Papa Benedetto XIII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Benedetto XIII)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo antipapa, vedi Antipapa Benedetto XIII.
Papa Benedetto XIII
Benedetto XIII
245º papa della Chiesa cattolica
C o a Benedictus XIII.svg
Elezione 29 maggio 1724
Incoronazione 4 giugno 1724
Fine pontificato 21 febbraio 1730
Cardinali creati vedi categoria
Predecessore papa Innocenzo XIII
Successore papa Clemente XII
Nome Pietro Francesco (Vincenzo Maria) Orsini
Nascita Gravina in Puglia, 2 febbraio 1649
Ordinazione diaconale 22 febbraio 1671
Ordinazione sacerdotale 24 febbraio 1671 da papa Clemente X
Nomina ad arcivescovo 28 gennaio 1675 da papa Clemente X
Consacrazione ad arcivescovo 3 febbraio 1675 dal cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni
Creazione a cardinale 22 febbraio 1672 da papa Clemente X
Morte Roma, 21 febbraio 1730
Sepoltura Basilica di Santa Maria sopra Minerva

Papa Benedetto XIII, in latino Benedictus PP. XIII, al secolo Pietro Francesco (in religione Vincenzo Maria) Orsini (Gravina in Puglia, 2 febbraio 1649Roma, 21 febbraio 1730), è stato il 245º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1724 alla sua morte; apparteneva all'Ordine dei frati predicatori e nel 2012 si è aperta l'inchiesta diocesana per la sua causa di beatificazione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla nascita all'ordinazione sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Lapide che ricorda il cardinale Pier Francesco Orsini, poi papa Benedetto XIII (1650-1730). Eremo di San Michele, Foglianise (BN).

Pietro Francesco Orsini di Gravina nacque a Gravina di Puglia dal Duca di Gravina, Ferdinando III Orsini, e da Giovanna Frangipane della Tolfa di Toritto. Fu il figlio maggiore della coppia, che ebbe sei figli.

Il padre morì nel 1658, quando egli aveva otto anni, e - quindi - ereditò subito da lui il titolo di feudatario di Solofra. Fu educato da Niccolò Tura, domenicano di Solofra, e da sua madre Giovanna, donna religiosa e caritatevole. Iniziò gli studi nella città irpina e, a 16 anni, fondò l'Accademia dei Famelici.

A 17 anni chiese di entrare nel noviziato dell'ordine che egli più amava, quello dei domenicani, durante un viaggio a Venezia, nonostante alcuni suoi parenti non fossero d'accordo per il fatto che egli era primogenito. Si appellò a papa Clemente IX, che non solo accettò l'ingresso ma, viste le doti del ragazzo, lo dispensò dagli studi propedeutici.

Nel 1668 egli rifiutò l'eredità del titolo di duca, che passò al fratello, e fece la sua prima professione. L'Orsini divenne monaco domenicano con il nome di fra' Vincenzo Maria nel monastero di San Domenico in Venezia il 13 febbraio 1668. Studiò a Brescia, Napoli, Bologna e Venezia laureandosi in filosofia e teologia. Fu ordinato sacerdote il 24 febbraio 1671 da papa Clemente X.

Cardinale e vescovo[modifica | modifica wikitesto]

A soli ventitré anni, contro la sua volontà, divenne il 22 febbraio 1672, cardinale del titolo di San Sisto e prefetto della Congregazione del concilio; accettò solo dopo che il Generale dell'Ordine dei Frati Predicatori, chiamato dal papa Clemente X, lo obbligò. Si trasferì, quindi, a Roma.

Nel 1675 gli furono proposte le sedi vescovili di Salerno e di Manfredonia: la sua scelta cadde su quest'ultima, che era meno prestigiosa e meno ricca, ma vicina al suo luogo natìo; fu, quindi, nominato il 28 gennaio 1675 arcivescovo di Manfredonia e consacrato il 3 febbraio dello stesso anno dal cardinale Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni. Qui dimostrò le sue doti di vicinanza al popolo di Dio, anche se il suo carattere zelante lo portò ad avere contrasti con alcuni importanti funzionari del vice-regno e con i legati spagnoli. Durante il ministero condusse una vita ascetica, senza rinunciare in alcun modo ai suoi doveri di vescovo, tra cui quello di effettuare periodiche visite alle chiese locali.

Papa Innocenzo XI e il cardinale Paluzzi Altieri, suo protettore e uomo vicino alla sua famiglia, fecero in modo che il 22 gennaio 1680 accettasse il trasferimento alla sede vescovile di Cesena, con il titolo personale di arcivescovo. In tale città, però, ebbe problemi di salute e vi poté soggiornare solo due anni (su un totale di sei anni), poiché si assentò per curarsi all'isola d'Ischia e a Napoli.

Il suo fervore religioso e la sua condotta di vita virtuosa influenzarono con il tempo anche sua madre, sua sorella e due sue nipoti che entrarono nel terz'ordine delle suore domenicane. Alla morte di Clemente X partecipò al conclave del 1676 entrando nel grande gruppo dei cardinali cosiddetti "zelanti", cioè non schierati con nessuna potenza europea. Il 18 marzo 1686 gli fu proposta la sede arcivescovile di Benevento, ritenendola più consona al suo stato di salute; vi risiedette per ben trentotto anni e conservò la cattedra anche dopo l'elezione a romano pontefice, in via eccezionale.

Di grande rilievo fu la sua sollecitudine pastorale; ogni anno, infatti, visitava in media una settantina di parrocchie completando il giro ogni due anni[1]. Tenne due sinodi provinciali, il primo nel 1693, al quale parteciparono diciotto vescovi e il secondo nel 1698, con il contributo di venti vescovi; entrambi gli atti furono approvati a Roma. Costruì ospedali e alleviò le sofferenze dei poveri. Precorrendo i tempi, diede un forte impulso alla fondazione dei monti frumentari in tutta la diocesi per prestare ai contadini indigenti i fondi per acquistare le sementi. Essi assunsero l'impegno di restituirli dopo aver venduto il raccolto[2].

Durante il suo episcopato il terremoto colpì due volte la città sannita (8 giugno 1688 e 14 marzo 1702). L'Orsini fece riparare numerosi edifici danneggiati, meritandosi l'appellativo di “secondo fondatore” della città. Protesse il giovane Niccolò Paolo Andrea Coscia, facendogli percorrere una rapida carriera come funzionario della Curia diocesana, fino a nominarlo suo segretario personale.

Il 3 gennaio 1701 optò per l'ordine dei cardinali vescovi e la sede suburbicaria di Frascati, conservando l'amministrazione di Benevento. Il 27 settembre 1710 consacrò, su invito di Alessandro Macedonio, la miracolosa Cappella di San Giovanni Battista, realizzata nella torre del castello Macedonio a Grottolella[3]. Nella cripta della cappella di San Giovanni Battista riposavano le spoglie della duchessa Emilia Cioffi, moglie di Nicola Macedonio, feudatario di Grottolella.

Il 18 marzo 1715 padre Orsini scelse la sede suburbicaria di Porto e Santa Rufina e ottenne sempre di conservare l'amministrazione di Benevento. Ogni città dell'allora vasta provincia ecclesiastica di Benevento serba tracce incancellabili del suo episcopato, e il suo nome, come il suo blasone, sono scolpiti su centinaia di pietre e dipinti in innumerevoli quadri.

Padre Orsini partecipò a sei conclavi, inserendosi sempre nel gruppo degli zelanti. L'ultimo pontefice prima di lui che partecipò a sei conclavi fu Leone XI (1-27 aprile 1605). Dopo di lui nessun papa (fino al XX secolo incluso) ha partecipato a un pari numero di elezioni papali.

Padre Orsini scrisse un'opera di teologia pratica e penitenza, pubblicata nel 1728.

Cronologia incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Il conclave del 1724[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Conclave del 1724.

Benedetto XIII fu eletto papa il 29 maggio 1724 nel Palazzo Apostolico e fu incoronato il 4 giugno dal cardinale Benedetto Pamphilj. Scelse il nome pontificale di Benedetto XIII in onore di Benedetto XI (domenicano come lui).
Fu il quarto e ultimo papa appartenente all'Ordine domenicano (gli altri furono Innocenzo V, Benedetto XI e Pio V) e l'ultimo pontefice (fino a tutto il XX secolo) nato nell'Italia meridionale.

Il conclave durò dal 20 marzo al 29 maggio. Parteciparono alla fase finale 53 cardinali. I cardinali si riunirono attorno a quattro gruppi: filo-imperiali; filo-francesi; zelanti; i cardinali veneziani.

Fra i candidati che vennero poi superati dall'Orsini va ricordato il cardinal Giulio Piazza, che era sostenuto dal cardinale Juan Álvaro Cienfuegos Villazón.

Pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Curia romana

Relazioni con le istituzioni della Chiesa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 7 settembre 1724 il pontefice pubblicò la bolla Romani pontificis in cui stabilì che la carica di decano del Collegio cardinalizio spettasse al cardinale più longevo. Impose ai porporati una veste meno lussuosa e meno mondana;
  • Il 23 settembre dello stesso anno pubblicò la bolla In supremo, nella quale stabilì le funzioni dei sacerdoti nelle processioni; il successivo 30 settembre concesse alle confraternite francescane di operare anche al di fuori del proprio ordine (Sacrosancti apostolatus).
  • Siccome alcuni abati regolari neoeletti mancavano di chiedere, come da tradizione, la benedizione al vescovo diocesano, il pontefice fissò l'obbligo di ricevere la benedizione entro un anno dalla nomina (Commissi nobis, 6 maggio 1725);
  • L'8 giugno 1725 pubblicò una raccolta di leggi (costituzione apostolica Ex quo divina). In essa stabilì che non può ritenersi salvo, anche rifugiandosi in una chiesa, colui che ha compiuto in modo proditorio un omicidio, ed anche l'uccisore del suo prossimo con premeditata decisione[5]. Nella stessa costituzione apostolica è contenuto un provvedimento riguardante i Cavalieri dell'Ordine di Malta in cui si disciplina il duello[6]; proibì inoltre ai sacerdoti di farsi crescere la barba e di vestirsi con abiti laici.
  • Il 14 giugno 1727 pubblicò la costituzione apostolica Maxima vigilantia con la quale stabilì per ogni sede episcopale e casa religiosa esistente in Italia l'obbligo di istituire un archivio[7]
  • Il 26 gennaio 1725 il pontefice riconobbe l'istituto di Fratelli delle scuole cristiane fondato dal religioso francese Giovanni Battista de La Salle;
  • Nel 1727 confermò i privilegi dell'Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro;
  • Nel 1729 riconobbe la Confraternita della Buona Morte (Bona Mors), che eresse in arciconfraternita.
  • Per favorire lo sviluppo di seminari diocesani, istituì una commissione speciale, la Congregazione dei seminari.

Decisioni in materia liturgica[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1725 il pontefice celebrò il giubileo universale della cristianità. Fautore della morigeratezza dei costumi, rinunciò alla carica di "Gran Penitenziere". Durante l'anno giubilare tenne un sinodo della Chiesa romana nella Basilica del Laterano[8];
  • Nello stesso anno approvò la pubblicazione del Memoriale rituum, con il quale consentì alle chiese minori (per esempio, le parrocchie con un solo sacerdote) di celebrare le Sante Messe che, nelle altre chiese, vanno celebrate con solennità[9]. Sempre nel 1725 emanò un provvedimento con il quale annullò le esenzioni al funerale religioso;
  • Nel 1726 introdusse nelle Litanie dei santi il nome di Giuseppe; nello stesso anno consentì ai fedeli di pregare la Madonna con il titolo di Beata Vergine Maria del Monte Carmelo; l'anno seguente aggiunse il titolo di Madonna dei Sette Dolori;
  • Nel 1727 riformò il Caeremoniale Episcoporum (Cerimoniale dei vescovi, modificato più volte nei secoli) stabilendo che fosse ripristinato l'uso originario (bolla Licet alias, 7 marzo 1727)[10].
  • Nel 1727 intervenne nella controversia dei riti malabarici, disputa che si trascinava da anni e riguardava il modo con cui i Gesuiti missionari in India avevano accolto le usanze locali nella liturgia cattolica. Il pontefice ingiunse i missionari ad uniformarsi ai decreti della Santa Sede[11];
  • Istituì la memoria liturgica di Giovanni da San Facondo nel giorno 12 giugno;

Relazioni con le chiese nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Repressione del giansenismo

Nel 1724 il clero francese propose al Papa di ritirare la costituzione apostolica Unigenitus Dei Filius, emessa da Clemente XI nel 1713 con la quale il predecessore aveva inteso sradicare il fenomeno del giansenismo. Il proveddimento aveva provocato però anche delle divisioni tra i vescovi, minando l'unità della Chiesa francese. La risposta di Benedetto giunse in occasione del sinodo della Chiesa romana avvenuto durante l'anno santo 1725. Il pontefice richiese agli appellanti un'incondizionata accettazione della bolla e incaricò l'Ordine domenicano di far rispettare le disposizioni della Santa Sede. Il 28 giugno 1728 pubblicò la bolla Pretiosus con la quale confermò che la teologia tomista è incompatibile con il pensiero di Giansenio e di Pasquier Quesnel. L'arcivescovo di Parigi, il molto influente Louis-Antoine de Noailles, si pronunciò a favore della bolla pontificia.

Chiesa olandese

Il pontefice scomunicò il vescovo olandese Cornelius van Steenoven, riconoscendo come illegale la sua consacrazione, avvenuta il 14 ottobre 1724[12]. Con la scomunica di Steenoven nacque quindi la Chiesa vetero-cattolica dei Paesi Bassi, considerata dai cattolici scismatica, anche se non eretica.

Decisioni riguardanti gli ebrei[modifica | modifica wikitesto]

Con la bolla Nuper pro parte dilectorum (8 gennaio 1726) assegnò una dote alle ragazze ebree neofite cristiane. Il 14 febbraio 1727 (Emanavit nuper) pubblicò le disposizioni necessarie per il battesimo degli ebrei. Il 21 marzo 1729 (Alias emanarunt) vietò agli ebrei di commerciare talune merci.

Relazioni con i monarchi europei[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di papa Benedetto XIII, conservato nella Basilica di San Paolo fuori le mura a Roma.
Sacro Romano Imperatore

Nel 1708 la città di Comacchio era stata sottratta alla Santa Sede; Clemente XI l'aveva rivendicata, ma Comacchio non era stata ancora restituita. Innocenzo XIII riuscì a convincere la Corte di Vienna, ma morì prima che si concludessero i negoziati. Benedetto XIII completò l'opera del predecessore. Il trattato che restituiva Comacchio alla Santa Sede fu firmato il 25 novembre 1724[13]. La restituzione di Comacchio divenne efficace il 20 febbraio dell'anno seguente. Come gesto di riconoscenza, Benedetto XIII accordò all'imperatore Carlo VI d'Asburgo le decime ecclesiastiche su tutti i dominii austriaci. Infine, il 30 agosto 1728 il pontefice riconobbe i privilegi dell'imperatore sul governo della chiesa siciliana.

Regno del Portogallo

Un'altra questione che Benedetto XIII aveva ereditato da Innocenzo XIII era la nomina del nuovo nunzio presso la corte di Giovanni V. Il re voleva che il nunzio uscente, Vincenzo Bichi, fosse promosso cardinale. Quando capì che Giovanni V mirava in realtà ad avere un cardinale di corona, Innocenzo XIII non accolse la sua richiesta. Benedetto continuò la linea del predecessore, ma dovette subire la ritorsione del re, che ritirò il cardinale Pereira, l'ambasciatore ed altri funzionari della Corte da Roma. Inoltre il re bloccò la nomina del successore di Bichi. Il pontefice cercò quindi la mediazione del re di Spagna Filippo V. Tra le corti di Madrid e di Lisbona vi erano buone relazioni, tanto che nel 1729 l'infanta del re di Spagna sposò l'erede al trono del Portogallo. C'erano così tutte le premesse per addivenire a un compromesso. Però l'anno successivo il pontefice morì, rimandando ancora una volta la soluzione della questione[14].

Regno di Sardegna

Dopo la guerra di successione spagnola le relazioni tra i Savoia e il papato si deteriorarono. La causa apparente fu il rifiuto da parte del duca Vittorio Amedeo II (che dal 1720 si fregiava del titolo di re di Sardegna) di rispettare i privilegi della Santa Sede sull'isola. Per reazione, il papa non aveva confermato le nomine vescovili già approvate dal duca. A causa delle tensioni createsi tra i due poteri, molte sedi vescovili dell'isola rimasero prive di guida pastorale. Per migliorare le relazioni con il papa, Vittorio Amedeo II inviò un nuovo ambasciatore a Roma nella persona del marchese Carlo Vincenzo Ferrero d'Ormea. Egli riuscì a far riconoscere Vittorio Amedeo II come re di Sardegna e, soprattutto, a stipulare nel 1727 un Concordato che normalizzò le relazioni fra i due Stati.

Mecenatismo ed opere realizzate a Roma[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Orsini a Benevento.

Nel 1724 Benedetto XIII approvò l'edificazione di un ospizio per le persone colpite dalle malattie della pelle, oggi Ospedale San Gallicano. Fu l'ultimo dei cinque ospedali storici di Roma ad essere fondato.

Edificazioni o restauri di chiese[15]:

Il pontefice consacrò la Chiesa di Santa Maria in Transpontina (1728). Riconsacrò le chiese di San Francesco di Paola e di San Giovanni Decollato dopo i lavori di restauro[15].

Nell'anno giubilare Benedetto XIII inaugurò la scalinata di Piazza di Spagna, per congiungere la chiesa della Trinità dei Monti con il piano stradale.

Benedetto XIII confermò i bandi di Innocenzo XI che vietavano il gioco del lotto[15].

Benedetto XIII e la cultura[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1727 il pontefice riconobbe l'Università di Camerino (fondata nel Medioevo) con la bolla Liberalium disciplinarum. Le facoltà erano quelle tradizionali: teologia, giurisprudenza, medicina e matematica.

Il pontefice pose sotto la propria protezione l'astronomo gesuita Francesco Bianchini.
Rimosse dall'Indice dei libri proibiti le opere del teologo francese Natalis Alexander.

Morte e sepoltura[modifica | modifica wikitesto]

Benedetto XIII morì il 21 febbraio 1730 a causa di una febbre catarrosa. Fu sepolto nella Basilica Vaticana il 25 febbraio. Il 23 febbraio 1733 i suoi resti sono stati traslati nella Basilica di Santa Maria sopra Minerva.

Canonizzazioni e beatificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Canonizzazioni_celebrate_da_papi § Pontificato_di_Benedetto_XIII.

Benedetto XIII ha canonizzato 10 santi in cinque cerimonie; inoltre ha canonizzato per equipollenza un'undicesima persona.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Beatificazioni_per_pontificato § Pontificato_di_Benedetto_XIII.

Il pontefice beatificò formalmente cinque Servi di Dio nel corso di cinque distinte cerimonie.

Diocesi create da Benedetto XIII[modifica | modifica wikitesto]

Fontana di Papa Benedetto XIII ad Urbino.

Elevazione a diocesi[modifica | modifica wikitesto]

  • 17 marzo 1727:

Nuove diocesi[modifica | modifica wikitesto]

Elevazione al rango di arcidiocesi[modifica | modifica wikitesto]

  • 11 settembre 1726 (bolla Inscrutabili divinae):

Concistori per la creazione di nuovi cardinali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Benedetto XIII.

Nel corso del suo pontificato Benedetto XIII consacrò 29 cardinali in dodici concistori. Tra essi, il futuro papa Benedetto XIV.

Il 23 luglio 1725 eresse il titolo cardinalizio di Santa Maria ad Martyres[19].

Intitolazioni[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Orsini a Benevento.

Il comune di Gravina in Puglia ricorda il suo cittadino più illustre con una statua bronzea, posta nella piazza che porta il suo nome. Anche Benevento ricorda il suo secondo fondatore con una statua nella piazza intitolata a lui medesimo, antistante il Duomo. L'attaccamento nei confronti di Benevento rimase sempre molto forte come testimonia lo storico Ludwig von Pastor che, nella sua Storia dei Papi, scrive che Orsini continuò a vivere nel "ricordo del lungo tempo passato colà, durante il quale la sua indole di pastore delle anime aveva potuto esplicarsi indisturbata; anche da Papa egli si sentiva a casa sua a Benevento, non a Roma"[20].

Causa di beatificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 febbraio 1931 papa Pio XI ha dato inizio alla causa di beatificazione, proclamando Benedetto XIII Servo di Dio. Il 24 febbraio 2012 papa Benedetto XVI ha aperto il processo di beatificazione e canonizzazione.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine supremo del Cristo

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palmerino Savoia, L'episcopato beneventano di papa Orsini, Acerra, 1973, p. 61 e segg.
  2. ^ Palmerino Savoia, L'episcopato beneventano di papa Orsini, Acerra, 1973, p. 157 e segg.
  3. ^ Oggi si trova in provincia di Avellino, ma all'epoca faceva parte della Curia Vescovile di Benevento.
  4. ^ Dopo l'elezione papale conservò la cattedra con il titolo di amministratore apostolico fino alla morte.
  5. ^ Officii nostri, w2.vatican.va. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  6. ^ Codice del sacro ordine militare gerosolimitano, Mallia 1782, p. 87.
  7. ^ Costituzione apostolica “Maxima vigilantia” del 14 giugno 1727, foederisarca.wordpress.com. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  8. ^ Si tratta di un concilio locale romano, non enumerato tra i concili ecumenici [1]
  9. ^ Padre Faustino Scarpazza, Decisioni dei Casi di Coscienza e di Dottrina Canonica, 1833, p. 150.
  10. ^ Giuseppe de Novaes, Elementi della storia de' sommi pontefici, 1806, vol. XIII, p. 140.
  11. ^ MALABARICI e CINESI, RITI, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  12. ^ Utrecht, Scisma di-, Sapere. URL consultato il 22 agosto 2013.
  13. ^ Giuseppe de Novaes, Elementi della storia de' sommi pontefici, 1806, vol. XIII, p. 63.
  14. ^ Giuseppe de Novaes, Elementi della storia de' sommi pontefici, 1806, vol. XIII, pp. 155-156.
  15. ^ a b c Benedetto XIII Pietro Francesco Orsini, info.roma.it. URL consultato il 1º ottobre 2016.
  16. ^ Nel 1986 le sedi episcopali di Sora, Aquino e Pontecorvo sono state unificate con la formula plena unione nella diocesi attuale.
  17. ^ Nel 1986 le sedi episcopali di Terracina, Sezze e Priverno sono state unificate con la formula plena unione nella diocesi attuale.
  18. ^ Nel 1986 le sedi episcopali di Fabriano e Matelica sono state unificate con la formula plena unione nella diocesi attuale.
  19. ^ Il titolo fu soppresso da Pio XI nel 1929.
  20. ^ Ludwig von Pastor, Storia dei Papi dalla fine del medio evo (vol. XV), Roma, Desclée, 1942, p. 540.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Innocenzo XIII 29 maggio 1724 - 21 febbraio 1730 Papa Clemente XII
Predecessore Cardinale presbitero di San Sisto Successore CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Rospigliosi 16 maggio 1672 - 3 gennaio 1701 Nicola Gaetano Spinola
Predecessore Prefetto della Congregazione del Concilio Successore Emblem Holy See.svg
Paluzzo Paluzzi Altieri degli Albertoni 4 gennaio 1673 - 28 gennaio 1675 Federico Baldeschi Colonna
Predecessore Arcivescovo metropolita di Manfredonia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Benedetto Cappelletti 28 gennaio 1675 - 22 gennaio 1680 Tiberio Muscettola, C.O.
Predecessore Vescovo di Cesena
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Giacomo Fantuzzi 22 gennaio 1680 - 18 marzo 1686 Jan Kazimierz Denhoff
Predecessore Arcivescovo metropolita di Benevento Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Girolamo Gastaldi 18 marzo 1686 - 21 febbraio 1730 Niccolò Coscia
Predecessore Cardinale vescovo di Frascati Successore CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Acciaiuoli 3 gennaio 1701 - 18 marzo 1715 Sebastiano Antonio Tanara
Predecessore Cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina Successore CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Acciaiuoli 18 marzo 1715 - 29 maggio 1724 Fabrizio Paolucci
Predecessore Sottodecano del Collegio Cardinalizio Successore Sede vacante.svg
Niccolò Acciaiuoli 18 marzo 1715 - 29 maggio 1724 Fabrizio Paolucci
Controllo di autorità VIAF: (EN7549012 · LCCN: (ENn88274527 · ISNI: (EN0000 0001 2095 538X · GND: (DE119539780 · BNF: (FRcb13530663m (data) · ULAN: (EN500121836 · BAV: ADV10974637 · CERL: cnp00406634