Monospecifico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Monospecifico è un termine che in Tassonomia designa un gruppo di una sola specie.

Botanica[modifica | modifica wikitesto]

In botanica significa che un taxon ha una sola specie; il Ginkgo è per esempio un genere Monospecifico, mentre le Ginkgoaceae sono una famiglia monospecifica.

Zoologia[modifica | modifica wikitesto]

In zoologia monospecifico si riferisce a un taxon che contiene solamente un taxon immediatamente subordinato.[1] Per esempio, un genere monospecifico ha solo una specie. Così, si può dire che il taxon contenuto è monospecifico all'interno di uno più grande; un genere monospecifico all'interno di una famiglia.

Un esempio è il genere Tarsius che è monospecifico all'interno della famiglia dei Tarsiidae (che è di per sé monospecifica, dei Tarsiiformes). Un esempio di specie monospecifica è il guacamayo Anodorhynchus hyacinthinus che, discontinuando il taxon nominato, non include nessun taxon subordinato (sottospecie). Invece, il pappagallo Amazona farinosa non è una specie monospecifica, perché ha vari taxa subordinati (sottospecie).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Principles of Systematic Zoology, 2ª ed., McGraw-Hill, 1991, ISBN 0-07-041144-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]