rossa Ucraina Al'ona Bondarenko Rep. Ceca Iveta Benešová
Rep. Ceca Barbora Záhlavová-Strýcová
6–1, 6–2

Sconfitte (3)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (3)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversari in finale Punteggio
1. 16 gennaio 2009 Australia Moorilla Hobart International, Hobart Cemento Ucraina Al'ona Bondarenko Argentina Gisela Dulko
Italia Flavia Pennetta
2–6, 64-7
2. 11 luglio 2009 Ungheria GDF SUEZ Grand Prix, Budapest Terra rossa Ucraina Al'ona Bondarenko Russia Alisa Klejbanova
Romania Monica Niculescu
4-6, 65-7
3. 14 gennaio 2011 Australia Moorilla Hobart International, Hobart (2) Cemento Lettonia Līga Dekmeijere Italia Sara Errani
Italia Roberta Vinci
3-6, 5-7

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]