Arma parlante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In araldica si definiscono armi parlanti quei simboli, rappresentati su alcuni stemmi, che contengono delle figure che, per il loro nome o per la loro immagine, richiamano più o meno direttamente il nome (talora la funzione) del possessore di tali blasoni.[1]

Il richiamo al nome può avvenire in vari modi:

  • direttamente: un gallo («coq» in francese) per il cognome Lecoq; dei bicchieri per il cognome Bicchieri; dei vitelli per il cognome Vitelleschi; un barbo («bar» in francese) e un giglio (quindi un fiore, «fleur» in francese) per la città francese di Barfleur;
  • per omonimia: una melagrana (granada in spagnolo) per la città di Granada (Spagna);
  • per approssimazione: un calice per la Galizia; un colubro («coluber» in latino) per Colbert;
  • per rappresentazione corrispondente all'etimologia: un braccio che tiene una lancia per Shakespeare («scuoti-lancia»); un bue con i piedi nell'acqua per Oxford («Guado del bue»);
  • mediante rebus: una torre ed un pino per La Tour du Pin;
  • per grado superiore: un cinghiale, (più di valore ...) per il cognome Cochon («maiale»).

Nella terminologia araldica inglese si è mantenuto il termine canting arms derivato dalla lingua latina cantare.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Viel, Le origini simboliche del blasone, 1998, Edizioni Arkeios, Roma, ISBN 88-86495-43-9
  2. ^ Canting arms su oxforddictionaries.com Url consultato il 4-7-2013

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica