Polemaetus bellicosus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aquila marziale
Kampfadler 01.jpg
Polemaetus bellicosus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Accipitriformes
Famiglia Accipitridae
Genere Polemaetus
Heine, 1890
Specie P. bellicosus
Nomenclatura binomiale
Polemaetus bellicosus
(Daudin, 1800)
Areale

Kronenadler.png

L'aquila marziale (Polemaetus bellicosus (Daudin, 1800)) è un uccello appartenente alla famiglia Accipitridae, diffuso in Africa. Si tratta dell'unico membro del genere Polemaetus Heine, 1890.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Kampfadler 02.jpg

Questa specie possiede notevoli dimensioni: è lunga 76–90 cm, pesa approssimativamente 5.2 kg ed ha una apertura alare di 190–260 cm.

La colorazione del piumaggio è bruna sulla parte dorsale e sulla testa, mentre è bianca sul ventre.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'aquila marziale è diffusa nell'Africa centrale e meridionale. Dimora su alberi isolati di boschi non fitti.

Caccia[modifica | modifica sorgente]

Dotata di una egregia forza e di considerevole ferocia, questa aquila caccia prevalentemente nelle prime ore del mattino ed in quelle serali e si ciba soprattutto di impala, lepri, antilopi e gallinacei.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La femmina depone nel nido, costruito sugli alberi più alti o negli anfratti delle pareti rocciose, due uova bianchissime.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International, 2013, Polemaetus bellicosus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Accipitridae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]