Sabine Lisicki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sabine Lisicki
Sabine Lisicki Doha.jpg
Sabine Lisicki nel 2012
Dati biografici
Nome Sabine Katharina Lisicki
Nazionalità Germania Germania
Altezza 178 cm
Peso 70 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 244 - 158 (60,69%)
Titoli vinti 3 WTA, 2 ITF
Miglior ranking 12 (12 maggio 2012)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (2012)
Francia Roland Garros 3T (2013)
Regno Unito Wimbledon F (2013)
Stati Uniti US Open 4T (2011)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 3T (2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 64 - 38 (62,74%)
Titoli vinti 3 WTA
Miglior ranking 50 (4 luglio 2011)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2010)
Francia Roland Garros 1T (2008)
Regno Unito Wimbledon F (2011)
Stati Uniti US Open QF (2012)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2012)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open -
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 4º posto (2012)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 6 luglio 2012

Sabine Katharina Lisicki (Troisdorf, 22 settembre 1989) è una tennista tedesca.

È nota per il suo servizio vincente – con punte di oltre 200 km/h –, per i colpi da fondocampo molto potenti e per le palle dal raggio più corto del normale, che le consentono maggior dominio. Gioca il rovescio a due mani; proprio per la sua potenza al servizio, nel circuito viene soprannominata "Bum-Bum Bine".

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Sabine Lisicki all'US Open 2010

Il 2007 è un anno importante per la Lisicki, che riesce a scalare la classifica WTA dal 497º al 198º posto e a vincere due titoli, quello di Jersey e quello di Toronto. Nel 2009 raggiunge i quarti a Wimbledon battendo Svetlana Kuznecova e Caroline Wozniacki, prima di venire eliminata da Dinara Safina.[1]

Nel torneo di Bali la Lisicki serve a 210 km/h: è il nuovo primato femminile.[2] A fine anno vanta il 23º posto in classifica. Sabine inizia il 2010 rappresentando la Germania alla Hopman Cup insieme al connazionale Philipp Kohlschreiber. Agli Australian Open viene eliminata al secondo turno da Alberta Brianti.

Successivamente gioca a Pattaya in cui viene eliminata al secondo dalla giocatrice di casa Tamarine Tanasugarn. Successivamente a Dubai viene eliminata al secondo turno da Venus Williams. nel mese di marzo disputa i tornei di Indian Wells e Miami ma in entrambi i casi esce di scena al secondo turno a causa di problemi alla caviglia. A causa di tale problema è costretta a saltare i tornei per alcuni mesi. Ritorna agli US Open e perde contro la russa Vera Zvonareva al secondo turno. A fine stagione si ritrova fuori dalle top-100 della classifica mondiale.

Il 2011 per la tedesca inizia con un'eliminazione al secondo turno al torneo Auckland contro la belga Yanina Wickmayer. Per accedere agli Australian Open la Lisicki è costretta a giocare le qualificazioni, ma dopo aver superato al primo turno Michaëlla Krajicek viene eliminata al secondo turno da Vesna Manasieva. Ad aprile disputa il torneo Charleston: tn tale circostanza, dopo aver vinto nei primi due turni, esce agli ottavi di finale contro Sania Mirza in due set.

Successivamente gioca a Stoccarda ed esce al terzo turno contro la connazionale Julia Görges, futura vincitrice del torneo.Nel giugno 2011, dopo aver vinto a Birmingham battendo in finale 6-3 6-2 Daniela Hantuchová,[3] segna il suo miglior risultato in carriera a Wimbledon, dove dopo aver battuto la neo-vincitrice del Roland Garros Li Na al secondo turno, e successivamente Marion Bartoli ai quarti di finale,[4] approda alla semifinale del torneo, dov'è sconfitta dalla russa Marija Šarapova per 6-4 6-3.[5]

Sempre a Wimbledon con Samantha Stosur come partner, perde la finale di doppio femminile.[6] Il 27 agosto vince a Dallas battendo in finale 6-2 6-1 la francese Aravane Rezaï.[7] Chiude l'anno al numero 15 del ranking WTA, il suo miglior piazzamento di sempre. Il 2012 non parte benissimo con la Lisicki, che non supera i quarti di finale ad Auckland, e causa alcuni infortuni non fa la differenza.

Sabine Lisicki in azione a Wimbledon nell'edizione 2011

In seguito esce subito al primo turno del Roland Garros contro la statunitense Bethanie Mattek-Sands; lo stesso avviene al torneo di Birmingham. Nonostante tutto trova il suo nuovo best ranking, la posizione numero 12. Si toglie la prima soddisfazione stagionale a Wimbledon, dove riesce a giungere ai quarti di finale – eliminando la numero 1 al mondo Marija Šarapova negli ottavi con il punteggio di 6-4 6-3 – per poi uscire con la connazionale Angelique Kerber.

Tornata a Londra in estate per partecipare ai Giochi Olimpici, Sabine disputa un torneo olimpico di alti e bassi che termina, almeno per quanto riguarda il singolare, agli ottavi di finale dove viene sconfitta in tre set dalla Šarapova. Non fa molta strada anche nel doppio femminile, in coppia con la Kerber. Riesce invece a raggiungere la finale per il bronzo nel doppio misto con Christopher Kas, perdendo però al super tie-break. Dopo una settimana di riposo la Lisicki gioca a Montréal senza troppo successo, uscendo al primo turno contro Carla Suárez Navarro.

Causa un infortunio, non riesce la settimana precedente agli US Open a difendere il proprio titolo al Texas Tennis Open, scivolando al numero 23 della classifica mondiale. Si presenta ugualmente agli US Open, visibilmente acciaccata, ed esce subito in tre set contro la romena Sorana Cîrstea; meglio va nel doppio, dove riesce ad arrivare ai quarti di finale in coppia con la cinese Peng Shuai.

Torna in campo a metà settembre a Tokyo perdendo al primo turno contro la Watson. La settimana seguente a Pechino sconfigge la spagnola Anabel Medina Garrigues, arrendendosi poi nel secondo turno alla numero uno del mondo Viktoryja Azaranka. La tedesca inizia il 2013 al torneo di Brisbane nel quale viene battuta al secondo turno dalla bielorussa Victoria Azarenka. Agli Australian Open perde al primo turno contro Caroline Wozniacki.

Lisicki in azione all'Open di Francia 2013

A inizio febbraio la Lisicki perde la finale del torneo di Pattaya contro la russa Marija Kirilenko in tre set. In seguito, il 23 febbraio, perde di nuovo in finale a Memphis, questa volta contro Marina Erakovic. Fra Miami, Charleston e Katowice la tedesca vince una sola partita. Alla fine di aprile gioca il torneo di casa di Stoccarda dove batte al primo turno la romana Nastassja Burnett per 6-3 6-4 e poi anche Jelena Janković per 7-6 7-5, prima di arrendersi nei quarti a una scatenata Bethanie Mattek-Sands. A Madrid ha la meglio su Dominika Cibulková ma al terzo turno esce ad opera di Marija Šarapova. A Roma la tedésca rifila un 6-0 al secondo turno a Petra Kvitová ma ciò non è sufficiente per vincere con la ceca.

Al Roland Garros è invece lei a subirlo in 19 minuti da Sara Errani nei sedicesimi di finale, con la romagnola che fallisce dei match point sul 5-2 nel secondo set, riuscendo comunque a prevalere alla fine per 6-0 6-4. In tutti i casi, il terzo turno portato a casa è il risultato migliore per lei nel Grande Slam francese. La Lisicki inizia la stagione sull'erba a Birmingham ma la sua corsa si ferma nei quarti quando cede a sorpresa alla numero 167 del mondo Alison Riske. In giugno prende parte al torneo di Wimbledon. Qui batte nell'ordine Francesca Schiavone 6-1 6-2, Elena Vesnina 6-3 6-1 e l'australiana Samantha Stosur per 4-6 6-2 6-1.

Negli ottavi affronta la numero uno del mondo Serena Williams, imbattuta da 34 incontri di fila, a una sola partita dal record degli anni Duemila detenuto da sua sorella Venus Williams. La tedesca si porta avanti 6-2 1-0 prima di subire il ritorno dell'americana che si aggiudica nove giochi consecutivi. Quando sembra tutto finito, Sabine recupera da 0-3 nel terzo set facendo il break decisivo sul 4-4 e concludendo l'incontro per 6-2 1-6 6-4.[8]

Il giorno dopo accede alla semifinale del torneo londinese per la seconda volta in carriera, superando in 65 minuti di gioco l'estone Kaia Kanepi per 6-3 6-3. In semifinale affronta la polacca Agnieszka Radwanska, n°4 del seeding: la Lisicki riesce a prevalere dopo un match molto intenso (6-4 2-6 9-7) accedendo così alla sua prima finale di Wimbledon. La finale si gioca il 6 luglio e la vede opposta a Marion Bartoli. La partita vede subito avvantaggiarsi la francese che vince il primo set (6-1) e si trova in vantaggio anche nel secondo set per 5-1. Lisicki rimonta fino al 5-4, alla fine viene però sconfitta da Marion Bartoli (6-1 6-4).

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (3)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Dal 2009
Tornei Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (1)
International (2)
N Data Torneo Superficie Avversaria in finale Risultato in finale
1. 19 aprile 2009 Stati Uniti Family Circle Cup, Charleston Terra verde Danimarca Caroline Wozniacki 6–2, 6–4
2. 12 giugno 2011 Regno Unito AEGON Classic, Birmingham Erba Slovacchia Daniela Hantuchová 6-3, 6-2
3. 27 agosto 2011 Stati Uniti Texas Tennis Open, Dallas Cemento Francia Aravane Rezaï 6-2, 6-1

Sconfitte (5)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Prima del 2009 Legenda: Dal 2009
Tornei Grande Slam (1)
WTA Championships (0)
Tier I (0) Premier Mandatory (0)
Tier II (0) Premier 5 (0)
Tier III (0) Premier (0)
Tier IV & V (1) International (3)
N Data Torneo Superficie Avversaria in finale Risultato in finale
1. 5 ottobre 2008 Uzbekistan Tashkent Open, Tashkent Cemento Romania Sorana Cîrstea 6-2, 4-6, 64-7
2. 25 ottobre 2009 Lussemburgo BGL Luxembourg Open, Lussemburgo Cemento (i) Svizzera Timea Bacsinszky 2-6, 5-7
3. 3 febbraio 2013 Thailandia PTT Pattaya Open, Pattaya Cemento Russia Marija Kirilenko 7-5, 1-6, 61
4. 23 febbraio 2013 Stati Uniti Cellular South Cup, Memphis Cemento (i) Nuova Zelanda Marina Erakovic 1-6, rit.
5. 6 luglio 2013 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Francia Marion Bartoli 1-6, 4-6

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Sabine Lisicki nel 2011 assieme all'australiana Samantha Stosur, sua partner abituale nel doppio.

Vittorie (3)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Dal 2009
Tornei Grande Slam (0)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (1)
Premier 5 (0)
Premier (2)
International (0)
N Data Torneo Superficie Partner Avversaria in finale Punteggio
1. 24 aprile 2011 Germania Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda Terra rossa (i) Australia Samantha Stosur Germania Jasmin Wöhr
Germania Kristina Barrois
6–1, 7–65
2. 28 aprile 2013 Germania Porsche Tennis Grand Prix, Stoccarda (2) Terra rossa (i) Germania Mona Barthel Stati Uniti Bethanie Mattek-Sands
India Sania Mirza
6–4, 7–5
3. 30 marzo 2014 Stati Uniti Sony Open, Miami Cemento Svizzera Martina Hingis Russia Ekaterina Makarova
Russia Elena Vesnina
4-6, 6-4, [10-5]

Sconfitte (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda: Dal 2009
Tornei Grande Slam (1)
WTA Championships (0)
Premier Mandatory (0)
Premier 5 (0)
Premier (0)
International (0)
N. Data Torneo Superficie Partner Avversarie in finale Punteggio
1. 2 luglio 2011 Stati Uniti Torneo di Wimbledon, Londra Erba Australia Samantha Stosur Rep. Ceca Květa Peschke
Slovenia Katarina Srebotnik
3-6, 1-6

Rendimento nel tempo[modifica | modifica sorgente]

Torneo 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Titoli V-P V %
Grande Slam
Australia Australian Open, Melbourne 3T 2T 2T LQ 4T 1T 2T 0 8-6 57,14%
Francia Roland Garros, Parigi 2T 1T A 2T 1T 3T 2T 0 5-6 45,45%
Regno Unito Wimbledon, Londra 1T QF A SF QF F QF 0 23-6 79,31%
Stati Uniti US Open, New York 2T 2T 2T 4T 1T 3T 0 8-6 57,14%
V-P 4–4 6–4 2–2 9–3 7–4 10–4 6-3 0-0 44-24 64,70%
Giochi Olimpici
Giochi Olimpici A Non disputati 3T ND 0 / 1 2–1 66.67%
WTA Tour Championships
WTA Tour Championships A A A A A A 0 0-0 0%
WTA Premier Mandatory
Stati Uniti Indian Wells 1T 1T 1T A 2T A 0 1-4 20,00%
Stati Uniti Miami 4T 2T 2T 3T 4T 1T 0 10-6 62,50%
Spagna Madrid ND A A A A 3T 0 2-1 66,67%
Cina Pechino Non TI 1T A 2T 2T 3T 0 4-4 50,00%
WTA Premier 5
Qatar Doha 1T Non disputato Non P5 1T A 0 0–2 0%
Italia Roma A A A A 1T 2T 0 1–2 33.33%
Canada Toronto/Montréal 1T A A A 2T A 0 1–2 33.33%
Stati Uniti Cincinnati Non TI A 1T 1T A 1T 0 0–3 0%
Giappone Tokyo A 2T A A 1T A 0 1–2 33.33%
Statistiche
Tornei giocati 21 18 13 21 19 14 106
Finali 1 2 0 2 0 3 8
Tornei vinti 0 1 0 2 0 0 3
Vittorie-Sconfitte 32-23 31-17 4-10 45-17 16-21 35-18 163-106
Vittorie % 58,18% 64,58% 40,00% 72,58% 43,24% 17,64% 60,59%
Ranking di fine anno 54 23 179 15 37 15 $4,327,293

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Richard Jago, Dinara Safina overcomes Sabine Lisicki for first Wimbledon semi-final place in guardian.co.uk, 30 giugno 2009.
  2. ^ (DE) Petra Philippsen, Sabine Lisicki, Miss 200 km/h in sport.zdf.de, 30 giugno 2011.
  3. ^ (EN) Sabine Lisicki wins AEGON Classic singles title in lta.org.uk, 13 giugno 2011.
  4. ^ Wimbledon: Lisicki in semifinale, Bartoli fuori in sportmediaset.mediaset.it, 28 giugno 2011.
  5. ^ Lorenza Teti, Wimbledon - Sharapova-Kvitova: la finale delle 'ova' in it.eurosport.yahoo.com, 30 giugno 2011.
  6. ^ Wimbledon: Srebotnik-Peschke regine del doppio in sportmediaset.mediaset.it, 2 luglio 2011.
  7. ^ (EN) Lisicki beats Rezai to win Texas Open in usatoday.com, 27 agosto 2011.
  8. ^ (EN) Lisicki batte Serena Williams in gazzetta.it, 1 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]