Metal Gear Solid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il gioco per Game Boy Color, vedi Metal Gear Solid (videogioco 2000).
Metal Gear Solid
Metal Gear Solid logo.svg
Il logo di Metal Gear Solid
Sviluppo Konami KCEJ
Pubblicazione Konami
Ideazione Hideo Kojima
Serie Metal Gear
Data di pubblicazione PlayStation
Giappone 3 settembre 1998[1]
Stati Uniti 21 ottobre 1998[1]
Europa 26 febbraio 1999[1]
Windows
Stati Uniti 24 settembre 2000[2]
Europa 20 ottobre 2000[2]
PlayStation Network
Giappone 21 marzo 2008[1]
Stati Uniti 18 giugno 2009[1]
Europa 19 novembre 2009[1]
Genere Azione, Stealth
Tema Fantascienza, Fantapolitica, Spionaggio, Terrorismo, Eugenetica
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma PlayStation, Microsoft Windows, PlayStation 3, PlayStation Portable, PlayStation Vita
Distribuzione digitale PlayStation Network
Fascia di età ACB: 15
CERO: 15
DJCTQ: 16
ELSPA: 15-17
ESRB: M
OFLC (NZ): 16
PEGI: 18, violenza
USK: 12
Periferiche di input Gamepad
Preceduto da Metal Gear 2: Solid Snake
Seguito da Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty
« I geni esistono per trasmettere i nostri sogni e le nostre speranze nel futuro, attraverso i nostri figli. La vita è un collegamento con il futuro. Tutta la vita. Amandoci l'un l'altro, imparando l'uno dall'altro... è solo così che possiamo cambiare il mondo. Finalmente l'ho capito. Il vero significato della vita... »
(Naomi Hunter, rivolta a Snake, nell'epilogo del gioco)

Metal Gear Solid (メタルギアソリッド Metaru Gia Soriddo?) è il terzo titolo in ordine di uscita (quarto, se si considera anche lo spin-off Snake's Revenge) della serie di videogiochi Metal Gear ideata da Hideo Kojima. Metal Gear Solid è uscito nel 1998 su PlayStation: il suo successo commerciale (oltre 6 milioni di copie vendute in tutto il mondo)[3] ha portato il titolo anche su PC con una nuova versione, Integral.[4] Metal Gear Solid per PlayStation è l'unico titolo della serie ad essere stato doppiato in italiano.[5]

Nel primo trimestre del 2004 è stato pubblicato un remake intitolato Metal Gear Solid: The Twin Snakes per la piattaforma Nintendo GameCube, in cui un nuovo doppiaggio inglese, miglioramenti grafici e controlli di gioco simili a Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty sono le principali peculiarità.[6]

Su questo capitolo della saga è stato pubblicato nel 2008 anche un romanzo, scritto da Raymond Benson.[7] Alla pubblicazione del gioco, Kojima ha dichiarato che il termine "Solid" nel titolo del gioco non ha a che vedere solo con il nome del protagonista Solid Snake,[8][9] ma indica anche il passaggio dalla bidimensionalità grafica dei capitoli precedenti alla tridimensionalità di quest'ultimo, ossia da una grafica piana ad una grafica per l'appunto solida.[10][11]

Dal 18 giugno 2009 è possibile scaricare Metal Gear Solid per PlayStation 3, PlayStation Portable e PlayStation Vita tramite PlayStation Network[12]. In Europa la pubblicazione sullo Store PlayStation è avvenuta il 19 novembre dello stesso anno.[13]

Il 22 gennaio 2002, in prossimità quindi del termine di rilascio dei titoli per la prima generazione PlayStation, IGN ha piazzato Metal Gear Solid al primo posto come miglior videogioco di tutti i tempi, scavalcando colossi come Final Fantasy VIII, Tekken 3, Resident Evil 2, Driver, Gran Turismo 2 e Castlevania.[14]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Mare di Bering, anno 2005. L'ex agente speciale Solid Snake[8][9] della FOX-HOUND viene prelevato con la forza dalla sua casa in Alaska e messo in contatto con il colonnello Roy Campbell: dovrà svolgere una missione nell'impianto di smaltimento di testate nucleari sull'isola di Shadow Moses, nell'arcipelago delle isole Fox. L'impianto è stato occupato da terroristi guidati dagli attuali membri dell'unità FOX-HOUND capeggiati da Liquid Snake: come Solid Snake nota in una fotografia, le sue fattezze e quelle di Liquid sono praticamente identiche. I terroristi vogliono i resti di Big Boss e pretendono un riscatto in denaro al governo degli Stati Uniti, minacciando nel caso in cui tali richieste non vengano soddisfatte di scagliare un attacco nucleare sul territorio americano. La FOX-HOUND agisce in alleanza con il corpo speciale Next Generation, una squadra di soldati senza alcuna reale esperienza di battaglia ma con un'elevata preparazione ottenuta nell'addestramento in Realtà Virtuale. L'obiettivo di Snake è infiltrarsi nella base, capire se i terroristi hanno realmente la capacità di lanciare una testata nucleare e, se così fosse, impedirne il lancio; deve inoltre salvare il presidente della ArmsTech, Kenneth Baker, e il direttore della DARPA, Donald Anderson, entrambi trattenuti dai terroristi come ostaggi. Il colonnello, in confidenza, chiede a Snake di salvare anche sua nipote Meryl, presente nella struttura sequestrata. Prima di partire, la dottoressa Naomi Hunter gli pratica un'iniezione di nanoidi e di peptidi anticongelanti, per prevenirne il congelamento viste le temperature artiche che dovrà affrontare.

Missione[modifica | modifica wikitesto]

Snake accetta l'incarico e si infiltra nella base via mare con attrezzature da immersione. Raggiunge l'eliporto, dove fa conoscenza via Codec con Mei Ling, e nota il capo dei terroristi, Liquid, salire su un Hind D per contrastare un attacco aereo ordinato dal colonnello come diversivo per facilitare l'infiltrazione di Snake. Oltrepassato l'eliporto e il deposito dei carri armati, viene contattato dal suo vecchio maestro McDonnel "Master" Miller che gli offrirà supporto per tutta la missione.

Snake accede alla cella dove è imprigionato il direttore della DARPA attraverso il sistema di ventilazione. L'uomo informa Snake che i terroristi non solo dispongono di un armamento nucleare, ma anche di una nuova, rivoluzionaria arma capace di lanciare missili atomici: il carro armato bipede sviluppato segretamente a Shadow Moses dal nome in codice Metal Gear REX, che si trova in un hangar della base. Per poter attivare il REX e lanciare una testata nucleare bisogna immettere due codici di lancio, uno dei quali è in possesso di Kenneth Baker (tenuto prigioniero in un piano interrato non lontano) mentre l'altro, confessa Anderson, gli è stato letto nella mente dal telepate del gruppo FOX-HOUND Psycho Mantis. Il modo migliore per disarmare i terroristi, continua Anderson, sembra essere l'inserimento di tre chiavi PAL nel terminale di comando, e che sono in possesso di Baker. Anderson chiede a Snake se la Casa Bianca ha intenzione di sottostare alle richieste dei terroristi ma Snake risponde che non ne sa niente e che non è affar suo. Subito dopo il direttore della DARPA muore improvvisamente, colto da quello che sembra essere un infarto. Uscito dalla cella, Snake si imbatte in un'ignota donna soldato che, dopo averlo aiutato a combattere alcune guardie, fugge subito via attraverso un ascensore. Subito dopo, Snake ha un breve visione indotta da Psycho Mantis.

Solid Snake al riparo dietro un carro armato.

Sfruttando le informazioni di Anderson, Snake trova Kenneth Baker, rinchiuso al secondo piano interrato della struttura e legato a un pilastro tramite fili collegati a del C-4, ma prima di poterlo liberare è ingaggiato in una sparatoria contro Revolver Ocelot, un membro della FOX-HOUND. Un misterioso ninja irrompe improvvisamente durante il combattimento, tagliando di netto la mano destra di Ocelot e l'esplosivo al quale è collegato Baker, liberandolo; Ocelot fugge e il ninja scompare, colto da una crisi, mentre Snake aiuta Baker a riprendersi. Il presidente rivela che il suo codice di lancio è in possesso dei terroristi: infatti pur riuscendo a resistere alla lettura mentale di Psycho Mantis (grazie a degli innesti nel cervello) ha ceduto dopo le torture fisiche di Ocelot. Baker rileva che anche il direttore della DARPA è dotato di innesti mnemonici per proteggere il proprio codice, ma Snake è stranito da questa informazione in quanto Anderson gli aveva rivelato che i terroristi avevano scoperto il suo codice proprio leggendogli la mente; ad ogni modo i terroristi ora sono in grado di lanciare la testata e l'unica speranza per impedire il lancio è usare le tre schede PAL di blocco d'emergenza. Baker afferma di non avere più le chiavi ma di averle date ad una donna soldato che ha categoricamente rifiutato di unirsi alla ribellione di FOX-HOUND. Baker parla poi a Snake dell'unico uomo capace di dirgli il metodo migliore per distruggere il REX nel caso il PAL non dovesse funzionare: si tratta dell'ingegnere capo del progetto REX, Hal "Otacon" Emmerich, che si trova nel secondo complesso della base. Baker dà a Snake un disco ottico con tutte le informazioni raccolte sul Metal Gear REX e la frequenza codec della donna soldato precedentemente incontrata da Snake, alla quale ha lasciato le schede di sicurezza PAL valide per evitare il lancio. Afferma inoltre di aver riconosciuto il ninja come «il piccolo, oscuro segreto della FOX-HOUND», un soldato genetico sperimentale. Snake gli chiede perché il direttore della DARPA e lui si trovassero nella base in quel momento: Baker risponde che dovevano eseguire un test per verificare i dati teorici del Metal Gear REX nella pratica. Alla domanda sul perché erano necessari test se l'arma utilizzava una tecnologia già conosciuta, Baker viene improvvisamente colpito dallo stesso malore del direttore della DARPA; accusando il Pentagono della sua morte, si accascia inerme dopo aver detto a Snake che "loro" lo stanno usando, non riuscendo ad aggiungere altro.

Snake entra in contatto con la donna soldato che altri non è che Meryl Silverburgh, la nipote del colonnello Campbell, e con il suo aiuto riesce ad accedere in un nuovo settore del complesso di Shadow Moses, il deposito di stoccaggio delle testate nucleari smantellate, ma prima di arrivarci ha uno scontro con un altro membro FOX-HOUND, Vulcan Raven, che lo attacca da un Carro M1, ma l'infiltrato ha la meglio. Anche grazie all'aiuto di un personaggio che lo contatta via Codec dall'interno della base e che si fa chiamare "Gola Profonda", Snake trova il Dottor Emmerich al secondo piano interrato della struttura di stoccaggio e, dopo aver sconfitto a mani nude il cyborg ninja (che scopre essere Frank Jaeger, il vecchio amico Gray Fox creduto morto nella missione di Zanzibar Land) che l'ha soccorso contro Ocelot, salva lo scienziato. Snake entra in contatto con Meryl per avvisarla del recupero dell'ingegnere e, dopo aver registrato la frequenza Codec di Otacon, si ricongiunge con lei. Nell'ufficio del comandante, Meryl cadrà di nuovo sotto il controllo di Psycho Mantis, al punto da mirare verso il compagno con la sua Desert Eagle. Snake riesce a stordirla, riuscendo finalmente a sfidare il telepate e sconfiggerlo (con una tecnica ideata da Kojima senza precedenti su PlayStation, in cui il giocatore dovrà cambiare porta del controller per evitare che l'avversario preveda le sue mosse). Meryl recupera i sensi e insieme si avviano verso le torri di comunicazione, ma qui la ragazza viene ferita gravemente da un temibile cecchino, la bellissima e mortale Sniper Wolf, membro di FOX-HOUND, che tenta di usarla come esca per arrivare a Snake. L'uomo torna al deposito delle armi per recuperare un PSG-1 per sconfiggere Wolf, e quando arriva alla torre di comunicazione riesce ad avere la meglio contro il cecchino, ma Meryl è sparita. Avanzando, Snake viene disarmato e catturato da Wolf, ferita ma sopravvissuta allo scontro.

Al suo risveglio si ritrova legato ad una macchina da tortura, manovrata da Ocelot. Il giocatore ora ha due possibilità, che influenzeranno il finale del gioco: cedere alla tortura ma consegnando ai terroristi la vita di Meryl che prenderà il suo posto sulla macchina, oppure resistere al supplizio (per farlo il giocatore dovrà premere a lungo e ripetutamente il tasto ○). Alla fine della tortura Snake viene rinchiuso in una cella, ma è in possesso di nuove informazioni: il Metal Gear REX esiste ed è armato con testate nucleari, e i terroristi sono pronti a lanciare alla scadenza dell'ultimatum. Scopre inoltre che per annullare il lancio avrà bisogno di altre due schede PAL, oltre quella ricevuta da Meryl. Nella cella con Snake c'è anche il corpo del direttore della DARPA Donald Anderson, morto poche ore prima davanti a lui ma stranamente già in avanzato stato di decomposizione. Con l'aiuto di Otacon, che gli offre supporto via Codec, riesce a fuggire dalla cella grazie a un ingegnoso stratagemma (versando del ketchup consegnatogli da Otacon sul pavimento della cella e fingendosi morto agli occhi della guardia), recupera la sua attrezzatura e avanza nella struttura, raggiungendo il tetto delle torri di comunicazione dove avrà uno scontro diretto con Liquid, che lo attacca dall'Hind D, uscendone vittorioso. Dopo aver sceso la seconda torre di comunicazione, Snake attraversa un nevaio dove incontra nuovamente Sniper Wolf: ignorando la richiesta via Codec di Otacon, che lo implora di risparmiare la vita della donna, Snake elimina il cecchino con un colpo al polmone, vendicando l'aggressione su Meryl. In punto di morte, Wolf racconta all'uomo che l'ha uccisa la triste infanzia che ha vissuto, e del ruolo importante di Big Boss nel suo salvataggio. Mentre Otacon giunge sul posto in lacrime dichiarando il suo amore alla donna, Snake si rende conto del grande valore della sua avversaria, che si scusa con lui dell'attacco sferrato a Meryl, e, sotto richiesta della donna, le punta la pistola Socom al cuore e le spara, ponendo fine alla sua vita (o, come dice la stessa Wolf, "liberandola"). Le strade di Otacon e Snake si separano di nuovo: il primo si dirige agli uffici di Baker per ottenere informazioni sul Metal Gear, il secondo scende verso la fornace, diretto alla base del REX.

Superata la fornace e sceso nel cuore della base con due montacarichi, viene contattato da Master Miller, che gli rivela di aver scoperto che la dottoressa Naomi Hunter è una spia in contatto coi terroristi, che Donald Anderson e Kenneth Baker non sono morti per infarto bensì a causa del virus FOXDIE, controllato dal Governo, e che la dottoressa nell'iniezione di nanoidi all'inizio della missione ha anche infettato Snake col virus mortale. Il colonnello Campbell la mette subito agli arresti ma Naomi, da un altro codec, riesce a contattare Snake per spiegargli la sua versione dei fatti: in principio voleva vendicare la morte del fratello, Frank Jaeger (suo unico parente rimasto in vita, che si credeva assassinato proprio da Snake), ma poi ha dovuto ricredersi. In preda alle lacrime per la commozione, Naomi svela anche che l'iniezione del FOXDIE era stata programmata come parte integrante dell'operazione da parte del Governo. Prima di poter aggiungere altri dettagli, il colonnello scopre la conversazione tra i due e interrompe la trasmissione, intimando a un adiratissimo Snake di proseguire la missione, ignorando le sue richieste di spiegazioni e la sua rabbia nei confronti del comandante.

Snake raggiunge un'area ghiacciata dove sono stipate grandi casse di munizioni e razioni, e qui incontra nuovamente il gigantesco sciamano di FOX-HOUND, Vulcan Raven, stavolta potendolo sfidare faccia a faccia. Nonostante l'avversario sia dotato di mitragliatrice Vulcan, è costretto a soccombere, ma, prima di morire, rivela a Snake che l'uomo che ha visto morire nella cella nella prima struttura, il direttore della DARPA, non era altri che Decoy Octopus, membro di FOX-HOUND specialista nell'inganno, in grado di copiare anche il sangue della sua vittima. Snake, con la testa piena di domande senza risposta, riesce a raggiungere il cuore della base, dove è situato l'imponente Metal Gear REX. Mentre raggiunge la sala comandi per annullare i codici di detonazione, viene contattato da Otacon, che gli spiega di aver ottenuto accesso ai file top-secret di Baker e di aver scoperto che le testate montate sul REX sono di tipo stealth. Porta anche buone notizie, rivelando che la tessera PAL in possesso di Snake, quella necessaria per impedire il lancio, è a memoria di conformazione, in grado cioè di cambiare forma a seconda della temperatura con cui viene a contatto; quindi Snake con una sola scheda è già in possesso di tutti e tre i codici. Dopo aver inserito la scheda della temperatura ambiente, inserisce la scheda della bassa temperatura, avendola fatta freddare nella cella frigorifera dove ha sfidato Raven, e quella dell'alta temperatura, dopo averne modificato la lega tornando nella rovente fornace. Al terzo inserimento però scopre invece di aver attivato il Metal Gear, che non era stato attivato dai terroristi, avendo quindi involontariamente aiutato i terroristi ad abilitare il REX al lancio.

Snake viene prontamente contattato da Master Miller, che lo ringrazia per averlo aiutato ad attivare la testata. Nella trasmissione si intromette Campbell, che afferma di aver appena rinvenuto il corpo di McDonnel Miller, deceduto nella sua abitazione da tre giorni, e che quindi Snake ha parlato per tutta la missione con un impostore, che si rivela essere lo stesso Liquid. Snake, con l'aiuto di Otacon, esce dalla sala di comando satura di gas nervino e raggiunge il rivale, che prima di saltare nel REX per prenderne il comando, rivela di essere il fratello gemello di Snake, nati in laboratorio dalle cellule di Big Boss, e gli racconta il motivo dell'inganno. Prima dell'arrivo di Snake sull'isola, i poteri di Psycho Mantis non erano riusciti a penetrare nella mente del direttore della DARPA, quindi Ocelot decise di usare la sua macchina della tortura per estorcergli le informazioni, sperando di ottenere lo stesso risultato positivo ottenuto con il presidente Baker, ma Anderson continuava a resistere alle scariche elettriche, così Ocelot aumentò la potenza al limite, e questo portò il direttore alla morte prima che potesse rivelare il suo codice. I terroristi erano preoccupati: con il solo codice di Baker non erano in grado di lanciare la testata, e il Governo degli Stati Uniti non avrebbe mai accolto le loro richieste. Così decisero di usare Decoy Octopus per impersonare il direttore della DARPA, in modo da raggirare Snake, che per fermare il lancio avrebbe dovuto utilizzare le tessere PAL. Octopus, imitando il sangue della sua vittima, ne aveva assorbito anche il FOXDIE presente, morendo quindi durante l'incontro, ma Snake successivamente aveva scoperto il funzionamento della tessera PAL con l'aiuto di Otacon, procedimento che i terroristi non erano stati in grado di scoprire. Facendo credere che il REX fosse armato e pronto, Liquid ha indotto Snake a inserire i codici che, se la testata fosse stata attiva, avrebbero disattivato il Metal Gear che alla fine è stato invece attivato.

Liquid entra nel Metal Gear e ne prende il comando e Snake si ritrova costretto a distruggere il REX con l'aiuto dei suoi missili Stinger, colpendone ripetutamente il radome e costringendo il portellone ad aprirsi. Durante la battaglia sopraggiunge Frank Jaeger, che svela di essere l'informatore "Gola Profonda" e di non essere il fratello di Naomi bensì il suo tutore, avendone ucciso i genitori quando era piccola e nascondendole la verità. Chiede a Snake di raccontare alla dottoressa quanto appena confessato e salta sul REX, sparando al radome distruggendolo definitivamente, poco prima di morire schiacciato dal Metal Gear. Snake riesce poi a distruggere anche i meccanismi interni del REX, facendolo saltare in aria. Liquid, sopravvissuto all'esplosione, porta Snake in cima ai resti del Metal Gear per combattere con lui corpo a corpo. Qui Liquid racconta tutta la verità al fratello: il Pentagono ha iniettato il FOXDIE a Snake per far sì che entrasse in contatto con tutti i soldati genetici infettandoli, in modo che il Governo potesse recuperare la preziosissima arma senza danni. Snake viene contattato dal colonnello, che si scusa con l'amico per avergli mentito, spiegando però che la vita della nipote Meryl era nelle loro mani e che quindi era obbligato a collaborare. Interrompe la trasmissione il Segretario della Difesa, Jim Houseman, che informa di aver arrestato il colonnello per aver rivelato informazioni riservate. Dopo aver scoperto che Snake non è più in possesso del disco ottico contenente i dati del REX, dà ordine di attaccare Shadow Moses con un'incursione aerea e interrompe la chiamata.

Alle spalle di Snake, il corpo di Meryl giace vicino ad una bomba con timer impostato a tre minuti. Dopo aver sconfitto ancora una volta il fratello, Snake si avvicina a Meryl che, a seconda della scelta fatta dal giocatore nel momento della tortura, si risveglierà o giacerà inerme tra le braccia del compagno. Se la ragazza è viva, Snake scapperà dalla base con lei a bordo di un'auto, ingaggiando un'ultima sfida con Liquid che li insegue su un altro veicolo, sparandogli contro con un fucile automatico FAMAS; se la ragazza è morta, il compagno di Snake in quest'ultima fase sarà Otacon. Alla fine di un lungo tunnel che attraversa il complesso fino alla superficie, i due hanno un incidente tra le auto; Liquid si rialza ferito dalla sua, intenzionato a sparare al fratello, ma proprio in quel momento si attiverà il virus FOXDIE nel suo corpo che lo uccide. Il codec di Snake suona e a rispondere è il colonnello, che lo informa che il Segretario della Difesa agiva per conto proprio, all'oscuro del Presidente, e che quindi è stato arrestato e il suo ordine di attacco aereo revocato. Campbell passa poi la chiamata a Naomi, che alla domanda di Snake che le chiede quanto gli resta da vivere risponde dicendogli di vivere la sua vita giorno per giorno, nulla di più. Nonostante la promessa fatta al compagno deceduto, Snake, prima di allontanarsi dall'isola di Shadow Moses con una motoslitta, racconta a Naomi del gesto eroico di Frank Jaeger, omettendo la cruda verità che Gray Fox gli aveva chiesto di rivelarle.

La scena finale, a schermo nero, fa sentire la telefonata tra Revolver Ocelot e il Presidente degli Stati Uniti d'America, che si scoprirà essere il terzo dei figli di Big Boss, Solidus. In questa telefonata Ocelot non solo svela di aver previsto ogni avvenimento e di aver agito sotto ordini del Presidente, ma anche che è entrato in possesso dei dati del REX sottratti a Snake, che verranno venduti sul mercato nero e daranno il via ad una produzione in larghissima scala di vari modelli di Metal Gear, tra cui i Gekko e il RAY. E proprio questa diffusione di informazioni è alla base del sequel Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty e dei capitoli successivi.

Progetto "Les enfants terribles"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1972 nasce ufficialmente il progetto "Les Enfants Terribles". L'utopia del soldato perfetto ha da sempre affascinato i governi, e specialmente i Ministeri di Difesa di tutto il mondo: un soldato in grado di resistere a qualsiasi condizione psicologica e fisica, capace delle più raffinate tecniche di combattimento e strategiche, forte e intelligente allo stesso tempo, resistente a qualsiasi malattia, con una naturale predisposizione alle battaglie, fa gola a qualunque ente militare. Il progetto in questione propugnava pertanto la clonazione del miglior soldato mai esistito: Big Boss, il "soldato leggendario". L'esperimento di ingegneria genetica decise di creare otto cloni, gemelli fra loro, tutti con gli stessi geni del grande Big Boss. Gli scienziati che si occupavano del processo di clonazione decisero che sei di questi otto cloni venissero soppressi prima della nascita per dar modo ai restanti due di perfezionarsi al meglio. Questi due gemelli cloni di Big Boss sono nient'altro che Solid e Liquid Snake. L'esperimento, inoltre, prevedeva che a Liquid andassero i geni dominanti, mentre a Solid quelli recessivi. Per tutta la storia di Metal Gear, Liquid crede di essere lui quello con i geni recessivi e che Solid abbia quelli dominanti; anche Solid la pensa allo stesso modo e ciò ha generato un odio reciproco tra i due fratelli. In realtà però non sono solo due i gemelli-clone nati dai geni di Big Boss: un terzo gemello, chiamato Solidus Snake, è stato salvato e fatto crescere come gli altri due. Questi altri non è che il presidente degli U.S.A.. Ciò viene sottilmente spiegato alla fine del gioco.
Il difetto di questo progetto è che i cloni soffrono di invecchiamento precoce, per far sì che il DNA di Big Boss non cada in mani altrui (e, infatti, ai cloni sono state tolte le capacità di riproduzione ed è stata accorciata la durata della vita). Questo spiega poiché in Metal Gear Solid 4: Guns of the Patriots Snake appare quasi coetaneo del colonnello Campbell, mentre Otacon mantiene ancora la sua giovane età.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione del radar Soliton: il cono blu è il campo visivo di una guardia, quello giallo di una telecamera. Il cono verde è il campo visivo del protagonista nella visuale in prima persona. Il cono rosso, qui non rappresentato, indica il campo visivo di un nemico allarmato o sospettoso.

A parte la trasposizione in 3D, il gameplay di Metal Gear Solid rimane simile al suo antecessore (Metal Gear 2: Solid Snake) in 2D. Il giocatore deve guidare il protagonista, Solid Snake, attraverso le aree del gioco evitando di essere scoperto dai nemici.[15] Si viene scoperti entrando nel cono visivo del nemico. Qualora questo succeda si attivano un ciclo di tre fasi:

  • "alert mode" (stato di allerta): i nemici accorrono nel punto in cui si è stati avvistati ed il radar viene oscurato. Per uscire dalla alert mode Snake deve trovare il modo di nascondersi agli occhi nemici;
  • "evasion mode" (stato di evasione): quando i nemici perdono di vista Snake subito cominciano a cercarlo attivamente. Questa fase è tanto più lunga quanto più si rimane in prossimità del punto in cui il nemico ha perso le tracce di Snake;
  • "infiltration mode" (stato di infiltrazione): è la fase normale del gioco, dove il nemico non è al corrente della presenza di Snake nelle prossime vicinanze.

Per non essere scoperti, Snake può strisciare, usare scatole di cartone come copertura, fare affidamento al radar, appiattirsi contro i muri e fare rumore per attirare l'attenzione e depistare i nemici.

La telecamera, generalmente posizionata in alto dietro Snake, cambia angolazione automaticamente per dare al giocatore la migliore visuale possibile. Durante il gioco è possibile utilizzare la visuale soggettiva e spostarla nelle quattro direzioni su, giù, destra e sinistra. Nel radar in alto la visuale soggettiva è rappresentata da un cono verde.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

I personaggi principali di questa storia sono: Solid Snake, Liquid Snake, Meryl Silverburgh, Revolver Ocelot, Hal "Otacon" Emmerich, Gray Fox, Sniper Wolf, Psycho Mantis, Decoy Octopus e Vulcan Raven.

Solid Snake[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Solid Snake.

Soldato speciale adottato per una missione di infiltrazione solitaria in uno dei luoghi più isolati come l'Alaska. Viene paragonato in vari casi a Clint Eastwood: abile con la pistola, aria da duro e apprezzato dalle donne. In lui scorre il sangue di Big Boss, il soldato più grande di tutti i tempi, dal quale lui ed i suoi fratelli Liquid e Solidus (che in futuro affronterà), sono stati clonati.[8][9] Ex-membro della FOX-HOUND, un'organizzazione segreta fondata dallo stesso Big Boss mirata all'addestramento di soldati unici pronti ad affrontare missioni speciali di infiltrazione, si ritira in Alaska in solitudine dopo la cruenta missione di Zanzibar Land, nella quale è stato costretto a uccidere il suo amico Gray Fox e il suo ex comandante Big Boss.

Liquid Snake[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Liquid Snake.

Liquid Snake è il fratello di Solid, nato anch'egli dal progetto les enfants terribles. Egli odia il fratello, poiché crede di aver ricevuto soltanto i geni recessivi del padre, al contrario di Solid che avrebbe ricevuto quelli dominanti. Nato con un quoziente intellettivo enorme, è considerato il clone più intelligente rispetto agli altri (Solidus e Solid compresi), conosce 7 lingue diverse ed è un grande macchinatore e stratega. Probabilmente sarebbe dovuto essere il migliore dei tre "prototipi" di Big Boss; Solid Snake, però, in una drammatica battaglia, riesce a sconfiggerlo. Liquid muore a causa del "FoxDie", virus che causa un attacco cardiaco. Questo virus provoca attacchi cardiaci nelle persone con un particolare patrimonio genetico; viene iniettato a Solid Snake, a sua insaputa, dalla Dr.ssa Naomi Hunter prima della partenza verso Shadow Moses.

Personaggio veramente carismatico e coriaceo, anche nel secondo episodio dimostra che i suoi geni sono tutt'altro che scadenti: Ocelot, il quale perde il braccio a causa di Gray Fox, il Ninja Cibernetico, si impianta il braccio di Liquid per sostituire l'arto perduto. La presenza di un arto di Liquid in Ocelot influenza la psiche di quest'ultimo, che verrà spesso sopraffatta da quella di Liquid, che ne prenderà il controllo. Nel secondo capitolo, Liquid/Ocelot fugge da Snake armato di Metal Gear RAY. Alto 183 cm e con una lunga chioma di capelli biondi, Liquid Snake rappresenta l'alter ego di Solid. Ottima l'interpretazione del suo doppiatore americano, un artista per altro molto apprezzato: Cam Clarke.

Meryl Silverburgh[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Meryl Silverburgh.

Meryl Silverburgh è una giovane e inesperta soldatessa che viene imprigionata a Shadow Moses: diventerà, insieme a Otacon, una preziosa risorsa per il completamento della missione, nonché fonte d'informazioni. Durante il corso degli eventi a Shadow Moses nascerà una storia tra i due: dopo la morte di Liquid, infatti, lasceranno l'Alaska in cerca di un posto dove vivere insieme. Alla fine dell'episodio Metal Gear Solid, a seconda della scelta del giocatore di resistere alla tortura di Ocelot o di arrendersi, Meryl sarà destinata alla morte (se Snake si arrenderà al vecchio) o alla vita con Snake (se l'eroe sopravvive alla tortura). Dal momento che in Metal Gear Solid 2 Sons Of Liberty Meryl non compare e Solid lavora con Otacon, si pensa che Solid abbia ceduto alla tortura di Ocelot. In realtà il finale autentico è quello in cui Snake sopravvive alla tortura, fugge con Meryl e chiede al colonnello di mandare una squadra di soccorso per aiutare Otacon, che era sempre dentro alla base intento a sbloccare le porte elettroniche permettendo la fuga del protagonista. Successivamente, Snake instaura una relazione con Meryl, di una durata imprecisata, andando a convivere insieme, prima dello svolgersi degli eventi del tanker in Metal Gear Solid 2.
Tuttavia la storia tra i due non funziona e Snake entra a far parte della associazione segreta "Philantropy" insieme a Otacon, un'agenzia che si occupa di trovare i Metal Gear ancora esistenti (come il Ray in Metal Gear Solid 2). Un altro riferimento al fatto che Meryl sia viva lo si può capire sconfiggendo Olga Gurlukovich in Sons Of Liberty e chiamando poi Otacon: egli, infatti, fa un complimento per la bellezza di Olga, ma Snake, risponde che ne ha avuto abbastanza dei maschiacci (riferendosi, quindi, alla storia finita male con Meryl).

Meryl viene dichiarata come la nipote di Campbell, ma nel finale del gioco, se ci si è arresi alla tortura di Ocelot, si scopre che in realtà è sua figlia, nata da una relazione fra il colonnello e la moglie di suo fratello.

Revolver Ocelot[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Revolver Ocelot.

Revolver Ocelot è un abile pistolero russo, come lascia intendere il suo appellativo. Figlio di The Boss e The Sorrow appare nel terzo episodio – prequel della serie – quando era ancora giovane era invece esperto con la semiautomatica; fu proprio Big Boss, il "padre" di Solid a consigliargli l'uso della colt. Ocelot è uno dei personaggi più controversi della saga. Non si capisce bene per chi lavora (alla fine sembra essere un agente dei patriots) e usa sempre il triplo gioco per ingannare gli altri.
Inoltre, il suo vero nome è Adamska. Lo rivela a Naked Snake (alias Big Boss) dopo una lotta sull'idrovolante che sta portando in salvo l'eroe ed EVA in Metal Gear Solid 3: Snake Eater.

Frank Jaeger, alias Gray Fox[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gray Fox.

Nel primo episodio di Metal Gear per MSX2 e NES, l'obiettivo iniziale del giocatore era trarre in salvo Gray Fox da Outer Heaven. Nel secondo episodio della serie, Gray Fox si arruola tra i mercenari di Zanzibar Land e diventa il braccio destro di Big Boss. È proprio lui il primo personaggio a guidare il Metal Gear e ad affrontare Solid Snake, in uno scontro che si concluderà a mani nude all'interno di un campo minato (una stanza minata perimetralmente). Morto a Zanzibar, ritorna in Metal Gear Solid sotto le vesti di un Cyber Ninja con un unico obiettivo: affrontare Snake. Il suo ingresso in scena è davvero spettacolare: interviene mozzando con la sua lama la mano destra di Revolver Ocelot alla fine del suo scontro contro Solid Snake. Muore, verso la fine del gioco, schiacciato dal Metal Gear REX nel tentativo di aiutare Solid Snake nell'abbattere la difesa perfetta del mostro meccanico.

Hal Emmerich, alias Otacon[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hal Emmerich.

Otacon (Figlio del dottor Huey, apparso in Metal Gear Solid: Peace Walker) è lo scienziato responsabile dello sviluppo del carro armato Metal Gear REX. Appare nel laboratorio di simulazione assieme a Gray Fox che tenta di ucciderlo. È rimasto tormentato dal senso di colpa quando ha scoperto di aver creato un'arma di distruzione di massa capace di portare la guerra nucleare nel mondo, perciò aiuta Snake a portare a compimento la sua missione, dandogli consigli su come distruggere il Metal Gear e occupandosi, nascosto dalla tuta mimetica di sua invenzione, delle telecamere e delle porte di sicurezza per la fuga finale. Ha anche una sorella di nome Emma, che rincontrerà in Metal Gear Solid 2. Inoltre, il dottor Emmerich è un grande appassionato di anime e manga, in particolar modo quelli aventi come protagonisti grandi robot: come rivelerà a Snake in Metal Gear Solid, infatti, il suo nome in codice Otacon è l'acronimo di OTAku CONvention, ovvero delle grandi "fiere" degli manga e degli anime molto apprezzate dagli appassionati del genere, chiamati per l'appunto Otaku.

Sniper Wolf[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sniper Wolf.

Sniper Wolf è la tiratrice scelta dell'unità di Liquid Snake. Sniper Wolf è inoltre una figura femminile abbastanza imponente e Otacon, ad un certo punto del gioco, si innamora di lei. Nel secondo episodio della saga egli fa riferimento a quest'ultima e viene anche mostrato un filmato del gioco per PlayStation. Le principali abilità di Sniper Wolf sono la mira eccezionale e l'incredibile pazienza: come ogni cecchino che si rispetti, è, infatti, capace di restare in un posto per molte settimane, aspettando il suo bersaglio, senza né bere né mangiare.

Decoy Octopus[modifica | modifica wikitesto]

Maestro del travestimento, arrivando perfino a trasfondersi il sangue dei soggetti che impersona, durante l'incontro con Solid Snake finge di essere il direttore della DARPA Donald Anderson, cercando in tal modo di carpire informazioni utili per la squadra FOX-HOUND. Poco tempo prima il vero direttore era stato ucciso da Revolver Ocelot nella sala delle torture. Octopus viene colpito da un apparente attacco cardiaco mentre interroga Snake, ma si scoprirà in seguito che ad ucciderlo è stato il virus Fox-Die.

Vulcan Raven[modifica | modifica wikitesto]

Membro di FOX-HOUND caratterizzato da una corporatura massiccia e molti tatuaggi, tra cui quello di un corvo sulla fronte, è di origini indiane, infatti conosce la lingua Sioux. Combatte due volte contro Solid Snake; durante la prima lo attacca con un carro armato M1, l'attacco si rivela una messa in scena per permettere a Snake di ottenere una scheda di Lv. 3. La seconda volta Raven si presenta a Snake con l'intento di ucciderlo, armato della sua mitragliatrice Vulcan, durante lo scontro scopre di avere degli antenati in comune con Snake. Dopo aver perso la battaglia rivela a Snake che il direttore della DARPA era in realtà Decoy Octopus, in seguito si lascia mangiare dai suoi corvi dicendo a Snake che avrebbe continuato ad osservarlo.

Metal Gear REX[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metal Gear REX.

Il Metal Gear, nelle sue varie incarnazioni, è l'antagonista assoluto di Snake dall'episodio iniziale della saga. Il Metal Gear REX è un veicolo nucleare bipede con l'eccezionale mobilità anche su terreni ardui. Il modello che si va ad affrontare (perché in MGS2: Sons of Liberty compare la versione Ray del modello) è dotato di un cannone che può lanciare missili nucleari sfruttando il magnetismo così che, mancando il razzo propulsore, non siano facilmente intercettabili. Per, lo scontro diretto che si andrà ad affrontare, usa mitragliatori e laser. Il pilota all'interno (Liquid Snake) è separato dal mondo circostante perché grazie al potente "radome" posto sulla spalla sinistra del carro armato è in grado di vedere l'area circostante.

Metal Gear Solid Premium Package & Limited Edition Premium Package[modifica | modifica wikitesto]

Contemporaneamente all'uscita del gioco fu distribuita, in Giappone, un'edizione speciale chiamata "Premium Package" contenente una T-Shirt bianca, un poster a due facce, un artbook formato B4 di 45 pagine, la colonna sonora del gioco su CD audio e la dog tag (medaglietta) della Fox Hound.

Esiste inoltre una seconda versione del premium package, distribuita invece sul territorio europeo: la "Limited Edition Premium Package" . Differisce dalla versione precedente (oltre che ovviamente per il formato regionale del gioco) in quanto contiene anche un poster raffigurante il Cyborg Ninja, e delle etichette per la memory card. La T-Shirt contenuta all'interno del pacco è nera e presenta un disegno completamente diverso. Il CD della colonna sonora è contenuto in una custodia molto diversa da quella giapponese.

Vi è infine una terza versione: lo “Stockholder Commemoration Edition Gold Premium Package".[16] Quest'ultima venne distribuita, sempre in Giappone, in tiratura limitata e ai soli azionisti Konami. Si tratta di un vero e proprio gioiello per i collezionisti. Rispetto al Premium Package standard giapponese si differenzia innanzitutto per il colore "dorato" della confezione; contiene inoltre un artbook limitato e degli stick per la Memory Card.

Metal Gear Solid: Integral[modifica | modifica wikitesto]

Metal Gear Solid: Integral per Playstation è una versione per il mercato giapponese di Metal Gear Solid. Il gioco è uscito il 24 giugno 1999 e include le tipiche caratteristiche aggiunte nella versione statunitense (come il doppiaggio inglese e il costume extra sbloccabile per Solid Snake) e un disco di extra interamente dedicato ai nuovi contenuti.

Il disco di missioni extra di Integral venne pubblicato come espansione al di fuori del Giappone: Metal Gear Solid: VR Missions in Nordamerica e Metal Gear Solid: Special Missions altrove.

Anche la versione Windows in inglese uscita in Europa e Stati Uniti è basata sulla versione Integral.

Le musiche che si sentono non appartengono solo al capitolo per Playstation Metal Gear Solid ma anche a quello per MSX2 ovvero Metal Gear 2: Solid Snake, rivisitate per l'occasione.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Metal Gear Solid è stato l'unico titolo della serie ad essere stato doppiato interamente in italiano.

Emanuele Scichilone,[17] collaboratore della Synthesis International,[18] di cui è responsabile per la localizzazione (traduzione e doppiaggio principalmente) di titoli come Bioshock, Fahrenheit e Mass Effect, tradusse Metal Gear Solid, ma non poté gestirne il doppiaggio, che fu fatto in Inghilterra per volere di Konami, rimanendone deluso:

« [...] all'epoca fummo contattati dal cliente per tradurre il gioco. E noi ci occupammo della traduzione. Poi, per una situazione paradossale, Konami insistette perché il gioco venisse doppiato in Inghilterra, a Londra, presso degli studi di Abbey Road se non ricordo male. Non hanno voluto che si doppiasse qui in Italia. [...] I doppiatori che lavoravano con noi in Italia non hanno dato la disponibilità per andare a Londra a doppiare, e quindi non ho idea di dove siano andati a pescare le persone che hanno utilizzato per doppiare Metal Gear Solid a Londra. Ho volutamente omesso "attori", perché è evidente che non si tratta di doppiatori professionisti. »

Di seguito sono riportati i doppiatori dei vari personaggi.

Nella versione americana, i doppiatori hanno utilizzato uno pseudonimo, indicato tra parentesi, sia nelle presentazioni dei personaggi che nei titoli di coda, a differenza di David Hayter che nei crediti finali ha voluto mostrare il suo vero nome.

Personaggi Doppiatori italiani Doppiatori statunitensi Doppiatori giapponesi
Solid Snake Alessandro Ricci David Hayter (Sean Barker) Akio Ōtsuka
Meryl Silverburgh Ilaria D'Elia Debi Mae West (Mae Zadler) Kyōko Terase
Liquid Snake / Master Miller Andrea Piovan Cam Clarke (James Flinders) Banjō Ginga
Donald Anderson Andrea Piovan Greg Eagles (George Byrd) Masaharu Satō
Otacon Massimo Marinoni Christopher Raldolph (Christopher Fritz) Hideyuki Tanaka
Gray Fox Massimo Marinoni Greg Eagles (George Byrd) Kaneto Shiozawa
Psycho Mantis Ciro Carraro Doug Stone Kazuyuki Sogabe
Sniper Wolf / Computer Luciana Izzi Tasia Valenza (Julie Monroe) Naoko Nakamura
Revolver Ocelot Giancarlo Ciccone Patric Zimmerman (Patric Laine) Kōji Totani
Vulcan Raven Giancarlo Ciccone Peter Lurie (Chuck Farley) Yukitoshi Hori
Colonnello Roy Campbell Angelo Cola Paul Eiding (Paul Otis) Takeshi Aono
Dottoressa Naomi Hunter Jessica Juffrè Jennifer Hale (Carren Learning) Hiromi Tsuru
Mei Ling Laura Farina Kim Mai Guest (Kim Nguyen) Houko Kuwashima
Nastasha Romanenko Benedetta Ferraro Renee Raudman (Renne Collette) Eiko Yamada
Kenneth Baker Luigi Chiapinni Allan Lurie (Bert Stewart) Yuzuru Fujimoto
Jim Houseman Luigi Chiapinni William Bassett (Frederick Bloggs) Tomohisa Asō
Johnny Sasaki Luigi Chiapinni Dean Scofield (Dino Schofield) Naoki Imamura
Soldati genetici del Corpo Speciale "Next Generation" Giancarlo Ciccone
Luigi Chiapinni
Alessandro Ricci
Granville Van Dusen
Scott Menville
Doug Stone

Peter Lurie (Chuck Farley)

Dean Scofield (Dino Schofield)

Masaya Takatsuka

Naoki Imamura

Film[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Hideo Kojima ha confermato l'adattamento in film di Metal Gear Solid[19] e ha inoltre lasciato intendere che il film sarà girato in Alaska per meglio avvicinarsi alla trama del videogioco. Dopo varie fasi di stallo del progetto, il 12 gennaio 2010 è stato annullato ufficialmente l'adattamento cinematografico del film.[20]

Metal Gear Solid: Philantropy[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metal Gear Solid: Philanthropy.

Nell'ottobre 2005 un manipolo di fan della saga, che nell'anno successivo avrebbero fondato il collettivo Hive Division[21] dedicato alla produzione di pellicole cinematografiche indipendenti, pubblicò un video in internet intitolato "Metal Gear Solid: Philantropy - Prologue", della durata di 30 minuti circa, che servì per introdurre, il 29 settembre 2009, "Metal Gear Solid: Philanthropy - The Overnight Nation", prima parte di un lungometraggio amatoriale che presenta una trama ucronica rispetto alla timeline del videogioco e ambientata in seguito agli accadimenti di Metal Gear Solid. Il film è stato accolto in maniera molto positiva dalla critica, al punto da appassionare lo stesso Hideo Kojima, che si è complimentato con i registi e dichiarandosi ansioso di vedere la parte successiva.[22]

Il film è stato girato senza fini lucrativi, pertanto il suo download è disponibile gratuitamente dal web su vari siti di hosting e programmi P2P, oltre che sul sito ufficiale.[23]

Film ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 agosto 2012, Hideo Kojima, unitamente alla Konami, ha annunciato ufficialmente lo sviluppo di un film su Metal Gear Solid, prodotto dalla Arad Production di Ari e Avi Arad e coadiuvati dalla Columbia Pictures[24], recitato da attori sconosciuti al pubblico e supervisionato dallo stesso Kojima, incentrato sulla figura di Solid Snake. Distribuzione e produzione saranno trattate dalla Sony Pictures Entertainment.[24]

Il produttore israeliano Avi Arad ha dichiarato nel 2013 "Se ti approcci a Metal Gear, hai già a che fare con uno storytelling molto ricco. Hai Caino e Abele.".[25]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2nd Annual Japan Media Arts Festival // Premio Eccellenza per Arte Interattiva[26]
  • 3rd Annual Japan Game Awards - CESA Awards // Premio Eccellenza Grand Prix[27]
  • IGN - GamesRadar - Unikgamer - Gamer.Blorge - GAME.co.uk - EWM - GameTrailers - GamePro - GameFAQs - PALGN - The Age - The DORK - CVGM // Top 10 migliori giochi di tutti i tempi[28]
  • IGN // Miglior Gioco per PlayStation di sempre (nel 2002)[14]
  • IGN Scelta dei lettori // Top 100 Giochi di tutti i tempi (Numero 9)[29]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il finale canonico della storia prevede che in questo primo capitolo Meryl sopravviva. L'altro finale è solo un escamotage per permettere al giocatore di rigiocare dall'inizio l'avventura usufruendo della mimetica stealth.
  • Finendo il gioco con Meryl al fianco, si avrà l'opportunità di ricominciarlo (caricando dallo stesso salvataggio, di colore giallo per indicare che già è stato finito) con una bandana nell'inventario che, se equipaggiata, consentirà di sparare con qualsiasi arma senza consumarne le munizioni. Finendolo invece con Otacon, si potrà ricominciare il gioco allo stesso modo ma con una mimetica ottica nell'inventario, che se equipaggiata (tranne nell'inseguimento nella torre di comunicazione e contro i boss), renderà Snake invisibile a nemici e telecamere. Completando una seconda volta il gioco ottenendo entrambe gli oggetti speciali (quindi una volta salvando Meryl una volta facendola morire), si potrà ricominciare una nuova partita caricando dal salvataggio rosso, che indica che il gioco è stato completato con ambedue i finali. Oltre ad avere i due oggetti nell'inventario, il giocatore impersonerà uno Snake in smoking per tutta la partita e il cyborg ninja sarà di una sfumatura di rosso acceso, anziché arancione.
  • Questo è l'unico capitolo della serie ad avere un doppio finale. Per i capitoli successivi sono stati ideati altri sistemi per ottenere gli oggetti speciali per ripetere il gioco, come raccogliere un preciso numero di Dog Tag in Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty o terminare la missione con zero allerte e zero vittime in Metal Gear Solid 3: Snake Eater.
  • La frequenza per comunicare via codec con Meryl non viene rivelata direttamente al giocatore. Kenneth Baker infatti afferma di non ricordare la frequenza, ma informa il giocatore che essa è scritta sul retro della copertina del CD del gioco. Questa può essere considerata una burla nei confronti di chi non possiede il gioco originale, ma una versione masterizzata.
  • Prima di salvarli, se ci si appoggia al muro sulla destra del piano B1 dell'Hangar o del piano B2 del deposito di stoccaggio è possibile vedere gli ostaggi da salvare che camminano in attesa avanti e indietro, rispettivamente Donald Anderson e Otacon.
  • Durante lo scontro con Psycho Mantis tutte le mosse svolte da Snake vengono previste e intercettate dal telepate. Contattando insistentemente Campbell alla frequenza 140.85 alla fine dirà di scollegare il controller dall'ingresso del giocatore 1 a quello del giocatore 2. Così facendo Mantis non riuscirà più a leggere dalla sua mente e sarà possibile sconfiggerlo come un normale boss. Se si viene sconfitti da Mantis dopo aver scoperto questo sistema e si continua a chiamare il colonnello, questi fornirà un'alternativa (qualora la porta n°2 della PlayStation non funzionasse): sparare alle statue dei busti di Mantis poste negli angoli alti della stanza, in modo da scoprirne il volto fasciato. Mantis, alla vista del suo volto sfregiato raffigurato sulle statue, calerà la concentrazione e non riuscirà più a prevedere alcuna mossa.
  • Poco prima e durante lo scontro con il telepate, premendo il tasto triangolo la Visuale soggettiva non sarà dagli occhi di Snake ma da quelli di Mantis. Lo schermo sarà verde a causa della sua maschera antigas.
  • Osservando Meryl ossessivamente in visuale soggettiva (o con il binocolo) la ragazza farà commenti imbarazzati a Snake.
  • Dopo aver sconfitto Sniper Wolf la prima volta, all'esterno della torre di comunicazione, Snake viene contattato da Mei Ling, la quale gli suggerirà di salvare la partita a causa di un "brutto presentimento". In effetti, appena ci si avvicinerà alla porta, si verrà catturati dalla tiratrice e portati sulla macchina da tortura di Ocelot, e durante le fasi di tortura in caso di morte non sarà possibile selezionare la voce "Continua", obbligando il giocatore a caricare dall'ultimo salvataggio.
  • Contattando continuamente Mei Ling ma senza salvare, la giovane comincerà ad esortare Snake a non chiamarla senza motivo. Insistendo ancora, la ragazza non parlerà più e a volte alla fine delle chiamate farà anche una boccaccia. Per tornare alla situazione normale è sufficiente effettuare un salvataggio, anche in seguito.
  • Nella fase di prigionia del gioco esistono tre metodi per evadere:
    • La storia prevede che Snake evada con lo stratagemma del ketchup consegnatogli da Otacon in cella, versandolo a terra quando la guardia si assenta e fingendosi morto per dissanguamento al suo ritorno, stendendosi sulla macchia di salsa e rimanendo immobile fino all'ingresso della sentinella.
    • Ha lo stesso effetto però nascondersi strisciando sotto il letto in assenza della guardia che, al rientro nella stanza, non vedrà più Snake, entrando nella cella per controllare. Questo sistema non funziona in modalità di gioco Difficile ed Estremo.
    • Un altro sistema, semplicissimo ma decisamente più lungo degli altri, è quello di aspettare e basta. Dopo la terza tortura subita da Ocelot, appena la guardia si assenterà il meccanismo della porta della cella si distruggerà; appena ciò accade, se si guarda con attenzione l'esterno della cella, sarà possibile vedere il ninja, Gray Fox, invisibile a causa della mimetica ottica. Presumibilmente sarà stato lui a distruggerne il meccanismo con la katana.
  • Se si contatta Otacon dopo lo scontro con Sniper Wolf, donna da lui amata, questi avrà un'aria adirata e non dirà nulla.
  • Gli sviluppatori hanno inserito un singolare easter egg nello scenario del piano B1 della prima base. Nel condotto di aerazione, se si usa la visuale soggettiva per guardare in basso nella penultima grata (subito prima a quella della cella del direttore della DARPA) è possibile vedere Meryl che svolge degli esercizi fisici. Se si torna indietro fino a riscendere le scale e si ripete l'operazione (tornare alla penultima grata e guardare in basso) Meryl starà svolgendo un altro tipo di allenamento. Lo scherzo degli sviluppatori si presenta la terza volta che si ripete il procedimento: sarà possibile vedere Meryl allenarsi senza pantaloni.
  • Simile a quello precedente è l'easter egg inserito nella parte del gioco in cui bisogna riconoscere Meryl vestita da terrorista, al piano B1 della struttura di stoccaggio. Appena si viene scoperti da Meryl, se si riesce a correre e raggiungere il fondo della stanza del bagno delle donne prima di lei o appena un attimo dopo, per la presentazione seguente Meryl sarà senza i pantaloni. Al termine di questa prima presentazione si sentirà il rumore a schermo nero di una zip, e nella presentazione successiva Meryl avrà di nuovo i pantaloni indossati.
  • Le scatole di cartone che Snake troverà durante la missione hanno una doppia funzione. Oltre a nascondersi dai soldati genetici, equipaggiando la scatola giusta nel posto giusto, se indossata su uno dei camion che si trovano nelle strutture arriverà una delle guardie che guiderà il veicolo fino alla destinazione della scatola, e più precisamente:
    • Scatola di cartone A - Eliporto
    • Scatola di cartone B - Deposito di stoccaggio
    • Scatola di cartone C - Nevaio
  • Quando si dovrà riattraversare la vallata dei lupi dopo la fuga dalla cella, se si tiene equipaggiato il fazzoletto profumato di Sniper Wolf i lupi non attaccheranno, saranno al contrario docili e affettuosi.
  • In alternativa, nella vallata dei lupi è possibile equipaggiare una qualunque delle scatole subito dopo aver picchiato Meryl vicino ai lupi. Questi si avvicineranno e urineranno su di essa e da quel momento non si sarà più vulnerabili.
  • Se si contatta Master Miller poco prima dell'inserimento dell'ultima tessera PAL si può avvertire la forte eccitazione sul suo volto e nella sua voce. Ovviamente per lo stesso motivo, se lo si contatta prima, durante lo scontro con l'Hind, non darà nessuna risposta.
  • Alla fine del gioco, nell'ultima trasmissione Codec tra Snake e il colonnello, se si è fuggiti con Otacon (e quindi si ha provocato la morte di Meryl) Campbell rivelerà che la donna era in realtà sua figlia e non sua nipote come affermato in fase di briefing. Questa rivelazione non fa parte del filone principale degli eventi, ma è un'informazione che verrà comunque svelata nei sequel della saga.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Metal Gear Solid viene citato nelle canzoni "My Console" degli Eiffel 65 e "Abiura di me" di Caparezza.
  • In Ralph Spaccatutto, fra gli oggetti che il protagonista va a rovistare in una scatola, questi trova anche il punto esclamativo che compare sulla testa delle guardie quando si viene scoperti, con tanto di effetto sonoro.

Differenze tra le versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dopo la morte di Donald Anderson, all'uscita di Snake dalla cella verrà inquadrato il terrorista tramortito e denudato da Meryl. Nella versione giapponese quest'ultimo sarà in mutande, mentre le altre versioni lo ritraggono completamente nudo, con la zona pelvica offuscata.
  • Dopo lo scontro corpo a corpo con Liquid, se si è resistiti alla tortura precedente di Revolver Ocelot, nella versione giapponese Meryl rivelerà di essere stata stuprata oltre che torturata, a differenza delle altre versioni nelle quali viene dichiarato con un più politicamente corretto "Non mi sono arresa alla tortura. [...] Né a cose ancora peggiori..."
  • Dopo lo scontro con il REX e l'esplosione del Metal Gear, Liquid racconterà a Snake del progetto "Les Enfants Terribles" e della loro nascita correlata alla clonazione di Big Boss. Nella versione pubblicata nel resto del mondo rivelerà che Big Boss era stato clonato da uno stato comatoso, dopo essere stato recuperato già ferito in battaglia, mentre nella versione giapponese Liquid dirà che la clonazione è stata decisa in seguito alla scoperta della sua sterilità.
  • Nella versione giapponese, al momento della lettura della Memory Card da parte di Psycho Mantis, se il giocatore possiede salvataggi di Snatcher o di Policenauts, riceverà un messaggio speciale direttamente da Hideo Kojima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Metal Gear Solid, PSOne in GameFaqs. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  2. ^ a b Metal Gear Solid, PC in GameFaqs. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  3. ^ James Lee, The Legacy of Metal Gear Solid in GamesIndustry, 12 giugno 2008. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  4. ^ Metal Gear Solid: Integral for PC in G4tv. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  5. ^ Metal Gear Solid in AntonioGenna.net. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  6. ^ Matt Casamassina, Metal Gear Solid: The Twin Snakes in IGN, 8 marzo 2004. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  7. ^ Raymond Benson, Metal Gear Solid, Del Rey, 13 maggio 2008, OCLC 297795645.
  8. ^ a b c Marco Mancini, Metal Gear, Kojima spiega il nome di Solid Snake in Games.it, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  9. ^ a b c Luke Karmali, Hideo Kojima Reveals How Solid Snake Got His Name in IGN, 6 marzo 2014. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  10. ^ Why a game without Solid is still called Solid in All About The Games, 1° giugno 2009. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  11. ^ Steven Kent, Hideo Kojima: Game Guru, Movie Maniac in Gamers Today. URL consultato il 6 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2001).
  12. ^ Metal Gear Solid available on PSN today in Destructoid, 18 giugno 2009. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  13. ^ Luca Coraggio, Metal Gear Solid questa settimana sul PlayStation Store europeo in Everyeye, 17 novembre 2009. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  14. ^ a b Top 25 Games of All Time: Complete List (PlayStation) in IGN, 22 gennaio 2002. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  15. ^ Randy Nelson, Metal Gear Solid in IGN, 21 ottobre 1998. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  16. ^ Stockholder Commemoration Edition Gold Premium Package in JUNKER HQ. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  17. ^ Giuseppe Puglisi, Le localizzazioni: Intervista a Emanuele “SHIN” Scichilone (Synthesis) parte 2 in Ars Ludica, 11 gennaio 2008. URL consultato il 20 ottobre 2014.
  18. ^ Synthesis International. URL consultato il 20 ottobre 2014.
  19. ^ Tom Bramwell, Kojima confirms MGS movie in Eurogamer, 2 maggio 2006. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  20. ^ Andrea Francesco Berni, Addio al film di Metal Gear Solid in BadTaste, 12 gennaio 2010. URL consultato il 12 gennaio 2010.
  21. ^ Hive Division.net. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  22. ^ Matteo Marangoni, Uscito il lungometraggio "Metal Gear Solid: Philanthropy" in Thinkreative, 29 settembre 2009. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  23. ^ Metal Gear Solid: Philanthropy. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  24. ^ a b Metal Gear Solid will be a Live-Action, Holliwood Movie in Konami, 30 agosto 2012. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  25. ^ Eric Jou, Producer Avi Arad On Mass Effect, Uncharted, Metal Gear Solid Movies in Kinja, 30 agosto 2008. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  26. ^ Japan Media Arts Festival 1998 - Awards in Japan Media Arts, 1998. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  27. ^ Metal Gear Solid (メタルギア ソリッド ) in CESA Awards, 1998. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  28. ^ The Top 10 Best / Greatest Videogames in the History of Humanity in J.J. McCullough. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  29. ^ Readers' Picks Top 100 Games: 1-10 in IGN, 2006. URL consultato il 6 ottobre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]