PlayStation All-Stars Battle Royale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
PlayStation All-Stars Battle Royale
PlayStation All-Stars Batlle Royale logo.jpg
Logo del gioco
Sviluppo SuperBot Entertainment, Bluepoint Games (PS Vita)
Pubblicazione Sony Computer Entertainment
Ideazione Chan Park

Omar Kendall

Data di pubblicazione Giappone 31 gennaio 2013
Flags of Canada and the United States.svg 20 novembre 2012
Flag of Europe.svg 21 novembre 2012
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 22 novembre 2012
Flag of the United Kingdom.svg 23 novembre 2012
Genere Picchiaduro a incontri, Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multiplayer, Multiplayer online
Piattaforma PlayStation 3, PlayStation Vita
Supporto Blu-ray Disc
Fascia di età PEGI: 12

ERSB: T (Teen) CERO: B

Periferiche di input Sixaxis o DualShock 3

PlayStation All-Stars Battle Royale è un picchiaduro a incontri sviluppato da SuperBot Entertainment con la collaborazione di SCE Santa Monica Studio e pubblicato da Sony Computer Entertainment esclusivamente per PlayStation 3 e Playstation Vita, svelato il 26 aprile 2012 durante uno show della televisione GTTV.[1]. È stato rilasciato il 20 novembre 2012 negli Stati Uniti e Canada, il 21 novembre dello stesso anno in Europa (23 novembre nel Regno Unito), 22 dello stesso mese e anno in Australia e il 31 gennaio 2013 in Giappone.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Una misteriosa e potentissima forza proveniente da qualche essere sconosciuto, ha attirato i personaggi più famosi del mondo PlayStation e, finendo catturati all'interno di essa, i loro mondi si sono fusi assieme ad altri, cambiando così il loro flusso temporale.
Durante il loro viaggio, dovranno superare tutti gli ibridi dei loro mondi, imbattendosi in pericoli ancora più forti di loro e altri personaggi, anch'essi intenti a scoprire questa aura misteriosa e riportare alla normalità ogni mondo. Solo uno potrà raggiungere la misteriosa minaccia che gli attende.

Sconfiggendo tutti i numerosi personaggi che si imbatteranno sulla strada del giocatore e superando ogni mondo, si scoprirà che il misterioso essere è Polygon Man (mascotte della PlayStation nel 1996), che ha attirato i nostri eroi fino a lui e ha fuso i loro mondi tra loro, e vuole dimostrare di essere l'essere supremo.
Sconfiggendo definitivamente Polygon Man, il flusso temporale tornerà alla normalità, gli abitanti ai rispettivi mondi, e il personaggio utilizzato riceverà tutto il suo potere, diventando così il vero essere supremo.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Il gameplay è concettualmente simile a quello della serie Super Smash Bros., ovvero possono scontrarsi fino a quattro giocatori contemporaneamente usando i personaggi più famosi di varie serie PlayStation come ad esempio Heihachi Mishima, Kratos, PaRappa the Rapper e Sly Cooper. Ci sono tuttavia delle differenze nel modo in cui vengono sconfitti gli avversari. Durante la sfida, i giocatori danneggiano gli avversari per ricevere globi che servono a riempire una barra di potere posta nella parte bassa dello schermo. Guadagnando abbastanza potenza, i giocatori possono utilizzare uno dei tre livelli di super mosse necessarie per sconfiggere i contendenti e ottenere punti. Anche le arene sono ispirate a vari titoli PlayStation, tra cui alcune sono una combinazione di due giochi differenti, ad esempio un'arena di LittleBigPlanet unita con una di Buzz!.[2]

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

I personaggi utilizzabili sono 20 di base (compresi personaggi di terze parti) ed i personaggi via DLC (che come i personaggi base hanno una propria storia, rivale e costumi sbloccabili) venduti a 4,99 € cadauno. Tutti i personaggi sono doppiati in Italiano (Tranne Heihachi da tradizione, PaRappa per mantenere le canzoni originali, Raiden per lasciare invariato il suo doppiaggio originale e Dante apparentemente per nessun motivo). Complessivamente il gioco si avvale quindi di un roster di 24 personaggi selezionabili.
L'unico personaggio non giocabile è il boss finale Polygon Man, la mascotte della prima PlayStation in Nord America usata solo per alcune pubblicità prima dell'uscita della console, poi scartata perché non soddisfaceva il presidente di Sony Computer Entertainment Ken Kutaragi.[3]

Personaggio Origine Ultimo rivale
Big Daddy BioShock Sackboy
Cole MacGrath Infamous Raiden
Cole MacGrath cattivo Infamous Fat Princess
Dante DmC Devil May Cry Nariko
Emmett Graves1 StarHawk Kat
Fat Princess Fat Princess Evil Cole MacGrath
Kat1 Gravity Rush Emmett Graves
Kratos God of War Sweet Tooth
Heihachi Mishima Tekken Toro Inoue
Isaac Clarke1 Dead Space Zeus
Jak and Daxter Jak and Daxter Ratchet & Clank
Col.Mael Radec Killzone Sir Daniel Fortesque
Nariko Heavenly Sword Dante
Nathan Drake Uncharted Sly Cooper
PaRappa PaRappa the Rapper Spike
Raiden Metal Gear Solid Cole MacGrath
Ratchet & Clank Ratchet & Clank Jak and Daxter
Sackboy LittleBigPlanet Big Daddy
Sir Daniel Fortesque Medievil Col.Mael Radec
Sly Cooper Sly Raccoon Nathan Drake
Spike Ape Escape PaRappa
Sweet Tooth Twisted Metal Kratos
Toro Inoue Together Everywhere! Heihachi Mishima
Zeus1 God of War Isaac Clarke

1 - Personaggio DLC.

Sostenitori[modifica | modifica sorgente]

Personaggio Origine
Athena God of War
Capitan Qwark Ratchet & Clank
Dollface Twisted Metal
Dr.Nefarious Ratchet & Clank
Kai Heavenly Sword
Kat DmC Devil May Cry
Keira Jak and Daxter
Kiya Medievil 2
Kuma Tekken
Pierre Together Everywhere!
Lavoratore Fat Princess
Murray Sly Cooper
Nix Infamous 2
Pipo Ape Escape
Sackbot LittleBigPlanet 2
Sam Metal Gear Rising: Revengeance
Soldato Helghast Killzone
Sorellina BioShock
Victor Sullivan Uncharted
Zeke Dunbar Infamous

Arene[modifica | modifica sorgente]

Vi sono oltre 14 arene all'interno del gioco (comprese arene DLC)

Arena Combinazione
L'Ade God of War + Patapon
Aereo Clandestino Uncharted + BioShock Infinite
Boss Arena PlayStation All-Stars
Black Rock Stadium Twisted Metal + Jak and Daxter
Il Cimitero Medievil + The Unfinished Swan1
Columbia BioShock Infinite + Twisted Metal
Il Dojo PaRappa the Rapper + Killzone
Dreamscape LittleBigPlanet + Buzz
Fearless Heavenly Sword + Wipeout 1
Franzea LocoRoco + Metal Gear Rising
Invasione Killzone + Ape Escape
Metropolis Ratchet & Clank + God of War
Parigi Sly Cooper + LittleBigPlanet
Sandover Village Jak and Daxter + Everybody's Golf
San Francisco Resistance + Ratchet & Clank
Torre di Alden Infamous + Sly Cooper
Stage dei Rivali PlayStation All-Stars
Timestation Ape Escape + Resistance
6 diverse aree per allenarsi PlayStation All-Stars

1 - Arena DLC

Possibile sequel[modifica | modifica sorgente]

In un'intervista a Shuhei Yoshida durante l'E3 2013, Shuhei ha detto di avere in mente un possibile sequel del videogioco. Stando alle sue dichiarazioni, l'intenzione è di dare al secondo videogioco molte più connettività rispetto al suo precedente.[4][5]

Nell'estate 2013 è stata rilasciata inoltre una versione del gioco per iOS dal titolo PlayStation All-Stars Island, come promozione per Coca-Cola Zero. Tuttavia questa versione non contiene scontri tra rivali come il gioco originale, bensì racchiude i personaggi in vari minigiochi platform e d'azione.[6]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • SuperBot voleva inserire nel gioco la vecchia versione di Dante, ma Capcom ha preferito far inserire la nuova versione.
  • Il gioco in origine doveva essere sviluppato da Naughty Dog sotto il nome di Title Fight.
  • La canzone riprodotta nell'introduzione cinematica è Finale, del disc jockey francese Madeon.
  • 2K Games in cambio dell'apparizione di Big Daddy nel gioco, ha contribuito a finanziare lo sviluppo.
  • Il tema principale del gioco, udibile nel menu principale, è stato composto principalmente con effetti sonori provenienti dalle intro e dai menu delle console PlayStation e PlayStation 2.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ More evidence points to PlayStation All-Stars Battle Royale
  2. ^ PlayStation All-Stars Battle Royale Hit Points HD
  3. ^ The Making Of: PlayStation - Edge Magazine
  4. ^ http://www.playstationlifestyle.net/2013/06/12/shuhei-yoshida-never-say-never-on-a-playstation-all-stars-sequel-insomniac-creating-an-xbox-one-exclusive-is-part-of-growing-up/
  5. ^ http://www.gamesradar.com/playstation-all-stars-battle-royale-2-roster/
  6. ^ http://kotaku.com/playstation-all-stars-lives-on-as-coke-sponsored-mobile-1067170116

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]