Ursus thibetanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Orso dal collare o tibetano
Ursus thibetanus 3 (Wroclaw zoo).JPG
Ursus thibetanus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Ursidae
Genere Ursus
Specie U. thibetanus
Nomenclatura binomiale
Ursus thibetanus
Cuvier, 1823
Sinonimi

Selenarctos thibetanus

Areale

Leefgebied aziatische zwarte beer.jpg

L'orso dal collare o orso tibetano (Ursus thibetanus Cuvier, 1823), noto anche come orso della luna[2], è un mammifero carnivoro appartenente alla famiglia degli Ursidae.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

L'orso tibetano è onnivoro e la sua dieta dipende dalle stagioni. Si tratta di un animale opportunista. Per il letargo, esso guadagna peso con cibo ricco di grassi quali ghiande, noci e castagne. Occasionalmente possono predare piccoli roditori, formiche, pesci, uccelli e altri piccoli mammiferi. Può nutrirsi anche di carogne e cacciare bestiame. Comunemente, però, si nutre di piante e frutti del bosco.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È diffuso in un ampio areale esteso dall'Iran all'arcipelago giapponese. I Paesi in cui è presente sono Corea del Nord, Corea del Sud, Afghanistan, Pakistan, Bangladesh, nord dell'India, Nepal, Bhutan, Myanmar, Thailandia, Vietnam, Laos, Siberia meridionale, nordest della Cina e Taiwan. È possibile trovarlo anche ad altitudini pari 4700 m. In alcune zone del suo areale condivide lo spazio con il ben più grande Orso bruno pur non condividendo appieno la stessa nicchia ecologica in quanto questo piccolo orso nero preferisce trovare il cibo sugli alberi in ricerca di frutta e noci. Altro urside con la quale condivide il territorio è il Panda gigante.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Orso rinchiuso nella gabbia in una fattoria della bile

Contrassegnato come vulnerabile dallo IUCN, quest'orso è fortemente minacciato dalla deforestazione e dalla distruzione del suo habitat. Questi animali sono anche minacciati dalle tradizioni locali della Cina e del sudest asiatico dove vengono uccisi per la produzione di medicinali.

È famoso il caso delle fattorie della bile, dove vengono rinchiusi migliaia di orsi in gabbie minuscole per la produzione di bile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Garshelis, D.L. & Steinmetz, R. (IUCN SSC Bear Specialist Group) 2008, Ursus thibetanus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Sy Montgomery, Search for the golden moon bear: science and adventure in Southeast Asia, Simon & Schuster, 24 settembre 2002, ISBN 978-0-7432-0584-9. URL consultato il 26 settembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]