Ovulazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1 - Mestruazione 2 - Maturazione del follicolo 3 - Follicolo maturo 4 - Ovulazione 5 - Corpo luteo 6 - Cicatrizzazione del corpo luteo

L'ovulazione è il momento durante il quale l'ovocita viene espulso dalle ovaie e avviene di norma attorno al quattordicesimo giorno del ciclo mestruale (cioè, mediamente, dai 16 ai 12 giorni prima dell'inizio del flusso mestruale), in corrispondenza di un picco di ormoni LH e estrogeni.

Quando il follicolo ovarico raggiunge le sue massime dimensioni provoca un rigonfiamento visibile sulla superficie dell'ovaia che prende l'aspetto di un'area avascolare, biancastra chiamata stigma. A questo punto il follicolo è separato dalla cavità peritoneale soltanto da uno strato di cellule sottilissimo.

La rottura del follicolo è provocata dall'azione di enzimi litici (plasmina, collagenasi).

Ovulazione imminente. Qui si vede una ovaia poco prima della liberazione di un ovulo. Lo stigma è chiaramente visibile

La pressione del liquido contenuto nel follicolo si riduce gradatamente e perciò la rottura dello stigma non è un fenomeno esplosivo: l'ovocita, circondato da alcune cellule del cumulo ooforo (che vanno a formare la corona radiata) viene espulso lentamente dall'ovaia insieme al liquido antrale. A questo punto le fimbrie dell'ovidotto, che nel periodo dell'ovulazione si sono avvicinate alle ovaie, catturano l'ovocita e lo spingono all'interno dell'ovidotto.

Al momento dell'ovulazione anche la membrana propria cha separava la teca dalla granulosa si rompe, vascolarizzando la granulosa e formando un coagulo al centro di quel che resta del follicolo ovulato.

Inizia così la trasformazione di questa struttura in corpo luteo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]