Francesco Barberini (cardinale 1690)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Barberini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Francesco Barberini junior.jpg
Template-Cardinal (Bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato12 novembre 1662, Roma
Ordinato diacono26 settembre 1700
Ordinato presbitero15 settembre 1715
Nominato vescovo3 marzo 1721 da papa Clemente XI
Consacrato vescovo16 marzo 1721 dal cardinale Fabrizio Paolucci
Creato cardinale13 novembre 1690 da papa Alessandro VIII
Deceduto17 agosto 1738, Roma
 

Francesco Barberini (Roma, 12 novembre 1662Roma, 17 agosto 1738) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma il 12 novembre 1662, era il pronipote di un omonimo cardinale.

Papa Alessandro VIII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 13 novembre 1690 e ricevette la diaconia di Sant'Angelo in Pescheria il 27 novembre dello stesso anno.

Nel 1704 fu nominato abate commendatario di Farfa e Subiaco.

Il 6 maggio 1715 optò per l'ordine dei presbiteri e ricevette il titolo di San Bernardo alle Terme Diocleziane.

Fu ordinato presbitero il 15 settembre 1715.

L'11 maggio 1718 optò per il titolo di Santa Prassede.

Il 3 marzo 1721 optò per l'ordine dei vescovi e ebbe la sede suburbicaria di Palestrina. Il 16 marzo dello stesso anno fu ordinato vescovo dal cardinale Fabrizio Paolucci.

Il 22 giugno 1726 fu nominato prefetto della Congregazione dei vescovi e regolari.

Il 1º luglio 1726 optò per le sedi suburbicarie di Ostia e Velletri.

Morì a Roma il 17 agosto 1738 all'età di 75 anni e fu sepolto nella chiesa di Sant'Andrea della Valle e in seguito trasferito nella chiesa di Santa Rosalia a Palestrina.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo cardinalato Francesco Barberini partecipò ai seguenti conclavi:

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27058794 · ISNI (EN0000 0000 8105 2814 · GND (DE141879017 · BNF (FRcb116509167 (data) · BAV ADV10286059