Bruno Zevi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bruno Zevi

Bruno Zevi (Roma, 22 gennaio 1918Roma, 9 gennaio 2000) è stato un architetto, urbanista, politico e accademico italiano, noto soprattutto come storico e critico d'architettura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

«No all'architettura della repressione, classicista barocca dialettale. Sì all'architettura della libertà, rischiosa antidolatrica creativa.»

(Bruno Zevi, Zevi su Zevi: architettura come profezia, 1993)

Nasce a Roma nel 1918 da un'agiata famiglia italiana di confessione ebraica[1], consegue la maturità classica al Liceo Tasso[2], dove ha per compagni di classe Paolo Alatri e Mario Alicata. Nel 1938, a seguito delle leggi razziali, lascia l'Italia per Londra prima e poi per gli Stati Uniti. Si laurea in architettura nel 1942 alla Graduate School of Design della Harvard University, in quel momento diretta da Walter Gropius.

Frank Lloyd Wright e Bruno Zevi a Venezia nel 1951

Il 26 dicembre 1940 si sposa con Tullia Calabi. Rientra in Europa, a Londra, nel 1943; nel 1944 è di nuovo in Italia, dove fonda l'Associazione per l'architettura organica (Apao) e l'anno successivo la rivista Metron, pur mantenendo i contatti accademici più stretti con la comunità accademica angloamericana.

Dal 1948 insegna Storia dell'architettura presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia e nel 1964 diviene professore ordinario alla Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Attivissimo nel campo della critica architettonica, pubblica nel 1948 Saper vedere l'architettura; dal 1954 al 2000 tiene una rubrica settimanale di architettura su Cronache e poi L'Espresso; nel 1955 fonda la rivista mensile L'architettura. Cronache e storia e poi, con Lina Bo Bardi, il settimanale La Cultura della Vita.

Di particolare importanza per il superamento delle divisioni tra storia dell'arte e storia dell'architettura, furono i suoi legami con i critici d'arte Giulio Carlo Argan, Cesare Brandi e Carlo Ludovico Ragghianti.

Fu uno dei fondatori dell'Istituto Nazionale di Architettura (In/Arch) di cui fu un attivo collaboratore negli anni settanta. Fu segretario generale dell'Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), accademico di San Luca, vicepresidente dell'In/Arch.

Nel 1979 viene eletto presidente emerito del Comitato Internazionale dei Critici di Architettura (CICA). Dopo le decise contestazioni del '68, dichiara la sua delusione per una mancata riforma e il permanere di un grave stato di degrado culturale nell'Università; nel 1979 lascia gli incarichi accademici. Muore a Roma nel 2000.

Il 28 settembre 2002, in via Nomentana 150, si inaugura la Fondazione "Bruno Zevi".[3]

Impegno politico[modifica | modifica wikitesto]

Bruno Zevi
Bruno zevi.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature X Legislatura
Gruppo
parlamentare
Partito Radicale
Incarichi parlamentari
Componente VII Commissione (Istruzione)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito d'Azione e Partito Radicale
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e Harvard Graduate School of Design

Sempre impegnato sul fronte politico e dei diritti civili, durante il fascismo Zevi fu membro del movimento clandestino Giustizia e Libertà e diresse i Quaderni Italiani. All'inizio del 1940, dato il clima antiebraico ormai diffusosi in tutta Europa, si trasferì a New York per continuare gli studi universitari e portare avanti la lotta antifascista con Lionello Venturi, Franco Modigliani, Aldo Garosci, Gaetano Salvemini.

Tornato in Italia, militò nel Partito d'Azione, in Unità Popolare, e infine nel Partito Radicale.

Dal 1988 al 1999 fu Presidente onorario del Partito Radicale. Deputato dal 1987 al 1992, si dimise dall'incarico di Presidente in segno di protesta per l'adesione dei deputati radicali al Parlamento Europeo al gruppo dei non iscritti, in cui sedevano anche gli eletti del Fronte Nazionale di Jean-Marie Le Pen. Nel 1998 fu tra i fondatori del Partito d'Azione Liberalsocialista.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Architetture[modifica | modifica wikitesto]

(Progetti principali)[4]

  • 1940-1941 Brown & Nichols School, Cambridge, Inghilterra
  • 1948 Villa Aurelia, Roma
  • 1947-1949 Palazzina in via Monti Parioli 15, Roma
  • 1949-1951 Palazzina in via Pisanelli 1, Roma
  • [1950]-1956 Piano regolatore generale, Comune di Perugia
  • 1954 Progetto per la nuova stazione di Napoli centrale
  • 1958 Ina-casa. Stazione appaltante Iacp di Salerno, quartiere Pastena
  • [1959] Ricostruzione Ponte Garibaldi a Roma
  • 1963 Biblioteca civica "Luigi Einaudi", Dogliani (CN), Bruno Zevi e Studio A/Z
  • 1965 Biblioteca civica "Nino Colombo", Beinasco (TO), Bruno Zevi
  • 1967 Padiglione italiano per l'Esposizione Universale a Montréal (Canada)
  • 1967-1970 Asse attrezzato, Roma, Bruno Zevi e Studio Asse
  • 1978 Comune di Benevento. Piano particolareggiato di esecuzione (Ppe)
  • 1984-1989 Comune di Firenze. Piano particolareggiato dell'area Fiat di Novoli
  • 1986-1999 Regione Lazio. Piano territoriale paesistico n. 13
  • s. d. Palazzo di Giustizia nell'abitato di Melfi (PZ)
  • s. d. Monumento all'emigrato verso Israele

Pubblicazioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Verso un'architettura organica, in Saggi, n. 54, Torino, Giulio Einaudi editore, 1945, SBN IT\ICCU\UFI\0072166.
  • Frank Lloyd Wright, in Architetti del movimento moderno, n. 3, Milano, Il balcone, 1947, SBN IT\ICCU\VEA\0073422.
  • Erik Gunnar Asplund, in Architetti del movimento moderno, n. 6, Milano, Il balcone, 1948, SBN IT\ICCU\MIL\0467752.
  • Saper vedere l'architettura, in Saggi, n. 96, Torino, Einaudi, 1948, SBN IT\ICCU\RAV\0084947.
  • Storia dell'architettura moderna, in Saggi, n. 136, Torino, Einaudi, 1950, SBN IT\ICCU\RAV\0018711.
  • Architettura e storiografia, in Studi monografici d'architettura, n. 1, Milano, Libreria editrice politecnica Tamburini, 1950, SBN IT\ICCU\UFI\0005015.
  • Poetica dell'architettura neoplastica, in Studi monografici d'architettura, n. 6, Milano, Tamburini, 1953, SBN IT\ICCU\CUB\0682230.
  • Richard Neutra, in Architetti del movimento moderno, n. 10, Milano, Il balcone, 1954, SBN IT\ICCU\RML\0075778.
  • Architettura in nuce, Venezia-Roma, Istituto per la collaborazione culturale, 1960, SBN IT\ICCU\VEA\0140971.
  • Biagio Rossetti architetto ferrarese, in Collana storica di architettura, n. 4, Torino, G. Einaudi, 1960, SBN IT\ICCU\SBL\0523114.
  • Bruno Zevi (a cura di), Michelangiolo architetto, in Biblioteca di architettura, n. 2, Milano, Etas Kompass, 1964, SBN IT\ICCU\SBL\0261808.
  • Erich Mendelsohn, in Biblioteca della rivista L'architettura, cronache e storia, n. 1, Milano, Etas Kompass, 1970, SBN IT\ICCU\UFI\0057996.
  • Il linguaggio moderno dell'architettura, in Piccola biblioteca Einaudi, n. 214, Torino, Einaudi, 1973, SBN IT\ICCU\RAV\0019049.
  • Ebraismo e architettura, Firenze, Giuntina, 1993, ISBN 88-85943-76-4.
  • Zevi su Zevi: architettura come profezia, Venezia, Marsilio, 1993, ISBN 88-317-5917-5.
  • Linguaggi dell'architettura contemporanea, Milano, Etaslibri, 1993, ISBN 88-453-0627-5.
  • Storia e controstoria dell'architettura in Italia, in I mammut, n. 50, Roma, Grandi tascabili economici Newton, 1997, ISBN 88-8183-446-4.

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il fondo Bruno Zevi[5] è conservato presso la Fondazione Bruno Zevi. Nel 2014 l'archivio Zevi è stato oggetto di un intervento di riordinamento ed inventariazione[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elisabetta Procida (a cura di), La sede storica dell'INAIL a Roma. Il palazzo in via IV Novembre (PDF), presentazione di Paolo Portoghesi, pp. 37-38 (archiviato dall'url originale il 5 agosto 2017).
    «La famiglia Zevi è saldamente integrata alla borghesia romana. Benedetto Zevi, nonno di Bruno, fu un noto chirurgo, suo figlio Guido sposò nel 1911 Ada Bondì, figlia di un attivissimo e agiato commerciante, fondatore degli omonimi Grandi Magazzini Generali di Risparmio Crescenzo Bondì. Venne in questo modo saldata la vocazione dotta della famiglia a quella commerciale, entrambe facilitate dall'agiatezza già accumulata dai Bondì. Guido Zevi non si dedica all'impresa commerciale del suocero, ma intraprende l'attività di ingegnere. Lavora per il Genio Civile, per il Ministero dei Lavori Pubblici e poi per il Comune di Roma occupandosi delle infrastrutture impiantistiche e di trasporto pubblico". Il padre Guido curò anche il progetto e l'esecuzione di "una serie di edifici che il figlio Bruno giudicherà molti anni dopo come di «nessun [...] rilievo artistico», ricordando come il ruolo professionale del padre fosse affidato alla «sua personalità [...], alla competenza tecnica, alla scrupolosa sorveglianza dei cantieri»".».
  2. ^ Scuola: alla ricerca degli ex allievi del Tasso, su Adnkronos, 2 gennaio 1999.
  3. ^ SAN, p. 1.
  4. ^ SAN, p. 2.
  5. ^ Bruno Zevi, su Sistema informativo unificato per le Soprintendenze archivistiche. URL consultato il 22 dicembre 2017 (archiviato il 22 dicembre 2017).
  6. ^ Vincenzo De Meo (a cura di), Inventario dell'archivio Bruno Zevi (PDF), su Sistema informativo unificato per le Soprintendenze archivistiche. URL consultato il 22 dicembre 2017 (archiviato il 22 dicembre 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Dulio, Introduzione a Bruno Zevi, in Maestri del Novecento Laterza, Roma-Bari, GLF editori Laterza, 2008, ISBN 978-88-420-8716-8.
  • (EN) Andrea Sauchelli, On Architecture as a Spatial Art, in Nordic Journal of Aesthetics, vol. 43, 2012, pp. 53-64.
  • Claudia Conforti, Le radici del progetto storico di Bruno Zevi, in Roma moderna e Contemporanea, XVII, n. 1-2, aprile 2009, pp. 237-240, ISSN 1122-0244 (WC · ACNP).
  • Antonino Saggio, Arch'it - Coffee Break - Bruno Zevi, su architettura.it, 31 dicembre 2000 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2001).
  • Francesco Bello, Bruno Zevi intellettuale di confine. L'esilio e la guerra fredda culturale italiana 1938-1950. Atti del Convegno tenuto a Roma nel 2018, in I libri di Viella, n. 334, Roma, Viella, 2019, ISBN 978-88-331-3210-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore di L'architettura. Cronache e storia Successore
nessuno 1955-2000 Furio Colombo
Controllo di autoritàVIAF (EN108404731 · ISNI (EN0000 0001 2283 9489 · SBN IT\ICCU\CFIV\011177 · LCCN (ENn79054860 · GND (DE119198444 · BNF (FRcb12332482b (data) · BNE (ESXX1048294 (data) · ULAN (EN500239540 · BAV (EN495/273164 · NDL (ENJA00461815 · WorldCat Identities (ENlccn-n79054860