Mellivora capensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tasso del miele
Honey badger.jpg
Tasso del miele
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Eutheria
Ordine Carnivora
Famiglia Mustelidae
Sottofamiglia Mellivorinae
Genere Mellivora
Specie M. capensis
Nomenclatura binomiale
Mellivora capensis
Schreber, 1776
Nomi comuni

tasso del miele, mellivora, ratele

Il tasso del miele o mellivora o ratele (Mellivora capensis) è un mammifero della famiglia dei mustelidi. È l'unica specie del genere Mellivora e della sottofamiglia Mellivorinae. È diffuso in gran parte dell'Africa, in Medio Oriente e in India. In inglese si chiama honey badger o ratel, termine preso dall'afrikaans; il nome swahili è nyeg(h)ere.

Descrizione fisica[modifica | modifica sorgente]

Il tasso del miele è lungo circa 1 m (di cui un quarto circa di coda), alto 30 cm al garrese, e pesa fino a 13-14 kg. Ha una corporatura estremamente robusta e muscolosa, che gli consente di confrontarsi con animali di taglie molto più grandi. Ha una grossa testa con un muso simile a quello di un bradipo, ma con una dentatura che ricorda di più il cane; ha zampe corte e piccole orecchie rotonde. Ha pelo nero e irsuto nella parte inferiore del corpo, mentre il dorso è argenteo dalla corona fino alla coda. Il corpo è leggermente inclinato in avanti, con le reni poco più in alto delle spalle.

Habitat e alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Il tasso del miele predilige la savana e la foresta; è assente nelle regioni estremamente aride o estremamente umide. Pur essendo onnivoro, è innanzitutto un predatore, e si nutre di piccoli mammiferi, uova, insetti, rettili (inclusi serpenti velenosi come mamba o cobra), o persino piccole antilopi. Possiede inoltre una resistenza al veleno; infatti dopo un eventuale morso da parte del serpente, l'animale invece di andare incontro alla morte dorme per circa due ore, dopodiché riprende conoscenza e continua a cacciare. Per questo motivo l'animale ha suscitato molto interesse nell'ambito medico per la ricerca di anticorpi e sieri. Oltre alla carne, si nutre anche di frutta e altri alimenti vegetali; deve il suo nome alla passione per il miele. Per procurarsi questa delizia ha evoluto un rapporto di collaborazione simbiotica con un uccello noto come "indicatore del miele" (Indicator indicator); l'uccello lo conduce all'alveare, aspetta che il tasso l'abbia aperto, e si nutre delle larve che vengono esposte. Può essere attaccato da leopardi, iene e leoni (quasi mai da questi ultimi perché troppo piccolo), ma si difende energicamente: in un caso documentato un leopardo ha dovuto impiegare un'ora per vincere un vecchio tasso e in altri il ratele ha ferito gravemente delle iene. Entra in competizione con gli sciacalli per le prede.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Il tasso del miele è un animale schivo, difficile da osservare e da avvicinare. Vive solitario o in coppia, con i cuccioli. Se si sente in pericolo reagisce attaccando, e sono stati registrati attacchi anche molto violenti di tassi del miele contro esseri umani.

Iconografia e media[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Scheda presso Animal Diversity Web

Galleria[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi