Andrea Petković

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Petković
Andrea Petkovic - 14312129886.jpg
Andrea Petković nel 2014
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 180 cm
Peso 69 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 350 - 203 (63,29%)
Titoli vinti 5 WTA, 9 ITF
Miglior ranking 9° (10 ottobre 2011)
Ranking attuale 14ª (3 novembre 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2011)
Francia Roland Garros SF (2014)
Regno Unito Wimbledon 3T (2011, 2014)
Stati Uniti US Open QF (2011)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 72 - 73
Titoli vinti 0 WTA, 3 ITF
Miglior ranking 46° (14 luglio 2014)
Ranking attuale 49ª (30 settembre 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2014)
Francia Roland Garros 3T (2011, 2014)
Regno Unito Wimbledon SF (2014)
Stati Uniti US Open 2T (2009, 2011)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2011)
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon 3T (2011)
Stati Uniti US Open 1T (2010, 2012)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 6 novembre 2014

Andrea Petković (srb. Андреа Петковић; Tuzla, 9 settembre 1987) è una tennista tedesca di origine serba[1].

Nel 2011, è entrata per la prima volta nella top ten della classifica WTA. Il suo miglior risultato negli Slam è stata la semifinale degli Open di Francia 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al tedesco parla inglese, serbo e francese. Ha svolto uno stage di alcuni mesi presso la Cancelleria dell'Assia, non escludendo un futuro in politica una volta conclusa l'attività agonistica.[2]

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Junior[modifica | modifica wikitesto]

Incomincia dal 2001 a giocare nel circuito junior dove raggiunge tre finali in singolare e altrettante nel doppio. Ottiene le migliori posizioni in classifica a fine 2002 quando raggiunge la 36ª in singolare e la 62ª in doppio. Negli Slam ha raggiunto il terzo turno nel singolare ragazze agli Australian Open 2003 dopo aver superato la futura stella Ana Ivanović.[3]

L'approdo nel professionismo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 incomincia a giocare i primi tornei del circuito ITF e in primavera vince due titoli consecutivi su terra battuta. Ripete il risultato l'anno successivo grazie alle vittorie nei tornei di Davos e Alphen aan den Rijn mentre nel 2006 arriva la prima vittoria in un torneo da $25.000, a Sofia.

Ingresso in top-100 e infortunio[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Petković nel 2007

La stagione 2007 la vede puntare ad obiettivi più alti, a febbraio fallisce all'ultimo turno la qualificazione per il torneo di Doha mentre in aprile raggiunge la finale del torneo $50.000 di Torrent. Fa il suo esordio negli Slam in giugno dopo aver superato le qualificazioni per il Roland Garros e riesce a superare il primo turno per poi arrendersi alla testa di serie Marion Bartoli che ha la meglio in tre set. In luglio vince il torneo $50.000 di Contrexéville mentre nel finire dell'estate gioca il suo secondo Slam stagionale e anche a New York riesce a vincere l'incontro d'esordio per poi arrendersi alla ceca Šafářová, a fine stagione occupa la posizione nr. 100 in classifica mondiale. A gennaio 2008 scende in campo per la prima volta agli Australian Open ma è costretta al ritiro dopo pochi scambi a causa della rottura del legamento crociato del ginocchio destro, questo infortunio la costingerà fuori dai campi per otto mesi e a un crollo in classifica fino alla 315ª posizione.[4]

Ritorno in gioco[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Petković agli US Open 2009

Torna in campo a fine 2008 e, complice anche una bassa classifica, ricomincia a giocare i tornei ITF. A novembre vince il torneo $25.000 di Istanbul mentre ad aprile 2009 conquista il torneo $50.000 di Latina, nello stesso mese torna a giocare nel circuito WTA grazie al superamento delle qualificazioni per il torneo di Stoccarda ma viene eliminata al primo incontro dalla Kuznecova che avrebbe poi vinto il torneo. A maggio vince il torneo $100.000 di Bucharest e il mese successivo riesce a rientrare nella top-100 mondiale. Il Gastein Ladies 2009 è un po' la svolta nella sua carriera, in questo torneo riesce infatti a vincere il suo primo titolo in singolare oltre a giocare la sua prima finale in doppio (assieme a Tatjana Malek) e grazie ai punti conquistati arriva a ridosso della top-50 mondiale chiudendo la stagione al 55° posto.

Il 2010 è una stagione transitoria, gioca tutti e quattro gli Slam sfiorando i quarti di finale a New York e sull'erba di 's-Hertogenbosch costringe al terzo set la testa di serie nr.1 Justine Henin prima di arrendersi nel match per il titolo. In ogni caso grazie alla prima stagione completa tre le professioniste riesce a migliorare ulteriormente il suo ranking arrivando alla 32ª posizione.

2011 anno di successi e nuovo infortunio[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la stagione a Brisbane dove raggiunge la finale prima di arrendersi a Petra Kvitová, a Melbourne conferma l'ottimo stato di forma raggiungendo i suoi primi quarti di finale Slam eliminando sulla sua strada le più quotate Venus Williams e Marija Šarapova. A marzo raggiunge la semifinale del Premier di Miami dove la Šarapova si vendica dell'Australia e vince per 3-6, 6-0, 6-2 mentre riesce a conquistare il titolo a Strasburgo sulla Bartoli.[5] Conclude la stagione sulla terra con i quarti di finale al Roland Garros dove è nuovamente la Šarapova a eliminarla, in estate sul cemento americano raggiunge le semifinali a San Diego e a Cincinnati mentre si ferma ai quarti a Toronto e New York. In ottobre gioca la sua terza finale annuale, a Pechino viene sconfitto all'ultimo incontro da Agnieszka Radwańska per 7-5, 0-6, 6-4. Finisce il 2011 alla 10ª posizione mondiale, l'anno successivo viene tuttavia segnato dagli ennesimi infortuni: prima alla schiena e resta fuori per 3 mesi poi si fa male alla caviglia e non ha potuto tornare in campo prima di fine estate.[4] Rinuncia così a giocare il Roland Garros, Wimbledon e le Olimpiadi, precipitando nel ranking oltre la top-100 mondiale.[6]

Anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Petković al Torneo di Wimbledon 2013

Il 15 giugno 2013 perde la finale del torneo di Norimberga contro Simona Halep in due set mentre a inizio agosto si arrende alla slovacca Magdaléna Rybáriková nella finale del torneo di Washington per 4-6, 62-7.

Torna a vincere un torneo nell'aprile 2014 quando, sulla terra verde, trionfa a Charleston sulla slovacca Jana Čepelová per 7-5, 6-2.[7] Il 13 luglio rivince il Gastein Ladies di Bad Gastein a distanza di cinque anni, torneo dove ha conquistato il primo titolo in carriera, battendo in finale la giovane qualificata statunitense Shelby Rogers con il punteggio di 6-3, 6-3.[8]

Partecipa al  WTA Tournament of Champions di Sofia, detto anche "Masters B", dove è inserita nel gruppo Sredets nel quale, dopo aver perso contro Carla Suárez Navarro in due set, vince 7-5 6-2 su Cvetana Pironkova e ottiene una vittoria prestigiosa su Dominika Cibulková per 7-5 6-3, chiudendo il girone al secondo posto ottenendo il bye per partecipare alla semifinale nella quale affronta Garbine Muguruza, prima nell'altro gruppo, il Serdika. Nel penultimo atto del torneo la tennista teutonica ha la meglio sulla spagnola in appena un'ora e quattordici minuti, per 6-1 6-4. Ad affrontarsi in finale, il 2 novembre, sono Andrea e Flavia Pennetta. Il primo set è a senso unico e prevale l'azzurra per 6-1 grazie a tanti vincenti e anche a tanti errori gratuiti della tedesca. Nel secondo set la Petkovic riesce a ottenere un break nel primo game e a mantenerlo, chiudendo il parziale per 6-4. Nel decisivo e terzo set la Pennetta riesce ad andare avanti di un break ma la Petković ottiene l'immediato controbreak e riesce a strappare due volte il servizio nel finale, che le permettono di trionfare in Bulgaria e vincere il terzo titolo in stagione. Non ne aveva mai conquistati tre nella stessa stagione e questo è finora il più importante della carriera. Sale così fino alla 14° posizione in classifica.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Petković in azione durante i BNP Paribas Open 2014

Andrea Petković è una tennista completa. Ha un servizio potente, gioca bene sullo scambio lungo e non disdegna la palla corta. È dotata di un forte rovescio e di un dritto solido.[9]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche WTA[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (5)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tournament of Champions (1)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (1)
International (3)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 26 luglio 2009 Austria Gastein Ladies, Bad Gastein Terra rossa Romania Ioana Raluca Olaru 6-2, 6-3
2. 21 maggio 2011 Francia Internationaux de Strasbourg, Strasburgo Terra rossa Francia Marion Bartoli 6-4, 1-0 rit.
3. 6 aprile 2014 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston Terra verde Slovacchia Jana Čepelová 7-5, 6-2
4. 13 luglio 2014 Austria Gastein Ladies, Bad Gastein (2) Terra rossa Stati Uniti Shelby Rogers 6-3, 6-3
5. 2 novembre 2014 Bulgaria Tournament of Champions, Sofia Cemento (i) Italia Flavia Pennetta 1-6, 6-4, 6-3
Sconfitte (5)[modifica | modifica wikitesto]
Legenda: Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Tournament of Champions (0)
Premier Mandatory (1)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (4)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 19 giugno 2010 Paesi Bassi Ordina Open, 's-Hertogenbosch Erba Belgio Justine Henin 6-3, 3-6, 4-6
2. 8 gennaio 2011 Australia Brisbane International, Brisbane Cemento Rep. Ceca Petra Kvitová 1-6, 3-6
3. 9 ottobre 2011 Cina China Open, Pechino Cemento Polonia Agnieszka Radwańska 5-7, 6-0, 4-6
4. 15 giugno 2013 Germania Nürnberger Versicherungscup, Norimberga Terra rossa Romania Simona Halep 3-6, 3-6
5. 4 agosto 2013 Stati Uniti Citi Open, Washington Cemento Slovacchia Magdaléna Rybáriková 4-6, 6-72

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Sconfitte (1)[modifica | modifica wikitesto]
Dal 2009
Grande Slam (0)
Ori Olimpici (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 26 luglio 2009 Austria Gastein Ladies, Bad Gastein Terra rossa Germania Tatjana Malek Rep. Ceca Andrea Hlaváčková
Rep. Ceca Lucie Hradecká
2-6, 4-6

Statistiche ITF[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (9)[modifica | modifica wikitesto]
Torneo $100.000 (2)
Torneo $75.000
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $10.000 (4)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 16 maggio 2004 Turchia ITF Women's Circuit Antalya, Adalia Terra battuta Ucraina Katerina Herth 6-3, 6-4
2. 20 giugno 2004 Serbia e Montenegro Royal Cup, Podgorica Terra battuta Serbia e Montenegro Danica Krstajic 6-1, 6-3
3. 26 giugno 2005 Svizzera Women's Circuit Davos, Davos Terra battuta Rep. Ceca Janette Bejlkova 6-4, 6-2
4. 4 settembre 2005 Paesi Bassi TEAN International, Alphen aan den Rijn Terra battuta Paesi Bassi Eva Pera 7-5, 7-5
5. 17 settembre 2006 Bulgaria Allianz Cup, Sofia Terra battuta Romania Simona-Iulia Matei 7-5, 7-5
6. 22 luglio 2007 Francia Open 88 Contrexéville, Contrexéville Terra battuta Bielorussia Ksenija Milevskaja 6-2, 6-0
7. 2 novembre 2008 Turchia Republican Girls, Istanbul Cemento Grecia Anna Gerasimou 6-2, 6-2
8. 10 maggio 2009 Romania GDF SUEZ Open Romania, Bucarest Terra battuta Svizzera Stefanie Vögele 6-3, 6-2
9. 9 giugno 2013 Francia Open GDF SUEZ de Marseille, Marsiglia Terra battuta Spagna Anabel Medina Garrigues 6-4, 6-2
Finali perse (4)[modifica | modifica wikitesto]
Torneo $100.000
Torneo $75.000
Torneo $50.000 (2)
Torneo $25.000 (2)
Torneo $10.000
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 3 settembre 2006 Paesi Bassi TEAN International, Alphen aan den Rijn Terra battuta Nuova Zelanda Marina Eraković 6-4, 2-6, 5-7
2. 29 aprile 2007 Spagna Torneo Internacional Ciutat de Torrent, Torrent Terra battuta Romania Ioana Raluca Olaru 4-6, 7-5, 4-6
3. 5 aprile 2009 Italia ITF Women's Circuit Latina, Latina Terra battuta Germania Julia Schruff 5-7, 60-7
4. 19 aprile 2009 Italia Torneo Tirreno Power, Civitavecchia Terra battuta Slovenia Polona Hercog 2-6, 4-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (3)[modifica | modifica wikitesto]
Torneo $100.000
Torneo $75.000
Torneo $50.000 (1)
Torneo $25.000
Torneo $10.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 20 giugno 2004 Serbia e Montenegro Royal Cup, Podgorica Terra battuta Russia Sofia Avakova Serbia e Montenegro Ljiljana Nanusevic
Serbia e Montenegro Marta Simic
6-3, rit.
2. 26 giugno 2005 Svizzera Women's Circuit Davos, Davos Terra battuta Rep. Ceca Zuzana Hejdova Rep. Ceca Petra Cetkovská
Bosnia ed Erzegovina Sandra Martinovic
6-3, 6-2
3. 7 settembre 2008 Slovenia Infond Open, Maribor Terra battuta Germania Carmen Klaschka Ungheria Kyra Nagy
Bielorussia Nastas'sja Jakimava
6-0, 2-6, [10-3]
Finali perse (2)[modifica | modifica wikitesto]
Torneo $100.000
Torneo $75.000
Torneo $50.000
Torneo $25.000 (1)
Torneo $10.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagna Avversarie in finale Punteggio
1. 6 marzo 2005 Germania Internationale Badische Damen Hallenmeisterschaften, Buchen Cemento (i) Germania Korina Perkovic Bosnia ed Erzegovina Mervana Jugić-Salkić
Croazia Darija Jurak
2-6, 2-6
2. 1° luglio 2007 Italia Padova Challenge Open, Padova Terra battuta Germania Vanessa Henke Estonia Maret Ani
Nuova Zelanda Marina Eraković
4-6, 4-6

Risultati in progressione[modifica | modifica wikitesto]

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile
Singolare[modifica | modifica wikitesto]
Torneo 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 V–S
Tornei del Grande Slam
Australian Open A 1T 2T 2T QF A A 1T 6–5
Open di Francia 2T A Q1 2T QF A Q2 SF 11–4
Wimbledon Q1 A Q2 1T 3T A 2T 3T 5–4
US Open 2T A 1T 4T QF 1T 1T 3T 7–6
Vittorie-sconfitte 2–2 0–1 1–2 4–4 14–4 0–1 1–2 7–3 29–18
Giochi olimpici
Giochi olimpici estivi ND A Non disputato A ND 0–0
Torneo di fine anno
WTA Tour Championships A A A A A A A A 0–0
WTA Premier Mandatory
Indian Wells A A Q2 1T 3T A Q2 1T 1–3
Miami A A Q1 3T SF A 3T 2T 9–4
Madrid Non disputato A 3T 2T A Q1 1T 3–3
Pechino NP Q1 2T F 1T 3T 3T 10–5
Vittorie-sconfitte 0–0 0–0 0–0 5–4 11–4 0–1 4–2 3–4 23–15
WTA Premier 5
Dubai Non Tier I A 2T 2T Non Premier 5 2–2
Doha NP5 A Non disputato NP5 A A 1T 0–1
Roma A A A 3T 2T A A 2T 4–3
Montréal / Toronto A A Q2 1T QF A A A 3–2
Cincinnati A A A 2T SF A 2T 1T 6–4
Tokyo A A 3T 3T A 1T 2T NP5 5–4
Wuhan Non disputato 2T 1–1
Vittorie-sconfitte 0–0 0–0 2–1 6–5 9–4 0–1 2–2 20–16
Titoli 0 0 1 0 1 0 0 3 5
Finali raggiunte 0 0 1 1 3 0 2 3 10
Ranking di fine anno 100 315 55 32 10 125 43

Vittorie contro le top-10 per stagione[modifica | modifica wikitesto]

Anno Numero Avversaria Ranking Torneo Superficie Turno Punteggio
2009 1. Russia Svetlana Kuznecova No. 6 Giappone Toray Pan Pacific Open, Tokyo Cemento 2T 7–5, 4–6, 6–3
2011 2. Stati Uniti Venus Williams No. 5 Australia Australian Open, Melbourne Cemento 3T 1–0, rit.
3. Danimarca Caroline Wozniacki No. 1 Stati Uniti Sony Ericsson Open, Miami Cemento 4T 7–5, 3–6, 6–3
4. Serbia Jelena Janković No. 7 Stati Uniti Sony Ericsson Open, Miami Cemento QF 2–6, 6–2, 6–4
5. Serbia Jelena Janković No. 6 Germania Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra battuta (i) 2T 3–6, 6–1, 6–3
6. Rep. Ceca Petra Kvitová No. 7 Canada Rogers Cup, Toronto Cemento 3T 6–1, 6–2
7. Rep. Ceca Petra Kvitová No. 6 Stati Uniti Western & Southern Open, Cincinnati Cemento 3T 6–3, 6–3
8. Francia Marion Bartoli No. 10 Cina China Open, Pechino Cemento 3T 4–6, 6–4, 7–5
2013 9. Bielorussia Viktoryja Azaranka No. 2 Cina China Open, Pechino Cemento 1T 6–4, 2–6, 6–4
2014 10. Slovacchia Dominika Cibulková No. 10 Slovacchia Fed Cup, Bratislava Cemento (i) QF 2-6, 7-67, 6-2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista ad Andrea Petkovic, ubitennis.com, 1º dicembre 2010. URL consultato il 5 aprile 2014.
  2. ^ Alla scoperta di Andrea Petković, ubitennis.com, 21 febbraio 2011. URL consultato il 5 aprile 2014.
  3. ^ Profilo ITF Junior, itftennis.com. URL consultato il 6 novembre 2014.
  4. ^ a b Petkovic fuori tre mesi, federtennis.it, 27 aprile 2012. URL consultato il 6 novembre 2014.
  5. ^ La Petkovic vince a Strasburgo e danza sulle orme della Graf, La gazzetta dello Sport, 21 maggio 2011. URL consultato il 5 aprile 2014.
  6. ^ Andrea Petkovic: “Soddisfatta del mio ritorno”, ubitennis.com, 27 novembre 2013. URL consultato il 5 aprile 2014.
  7. ^ WTA Charleston: è tornata la Petko-dance, primo titolo dopo tre anni, ubitennis.com, 6 aprile 2014. URL consultato il 6 aprile 2014.
  8. ^ WTA Bad Gastein: Quarta vittoria in carriera per Andrea Petkovic, livetennis.it, 13 luglio 2014. URL consultato il 13 luglio 2014.
  9. ^ Andrea Petkovic, l´eccentricita´ al servizio del talento, tennisworlditalia.com, 29 dicembre 2011. URL consultato il 5 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]