Università Iuav di Venezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Università IUAV di Venezia)
Jump to navigation Jump to search
Università Iuav di Venezia
Logo IUAV.svg
Verso la facolta di Architettura Calle Amai S Croce.jpg
Sede dell'Università Iuav di Venezia ai Tolentini
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàVenezia
Altre sediMestre
Dati generali
Fondazione1926
TipoStatale
Dipartimenti
  • Dipartimento di Architettura Costruzione Conservazione
  • Dipartimento di Culture del progetto
  • Dipartimento di Progettazione e Pianificazione in ambienti complessi
RettoreAlberto Ferlenga
Studenti4 200 (2017-18[1])
ColoriNero
SportCUS Venezia
Sito web
Le Corbusier visita l'Ateneo

L'Università Iuav di Venezia (fino al 2001 Istituto Universitario di Architettura di Venezia) è una università statale italiana fondata nel 1926. Si occupa di architettura, design, teatro, moda, arti visive, urbanistica e pianificazione del territorio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tra le più note università a livello nazionale ed internazionale, venne avviata nel dicembre del 1926 per iniziativa di Giovanni Bordiga, allora presidente dell'Accademia di Belle Arti.[2]

Dal 2001 è divenuta Università Iuav di Venezia, affiancando alla facoltà di architettura altre due (design e arti, pianificazione del territorio). Nel 2012 le tre facoltà sono state sostituite da tre dipartimenti: architettura, costruzione e conservazione; culture del progetto; progettazione e pianificazione in ambienti complessi. Da novembre 2014, l'Università vanta una considerevole biblioteca aperta al pubblico dedicata all'architettura e alle altre discipline progettuali in Italia e sita nel convento dei Tolentini. La biblioteca Iuav, provvista anche di un vasto repertorio di banche dati e risorse digitali, è aperta agli utenti istituzionali e, in particolari condizioni, anche ad utenti esterni, previa autorizzazione.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ateneo è organizzato in un solo dipartimento: culture del progetto.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Tra i rettori fin qui succedutisi vi sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168670480 · ISNI (EN0000 0004 1937 036X