Ailuropoda melanoleuca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Panda gigante
Grosser Panda.JPG
Un panda gigante, Ocean Park, Hong Kong
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
(clade) Ferae
Ordine Carnivora
Sottordine Caniformia
Famiglia Ursidae
Genere Ailuropoda
Specie A. melanoleuca
Nomenclatura binomiale
Ailuropoda melanoleuca
David, 1869
Sottospecie
  • A. m. qinlingensis
  • A. m. melanoleuca

Il panda gigante o panda maggiore (Ailuropoda melanoleuca David, 1869) è un mammifero appartenente alla famiglia Ursidae. Originario della Cina centrale, vive nelle regioni montuose del Sichuan. Verso la seconda metà del XX secolo, il panda è diventato un emblema nazionale in Cina, ed è attualmente raffigurato sulle monete d'oro cinesi. Inoltre è diventato il simbolo del WWF.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il nome scientifico è Ailuropoda melanoleuca, dal greco antico che significa letteralmente piede di gatto - nero bianco. Il termine panda deriva molto probabilmente dal Nepali ponya.

Nonostante il fatto che secondo la tassonomia si tratti di un carnivoro, la sua dieta è essenzialmente quella di un erbivoro. In effetti si nutre quasi esclusivamente di bambù (circa 38 kg di germogli al giorno, pari al 45% del peso corporeo). Tecnicamente esso, come molti altri animali, è onnivoro (è noto che il panda accompagna con uova, insetti ed occasionalmente carogne, i suoi pasti a base di bambù). Le sue orecchie si muovono durante la masticazione.

Esso è imparentato alla lontana con il panda rosso, ma la somiglianza tra i due nomi sembra più che altro provenire dalla comune alimentazione basata sul bambù e dalle tipiche macchie nere intorno agli occhi, simili a occhiaie umane. Prima che tale parentela con il panda rosso venisse scoperta, nel 1901, il panda gigante era conosciuto come Parti-coloured bear.

Areale del panda gigante

Per molti decenni la precisa classificazione tassonomica del panda è stata oggetto di discussione, in quanto sia i panda giganti sia i panda rossi presentano al contempo caratteristiche appartenenti agli orsi e ai procioni. Comunque, esami genetici hanno rivelato che i panda giganti sono veri e propri orsi, appartenenti a pieno titolo alla famiglia degli Ursidi. La specie di orsi ad essi più vicina è quella dell'orso dagli occhiali del Sud America. Resta in discussione se i panda rossi vadano collocati o meno tra gli Ursidi piuttosto che nella famiglia dei Procyonidae. Le origini del panda gigante vanno ricercate in alcune forme del Miocene medio - superiore (circa 12 - 10 milioni di anni fa). Gli europei Agriarctos e Kretzoiarctos sembrano appartenere allo stesso ramo evolutivo di Ailuropoda, così come Ailurarctos, vissuto in Cina. Fossili di panda giganti veri e propri (genere Ailuropoda) risalgono al Pliocene superiore della Cina (poco meno di tre milioni di anni fa). Ailuropoda microta, questo il nome della specie fossile, possedeva già le specializzazioni della forma attuale, ma era più piccolo. Un'altra specie fossile, Ailuropoda bacconi, più grande dell'odierno panda gigante, è conosciuta in terreni del Pleistocene cinese.

Il panda gigante è dotato di un insolito palmo, fornito di un "pollice" e cinque dita; il "pollice" è in effetti il frutto di una modificazione intervenuta all'osso del polso. Sembrerebbe, quindi, che il panda abbia sei dita, ma dal punto di vista anatomico quel "pollice" non rappresenta un dito. Infatti è solamente lo sviluppo dell'osso sesamoide radiale, che rappresenta una esigua parte del polso degli altri animali. Stephen Jay Gould vi ha scritto un saggio, ed ha utilizzato successivamente il titolo Il pollice del panda per una collezione di saggi pubblicati in volume.

È lungo 120/150 cm, dal peso che varia dai 75 ai 160 kg. Può vivere fino a trent'anni.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Il tasso di natalità del panda gigante è molto basso, sia allo stato naturale sia in cattività: la femmina alleva soltanto un piccolo e, se partorisce due gemelli, non riesce ad occuparsi di entrambi ma si occupa di uno solo. Lo svezzamento si completa in nove mesi, ma i piccoli restano con la madre fino ai 18 mesi, nell'arco dei quali imparano a procurarsi il cibo e come sfuggire ai predatori.

I panda raggiungono la maturità sessuale tra il 4º e il 6º anno di vita. Il periodo riproduttivo dura solo 1-3 settimane all'anno e questo periodo di fertilità dura solo pochi giorni.

Gli animali sono in genere consanguinei poiché sia nelle aree protette che in natura sono sparsi in gruppi poco numerosi. Se fossero liberi di vagare da una montagna all'altra, cosa attualmente impossibile a causa delle vallate occupate dagli insediamenti umani, potrebbero riprodursi con esemplari di altri gruppi contribuendo alla variabilità del loro genoma.

Per favorire la riproduzione degli esemplari in cattività è stato a volte impiegato un metodo che prevede la visione da parte degli stessi di filmati "pornografici" che mostrano rapporti sessuali tra panda.[2]

La radice di questo metodo è della Thailandia ed è stato reso popolare dai rapporti di un esperimento condotto in zoologia: in questo esperimento eseguito nel parco Chiang Mai Zoo si sono mostrati diversi panda giganti cresciuti in cattività e una serie di video pornografici dove atteggiavano con altri panda giganti.[3][4]

Altri metodi, che hanno compreso la prova dell'uso del viagra per stimolare sessualmente il panda, per ora non hanno avuto esito positivo.[5]

La salvaguardia del panda[modifica | modifica sorgente]

Panda nel Centro di ricerca del panda gigante di Chengdu, Cina

I panda giganti sono una specie a rischio, minacciata di continuo dall'impoverimento del loro habitat e da un tasso di natalità molto basso (vedi la sezione riproduzione). Si crede che siano in circa 1.600 a sopravvivere attualmente allo stato naturale. Il panda gigante è il simbolo del WWF (World Wildlife Fund), organizzazione che si occupa di preservare le specie dal rischio di estinzione.

La Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, considera l'Ailuropoda melanoleuca una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione.

Per ovviare alla mancanza di informazioni sui panda è deciso di costruire un centro di ricerca nella valle di Wolong in Cina. È stato inoltre creato un centro di riproduzione in cattività. I risultati di questa ricerca sono serviti a redigere progetti dettagliati per realizzare e gestire riserve in cui collocare gli esemplari rimasti: tali progetti prevedono, fra l'altro, la creazione di corridoi di foresta che colleghino le varie riserve, un intervento sul territorio volto alla reintroduzione di numerose specie di bambù, in modo da evitare che le piante muoiano tutte nello stesso periodo, e la realizzazione di iniziative con cui indurre gli abitanti delle foreste e dei villaggi a procedere in modo selettivo nella distribuzione delle foreste di bambù.

Panda nati in cattività[modifica | modifica sorgente]

Il primo panda nato in cattività, una femmina chiamata Ming-MIng nacque il 9 settembre 1963 nello zoo di Pechino. Nel 1978 nello stesso zoo venne alla luce Yaun Jing, il primo piccolo di panda frutto di un'inseminazione artificiale. Nonostante questi iniziali successi, soltanto tre zoo al di fuori della Cina - Madrid, Città del Messico e Tokyo - sono riusciti a far nascere panda, e il livello di nascite resta scarso persino in Cina. Fino al 1992 lo zoo di Pechino ha fatto nascere 30 panda, ma in Cina soltanto il 5% dell'intera popolazione in cattività è frutto dell'inseminazione artificiale. La creazione di centri di produzione in zone dove i panda si recano naturalmente è un passo positivo verso l'aumento delle nascite. Anche se privo di fondi, il centro di Wolong, situato sulle montagne della provincia occidentale di Sichuan, è un esempio ideale: qui, per lo meno, i panda vivono in un luogo che ricorda il loro ambiente naturale. Se tuttavia questa creatura tanto amata, ma poco compresa, non sparirà per sempre sarà grazie alla protezione che gli potrà essere offerta in futuro nelle zone in cui vive ora, più che grazie alla capacità degli zoo di facilitarne la riproduzione.

La scomparsa del bambù[modifica | modifica sorgente]

Il panda si nutre di germogli di bambù, piante che muoiono dopo la fioritura: nel suo habitat ne esistono numerose specie e ciò impedisce che esse fioriscano e muoiano simultaneamente; invece, nelle zone contaminate dall'intervento umano rimangono spesso pochi tipi di bambù (a volte addirittura uno solo). Nel 1975, essendosi sfortunatamente verificata una fioritura contemporanea di tutte le specie di bambù rimaste, i panda restarono privi di cibo e furono decimati. Nel corso della sua evoluzione il panda aveva sviluppato la capacità di far fronte alle periodiche morie di piante percorrendo lunghe distanze in cerca di nuove foreste - migrazioni che servivano anche a evitare che esemplari di uno stesso gruppo si accoppiassero fra loro. Tuttavia, da quando l'habitat del panda è stato sottoposto a processi di degrado e deforestazione, questa possibilità di rifugiarsi in altre foreste in cui trovare nuovo cibo e accoppiarsi è venuta a mancare.

Il panda gigante nell'Occidente[modifica | modifica sorgente]

Un adulto di panda gigante allo Zoo di San Diego

Il panda gigante è stato conosciuto in Occidente a partire dal 1869, grazie al missionario francese Armand David (18261900) che donò al Museo di Storia Naturale di Parigi la pelle di un esemplare morto procuratagli da un cacciatore. I cacciatori e coloro che fornivano gli animali agli zoo si recarono sul posto attirati da questa rarità e, nei primi tempi, vennero prelevati dalle foreste cinesi circa 70 esemplari. Dal 1949 le esportazioni sono sottoposte a un severo controllo: fino al 1983 sono stati prelevati e trasferiti a zoo di tutto il mondo 24 esemplari.

Si tratta di una specie molto amata dalla gente, in buona parte perché i panda sono dotati di un aspetto amabile e indifeso come quello dei bambini, il che li fa spesso assomigliare a degli orsacchiotti di peluche viventi. In più, il fatto che il panda sia solitamente raffigurato disteso nell'atto di mangiare tranquillamente il bambù allontana la sua immagine da quella dell'animale cacciatore, aggiungendole un ulteriore tocco di innocenza.

Il prestito di panda giganti a zoo americani e giapponesi ha costituito un importante tassello all'interno della diplomazia della repubblica popolare cinese negli anni '70, in quanto tra i primi scambi culturali intervenuti tra la Cina e l'Occidente.

Tuttavia, a partire dal 1984 i panda hanno smesso di essere oggetto di relazioni diplomatiche: la Cina ha infatti da allora cominciato ad offrire i panda in prestito ad altri paesi soltanto per periodi di dieci anni. Le condizioni standard di questi prestiti includono una tariffa di un milione di dollari americani all'anno e la disposizione che ogni cucciolo nato durante il periodo del prestito resti di proprietà della repubblica popolare cinese.

Nel 1998 una azione legale intrapresa dal WWF ha spronato l'U.S. Fish and Wildlife Service a richiedere agli zoo americani che l'importazione di panda continui a condizione di assicurare che metà della tariffa versata alla Cina venga utilizzata al fine della conservazione dei panda all'interno del loro habitat naturale.

I panda ad oggi nel continente europeo sono nove: due panda nello Zoo di Vienna; una coppia nello Zoo di Madrid e un'altra coppia nello Zoo di Edimburgo e dal 2012 allo zoo di Beauval, in Francia. Bao Bao, nato nel 1978 e donato allo Zoo di Berlino dove è morto nel 2012, è stato l'individuo più anziano della sua specie a vivere in cattività. Il 23/2/2014 sono arrivati a Bruxelles Hao Hao e Xing Hui, una coppia di panda giganti cinesi che Pechino ha deciso di prestare al Belgio per 15 anni [ANSA]

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • Genma Saotome è un personaggio del manga Ranma 1/2 di Rumiko Takahashi. Sebbene egli sia normalmente un uomo, appare per lo più nella forma di un panda: mentre si trovava in Cina è caduto in una sorgente maledetta dove era annegato un panda gigante, e da allora il suo corpo assume le sembianze di un panda gigante tutte le volte che si bagna con l'acqua fredda.
  • Il film Kung Fu Panda della Dreamworks racconta la storia di un panda di nome Po che lavora nel ristorante del padre (un'anatra cinese) covando però il desiderio recondito di diventare un esperto lottatore di kung fu.
  • Un altro esempio di panda nell'animazione è rappresentato da Andy Panda, celebre personaggio (ormai dimenticato) creato da Walter Lants.
  • Il musicista Panda Bear, degli Animal Collective, scelse il suo nome d'arte per il fatto che disegnava questo animale nelle sue prime creazioni musicali.[6]
  • Panda-Z è una serie animata giapponese umoristica fatta da brevi episodi dove un panda robotico, alla guida di un panda robot gigante, combatte il malvagio Skull Panda.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Lü, Z, Wang, D. & Garshelis, D.L. (IUCN SSC Bear Specialist Group), Ailuropoda melanoleuca in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Denis Gray, Pandas Getting New View of Mating Ritual in Washington Post, 23 novembre 2006. URL consultato il 3 maggio 2013.
  3. ^ "'Panda porn' to encourage mating", Narunart Prapanya, CNN, January 25, 2006. Estratto il 17 agosto 2007.
  4. ^ "Panda 'Porn' to Boost Mating Efforts at Thai Zoo", Brian Handwerk, National Geographic, November 13, 2006. Estratto il 17 agosto 2007.
  5. ^ Pandas unexcited by Viagra, BBC News, 9 settembre 2002. Estratto 17 agosto, 2007
  6. ^ PANDA BEAR Interview

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Centri di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Zoo[modifica | modifica sorgente]