Pandemia di COVID-19 del 2020 in Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Pandemia di COVID-19 in Francia
epidemia
COVID-19 Outbreak Cases in France 13 Regions & DomTom.svg
Diffusione al 25 marzo 2020 dei casi confermati per regione
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan, Hubei, Cina
Nazione coinvoltaFrancia Francia
Periodo24 gennaio 2020 - in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi37 575 (28 marzo 2020)
Numero di morti2 314 (28 marzo 2020)
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 del 2020 in Francia è iniziata il 24 gennaio 2020, quando il primo caso in Europa - e in Francia - è stato confermato a Bordeaux, riguardante un uomo franco-cinese arrivato dalla Cina, e entro la fine della giornata sono stati confermati altri due casi.[2] La prima morte per COVID-19 in Europa e Francia è avvenuta il 14 febbraio: si trattava di un turista cinese ricoverato in ospedale a Parigi dal 28 gennaio.[3]

Al 28 marzo 2020, la Francia conta un totale di 37 575 casi confermati[4] ed è il sesto paese con numero più alto di casi dopo gli Stati Uniti d'America, l'Italia, la Cina, la Spagna e la Germania.

Andamento giornaliero della Francia in dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Numero di casi di COVID-19 in Francia

     deceduti

     guariti

     casi

Data Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
26 febbraio 2020
18 (+38%)
27 febbraio 2020
38 (+111%)
28 febbraio 2020
57 (+50%)
29 febbraio 2020
100 (+75%)
1º marzo 2020
130 (+30%)
2 marzo 2020
191 (+47%)
3 marzo 2020
212 (+10%)
4 marzo 2020
285 (+34%)
5 marzo 2020
423 (+48%)
6 marzo 2020
613 (+135%)
7 marzo 2020
949 (+135%)
8 marzo 2020
1126 (+19%)
9 marzo 2020
1412 (+25%)
10 marzo 2020
1784 (+26%)
11 marzo 2020
2281 (+28%)
12 marzo 2020
2876 (+26%)
13 marzo 2020
3361 (+28%)
14 marzo 2020
4499 (+23%)
15 marzo 2020
5423 (+20%)
16 marzo 2020
6633 (+22%)
17 marzo 2020
7730 (+17%)
18 marzo 2020
9134 (+18%)
19 marzo 2020
10995 (+20%)
20 marzo 2020
12612 (+15%)
21 marzo 2020
14909 (+15%)
22 marzo 2020
16018 (+15%)
23 marzo 2020
19856 (+19%)
24 marzo 2020
22302 (+12%)
25 marzo 2020
25233 (+13%)
26 marzo 2020
29155 (+15%)
27 marzo 2020
32964 (+13%)
28 marzo 2020
37575 (+14%)
Fonti:
  • Agence Santé Publique France[5]/Ministère Solidarites-Santé
  • Coronavirus Cases in France worldometer.info
  • Ultimo aggiornamento: 26.03.2020, 18:38 UTC+1

Diffusione della pandemia in Francia[modifica | modifica wikitesto]

Primi casi confermati[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 gennaio 2020, il primo caso di COVID-19 in Europa - e in Francia - è stato confermato a Bordeaux. Un franco-cinese di 48 anni dalla Cina, arrivato in Francia il 22 gennaio, è stato ricoverato al Centre Hospitalier Universitaire de Bordeaux. Il Service d'Aide Médicale Urgente ha preso in carico il paziente e lo ha isolato in ospedale. Le autorità hanno cercato di confermare se persone infette fossero state in contatto con lui.[6]

Altri due casi sono stati confermati a Parigi alla fine della giornata; tutti recentemente tornati dalla Cina.[7][8][9] Un uomo di 31 anni e la sua partner di 30 anni, entrambi di Wuhan, sono risultati positivi al SARS-CoV-2 e sono stati ricoverati all'Hôpital Bichat. Sono arrivati in Francia il 18 gennaio.

Il 28 gennaio, un turista cinese di 80 anni della provincia di Hubei, è risultato positivo ed è stato ricoverato all'Hôpital Bichat di Parigi.[10]

Il 29 gennaio, anche sua figlia di 50 anni si è dimostrata positiva ed è stata ricoverata nello stesso ospedale dove era in cura suo padre.[11]

Il 30 gennaio un medico è stato confermato positivo alla COVID-19 a Parigi. Era entrato in contatto con un turista cinese la cui contaminazione è stata confermata quando è tornato in Cina.[12]

Il 14 febbraio, il turista cinese ottantenne è deceduto all'Hôpital Bichat, segnando la prima morte per COVID-19 in Europa e Francia.[3]

Dal 31 gennaio al 9 febbraio, circa 550 persone sono state rimpatriate da Wuhan su una serie di voli di evacuazione in arrivo alla base aerea di Creil a Oise e all'Aeroporto di Istres.[13]

Focolaio a Les Contamines-Montjoie[modifica | modifica wikitesto]

L'8 febbraio 2020, il Ministro della salute, Agnès Buzyn, ha confermato cinque nuovi casi originati da un gruppo di persone che erano in vacanza a Les Contamines-Montjoie, nell'Alta Savoia.[14] Hanno contratto l'infezione da un cittadino britannico che era stato a Singapore pochi giorni prima.[15]

Un altro cittadino britannico è risultato positivo alla COVID-19. Era stato nello stesso chalet dell'altra persona che aveva contratto l'infezione a Les Contamines-Montjoie.[16]

Il 18 febbraio, il nuovo ministro della salute, Olivier Véran, ha annunciato che solo quattro persone sono rimaste infette in Francia e sono state messe in quarantena in ospedale, tutti cittadini britannici, tre del primo gruppo di Les Contamines-Montjoie e un quarto caso scoperto dopo.[17]

Sei giorni dopo, l'ultimo cittadino britannico rimasto e l'ultimo caso noto in Francia sono stati dimessi.[18]

Casi successivi e focolaio dell'Oise[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 febbraio 2020, un cinese, tornato dalla Cina, era portatore del SARS-CoV-2, ma ha mostrato tracce di recente guarigione. Un uomo di 64 anni di La Balme-de-Sillingy, tornato da un viaggio in Lombardia il 25 febbraio, è risultato positivo al SARS-CoV-2 ed è stato curato nel centro ospedaliero Annecy-Genevois, Épagny-Metz-Tessy.[19][20][21] Anche sua moglie è risultata positiva ed è stata ricoverata nello stesso ospedale di suo marito.[22][23]

Il 26 febbraio, un uomo di 36 anni, che ha effettuato numerosi viaggi in Lombardia, è risultato positivo ed è stato curato nella Nouvel Hôspital Civil di Strasburgo.[24][25][26][27] Un insegnante di francese di 60 anni dell'Oise è stato ricoverato per la prima volta all'ospedale Creil, poi trasferito all'ospedale Salpêtrière di Parigi, dove è deceduto poche ore dopo.[28][27][29] Un uomo di 55 anni dell'Oise è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva del CHU Amiens-Picardie, Amiens.[30]

Il 29 febbraio, il direttore della salute, Jérôme Salomon, ha annunciato che la Francia aveva 100 casi del SARS-CoV-2 sul proprio territorio, con 36 casi rilevati nell'Oise[31]. Le riunioni di oltre 5000 persone sono vietate in tutta la Francia.

Distribuzione dei casi nelle regioni[modifica | modifica wikitesto]

Diffusione dei casi confermati in Francia ogni milione di abitanti per regione.
Numero di casi per regione al 27 marzo
Regione Numero di casi Numero di morti Numero di guariti
Île-de-France 7660 262 5
Grande Est 5479 506 0
Alvernia-Rodano-Alpi 2093 133 27
Provenza-Alpi-Costa Azzurra 1927 26 1
Alta Francia 1753 137 0
Borgogna-Franca Contea 1569 123 8
Occitania 1082 32 1
Nuova Aquitania 912 14 2
Normandia 688 16 0
Centro-Valle della Loira 645 20 0
Bretagna 603 28 0
Paesi della Loira 368 13 4
Corsica 250 21 0
Sub-totale Francia metropolitana 25 029 1331 47
Riunione 145 0 1
Guadalupa 76 1 0
Martinica 66 1 0
Mayotte 35 0 0
Guyana francese 28 0 0
Saint-Martin 11 0 2
Polinesia francese 3 0 0
Saint-Barthélemy 3 0 1
Nuova Caledonia 0 0 0
Saint-Pierre e Miquelon 0 0 0
Wallis e Futuna 0 0 0
Sub-totale Francia d'oltremare 364 2 4
Totale (Agences régionales de santé/Préfectures)[32] 25 393 1333 51
Totale (Agence nationale de santé publique/Ministère des Affaires sociales et de la Santé) 32 964 1995

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ (FR) Etienne Jacob, Coronavirus: trois premiers cas confirmés en France, in Le Figaro.fr, 24 gennaio 2020.
  3. ^ a b (EN) First coronavirus death confirmed in Europe, in BBC News, 15 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  4. ^ (FR) Infection au nouveau Coronavirus (SARS-CoV-2), COVID-19, France et Monde, su santepubliquefrance.fr. URL consultato il 28 marzo 2020.
  5. ^ Agence nationale de santé publique, su www.santepubliquefrance.fr.
  6. ^ (FR) Coronavirus en France : le parcours des trois patients, in France Info, 24 gennaio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2020).
  7. ^ (FR) Etienne Jacob, Coronavirus: trois premiers cas confirmés en France, in Le Figaro.fr, 24 gennaio 2020.
  8. ^ Coronavirus outbreak: First confirmed cases in Europe as France declares two infections, Sky News. URL consultato il 24 gennaio 2020.
  9. ^ (FR) Coronavirus : deux premières contaminations confirmées en France, in Le Monde.fr, 24 gennaio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2020.
  10. ^ Wuhan virus: France confirms fourth case of coronavirus in elderly Chinese tourist, su The Straits Times, 29 gennaio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2020).
  11. ^ (FR) Cinquième case averé, su L'Express, 29 gennaio 2020. URL consultato il 29 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2020).
  12. ^ (FR) Coronavirus: un sixième cas confirmé, su Le Parisien, 30 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2020).
  13. ^ L’Armée de l’air au service des Français- Mise à jour : 26/02/2020 - Direction : DICOD, su www.defense.gouv.fr, 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  14. ^ (FR) Le Figaro, Coronavirus : 5 nouveaux cas confirmés en France, su Le Figaro.fr, 8 febbraio 2020. URL consultato l'8 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2020).
  15. ^ (FR) avec AFP, Coronavirus. La ministre de la Santé Agnès Buzyn annonce cinq nouveaux cas en France, su Ouest-France, 8 febbraio 2020. URL consultato l'8 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2020).
  16. ^ (FR) BFMTV, Coronavirus: le ministère de la Santé annonce un 12e cas d'infection confirmé en France, BFMTV. URL consultato il 15 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2020).
  17. ^ (FR) Coronavirus : les quatre derniers patients en France sont hospitalisés à Lyon et Saint-Etienne, su France 3 Auvergne-Rhône-Alpes. URL consultato il 19 febbraio 2020.
  18. ^ (FR) avec AFP, Coronavirus. Une 11e guérison en France, " plus aucun malade hospitalisé ", su Ouest-France.fr, 24 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2020).
  19. ^ Coronavirus, dall'Italia si spande in Europa. Conte: "Inaccettabili limitazioni agli italiani". Ma molti Paesi prendono misure, su la Repubblica, 25 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  20. ^ (EN) France reports two new coronavirus infections, one returning from Italy, in Reuters, 25 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  21. ^ (FR) DIRECT. Coronavirus : deux nouveaux cas identifiés en France, su ladepeche.fr. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  22. ^ (FR) Haute-Savoie. Coronavirus : l'épouse du patient hospitalisé à Annecy également infectée, su www.ledauphine.com. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  23. ^ (FR) DIRECT. Covid-19 : le service de réanimation de l'hôpital de Creil, où a été hospitalisé le patient décédé, ferme pendant 14 jours, su Franceinfo, 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2020).
  24. ^ (EN) France reports second coronavirus death, Italian link in another case, in Reuters, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  25. ^ (EN) France reports first citizen to die from coronavirus as three new cases confirmed, su France 24, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2020).
  26. ^ (FR) Santé. Un premier cas de coronavirus confirmé en Alsace, su www.dna.fr. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  27. ^ a b (FR) Covid-19 : un mort et deux nouveaux cas recensés en France, su Franceinfo, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  28. ^ (EN) France reports first citizen to die from coronavirus as three new cases confirmed, su France 24, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2020).
  29. ^ (FR) Coronavirus : originaires de l'Oise, un homme est mort à Paris, un autre hospitalisé à Amiens dans un "état grave", su France 3 Hauts-de-France. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  30. ^ (FR) Un patient atteint de coronavirus en réanimation à Amiens, su Courrier picard, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  31. ^ (FR) Europe 1 Santé en direct, 29 febbraio 2020
  32. ^ Agence technique de l'information sur l'hospitalisation, su atih.sante.fr. URL consultato il 14 marzo 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mappa mondiale del coronavirus, casi confermati - Mappa i percorsi dei casi confermati del coronavirus.