Mondilio Orsini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mondilio Orsini
patriarca della Chiesa cattolica
PatriarchNonCardinal PioM.svg
Tu me Deo dicasti, me tibi Deus fidit
 
Incarichi ricoperti
 
Nato22 luglio 1690
Ordinato presbitero24 giugno 1713
Consacrato arcivescovo23 luglio 1724
Elevato patriarca23 marzo 1729
Deceduto1º febbraio 1751
 

Mondilio Orsini (Solofra, 22 luglio 1690Capua, 1º febbraio 1751) è stato un patriarca cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di papa Benedetto XIII, la famiglia d'origine era molto rinomata. Il suo nome di battesimo Mondilio deriva da Remondello, già diminutivo di Raimondo.

Il 26 giugno 1724 fu nominato arcivescovo titolare di Corinto. Il 21 marzo 1728 fu trasferito dai vescovati di Melfi e Rapolla all'arcivescovato di Capua, facendo il suo ingresso il 18 aprile dello stesso anno[1]. Prima di tale nomina, l'arcivescovo già compare nella storia della metropolia campana: legato del papa Benedetto XIII, suo zio, fu protagonista della seconda consacrazione della cattedrale, fatta restaurare per volontà del capitolo. Come arcivescovo di Capua riorganizzò il Seminarium Campanum. Nominò Francesco Granata suo vicario generale[2]. Si dedicò, inoltre, alla catechesi dei fanciulli capuani senzatetto[3]. Molto attento alla liturgia, lasciò un fitto arredo alla cattedrale di Capua[3]. Il 19 dicembre 1743 rinunciò al vescovato di Capua.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Antonio Granata, Storia sacra della chiesa metropolitana di Capua, Napoli 1766, p 177.
  2. ^ Granata, Storia sacra della chiesa metropolitana di Capua, p. 179.
  3. ^ a b Granata, Storia sacra della chiesa metropolitana di Capua, p. 177.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]