Manfredo Tafuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

« Non credo di esagerare dicendo che gli anni Ottanta furono segnati - in Italia - da Aldo Rossi e Manfredo Tafuri e che qualsiasi commento che si faccia attorno all'architettura italiana di quegli anni vada riferito ad essi »

(Rafael Moneo, L'altra modernità. Considerazioni sul futuro dell'architettura, pag. 113)

Manfredo Tafuri (Roma, 4 novembre 1935Venezia, 23 febbraio 1994) è stato uno storico dell'architettura italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea lavorò presso lo studio Architetti e Urbanisti Associati, allievo di Ludovico Quaroni. Nel 1966 vinse la cattedra di Storia dell'Architettura a Roma. Nel 1968 si trasferì presso l'Università IUAV di Venezia dove divenne direttore dell'Istituto di Storia. I suoi interessi storici, a cui ha dedicato tutta la vita, hanno spaziato dall'architettura rinascimentale all'architettura contemporanea. Nel contempo si impegnò attivamente nell'allora Partito Comunista Italiano. Ha insegnato, fino all'anno della sua morte, presso l'università veneziana.

È sepolto presso il cimitero acattolico di Roma.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Ludovico Quaroni e lo sviluppo dell'architettura moderna in Italia, Milano: Edizioni di Comunità, 1964
  • La cattedrale di Amiens, Firenze: Sadea/Sansoni, 1965
  • L'architettura del Manierismo nel Cinquecento europeo, Roma: Officina, 1966
  • Il concorso per i nuovi uffici della Camera dei Deputati: un bilancio dell'architettura italiana, Roma: Edizioni Universitarie Italiane, 1968
  • Teorie e storia dell'architettura, Bari: Laterza, 1968
  • Jacopo Sansovino e l'architettura del '500 a Venezia, Padova: Marsilio, 1969
  • L'architettura dell'Umanesimo, Bari: Laterza, 1969
  • Progetto e utopia: architettura e sviluppo capitalistico, Roma-Bari: Laterza, 1973
  • Via Giulia: una utopia urbanistica del 500, con L. Salerno, L. Spezzaferro, Roma: Staderini, 1973
  • Architettura contemporanea, con F. Dal Co, Milano: Electa, 1976
  • La sfera e il labirinto: avanguardia e architettura da Piranesi agli anni '70, Torino: Einaudi, 1980
  • Vittorio Gregotti: progetti e architetture, Milano: Electa, 1982
  • L'armonia e i conflitti: la chiesa di San Francesco della Vigna nella Venezia del '500, con A. Foscari, Roma-Bari: Laterza, 1983
  • Venezia e il Rinascimento: religione, scienza e architettura, Torino: Einaudi, 1985
  • Storia dell'architettura italiana 1944-1985, Torino: Einaudi, 1986
  • Ricerca del Rinascimento: principi, città, architetti, Torino: Einaudi, 1992

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
— Roma, 13 gennaio 1997

CORSI[modifica | modifica wikitesto]

All'università di Roma

1961-1962: “Il problema dei centri storici all’interno della nuova dimensione cittadina”. Corso parallelo di Composizione II del Prof. Saul Greco nella Facoltà di Architettura dell’Università di Roma, Valle Giulia.

“Teoria e critica nella cultura urbanistica italiana del dopoguerra”, Corso parallelo di Composizione II del Prof. Saul Greco nella Facoltà di Architettura dell’Università di Roma, Valle Giulia.

1963-64: Lezioni nel corso di Storia dell’Arte e dell’architettura del Prof. E. N. Rogers en la Facoltà di Architettura del politecnico di Milano, lezioni nel Corso di Composizione architettonica B, Prof. Ludovico Quaroni.

“L’Università: strutture e morfologie nella storia”, lezione del giorno 16/1/1964, Istituto di Architettura di Roma, corso di Composizione arcihtettonica B, Prof. Ludovico Quaroni.

1964-65: “La storia dell’architettura moderna alla luce dei problemi attuali”, Corso di Composizione architettonica II B, Prof. L. Quaroni.

1966-67: “La storia dell’architettura moderna alla luce dei problemi attuali”, Corso di Restauro dei monumenti, Facoltà di Architettura, Università di Palermo, Prof. M. Tafuri.

“Le strutture del linguaggio nella storia dell’architettura”, IUAV, Ciclo di lezioni La teoria della progettazione architettonica.

Corsi allo IUAV:

1967-68: “L’architettura moderna e il problema della storia”, Corso di Storia dell’arte e storia degli stili dell’Architettura 2. IUAV.

1968-69: “Le Corbusier”, Corso di Storia dell’arte e storia degli stili dell’Architettura 2.

1969-70: “Architettura, città e “piano” in America (1500-1970).

1970-71: “Avanguardie, architettura e città della Germania (1905-1933). La gestione socialdemocratica della città (1923-1933)”.

1971-72: “Avanguardie, città e pianificazione in Unione Sovietica (1917-1937)”.

1972-73: “Storia dell’ideologia antiurbana”.

1973-74: “Struttura e architettura nella città terziaria in America” (1850-1973).

1974-75: “Lo sviluppo urbano negli Stati Uniti” (1780-1974) e il problema dell’housing”.

1975-76: “Il grattacielo e la struttura della città terziaria in America e in Europa (1850-1975)”.

1976-77: “Avanguardia e architettura: le avventure del linguaggio nella città contemporanea”.

1977-78: “La Grande Vienna: dalla formazione del mito asburgico alla crisi dell’austromarxismo”.

1978-79: “Francesco Borromini e la crisi dell’universo umanistico”.

1979-80: “Le avventure dell’avanguardia”.

1980-81: “Giovanni Battista Piranesi” 1720-1778”.

1981-82: “Arti e architettura nella Venezia dell’umanesimo 1450-1509”.

1982-83: “Architettura e rinnovamento urbano nella Venezia del rinascimento. 1514-1554”.

1983-84: “Scienza, architettura e vita civile nella Venezia del secondo 500. 1556-1612”.

1984-85: “Arte e potere nel primo 500: Raffaello Sanzio”. 1985-86: “Giulio Romano, architetto e pittore”.

1986-87: “Donato Bramante 1444-1514”. 1987-88: “Architettura e religione, da Savonarola alla Controriforma 1494-1580”.

1988-89: “Giuliano da Sangallo e Jacopo Sansovino. Architettura e committenza fra XV e XVI secolo”.

1989-90: “Francesco di Giorgio Martini e Baldassare Peruzzi”.

1992-93: “Umanesimo e architettura: Leon Battista Alberti 1404-1472”.

1993-94: “Arte, politica e architettura nella Roma medicea 1513-1527. Dal mito dell’età de oro alla catastrofe del Sacco”.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • CACCIARI, Massimo. Architecture and nihilism: on the philosophy of modern architecture. New Haven, Yale University Press, 1993.
  • COHEN, Jean-Louis. « La coupure entre architectes et intellectuels, ou les enseignements de l'italophilie ». Extenso, no. 1 (1984), pp. 182–223.
  • DE SOLÀ-MORALES, Ignasi (editor). « Being Manfredo Tafuri: Wickedness, Anxiety, Disenchantment ». ANY, no. 25-26 (février 2000).

Special issue of Casabella, no. 619-620 (jan.-feb. 1995).

  • HEYNEN, Hilde. « The Venice School, or the Diagnosis of Negative Thought ». Architecture and Modernity: a critique. Cambridge, Ma., MIT Press, 1999, pp. 128–148.
  • HOEKSTRA, Titia Rixt. « Building versus Bildung. Manfredo Tafuri and the construction of a historical discipline ». Ph.d. dissertation, Groningen, University of Groningen, 2005. Online: https://web.archive.org/web/20061009200007/http://dissertations.ub.rug.nl/faculties/arts/2005/t.r.hoekstra/
  • KEYVANIAN, Carla. « Manfredo Tafuri's Notion of History and its Methodological Sources: From Walter Benjamin to Roland Barthes ». MArch dissertation, Cambridge, Ma., Massachusetts Institute of Technology, 1992.
  • LEACH, Andrew. « Choosing History: A Study of Manfredo Tafuri's Theorisation of Architectural History and Architectural History Research ». Ph.d. dissertation, Gent, Universiteit Gent, 2006. Online: https://web.archive.org/web/20060824225725/http://eprint.uq.edu.au/archive/00003989/
  • LEACH, Andrew. Manfredo Tafuri: Choosing History. Ghent, A&S Books, 2007.
  • BIRAGHI, Marco. Progetto di crisi. Manfredo Tafuri e l'architettura contemporanea. Milan, Marinotti ed., 2005.
  • TOURNIKIOTIS, Panayotis. « History as the Critique of Architecture ». The Historiography of Modern Architecture. Cambridge, Ma., MIT Press, 1999.
  • SHERER, Daniel. "Progetto and Ricerca. Manfredo Tafuri as Critic and Historian," Zodiac 15 (1996), 32-56.
  • SHERER, Daniel. "Translator's Introduction," to Manfredo TAFURI, Interpreting the Renaissance: Princes, Cities, Architects (New Haven/Cambridge, MA: Yale University Press/Harvard GSD Publications, 2006), trans. by D. SHERER with a Foreword by K. Michael HAYS, pp. xv-xxvi.
  • SHERER, Daniel. “Un Colloquio Inquietante. Manfredo Tafuri e la critica operativa 1968-1980,” in L. Monica, ed. La Critica Operativa e l'architettura (Milan: Unicopli, 2002), 108-20.
  • SHERER, Daniel. “Architecture in the Labyrinth: Theory and Criticism in the United States, Oppositions, Assemblage, Any, 1973-1999,” Zodiac 20 (1999), 36-43.
  • SHERER, Daniel. "Review of Andrew LEACH, Manfredo Tafuri: Choosing History," Journal of Architecture 14, 6 (2009), 731-741.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44305901 · ISNI (EN0000 0001 2130 2794 · SBN IT\ICCU\CFIV\008426 · LCCN (ENn80013526 · GND (DE123138434 · BNF (FRcb11925914n (data) · ULAN (EN500240815 · BAV ADV10157261