Alizé Cornet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alizé Cornet
Cornet WM14 (3) (14457004529).jpg
Alizé Cornet al Torneo di Wimbledon 2014
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 173 cm
Peso 60 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 294 - 222
Titoli vinti 4 WTA, 3 ITF
Miglior ranking 11° (16 febbraio 2009)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (2009)
Francia Roland Garros 3T (2008, 2013)
Regno Unito Wimbledon 4T (2014)
Stati Uniti US Open 3T (2007, 2008, 2013, 2014)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 72 - 90
Titoli vinti 2 WTA
Miglior ranking 103° (2 febbraio 2009)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2014)
Francia Roland Garros 2T (2008)
Regno Unito Wimbledon 2T (2013, 2014)
Stati Uniti US Open 1T (2008, 2012, 2014)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 16 luglio 2014

Alizé Cornet (Nizza, 22 gennaio 1990) è una tennista francese.

Carriera tennistica[modifica | modifica sorgente]

Esordi[modifica | modifica sorgente]

La Cornet inizia a giocare a tennis all'età di quattro anni. Debutta nel circuito ITF nel 2004, partecipando all'ITF di Amiens nel quale giunge sino ai quarti. Nello stesso anno partecipa alle qualificazioni di diversi altri tornei ITF francesi, fallendo sempre l'obiettivo qualificazione. Entra invece, grazie a una wild card, nel main draw dell'ITF di St. Raphael, in cui perde al primo turno dalla Razzano, mentre nell'ITF di Le Havre giunge sino ai quarti.

Nel 2005 partecipa all'ITF di Cagnes-Sur-Mer in cui batte la prima top 100 della sua carriera, la n. 60 Maria Elena Camerin, perdendo poi al turno successivo dalla Vierin. Fa il suo esordio in uno Slam tramite wild card al Roland Garros, dove al I turno ottiene la sua prima vittoria in assoluto in un torneo WTA superando Alina Židkova, n. 71 del mondo. Il secondo turno è proibitivo contro la n.3 del ranking, la Mauresmo che le infligge un perentorio 6-0 6-2.

La Cornet ritorna a partecipare a tornei del circuito ITF centrando i quarti a Torun e in genere ottenendo modesti risultati.

2006[modifica | modifica sorgente]

Alizé debutta all'Australian Open grazie a una wild card affrontando la n. 59 del ranking Aiko Nakamura uscendo sconfitta per 6-2 4-6 6-2.

Ritorna nel circuito ITF riportando 2 secondi turni e soprattutto aggiudicandosi il torneo di Bari nel quale supera in finale la n.77 del ranking WTA Tathiana Garbin con il punteggio di 6-3 3-6 6-2. In seguito ottiene i quarti all'ITF di Catania e le semifinali all'ITF di Caserta. Riceve un'altra wild card per il Roland Garros nel quale batte al I turno Virginia Ruano Pascual, n.77 del ranking, per poi perdere in due set dalla Garbin.

Vince poi il torneo ITF di Padova superando la Garcia Sokol in finale, mentre giunge in finale all'ITF Roma Canottieri perdendo contro la Nagy.

2007[modifica | modifica sorgente]

Supera le qualificazioni dell'Australian Open e affronta al I turno Daniela Hantuchová che la sconfigge in due set. Riceve una wild card per l'indoor di Parigi, in cui perde al I turno dalla Golovin. Si qualifica nei tornei di Bogotà, in cui giunge al II turno, e di Acapulco in cui giunge ai quarti dopo aver battuto la n. 35 Severine Bremond, per poi perdere contro la n.42 Flavia Pennetta. Partecipa all'ITF di Latina giungendo in semifinale, poi ai quarti all'ITF di Cagnes-Sur-Mer. Nel Tier IV di Fes raggiunge i quarti, mentre al I turno del Roland Garros perde contro Venus Williams 6-4 6-3. Partecipa alle qualificazioni del Torneo di Wimbledon superandole, così come s'impone al I turno contro la n.42 Marija Kirilenko uscendo poi sconfitta al II contro Ai Sugiyama al III set. Negli ITF centra i quarti a Biella, vince quello di Dnepropetrovsk battendo in finale Stefanie Vögele, poi arriva in semifinale a Rimini. Si qualifica per il main draw dello Us Open nei quali supera al I turno Samantha Stosur, n.35 WTA, poi la Caroline Wozniacki, per arrendersi al III turno alla Jelena Janković, n.3 del ranking, che prevale 6-3 al III. Perde in seguito la finale dell'ITF di Bordeaux contro la Cvetana Pironkova.

2008[modifica | modifica sorgente]

Alizè Cornet al Roland Garros 2008.

Il 2008 della Cornet è molto positivo raggiungendo la finale ad Acapulo perdendo da Flavia Pennetta per 6-0 4-6 6-1. Altri risultati di rilievo sono le semifinali ad Amelia Island e Charleston, perdendo contro Dominika Cibulková e Serena Williams. Raggiunge la finale al torneo di Roma, partendo dalle qualificazioni ed eliminando nell'ordine Vera Duševina, Francesca Schiavone, Svetlana Kuznecova, Serena Williams (per forfait) e Anna Čakvetadze. Perde in finale da Jelena Janković con un doppio 6-2. Arriva al terzo turno al Roland Garros, ma esce al primo turno a Wimbledon. Vince il torneo Wta di Budapest, non perdendo nemmeno un set. Arriva in semifinale a New Haven ma viene battuda dalla Wozniacki, e al terzo turno allo US Open da Anna-Lena Grönefeld. Chiude l'anno nelle prime venti.

2009[modifica | modifica sorgente]

Alizè Cornet a Wimbledon 2009.

L'inizio dell'anno è molto positivo raggiungendo i quarti a Sydeny e gli ottavi a Melbourne, perdendo entrambe le volte da Dinara Safina. Arriva ai quarti a Paris e agli ottavi a, perdendo da Jelena Janković e Venus Williams. Arriva al N°11 del mondo, suo best ranking fino ad ora. Il resto dell'anno è molto deludente, non confermando i risultati della stagione passata, raggiungendo come miglior risultato le semifinali a Bad Gastein, sconfitta da Andrea Petković. Chiude l'anno fuori dalle 40 giocatrici del mondo.

2010[modifica | modifica sorgente]

Il 2010 va sulla stessa onda dell'anno precedente raggiungendo i quarti ad Auckland, Monterrey e Budapest, le semifinale a Fes, Bad Gastein e all'ITF di Sofia. Come suo miglior risultato spicca la finale all'ITF di Saint-Malo battuta dall'allora italiana Romina Oprandi per 6-2 2-6 6-2.

2011[modifica | modifica sorgente]

Inizia l'anno raggiungendo il terzo turno a Melbourne sconfitta da Kim Clijsters. Si qualifica ad Indian Wells e arriva al terzo turno fermata da Francesca Schiavone per 6-2 6-3. Nei mesi successivi non c'è nessun risultato di rilievo, ma raggiunge i quarti agli ITF di Cuneo e Sofia. Si qualifica per il torneo WTA di Mosca ma viene eliminata all'esordio da Svetlana Kuznecova con un doppio 6-3. Raggiunge le semifinali a Nantes battuta da Alison Riske per 6-1 6-3.

2012[modifica | modifica sorgente]

Inizia male l'anno della Cornet che raggiunge a marzo come miglior risultato, la finale nell'ITF di Nassau battuta da Aleksandra Wozniak per 6-4 7-5. Dopo i quarti in un ITF americano, raggiunge i quarti nel WTA di Copenaghen battuta nettamente dalla Wozniacki per 6-0 6-3. Si qualifica nel WTA di Stoccarda, ma viene sconfitta al secondo turno dalla Šarapova. Raggiunge le semifinali all'ITF di Praga ma viene battuta da Lucie Šafářová. Grazie ad una wild card, gioca il WTA di Strasburgo arrivando in finale eliminando nell'ordine Ol'ga Govorcova per 6-4 2-6 6-4, Shahar Peer per 4-6 6-4 6-0, Anabel Medina Garrigues per 7-6(2) 7-6(5) e Pauline Parmentier per 4-6 6-1 6-3. Viene sconfitta in finale dall'italiana Francesca Schiavone con un doppio 6-4. In Austria, al Gastein Ladies, entra come testa di serie n°7, e approda in finale, dopo aver battuto la testa di serie n°3 Ksenija Pervak in due set, e vince il torneo battendo la belga Yanina Wickmayer per 7-5 7-6(1).

2013[modifica | modifica sorgente]

Alizé ad Indian Wells nel 2013

La francese raccoglie le briciole nei primi cinque tornei da lei giocati nel 2013: quattro secondi turni e un'eliminazione all'esordio a Hobart (6-1 6-2 da Chanelle Scheepers). A fine febbraio raggiunge le semifinali ad Acapulco dove però cede netto nei confronti di Sara Errani, futura vincitrice del torneo. Dopo un secondo turno a Indian Wells (6-4 3-6 6-3 da Caroline Wozniacki), arriva una sconfitta sul filo di lana al quarto turno a Miami per opera di Roberta Vinci che la batte 2-6 6-4 6-4. A Marrakech deve lasciare strada nei quarti alla futura campionessa del titolo marocchino Francesca Schiavone che si impone 6-4 6-4. Agli Internazionali BNL d'Italia viene presa a pallate al primo turno dalla wild card Nastassja Burnett (6-2 6-2 il punteggio per l'azzurra) ma la tennista nizzarda ha modo di rifarsi conquistando la settimana successiva il titolo del torneo di Strasburgo battendo in finale Lucie Hradecká per 7-6 6-0. Al Roland Garros sogna l'impresa di giungere agli ottavi di finale battendo la numero 3 del mondo Viktoryja Azaranka. Dopo aver conquistato il primo set, cede però 4-6 6-3 6-1 alla bielorussa.

2014[modifica | modifica sorgente]

L'anno della Cornet si apre con il torneo di Sydney dove viene sconfitta dalla tennista statunitense Christina McHale al primo turno. Agli Australian Open invece usufruisce del ritiro della Hercog al primo turno, batte Camila Giorgi al secondo ma al terzo turzo viene sconfitta da Marija Šarapova in 2 set. Nel torneo di Parigi arriva fino alla semifinale battuta da Sara Errani con lo score di 6-7 6-3 6-7. Delude a Doha dove viene subito eliminata dalla svizzera Stefanie Voegele. A Dubai riesce ad arrivare fino alla finale eliminata da Venus Williams. Batte in successione Simona Halep (per ritiro della rumena), Kirsten Flipkens (6-3 6-4), Carla Suarez-Navarro (7-5 6-3) e Serena Williams (doppio 6-4). Ad Indian Wells si arrende al quarto turno da Agnieszka Radwańska, mentre a Miami si ferma al terzo turno per mano della sempre più sorprendente Dominika Cibulková. Nel torneo di Katowice raggiunge la seconda finale stagionale battendo in sequenza Vesna Dolonc, Zuzana Kucova, Klara Koukalova e Agnieszka Radwańska, e in finale sconfigge Camila Giorgi conquistando il quarto titolo in carriera. A Madrid si ferma al primo turno perdendo da Svetlana Kuznecova. A Roma è Ana Ivanović a sconfiggerla al secondo turno in 2 set. Si presenta al torneo di Strasburgo ma non riesce a difendere il titolo vinto lo scorso anno, perdendo dalla Giorgi. Al Roland Garros si fa sorprendere dalla Townsend al secondo turno in 3 set. Al torno di Eastbourne viene sconfitta da Angelique Kerber al secondo turno dopo aver sprecato un match point. A Wimbledon sorprende tutti battendo al terzo turno Serena Williams con il punteggio di 1-6 6-3 6-4 accedendo per la prima volta in carriera al quarto turno nel torneo londinese.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (4)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (0)
Tier IV & V (0) International (3)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 13 luglio 2008 Ungheria Budapest Grand Prix, Budapest Terra rossa Slovenia Andreja Klepač 7–6, 6–3
2. 17 giugno 2012 Austria Gastein Ladies, Bad Gastein Terra rossa Belgio Yanina Wickmayer 7-5, 7-61
3. 25 maggio 2013 Francia Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa Rep. Ceca Lucie Hradecká 7-64, 6-0
4. 13 aprile 2014 Polonia BNP Paribas Katowice Open, Katowice Cemento (i) Italia Camila Giorgi 7-63, 5-7, 7-5

Sconfitte (4)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (1) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (1)
Tier IV & V (0) International (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 1º marzo 2008 Messico Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra rossa Italia Flavia Pennetta 0-6, 6-4, 1-6
2. 18 maggio 2008 Italia Internazionali d'Italia, Roma Terra rossa Serbia Jelena Janković 2-6, 2-6
3. 26 maggio 2012 Francia Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa Italia Francesca Schiavone 4-6, 4-6
4. 22 febbraio 2014 Emirati Arabi Uniti Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento Stati Uniti Venus Williams 3-6, 0-6

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (1) Premier (0)
Tier IV & V (0) International (1)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversarie in finale Punteggio
1. 13 luglio 2008 Ungheria Budapest Grand Prix, Budapest Terra rossa Slovacchia Janette Husárová Romania Ioana Raluca Olaru
Germania Vanessa Henke
65–7, 6–1, [10–6]
2. 22 maggio 2010 Francia Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa Stati Uniti Vania King Russia Alla Kudrjavceva
Australia Anastasija Rodionova
3–6, 6–4, [10–7]

Sconfitte (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversarie in finale Punteggio
1. 27 agosto 2011 Stati Uniti Texas Tennis Open, Dallas Cemento Francia Pauline Parmentier Italia Alberta Brianti
Romania Sorana Cîrstea
5-7, 3-6

Statistiche ITF[modifica | modifica sorgente]

Singolare (3)[modifica | modifica sorgente]

N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 18 aprile 2006 Italia Bari Terra rossa Italia Tathiana Garbin 6-2, 3-6, 6-2
2. 26 giugno 2006 Italia Padova Terra rossa Argentina Maria Vanina Garcia Sokol 6-1, 6–4
3. 16 luglio 2007 Ucraina Dnepropetrovsk Terra Rossa Svizzera Stefanie Voegele 6-4, 6–3

Risultati in progressione[modifica | modifica sorgente]

Torneo 2014 2013 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 Carriera
Australian Open 3T 2T 1T 3T 1T 4T 2T 1T 1T - 0
Roland Garros 2T 3T 1T 2T 1T 2T 3T 1T 2T 2T 0
Wimbledon 4T 3T 2T 1T 1T 1T 1T 2T - - 0
US Open 3T 2T 2T 1T 2T 3T 3T - - 0
WTA Tour Championships - - - - - - - - - 0
Finali affrontate 1 2 0 0 0 3 0 0 0 6
Tornei vinti 1 1 0 0 0 1 0 0 0 3
Posizione nel Ranking a fine anno 27 44 89 78 50 16 55 189 308

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

tennis Portale Tennis: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di tennis