Arctotherium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Arctotherium
Stato di conservazione: Fossile
Arctotherium.jpg
Ricostruzione della testa di Arctotherium bonariense
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Ursidae
Sottofamiglia Tremarctinae
Genere Arctotherium

L’arctoterio (gen. Arctotherium) era un urside primitivo, vissuto nel Pleistocene (tra 1,7 milioni di anni fa e 700.000 anni fa). I suoi resti sono stati rinvenuti in gran parte del Sudamerica.

L'invasione degli orsi dal Nordamerica[modifica | modifica wikitesto]

Con il ricongiungersi dei due continenti americani tramite l’istmo di Panama, gli ursidi furono tra i carnivori che invasero il Sudamerica nel corso del Pleistocene inferiore, circa 1,7 milioni di anni fa. L’arctoterio fa parte di quel gruppo di orsi attualmente rappresentati dall’orso dagli occhiali, e che in passato era molto diffuso anche in Nordamerica (in particolare con Arctodus simus). La massa corporea degli esemplari adulti di arctoterio era simile a quella di un orso polare, almeno per quanto riguarda i maschi, che arrivavano a pesare anche una tonnellata. Le femmine, invece, erano più piccole e dovevano pesare poco più di mezza tonnellata. Il cranio era insolitamente corto, anche per un orso. La dentatura era composta di incisivi poco specializzati, canini corti e circolari e molari bassi dalle cuspidi arrotondate. Questa dentatura fa supporre che, come la maggior parte degli ursidi, l’arctoterio fosse onnivoro e si cibasse di tutto quello che trovava: piccoli mammiferi, pesci, insetti, uova, frutti, carogne e animali moribondi. Le zampe erano insolitamente lunghe e sottili.

Estinzione[modifica | modifica wikitesto]

L’arctoterio, la cui specie più nota è Arctotherium latidens, si estinse prima della fine del Pleistocene, circa 700.000 anni fa, insieme a molti altri mammiferi di grande taglia. Fu sostituito dal genere affine Pararctotherium, sopravvissuto forse fino ad epoca storica, e dall’odierno orso dagli occhiali. In Nordamerica, nel Pleistocene, visse invece il gigantesco orso dal muso piatto (Arctodus simus).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Kraglievich, L. 1926. Los Arctoterios norteamericanos (Tremarctotherium, n. gen.) en relación con los de Sud América. Anales del Museo Nacional de Historia Natural ‘‘Bernardino Rivadavia’’ 34(56):1–16.

Kraglievich, L. y C. Ameghino, 1940. Los úrsidos extinguidos de Sud América. En: L. Kraglievich. Obras de paleontología y geología, Talleres de Impresiones Oficiales, 3: 557-627 La Plata.

Soibelzon, L. H. 2000. Nueva evidencia sobre la relación filogenetica entre los osos Pleistocenos de America del Sur y del Norte. Asociación Geológica Argentina, Serie D, Publicación Especial 4:45– 50.

Soibelzon, L. Tonni E.P. y Bond M. 2001. Arctotherium latidens (Ursidae, Tremarctinae) en el Pleistoceno de la provincia de Buenos Aires, Argentina. Comentarios sistemáticos y bioestratigráficos. Actas del XI Cong. Latinoamericano y III Congreso Uruguayo de Geología, Montevideo; versión electrónica,

Soibelzon L. Isla F.y Dondas A. Primer registro de tres individuos asociados de Arctotherium latidens (Ursidae: Tremarctinae). AMEGHINIANA 38 (4): 40R.

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi