Leonardo Sonnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leonardo Sonnoli (Trieste, 16 giugno 1962) è un designer italiano , tra i maggiori dell’età contemporanea a livello internazionale: dal 2003 ricopre la carica di presidente del gruppo italiano dell’AGI.

Biografia e opere[modifica | modifica sorgente]

Diplomatosi presso l’Istituto Superiore Industrie Artistiche di Urbino, ha iniziato la sua attività presso lo studio Tassinari/Vetta di Trieste. Per più di un decennio è stato direttore creativo nello studio Dolcini associati di Pesaro, gestendo l'immagine di aziende, pubbliche e private, la comunicazione di eventi e quella di utilità pubblica (segnaletica). Nel 2002 ha fondato a Trieste CODEsign con Paolo Tassinari e Pierpaolo Vetta: lo studio è tra i più attivi nel settore, avendo progettato, tra gli altri, la corporate identity dello IUAV di Venezia, gli allestimenti per la Triennale di Milano e TAV (Treno Alta Velocità) di Roma. Sempre nel 2002 è direttore artistico della 50esima esposizione internazionale d’arte della Biennale di Venezia.

Opere[modifica | modifica sorgente]

I suoi lavori più noti sono incentrati sul rapporto grafico delle lettere alfabetiche[1], esibite visivamente nei modi più disparati e assunte a messaggio vero e proprio. I suoi manifesti sono presenti in numerose collezioni pubbliche internazionali (Louvre e Biblioteca Nazionale di Francia di Parigi, Museo delle Arti Decorative di Zurigo, San Francisco Museum of Modern Art, Colorado State University).

"(...) I lavori di Sonnoli sono imbevuti dello spirito del suo tempo, Zeitgeist direbbero i tedeschi, assolutamente contemporanei per l’uso che lui fa degli strumenti tecnologici, dei materiali e di nuovi linguaggi espressivi, e al contempo assolutamente antichi, che come nel palmo della mano, portano impresse le linee sulle quali si può leggere, lungo la parabola del tempo, tutta la storia della grafica passata e futura. Nel suo lavoro da designer egli spazia dal progetto di immagine coordinata ai sistemi di identità visive, dalla segnaletica alla comunicazione visiva di eventi culturali, dando un nuovo volto e una nuova dimensione a quell’area della disciplina, che con un nome fin troppo datato, viene chiamata in Italia grafica di pubblica utilità".[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Medaglia d’argento alla Triennale di Toyama (Giappone);
  • Menzione d’onore per la comunicazione degli eventi culturali del comune di Pesaro al XIX Premio Compasso d'oro;
  • Merit Award dell’Art Directors Club di New York.
  • Compasso d'oro per il progetto "Napoli Teatro Festival Italia" Identità Visiva Del Festival Teatrale Internazionale. Tassinari/Vetta – Leonardo Sonnoli e Paolo Tassinari, Fondazione Campania Dei Festival

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le lettere reinventate di Leonardo Sonnoli
  2. ^ Leonardo Sonnoli, lettere dal confine, Cinzia Ferrara, Gangemi editore, Roma, n. 16 - settembre-ottobre 2005