Raulo Costanzo Falletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raulo Costanzo Falletti
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Cagliari
Nato 10 maggio 1675, Torino
Ordinato presbitero 4 ottobre 1705
Nominato arcivescovo 16 dicembre 1726
Consacrato arcivescovo 16 febbraio 1727
Deceduto 1º gennaio 1748, Cagliari

Raulo Costanzo Falletti dei marchesi di Barolo (Torino, 10 maggio 1675Cagliari, 1º gennaio 1748) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu vicario generale della diocesi di Alba e visitatore di diverse diocesi. Ebbe l'incarico di elemosiniere del re Vittorio Amedeo II e da questi fu designato all'arcidiocesi di Cagliari.

La questione dello jus praesentandi[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Cagliari era vacante da quattro anni: il re di Sardegna pretendeva di nominare l'arcivescovo come i suoi antecedenti delle dinastie d'Asburgo e dei conti di Barcellona, mentre la Santa Sede si opponeva perché il privilegio era stato concesso a Giacomo II d'Aragona ed ai suoi successori, mentre i Savoia erano diventati re di Sardegna non per successione bensì in forza di un trattato internazionale[1]. Il problema, che era diventato una questione di principio, fu risolto diplomaticamente dal cardinale e teologo Prospero Lorenzo Lambertini, per cui il papa Benedetto XIII con decreto del 25 ottobre 1726 ribadì il proprio diritto ma concesse a Vittorio Amedeo II ed ai suoi successori di esercitare lo jus praesentandi (cioè il diritto di proporre i vescovi per le sedi vacanti) in quanto si era trovata una discendenza diretta da Giacomo II d'Aragona[2].

Monsignor Falletti fu il primo arcivescovo di Cagliari nominato da un re della dinastia dei Savoia.

Attività pastorale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1727 fondò a Lanusei un convento per l'ordine francescano[3]. Il suo governo fu prudente[2] e saggio[3], molto attento all'elemosina[2].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo ministero, nel 1731, fu nominato viceré di Sardegna il fratello Girolamo. Alla morte di questi, nel 1735, Raulo assunse interinalmente il governo del regno[4], nell'attesa del nuovo viceré, Prospero Posavino. Anche la sua breve azione politica è considerata positiva e saggia[2].

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì a Cagliari il 1º gennaio 1748, nell'esercizio delle sue funzioni. Fu sepolto nella cattedrale, nel monumento che si era lui stesso fatto costruire, di fronte a quello del fratello Girolamo, nella cappella di Santa Barbara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si vedano le voci Guerra di successione spagnola e Trattato di Londra (1718).
  2. ^ a b c d Pala, n. 20.
  3. ^ a b Casula.
  4. ^ Dalle lapidi poste nei monumenti funebri dei due fratelli, fatti costruire da Raulo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Cesare Casula, Dizionario storico sardo, L'unione sarda, Cagliari, 2006, pagine 1305-1306 (volume 5), ad vocem.
  • Alberto Pala, I vescovi di Cagliari. 1726-1748 Raulo Costanzo Falletti, in L'eco della primaziale di Cagliari, numeri 20 e seguenti, stampato in proprio, 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie