Ursidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Orso" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Orso (disambigua).
bussola Disambiguazione – "Ursidi" rimanda qui. Se stai cercando lo sciame meteorico, vedi Ursidi (astronomia).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ursidae
Kodiak Brown Bear.jpg
Ursus arctos
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
(clade) Ferae
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Ursidae
Fischer, 1817
Generi

Gli ursidi (Ursidae Fischer, 1817) sono una famiglia di mammiferi dell'ordine Carnivora, solitamente noti con il nome comune di orso.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Tutti gli orsi hanno in comune la pelliccia densa, una coda corta, un buon senso dell'odorato e dell'udito. Gli orsi sono in grado di alzarsi in piedi sugli arti posteriori. Hanno un muso lungo e orecchie rotonde. I loro denti sono utilizzati per la difesa e come strumenti, e il loro aspetto dipende dalla dieta dell'orso stesso. Usano gli artigli per strappare la carne e per scavare profonde buche.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Gli orsi vivono in una grande varietà di ambienti, dai tropici all'Artide, dalle foreste alla banchisa. Sono prevalentemente onnivori, eccetto l'orso polare (che si nutre di sola carne) ed il panda (che invece ha una dieta prettamente vegetariana); mangiano licheni, radici e bacche. Possono anche catturare pesci in un corso d'acqua. Cacciano soprattutto alla sera e all'alba, a meno che non ci siano esseri umani vicini.

Alcune specie, come l'orso polare (Ursus maritimus, anche detto orso bianco) e l'orso bruno (Ursus arctos), possono essere pericolose per gli esseri umani, soprattutto nelle zone più popolate.

Gli orsi hanno un'aspettativa di vita di 25–40 anni.

Letargo[modifica | modifica sorgente]

Nelle regioni temperate e fredde, gli orsi trascorrono il periodo invernale in uno stato di sonno profondo e prolungato che viene erroneamente scambiato come stadio di letargo. Infatti, anche se l'organismo non assume cibo e liquidi, durante questo periodo la temperatura corporea non si abbassa di molto e le funzioni fisiologiche, anche se ridotte, si svolgono secondo la norma. Inoltre il sonno viene interrotto da più risvegli e le femmine sono anche in grado di partorire 1-2 cuccioli riuscendo ad allattarli nonostante il freddo. A causa però di questo lungo stato di torpore, i piccoli sono di dimensioni ridotte rispetto alla mole della madre (fino ad 1/600), in questo modo si evitano elevate spese d'energia sia per il parto che per l'allattamento.

Orsi in cattività in Italia[modifica | modifica sorgente]

Orsi famosi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.lanazione.it/lucca/2007/06/01/15410-addio_gigiballa.shtml , http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2011/01/05/news/e-per-gigiballa-gli-ultimi-anni-all-orecchiella-1.2254815

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi