Metal Gear Solid V: The Phantom Pain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Metal Gear Solid V: The Phantom Pain
Sviluppo Kojima Productions
Pubblicazione Konami
Ideazione Hideo Kojima
Serie Metal Gear
Data di pubblicazione Ground Zeroes:
Giappone 20 marzo 2014
Flags of Canada and the United States.svg 18 marzo 2014[1]
Flag of Europe.svg 20 marzo 2014
The Phantom Pain:
TBA
Genere Azione, Stealth
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Giocatore singolo, multiplayer online
Piattaforma PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One
Motore grafico Fox Engine
Supporto Blu-ray Disc, DVD
Periferiche di input Sixaxis/DualShock 3, DualShock 4, Gamepad Xbox 360, Gamepad Xbox One

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain (メタルギアソリッドVザファントムペイン Metaru Gia Soriddo Faibu Za Fanutomu Peinu?) è un videogioco stealth/d'avventura in via di sviluppo da Kojima Productions e prodotto da Konami per PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360 e Xbox One. Sarà il nono capitolo della serie Metal Gear e il primo ad avere una struttura di gioco open world.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il gioco è stato inizialmente annunciato come due progetti distinti, uno intitolato Metal Gear Solid: Ground Zeroes e l'altro The Phantom Pain, quest'ultimo sviluppato da una software house immaginaria chiamata Moby Dick Studio gestita da Joakim Mogren. Alla Game Developers Conference 2013, Konami e Kojima Productions hanno annunciato che entrambi i progetti erano due giochi separati che insieme formano l'intero Metal Gear Solid V, con Ground Zeroes come prologo di The Phantom Pain.[2]

Il prologo è uscito, a prezzo ridotto, in Europa ed in Giappone il 20 marzo 2014 e il 18 marzo 2014 nel Nord America sia in versione retail che in Digital Delivery.[2][3][4] Non si hanno informazioni ufficiali sulla data di uscita di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain.

Metal Gear Online, sviluppato da LA Studio[5], sarà presente in The Phantom Pain.[6]

Ispirazioni[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda Ground Zeroes, la base è stata evidentemente costruita sulle fattezze della base di Guantanamo, enorme composto americano in territorio cubano famoso per la spietatezza delle torture avvenute all'interno dei campi (tra cui il famoso Camp X-Ray, uno dei primi a essere chiusi). Per The Phantom Pain, Kojima ha riferito di aver molti dei temi "Orwelliani", tratti dal famoso libro "1984" dell'omonimo scrittore, oltre che a vari film e serie TV, molto importante Breaking Bad, che secondo Kojima, Snake seguirà una lenta ma progressiva evoluzione caratteriale come è successo a Walter White nella serie TV.

Prologo - Metal Gear Solid V: Ground Zeroes[modifica | modifica sorgente]

Hideo Kojima il 30 agosto 2012, proprio per il venticinquesimo anniversario della serie, annuncia la nuova incarnazione della serie Metal Gear. Metal Gear Solid: Ground Zeroes girerà su Fox Engine e sarà caratterizzato da una struttura open world, con la possibilità di guidare veicoli e richiedere evacuazioni aeree. In caso di allerta, sarà possibile usare approcci diversi per creare una via di fuga. Kojima ha affermato prima dell'uscita del prologo di temere che potesse essere un possibile un flop commerciale a causa delle pesanti tematiche trattate.[7] Hideo Kojima ha dichiarato che Ground Zeroes farà da prologo al futuro Metal Gear Solid V, per abituare i fan della saga alla nuova struttura.[8] Al Tokyo Game Show 2013 Kojima presenta due nuove demo di MGS: Ground Zeroes (già presentate, sebbene in versione ps3, a porte chiuse nello studio di Los Angeles alla stampa), una di notte, girata su Xbox One, e una diurna, su PS4. Il gioco sarà ambientato in un campo di prigionia (noto come "Camp Omega") situato a Cuba. Big Boss dovrà recuperare Chico e Paz e riportarli alla Mother Base. Oltre alla storia, ci saranno le Side-Ops, missioni secondarie ambientate anche di giorno che consistono in rapimenti, recuperare informazioni e salvare prigionieri.

Gameplay (Ground Zeroes)[modifica | modifica sorgente]

Il prologo è ambientato a Camp Omega dopo esattamente 4 mesi da Peace Walker (capitolo per PSP e convertito poi anche su PS3 e Xbox 360), per cui non offrirà di certo la stessa libertà di The Phantom Pain. Questo campo prigionia è comunque abbastanza grande per offrire una buona libertà di azione tanto che, per la prima volta nella serie, sarà possibile usare jeep, camion e carri armati per spostarsi da un lato all'altro dell'ambientazione. La Mother Base, che rivestiva un ruolo centrale in Peace Walker non potrà essere esplorata (cosa fattibile in The Phantom Pain) e sarà solo nominata qualche volta dai soldati, oltre a vedersi nel filmato finale. Un elemento molto importante è l'elicottero, che potrà essere richiamato grazie al bengala o all'iDroid in specifici punti della mappa. Questo lo si potrà chiamare quando si vuole, tuttavia questo bisogna anche proteggerlo dal fuoco nemico; se questo viene distrutto, bisognerà trovare un'altra via di fuga. Essendo inoltre un prologo, e quindi un tutorial, non si potranno reclutare soldati (ma si potranno comunque salvare prigionieri di guerra che poi si ritroveranno in The Phantom Pain), non ci sarà il recupero Fulton visto in Peace Walker e non si potrà personalizzare l'esercito. In più non si avrà il ciclo giorno notte e neanche le variazioni atmosferiche ma ci saranno le missioni secondarie ambientate in diversi momenti della giornata, con obiettivi differenti da quelli della missione principale.

Oltre alla storia principale saranno disponibili 5 Side-ops (missioni che consistono in recupero ostaggi, estorcere informazioni ecc.) ambientate in momenti diversi della giornata, appartenenti comunque alla storia, e le Extra-ops (missioni non attinenti alla storia con varie sfide, prove a tempo ecc...).Inoltre nella versione Xbox 360 e Xbox One sarà disponibile il contenuto esclusivo "Jamais Vu", che consiste nello scoprire chi sono gli snatchers (tra l'altro, protagonisti di un vecchio gioco di Kojima) nei panni di Raiden Cyborg, che possiede velocità e forza aumentate. Mentre per gli utenti PS3 e PS4 sarà disponibile la missione "Deja Vu", particolarmente difficile da sbloccare; si tratta di una rivisitazione, con tanto di grafica pixellata da PS1, del primo Metal Gear Solid, uscito su questa console con Solid Snake protagonista.

Passando per il gameplay vero e proprio ci sono varie novità, come la salute auto-rigenerante, il rilevamento dei nemici grazie al binocolo e una sorta di "bullet-time" quando si viene scoperti, queste ultime due saranno totalmente disattivabili. Ma ci sono anche delle scomparse, come per esempio la rimozione della classica scatola di cartone o quella di bussare sulle pareti per attirare il nemico. Inoltre è stato rivisto il sistema di mira per le armi (che ora utilizza il bullet drop, ovvero bisognerà tener conto della lunghezza della mira, delle capacità delle armi, della distanza e della balistica dei proiettili), la mira da sdraiati (ora molto più fluida rispetto a MGS4: Guns of The Patriots) e le animazioni, infatti è stato aggiunto uno sprint durante la corsa e l'animazione del salto e della caduta sono stati modificati. Rivisto anche il CQC (Close Quarter Combat), con nuove animazioni e possibilità di interrogare, uccidere, utilizzare come scudo i nemici e rubarli istantaneamente l'arma. Come confermato anche dall'ESRB, sarà un gioco molto "cupo" e da scene molto violente; per esempio, come si è visto nell 'E3 trailer, in un filmato una bambina (Paz) verrà letteralmente "squarciata" senza anestesia per il recupero di una bomba. Questa scena, talmente impressionante, è stata censurata in Giappone e giudicata la più violenta mai vista in un videogioco. Nel gioco sarà possibile utilizzare anche torrette e mitragliatrici di supporto. È confermato il supporto con il secondo schermo, come tablet o smartphone.

Dettagli sul gioco[modifica | modifica sorgente]

Dalla nota rivista americana Game Informer e da molte altre che lo hanno provato (e finito) grazie ad alcuni eventi organizzati appositamente da Konami, arrivano le ultime informazioni su Metal Gear Solid V: Ground Zeroes e, sebbene la sua uscita sembra essere ancora molto lontana, alcuni dettagli interessanti sulla parte vera e propria del gioco, Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Eccoli di seguito elencati:

METAL GEAR SOLID V: GROUND ZEROES:

- A Camp Omega i soldati saranno dei semplici marines incaricati dalla XOF a salvaguardare la base mentre loro erano in viaggio verso la Mother Base.

- L'unita XOF segue gli ordini di Chiper (nome in codice usato dal Maggiore Zero), quindi è accertato che siano al servizio dei Patriots. Ciononostante, nel dialogo al buio presente alla fine del gioco (come in tutti i capitoli della serie) fra Paz e Skull Face (capo della XOF) si viene a scoprire che anch'egli desidera ribellarsi e uccidere Zero, ma le motivazioni sono sconosciute.

- Secondo la rivista, c’è così tanta libertà d’azione che due giocate diverse in Ground Zeroes non finiranno mai per svolgersi allo stesso modo.

- L'effettività del taggare i nemici è data dalla loro nuova IA, che gli permette di fare percorsi molto meno prevedibili che in passato.

- I proiettili sparati con armi come la pistola tranquillante finiscono per essere deviati verso terra. È importante che i giocatori sparino sfruttando le tacche sul mirino.

- La linea visiva, molto ben fatta, permetterebbe addirittura di sparare attraverso anelli di catene e strette sbarre di prigionia.

- Le armi ora vengono impiegati tramite i tasti direzionali. Premendo in una direzione si accede a pistole, fucili e armi da lancio, se si tiene premuto il tasto si accede alla completa classe di armi associata. È comunque possibile usare al volo qualsiasi arma trovata a terra. Il nuovo sistema appare più efficiente ed elimina le pause, mantenendo viva l'azione.

- La percentuale di mimetizzazione è sparita. In MGSV, è il senso pratico ad indicare quanto Snake sia nascosto bene.

- Un indicatore, a 360 gradi, mostra la direzione in cui un nemico avvista Snake, diventando sempre più grande a seconda del grado di sospetto del nemico.

- Come già annunciato prima, ci sarà una specie di secondo schermo, compatibile con Android e iOS. L’applicazione permette di tenere sempre in vista la mappa, ascoltare file audio e controllare le informazioni sulla missione. Pare che il secondo schermo offra un ottimo vantaggio tattico, evitando di dover fermare Snake per usare l’iDroid (azione che non mette in pausa il gioco).

- Il conto alla rovescia nelle fasi di Allerta, Fuga e Cautela è scomparso. Adesso il giocatore deve affidarsi all’ascolto di intercettazioni radio e all’osservazione del territorio, per capire come agire.

- Secondo la rivista, la Reflex Mode (slow motion attivata automaticamente quando Snake viene scoperto) sarà utile anche ai fan di vecchia data. Data l’imprevedibilità del mondo aperto di MGSV, questo sistema sembrerebbe appropriato e non solo una facilitazione. In ogni caso può essere sfruttato solo se l’arma di Snake è carica e se non ci sono ostacoli verso il nemico. Se la distanza è breve, si può anche usare il combattimento corpo a corpo.

- Interrogare i nemici può portare Snake a conoscenza di posti segreti o dove trovare munizioni. Questi luoghi vengono poi indicati automaticamente sulla mappa.

- Quando afferra un nemico, Snake prende le loro munizioni dalle tasche. Quando li afferra frontalmente, prende automaticamente la loro arma e gliela punta contro.

- Rubare un veicolo per poi schiantarsi, chiaramente allerterà i nemici intorno. Il sistema dei veicoli, altra novità per la serie, in ogni caso sembra molto utile e divertente. Per la rivista, è “uno spasso” rubare un carro armato ed usare il suo cannone oppure fuggire su una veloce jeep.

- Oltre Chico e Paz, ci sono altri soldati che potranno essere recuperati e ritrovati in The Phantom Pain.

- Occorrebbe un po' per abituarsi a Kiefer Sutherland, ma pare che la nuova voce di Big Boss aggiunga molta più emotività rispetto al precedente lavoro di David Hayter.

- Le missioni che hanno luogo durante il giorno Snake può essere avvistato più facilmente, aggiungendo quindi un po' di tatticismo in più.

- Le missioni di giorno mostrano il Fox Engine a piena luminosità. I raggi solari si riflettono sulla gomma della scura tuta d'infiltrazione di Snake, la polvere si solleva realisticamente ai colpi di fuoco e le torri d’osservazione si frantumano in centinaia di pezzi ad un colpo di lanciarazzi o lanciagranate.

- Le toppe dell’unità XOF che Skull Face getta via al’inizio del gioco potranno essere collezionate dal giocatore in giro per Camp Omega. È proprio questa raccolta a sbloccare le missioni Déjà Vu (PS3 e PS4) e Jamais Vu (Xbox 360 e Xbox One).

- La missione Déjà Vu trasforma Camp Omega nella base di Shadow Moses di MGS, cambiando così le musiche e l’illuminazione, riportando il giocatore ai tempi della PS1, grazie anche a Miller che si dà ad interpretazioni nostalgiche al codec. Snake ha il compito di occuparsi di alcune scene reminiscenti dell’originale MGS, in luoghi come l’eliporto o l’hangar. Finendo la missione si sbloccherà una skin poligonale di Solid Snake.

- La missione Jamais Vu invece porta il giocatore nei panni di Raiden, che deve sconfiggere nemici provenienti da Snatcher, vecchio gioco di Kojima. Il cyborg ninja non usa la spada, ma la sua velocità aumentata guida una modalità più orientata verso l’azione.

- La rivista giudica queste due missioni del vero e proprio fan service, oltre a essere divertentissime.

- A quanto pare, la trama principale durerà solo 2 ore, come testato dai redattori che hanno anche raccontato come si svolge. Questa durata ha fatto arrabbiare molti fan, ma nonostante questo, Kojima li rassicura che Ground Zeroes sarà comunque molto rigiocabile, si dovranno scoprire molte cose e ci si potrà divertire per mesi. Oltre alla missione principale, il gioco propone altre 5 Side-Ops ambientate in diversi momenti della giornata, compresa la Deja Vu/Jamais Vu mission.

- Alcuni giornalisti hanno dichiarato che dopo aver finito la missione principale di 2 ore sono ancora al 8-9 % di completamento intero del gioco. Come si sarà già capito, Ground Zeroes spinge molto sulla rigiocabilità e sui diversi approcci che si possono operare.

- L'unico contatto CODEC presente sarà quello di Miller, che a differenza degli altri Metal Gear Solid in cui per comunicare bisognava mettere in pausa, in Ground Zeroes darà informazioni mentre giocheremo.

- Non ci saranno scontri con i boss.

- I filmati sono solo 2: uno, già visto, che è l'introduzione al gioco, della durata di circa nove minuti, e l'altro che dura un po' di più, secondo i giornalisti. Proprio nel secondo ci sarà "una delle scene più strazianti mai viste in un videogioco".

- Non sarà inclusa una modalità multiplayer.

- Una rivista francese ha confermato che la vita (fino a quel giorno pensata auto-rigenerante) si dovrà rimettere a posto mediante uno spray anti-dolorifico. La stessa ha giudicato impressionante il Fox Engine, essendo d'accordo con tutte le altre riviste sulle animazioni facciali, le migliori mai viste in un videogioco.

- Pare che siano tutti d'accordo sul dire che la versione PS4 sia la migliore sotto praticamente tutti gli aspetti.

- Finire il gioco al 100% richiederà tra le 15 e le 20 ore.

- I prigionieri salvati nel Camp Omega verranno poi inseriti come soldati in The Phantom Pain.

Trama[modifica | modifica sorgente]

00:00, marzo 1975. Su Camp Omega (ispirata, sia per la struttura che per le torture fatte, alla base realmente esistita di Guantanamo Bay) si abbatte un diluvio torrenziale. Questa è sotto controllo dai Marine, insieme alla XOF, venuta a trovare "un prigioniero molto speciale" sorvegliato a occhio nell'area della vecchia prigione. È Chico, che insieme a Paz, la quale è sopravvissuta agli eventi di Peace Walker grazie a un pescatore che l'ha trovata incosciente su una spiaggia , sono stati catturati. Subito dopo aver dato a Chico un walkman, sotto le note di Here's to You (canzone scritta da Ennio Morricone e Joen Baez per il film "Sacco e Vanzetti", citato più volte nel gioco), il gruppo XOF, a bordo delle jeep, si allontana fino ad arrivare all'eliporto e li' grazie a un laser rimuovono il logo dagli elicotteri, il "Cavallo di Troia", come dice Skull Face, leader della XOF. Subito dopo in volo buttano sulla base le toppe, mentre si vede Snake, aiutato al CODEC da Kaz, che si arrampica su una scogliera. Big Boss è arrivato alla base e inizia la propria missione, dirigendosi da Chico e da Paz per salvarli. Arrivato alla prigione trova, insieme ad altri prigionieri (che si potranno salvare se si vuole), anche il primo dei ragazzi. Dopo averlo fatto svenire per non allertare le guardie, si accorge che Paz non è li'. Portato sull'elicottero, Chico da a Snake il suo walkman, dove ha registrato una audiocassetta mentre spostavano la ragazzina. Grazie ai suoni, Big Boss risale al luogo, nell'edificio principale della base. Là trova Paz orribilmente deturpata, piena di segni delle torture che ha dovuto subire. Portata anche lei sull'elicottero degli MSF, capisce che dentro lei c'è una bomba, messagli probabilmente da Skull Face per farla detonare una volta esser presa da Snake. Huey Emmerich nel frattempo, scienziato alla Mother Base, informa Snake che l'ispezione dell'AIEA sta arrivando. Infatti, i Militaries Sans Frontières erano entrati in possesso di un'arma nucleare e del Metal Gear, capaci di far andare gli stati nel panico, e , temendo che li avrebbero usati contro di loro, li hanno nascosti. Ma lo scenario che si presenta quando arriva alla base è ben diverso da ciò che si aspetta: questa è in fiamme, quasi distrutta completamente. Tra la confusione generale, Snake, dopo aver avvistato Kaz, scende per salvarlo, riuscendo miracolosamente a farlo. Riusciti a scappare dagli assalitori, osservano la Mother Base ormai distrutta, mentre sprofonda nell'oceano, portandosi con sé i loro uomini. Kaz spiega che l'ispezione era tutta una farsa perché gli assalitori facevano parte della XOF. Tuttavia, dopo la violenta operazione per rimuovere la bomba di Paz (senza anestesia), si scopre che lei ha una seconda bomba (non si sa dove ma presumibilmente nella vagina), e per salvarli si butta in acqua. L'esplosione della bomba ustiona Snake in faccia, causando un vuoto d'aria. Un elicottero della XOF infatti precipita sul loro, finendo così in mare. Subito dopo si sente una registrazione audio tra Paz e Skull Face, avvenuta nella prigionia di lei a Camp Omega, in cui si capisce che anche Skull Face vuole uccidere Cypher, ma il perché rimane ancora un mistero. Dopo i titoli di coda e un trailer inedito del vero e proprio Metal Gear Solid V, esce la scritta "Continua in THE PHANTOM PAIN."

Side-Ops (Spoiler)[modifica | modifica sorgente]

Oltre alla missione "Ground Zeroes", si potrà giocare a 5 diverse missioni secondarie, 1 di queste varierà sulle console.

- "Elimina la minaccia dei giustizieri": bisognerà trovare e uccidere due marine arrivati in America, noti nel Laos come "l'occhio e il dito", che insieme formavano un cecchino e un osservatore. È importante non farsi mai scoprire, altrimenti questi fuggiranno e la missione fallirà. È ambientata di pomeriggio, con cielo nuvoloso.

- "Salvataggio agente segreto": missione decisamente action, in cui bisognerà scortare e successivamente recuperare un agente infiltratosi a Camp Omega. Una volta salvato, questo sarà nientemeno che Hideo Kojima. È ambientata all'alba.

- "Acquisizione informazioni riservate": già vista al Tokyo Game Show 2013, anche se sarà strutturata in maniera leggermente differente. Bisognerà recuperare delle importanti info da un agente sotto copertura, e poi scappare. È ambientata al tramonto.

- "Distruzione postazioni anti-aeree": probabilmente la più difficile da completare, visto che le guardie saranno moltissime e perennemente in allerta, rendendo difficile la distruzione delle cannoniere anti-aeree, necessari per far arrivare gli aerei amici. In seguito, dopo aver dovuto distruggere un blindato, bisognerà scappare entro il tempo limite. La missione finirà con Camp Omega che verrà bombardata e distrutta. È ambientata a mezzogiorno, con cielo sereno.

- "Jamais Vu": disponibile per Xbox 360 e Xbox One, sarà ambientata di notte con Raiden in versione Cyborg, che dovrà uccidere gli Snatcher, batteri che si infiltrano nei corpi dei soldati. Chiaramente sarà una missione piena di azione e adrenalina, anche grazie ai poteri di Raiden. La missione è ambientata di notte.

- "Deja Vu": disponibile per PS3 e PS4, si sblocca (come la Jamais Vu) raccogliendo tutte le toppe XOF sparse nell'area di gioco ; la missione consiste nel scattare foto del Camp Omega che ritraggono alcune ambientazioni di Shadow Moses del primo Metal Gear Solid. Una volta fotografate le aree, si avvierà un filmato che mostrerà quell'area nel primo Metal Gear Solid, tra cui comparirà anche Psycho Mantis. Una volta finita la missione, si sbloccherà una skin di Solid Snake in versione PS1. Come la Jamais Vu, anche questa si svolge di notte.

Storia principale - Metal Gear Solid V: The Phantom Pain[modifica | modifica sorgente]

Dichiarato inizialmente in via di sviluppo dalla Moby Dick Studio per PlayStation 3 e Xbox 360 in uscita nel 2013, è stato annunciato agli Spike Video Game Awards del 2012 con un trailer, in cui si vedeva una persona riprendersi da un coma durato molto tempo e scappare dall'ospedale assalito dai nemici, il tutto con una musica inquietante tanto da far sembrare il gioco un survival horror. Il trailer è stato oggetto di ampie discussioni per via delle nette similitudini con la saga Metal Gear Solid di Hideo Kojima; di fatto il personaggio principale sembrava avere le fattezze di Big Boss. Inoltre è stato fatto notare che il nome dell'ideatore Joakim non è nient'altro che l'anagramma di "Kojima". Mogren ha svelato ulteriori dettagli alla Game Developers Conference, in cui conferma che The Phantom Pain è il nuovo Metal Gear Solid, un open world vario e immenso, di cui Ground Zeroes ne è prologo. Il 6 giugno 2013, un video di Konami mostra l'attore Kiefer Sutherland come nuovo doppiatore di Big Boss, prendendo il posto della storica voce di David Hayter. Il 10 giugno 2013 viene mostrato, all'E3 2013, un video contenente scene di gameplay: si nota subito la nuova componente open world, che caratterizzerà il nuovo capitolo della saga, oltre al ritorno di diversi personaggi. Due giorni dopo viene presentato, sul sito della Konami, un trailer esteso rispetto a quello già presentato precedentemente. Nei prossimi giorni vengono svelati diverse nuove versioni del trailer, di cui una versione "RED BAND" per i maggiorenni (con esplicite scene di tortura, razzismo, schiavitu' minorile e violenza estrema), e una "GREEN BAND", priva di questi contenuti. Non è ancora chiara la sua data di uscita, neanche le console su cui uscirà, anche se dovrebbe uscire sulle stesse console di Ground Zeroes.[9]

Gameplay (The Phantom Pain)[modifica | modifica sorgente]

Il gioco partirà nel 1975, proprio dove si era interrotto Ground Zeroes; dopo l'attacco a sorpresa avvenuto alla Mother Base fatto dalla XOF capitanati da Skull-Face, questa è distrutta, sprofondando nell'oceano, i Militaries Sàns Frontières tutti morti e i danni incalcolabili: lo stesso Big Boss andrà in coma per le troppe ferite subite, portato in un ospedale che apparentemente sembra trovarsi o in Inghilterra o a Cipro. The Phantom Pain inizierà proprio al suo risveglio in ospedale 9 anni dopo, in cui in questi anni ha perso la muscolatura e la forza che lo avevano reso un tempo un eroe. Aiutato da uno strano uomo chiamato Ishmael (il quale non si sà se è un personaggio reale o un allucinazione di Big Boss fatta dalla propria mente per proteggerlo dal traumatico risveglio), Snake riuscirà a scappare dall'ospedale attaccato dalla XOF, venuta a sapere della locazione del soldato. Dopo qualche mese passato con Ocelot, Snake si rimette in forze, pronto per affrontare i nemici che un tempo lo avevano deprivato di tutto, pieno di volontà nel ricostruire il suo esercito (chiamato Diamond Dogs, in riferimento ai mercenari) e la sua base, ma anche pieno di rabbia e vendetta.

Il vero quinto capitolo della serie sarà enorme nelle opzioni e nella struttura. Essendo un grande open world basato su enormi mappe sparse nel mondo, a differenza del prologo questo avrà il ciclo giorno-notte incluso, varie condizioni atmosferiche (come per esempio in Afghanistan sarà possibile imbattersi in pericolose tempeste di sabbia) e varie location disponibili, che spaziano da città a deserti a giungle, tra cui ritornerà anche Camp Omega. Queste si potranno raggiungere tramite degli elicotteri interamente personalizzabili sia nella mimetica che nei cannoni, mitragliatrici e estetica e, a differenza di Ground Zeroes in cui se ne poteva chiamare solo uno, qui si potranno chiamare tutti gli elicotteri che si vuole. Inoltre ci sarà il sistema di recupero Fulton, così facendo si potranno reclutare soldati per ricostruire e ripopolare la base dopo il disastro avvenuto 9 anni prima.

La Mother Base sarà completamente esplorabile, al contrario di Ground Zeroes, piena di attività secondarie, attività che si potranno fare e settori da costruire. Si potrà anche visitare le basi dei proprio amici, per confrontarsi e vedere come le hanno fatte. Le aree visitabili come l'Afghanistan, dentro la quale si faranno le missioni, saranno immense e circa 200 volte più grandi di Camp Omega di Ground Zeroes, piene di basi militari, aree deserte, canyon, laghi e villaggi; proprio le missioni, a detta di Kojima, saranno interamente personalizzabili, ovvero si potrà scegliere come raggiungere o distruggere quel determinato obbiettivo. Se già in Ground Zeroes questa cosa è fatta bene, in The Phantom Pain sarà ulteriormente allargata, così come gli epici scontri con i boss, assenti nel prologo, che saranno fatti a fine o metà missione: tutto insomma dipenderà dall'approccio. Inoltre a quanto pare ci sarà in alcune missioni un compagno per Snake, anche se non si sà chi sarà. Nell'ultimo "Kojima Station", un dipendente, a la domanda, ha fatto dei versi simili a quelli di un cane: è possibile che sia questo.

Si potrà accelerare il tempo fumando il sigaro elettronico, come visto nel trailer dell'E3, dato il ciclo giorno-notte in cui 24 ore reali saranno circa 6 ore nel gioco. I diversi momenti della giornata sono molto importanti: infiltrarsi in una base di giorno sarebbe rischioso; certo, si godrà di più visibilità ma questo vale anche per i soldati, che saranno di più e anche loro godranno di una vista migliorata, mentre di notte si avrà meno visibilità (anche se, come in Ground Zeroes, ci sarà il visore notturno) ma ci saranno anche meno pattuglie e le ombre, cosa fondamentale per nascondersi. Sarà importante sfruttare l'ambiente a proprio vantaggio, decidere quanto infilitrarsi nelle diverse basi disponibili nelle aree di gioco, perlustrare, magari di giorno, l'area circostante e recuperare informazioni per il proprio obiettivo. Secondo Kojima infatti in alcune missioni per raggiungere un determinato obbiettivo bisognerà trovare indizi e recapitare informazioni, e dopo fatto questo infiltrarsi nel luogo quando si vuole, prenderlo e portarlo alla base. Bisognerà tener conto anche delle condizioni atmosferiche, che potrebbero rovinare anche i piani meglio riusciti, come appunto la già accennata tempesta di sabbia.

La varietà di veicoli ora è molto più ampia, in cui si potranno manovrare anche i cavalli, le moto e persino un Metal Gear (carrarmato bipede armato di artiglieria pesante). Oltre a questi aspetti, The Phantom Pain includerà tutti gli elementi innovativi di Ground Zeroes, come il tag dei nemici, il bullet-time una volta scoperti, la salute auto-rigenerante, l'eliminazione del countdown dell'allerta, sostituito dai comandi che si diranno le pattuglie e il CP per decidere lo stato in cui dovranno essere (combattimento, allerta, ricerca dell'intruso), ma qui faranno ritorno le classiche scatole di cartone e il "knocking", ovvero la caratteristica di bussare sulle pareti, tutte e due assenti in Ground Zeroes. Le armi saranno molte di più di quelle presenti in Ground Zeroes. Visto infatti l'ambientazione negli anni 80, e quindi nel pieno dell'invasione sovietica, ci saranno molti fucili russi, come il Kalashnikov, ma anche altre armi, come l'M16, la Galil, e le mitragliatrici leggere, tutte queste assenti nel prologo; Alcuni rumor parlano del poter scegliere l'equipaggiamento e la mimetica da scegliere per andare in una determinata area, ma nulla di confermato. Per tutti questi elementi e sicuramente di più, The Phantom Pain, oltre a essere un gioco enorme, è un vero e proprio simulatore di stealth, come descritto da Kojima stesso.

Dettagli sul gioco[modifica | modifica sorgente]

METAL GEAR SOLID V: THE PHANTOM PAIN:

- L’applicazione per il secondo schermo sarà usata anche qui, permettendo anche di progredire con il gioco lontani da casa.

- Riguardo alle inconsistenze della trama sulle volte che Big Boss finisce in coma, Kojima ha detto: “C’è solo una volta in cui va in coma, per avere una spiegazione dovrete giocare The Phantom Pain fino alla fine. I pezzi si metteranno insieme e direte ‘Oh, ecco cos’è successo!’”.

- La parte in Afghanistan mostra visuali giudicate “impressionanti”“Le rocce marrone chiaro e il terreno si allungano in ogni direzione, ad incredibile distanza”. L'ambiente è grande circa 60 volte Camp Omega, che di suo era anche grande.

- Le pecore, le capre e gli altri animali che vagano per l’ambientazione dell’Afghanistan sono create con“incredibile fedeltà”.

- Kojima conferma che The Phantom Pain non è un unico mondo enorme, ma tanti enormi mondi aperti, basati su paesi reali, in diverse parti del mondo. (In Metal Gear Solid 1 Ocelot disse che aveva combattuto in paesi quale l'Eritrea, il Ciad, il Mozambigo e l'Afghanistan. Potrebbero essere alcune delle location presenti qui.)

- I controlli base di Ground Zeroes non cambieranno qui, anche se in quest’ultimo ci saranno molte più cose da poter fare.

- In Ground Zeroes il giocatore è sempre in sensazione di pericolo, essendo in infiltrazione in una base nemica, mentre in The Phantom Pain ci saranno posti in cui non ci saranno molti nemici. Il giocatore non sarà sotto costante stress, sarà in grado di controllarlo decidendo quando andare in posti pericolosi o meno. Gli è ad esempio possibile fuggire lontano da una base nemica, mentre in Ground Zeroes non potrà andare via da Camp Omega.

- Tra i posti visitabili ci saranno basi militari, deserti, foreste, giungle e boschi innevati.

- Big Boss si può costruire la sua base e reclutare prigionieri salvati, compresi quelli in Ground Zeroes. Questa meccanica è l’evoluzione della costruzione della Mother Base in Peace Walker.

- Le basi in The Phantom Pain saranno più interattive di Peace Walker, con tanto di nuove funzionalità online. Sarà possibile camminare per la propria base costruita e svolgere diverse attività, come scegliere l'equipaggiamento per andare in missione, le mimetiche, parlare con i propri soldati o semplicemente rilassarsi, oppure camminare addirittura nelle basi di amici o altre persone incontrate online, per vedere come hanno ricostruito loro la base.

- In The Phantom Pain, per fare reclutamenti, si userà il sistema di recupero Fulton, mentre in Ground Zeroes questa caratteristica sarà assente per via dell’ambientazione troppo piccola e per motivi legati alla storia.

- Ancora nessuna informazione sia sulla data di uscita (si parla addirittura di fine 2015) che su Metal Gear Online.

- Sono anche previste missioni a tempo, infiltrazioni nei panni dei soldati di quella stessa base, rappresaglie con veicoli come carri-armati e missioni col Metal Gear.

- I contatti CODEC qui saranno molti, anche se alcuni momentaneamente non saranno disponibili durante alcune missioni del gioco. Un esempio può essere Miller, in cui sicuramente non sarà presente al CODEC fino a quando non verrà salvato dalla tortura in Afghanistan.

- È previsto un interessante cameo di Solid Snake doppiato da David Hayter. (lui non doppierà nessuno in Ground Zeroes)

- Secondo Kojima ci sarà una grande sorpresa all'interno di The Phantom Pain, che "scioccherà molti giocatori".

- Uno degli innumerevoli bambini-soldato visti nel trailer dell'E3 proviene dalla Ghana e si chiama Julius. Secondo alcune indiscrezioni, questo bambino verrà preso dai Diamond Dogs e messo sotto pesante tortura. Dopo mesi di queste, Julius verrà ucciso per mano di un Kaz ormai pazzo, evento che scioccherà pesantemente Snake.

- Esistono 8 versioni differenti del tema del gioco, "Sins of the father", composta da Akiro Honda e cantata da Donna Burke. Quella sentita nel trailer dell'E3 era un miscuglio tra la quarta e la settima versione.

- Si voleva avere un cambiamento radicale per Snake, non solo psicologico ma anche estetico. Così in The Phantom Pain avrà la mano robotica rossa, il famoso "corno" (un pezzo di metallo conficcatosi nel cranio) e varie cicatrici che ricoprono il suo corpo. Date queste caratteristiche, il passaggio dallo Snake carismatico del post-guerra fredda, al Big Boss crudele dei due primi Metal Gear è piuttosto evidente.

- Si è deciso di distribuire prima Ground Zeroes sia per accontentare i fan fornendo in tempi molto brevi un nuovo Metal Gear Solid sulle nuove console e sia per fare una sorta di antipasto alla vera e propria parte del gioco, The Phantom Pain.

- Proprio Kojima ha dichiarato che sarà grande circa 200-300 volte Ground Zeroes e offrirà una elevatissima rigiocabilità e molte missioni secondarie, così da esplorare per intero gli enormi scenari.

Temi[modifica | modifica sorgente]

Con MGSV Kojima si è voluto spingere oltre qualsiasi videogioco in tematiche; sebbene anche gli altri Metal Gear Solid abbiano avuto dei temi importanti come i geni e il DNA (MGS1), la vita e le tecnologie moderne (MGS2), il patriottismo e la fedeltà a una nazione (MGS3) e la volontà e la speranza (MGS4) e la pace (MGS: Peace Walker) in questo saranno diversi: si va dal fanatismo religioso al razzismo, dalla schiavitu' minorile alla violenza sui minori, dalle torture alla distruzione fisica e psicologica di un uomo, oltre alla consapevolezza di non poter tornare integri dalla guerra, potendo perdere compagni o parti del corpo. E poi c'è il tema principale: il dolore fantasma, che dà anche il titolo al gioco vero e proprio, causato dalla rimozione di un arto ma che il soggetto continua a sentirne la presenza. Per Kaz e soprattutto per Snake sarà molto evidente questa sensazione anomala.

FOX Engine e differenze grafiche fra le versioni[modifica | modifica sorgente]

Il gioco è il primo in assoluto ad impiegare il FOX Engine, il nuovo motore proprietario di Konami sviluppato interamente da Kojima Productions a partire dal 2010. Il motore risulta, secondo una classifica stilata da IGN, il settimo fra i dieci migliori motori grafici next-gen mai sviluppati. Texture, modelli poligonali, effetti climatici e movenze sono spettacolari, toccando quasi il fotorealismo sulle console next-gen. Non da meno le espressioni facciali: perfette sia nel gameplay che nelle cutscene, grazie a filmati non renderizzati.

Secondo quanto dichiarato da Kojima, FOX Engine è stato sviluppato tenendo conto sia la current-gen, che la next-gen. Grazie a complessi algoritmi ed un codice perfettamente ottimizzato, esso spreme sino al midollo PS3 ed Xbox 360, ma è su PS4 ed Xbox One dove FOX dà il meglio di sé. Infatti sulle nuove console gli effetti climatici, l'illuminazione ed i dettagli migliori, sono perfettamente godibili senza alcuna compressione. Kojima comunque ha confermato che il gameplay resterà invariato, sebbene nelle versioni next-gen sarà possibile interagire anche con smartphone e tablet, potendo utilizzare l'Idroid senza mettere in pausa il gioco, o gestire la Mother Base in un modo molto simile a Peace Walker.

Grazie a un video distribuito da Konami, si nota che la versione PS4, come già detto anticipatamente da Kojima, è la migliore sotto tutti gli aspetti: risoluzione 1080p, 60 frame al secondo, distanza visiva ed effetti di luce sono tutti potenziati. Inoltre, solo in questa versione, sembra presente una sorta di tempo dinamico, con nuvole che compaiono e scompaiono. Al contrario, la versione Xbox One pare molto simile alla versione da current-gen, la quale conserva i 30 frame al secondo e una risoluzione 720p.

Le versioni current-gen invece sembrano essere davvero incredibili per girare su console vecchie di molti anni, e sembra essere il gioco tecnicamente più curato disponibile su Xbox 360 e PS3.

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

- Big Boss/ Punished Snake:

INTRO: "Una leggenda decaduta."

Presente in: Ground Zeroes e The Phantom Pain

Kiefer Sutherland

Il personaggio principale del gioco; presente come protagonista in Metal Gear Solid 3 e in Peace Walker, da nemico principale in Metal Gear e Metal Gear 2, oltre che in vari spin-off e remake. Allievo prediletto di The Boss, eroina leggendaria della Seconda Guerra Mondiale, viene considerato da tutti "una leggenda sul campo di battaglia", come detto dallo stesso Ocelot, rispettato da tutto il suo esercito e amato da tutti i soldati nel mondo. A inizio 1975 è impegnato nella ricerca di Chico e Paz, due bambini visti in Peace Walker. Viene a sapere che sono detenuti nel Camp Omega, base nel territorio cubano governata dal governo americano. Dopo la distruzione della base e il successivo coma avvenuto alla fine di Ground Zeroes, il soldato leggendario viene dimenticato e creduto definitivamente morto da tutti.

Al suo risveglio 9 anni dopo capirà subito di essere stato in coma e di aver perso il braccio sinistro, anche se non si sà per quale motivo (la mano sarà poi sostituita con l'arto meccanico di Zadornov). Così il presunto dottore Kio Marv (apparso in Metal Gear 2) gli spiegherà tutti gli avvenimenti che lo hanno portato al coma, cosciente di aver perso la base, la fama e la maggior parte dei suoi soldati. Dopo tutto questo, sarà pieno di collera verso tutto il mondo, ma in particolare per Skull-Face e Cypher, sue nemesi.

Infatti in The Phantom Pain si avrà un radicale cambiamento nella sua personalità: non più un eroico soldato con delle morali e con un grande carisma, bensì un uomo pieno di vendetta, rabbia e collera verso la XOF, che non risparmia più nessuno pur di proseguire avanti (un esempio è uccidere delle persone innocenti, come sparare senza nessun rancore a dei bambini indifesi chiusi in una gabbia, anche se non si è a conoscenza del vero motivo).

Particolare che lo contraddistingue è un grande pezzo di metallo nero incastratogli sopra l'occhio destro, facendolo sembrare effettivamente un corno. Si sono fatte tantissime ipotesi su che cosa sia veramente e come se lo sia procurato. Per ora si sa che è successivo agli eventi di Ground Zeroes, probabilmente sono dei detriti causati da un esplosione troppo vicina a lui. Nella realtà un frammento così grande incastrato nel cervello potrebbe portare il soggetto a un drastico cambiamento di personalità e carattere. Una volta ripresosi dal coma, Snake insieme a Ocelot fonderà i Diamond Dogs, nuova forza paramilitare simile alla vecchia Militaries Sàns Frontierès dei vecchi giochi della serie.

In Ground Zeroes avrà l'atteggiamento di Peace Walker: un grande leader, esperto e ragionevole sul da farsi, un comportamento alla Solid Snake di Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty, oltre a mostrare un carattere premuroso, quasi paterno, nei confronti di Chico e Paz. In The Phantom Pain invece Snake, anche a causa di tutto ciò che dovrà soffrire, perderà lentamente la sua umanità, diventando sempre più spietato e senza rimorsi né emozioni.

- Kazuhira "Kaz" Miller:

INTRO: "Un visionario derubato del suo futuro."

Presente in: Ground Zeroes e The Phantom Pain

Robin Atkin Downes

Braccio destro di Big Boss e suo grande amico da dopo la battaglia in Nicaragua, di cui egli stesso ha fatto parte, ha origini Giapponesi e Americane; è lui che gestisce il business e gli affari alla Mother Base, oltre ad eliminare traditori, spie e persone contro il suo esercito. Nella missione a Camp Omega darà a Snake utili consigli al CODEC. Successivamente durante l'assalto alla Mother base, tenterà invano di fermare l'invasione nemica, uscendone al contrario profondamente ferito, sia sul corpo che nell'animo. Si vedrà infatti che Kaz sarà quello che più risentirà dell'attacco, come dimostrato sull'elicottero nella scena finale di Ground Zeroes, dove verrà salvato in extremis da Snake.

Si presuppone che durante i nove anni di coma di questo, sia stato prigionero e torturato pesantemente in Afghanistan; infatti il braccio e il piede gli verranno asportati, così come presumibilmente l'occhio sinistro. In The Phantom Pain Kaz letteralmente esploderà di rabbia verso la XOF e Cypher, arrivando sull'orlo della pazzia, arrivando a compiere gesti atroci. Sarà lui, insieme a Ocelot, a organizzare e assistere alle torture.

- Huey Emmerich:

Presente in: Ground Zeroes (solo voce) e The Phantom Pain

Crystopher Randolph

INTRO: "Un tecnocrate che si fa valere."

ATTENZIONE SPOILER

Scienziato dirigente presso la Mother Base, Huey, padre di Otacon, è un uomo abile e intelligente. Durante Ground Zeroes è lui che accoglie l'AIEA per l'ispezione delle armi nucleari, e sempre lui a nascondere sul fondo dell'oceano lo ZEKE e la bomba atomica, oltre a essere uno dei pochissimi sopravvisuti all'attacco della XOF. In una cassetta dentro il gioco però si capisce che è proprio lui il traditore, colui che ha programmato tutto: infatti è stato lui e probabilmente Strangelove a piazzare le cariche detonative sui punti cardine della Mother Base, e sempre lui a mascherare l'ispezione dell'AIEA. Questo fatto però lo pagherà molto caro in The Phantom Pain, dove dopo aver scoperto tutto verrà pesantemente torturato da Kaz e da Ocelot.

- Ocelot:

INTRO: "Un rivale che vive nella menzogna."

Presente in: The Phantom Pain

Troy Baker

Onnipresente in tutti i capitoli principali della serie, Ocelot stando a quanto dice Kojima sarà quello che ne risentirà meno dell'attacco alla Mother Base, l'unico che rimarrà con i suoi ideali fino alla fine. Da sempre conosciuto per i suoi modi sadici di torturare e per i suoi tradimenti, in The Phantom Pain sarà il principale punto di riferimento per gli MSF: sarà lui infatti a gettare le basi per la ricostruzione della Mother Base, e sempre lui che ha tenuto i pochissimi superstiti uniti per nove anni. Grazie al suo intervento, Snake riuscirà a scappare dall'attacco della XOF all'ospedale dove era ricoverato, riprendendosi dopo lentamente dal coma.

- Cipher/ Zero:

Presente in: The Phantom Pain

Maggiore a capo dell'Unita FOX, comandante dell'Operazione Snake Eater e storico amico di Big Boss, diventato suo rivale in seguito alla creazione dei Patriots e ai disaccordi sulle loro opposte visioni di un mondo unito. Cipher è a capo dei Patriots e comanda la XOF, unità paramilitare creata proprio per contrastare i resti della vecchia unita FOX (rappresentati da Big Boss), infatti sarà lui a programmare l'attacco alla Mother Base e sempre lui a mobilitare le truppe per andar a uccidere Snake nell'ospedale appena ripresosi dal coma. Non si sa che ruolo avrà nella storia, ma data la rabbia di Kaz e di Snake verso di lui, si suppone che sarà lui il vero e proprio antagonista.

- Skull Face:

INTRO: "Un fantasma senza passato."

Presente in: Ground Zeroes e The Phantom Pain

James Horan

A capo della XOF, Skull Face è un tipo sadico e senza emozioni, capace di tutto pur di uccidere Kaz e Snake, mettendo addirittura una bomba nella pancia di Paz in modo da farla scoppiare non appena venisse portata alla Mother Base. Conscio di aver fallito con questo metodo, lui e molti altri soldati invadono la base degli MSF, distruggendola completamente. Si sono fatte varie teorie su chi effettivamente possa essere, le più probabili sono Zadornov, Gene o Volgin. Skull-Face ritornerà in The Phantom Pain, dove sarà ossessionato dall'uccidere Snake e distruggere una volta per tutte il suo esercito. È sicuramente il personaggio più cattivo della serie, i suoi metodi, la sua crudeltà e il suo torturare spietatamente le persone hanno pochi precedenti nella storia dei videogiochi.

- Chico e Paz:

Presenti in: Ground Zeroes e The Phantom Pain

Antony del Rio - Tara Strong

Presenti anche in Peace Walker, Chico e Paz, rispettivamente ragazzo e ragazza adolescenti, sono rinchiusi in Camp Omega. Paz, come rivelato nel finale di Peace Walker, era una spia di Cipher (il Maggiore Zero) infiltrata nell'esercito di Big Boss, con lo scopo di ricattarlo per costringerlo a riunirsi ai Patriots, dichiarando che questo fosse il volere di Cipher. Big Boss tuttavia la sconfigge e la ragazza precipita in mare, venendo data per morta. In seguito si scopre che è sopravvissuta ma Cipher, temendo un suo doppio gioco, la fa rinchiudere a Camp Omega e, sotto tortura, interrogata dall'unita XOF (Durante gli eventi di Ground Zeroes si scopre che Paz cominciava a simpatizzare verso Big Boss e a dubitare di Cipher e della sua missione).

Chico, che durante gli eventi di Peace Walker si era innamorato di lei, quando scopre che è tenuta prigioniera parte da solo per salvarla, con l'unico risultato di finire lui stesso catturato. A questo punto comincia la missione di Big Boss, che consiste nel liberare Chico e Paz, poiché, come suggerito dal Kaz, la ragazza è il loro unico collegamento con i Patriots e hanno bisogno che stia dalla loro parte per quello che sa. Dopo averli recuperati e portati sull'elicottero, si scoprirà che Paz ha un bomba nello stomaco, messagli dentro la pancia da Skull Face così verrà aperta per rimuoverla, anche se ne avrà un'altra messa dentro l'utero, e per questo si getta dall'elicottero di Snake, esplodendo poco dopo. Chico invece tornerà in The Phantom Pain, dove avrà 22 anni. Molti rumors dicono che sarà Ishmael o addirittura il presunto Snake che è andato in coma.

- Quiet:

INTRO: "Una cecchina privata della sua voce."

Presente in: The Phantom Pain

Stefanie Josten (solo motion capture)

Affascinante cecchina incontrata da Snake in Afghanistan, si pensa che sia un maestro di Sniper Wolf (cecchina presente nel primo Metal Gear Solid) riconducibile allo stesso modo di vestire, al suo stile e agli anni in cui è ambientato il racconto. Tuttavia non si sa di più se no il fatto che è praticamente muta, forse per qualche trauma ricevuto in passato o per qualche tortura nel gioco.

- Eli:

INTRO: "Un giovane che maledice il suo destino (Liquid, sei tu?)."

Presente in: The Phantom Pain

Un ragazzo che sembra a capo di alcuni bambini soldato in Afghanistan/Africa. Secondo alcune speculazioni, si pensa si tratti di un giovane Liquid Snake. In effetti la sua età (12/13 anni), il suo atteggiamento, le cicatrici sul viso e alcune frasi dette dallo stesso Liquid Snake nel primo Metal Gear Solid (in cui parlava proprio della sua infanzia in Medio-Oriente), ricondurrebbero a lui.

-Code Talker

INTRO: "Un uomo cacciato via dalla sua casa."

Presente in: The Phantom Pain

Jay Tavare

Enigmatico uomo di cui tuttora non si capisce se sia un nuovo o vecchio personaggio della serie, né è possibile inquadrarlo. Si sa però che è un nativo americano, ma di sicuro nasconderà molti segreti.

Doppiaggio e motion capture[modifica | modifica sorgente]

Con questo Metal Gear Solid si è deciso di cambiare doppiatori per un buon numero di personaggi già visti negli scorsi episodi. In primis Snake, che sarà doppiato da Kiefer Sutherland, attore professionista conosciuto per la serie televisiva "24" (in cui interpretava Jack Bauer); il suo vecchio doppiatore era David Hayter, iconica voce sia di Big Boss che di Solid Snake. Anche se non si sa se è stato realmente rimpiazzato (alcuni tweet suoi e il fatto di aver dato l'annuncio della sua dimissione il 1° aprile fanno pensare che sia una presa in giro), Kojima vuole un doppiaggio non solo con la voce, ma anche con gli sguardi. Per questo serviva un uomo che sapesse fare bene le espressioni e gli sguardi facciali. Infatti, più che a parole, Snake si esprimerà tramite piccoli gesti della faccia.

In più, Kojima disse che con questo cambio vuole accentuare il distacco tra il Big Boss del passato e questo qui, molto più cattivo e freddo nel comportamento. C'è anche da dire che Hayter ha sempre doppiato Solid Snake, mentre a Big Boss solo in Metal Gear Solid 3 e Metal Gear Solid: Peace Walker, e non è neanche esclusa la presenza di Solid in The Phantom Pain. Ad ogni modo, la recitazione è rimasta su altissimi livelli. Il volto di Snake è interamente basato su ben 4 persone diverse. Per Ocelot è confermato Troy Baker, anche lui attore e famoso per aver interpretato la versione americana di Joel (The Last of Us) e Delsin Rowe in inFAMOUS Second Son. Kaz verrà doppiato invece da Robin Atkin Downes, anch'esso eccellente soprattutto nei suoi scatti d'ira, mentre, come in tutti gli altri giochi della serie, Crystopher Randolph dà la voce a Huey Emmerich.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Metal Gear Solid: Ground Zeroes dated, new trailers and Raiden DLC revealed
  2. ^ a b The Phantom Pain And Metal Gear Solid: Ground Zeroes Are Two Separate Games
  3. ^ GROUND ZEROES, annunciata anche la data d'uscita europea e nuove immagini
  4. ^ GROUND ZEROES next-gen anche nei negozi europei, bonus incluso
  5. ^ Kojima checking Metal Gear Online at LA Studio
  6. ^ Metal Gear Online returning for Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain
  7. ^ Filippo Veschi, Kojima: Ground Zeroes potrebbe essere troppo maturo per la pubblicazione, Matt's Games, 25/02/2013.
  8. ^ Metal Gear Solid: Ground Zeroes - primo video [di gioco
  9. ^ LA SOMMA DELLE PARTI FA METAL GEAR SOLID

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]