Direttore artistico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la figura professionale dell'animazione, vedi Direttore artistico (animazione).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la figura professionale della pubblicità, vedi Direttore artistico (pubblicità).

Il direttore artistico è una figura professionale che opera nel campo dello spettacolo.

Mansioni[modifica | modifica wikitesto]

Cura, coordina, organizza ed indirizza progetti di eventi (spettacoli, concerti, festival, rassegne, stagioni musicali, programmi televisivi, ecc.) secondo determinati contenuti, scelte, linee e percorsi artistico-culturali, indicando protagonisti, caratteristiche, tematiche e modalità di svolgimento, aspetti della comunicazione, eventuali connessioni socio-umanitarie e/o scopi promozionali e d'immagine.

Il direttore artistico ha il compito di redigere progetti di spettacoli ed eventi, definendoli in ogni dettaglio, in base a criteri legati a genere, target, obiettivi, qualità, attualità, interesse, contestualizzazione, indicazioni del committente (associazione, fondazione, ente pubblico, gestore, organizzatore, comitato, emittente radio-televisiva, ecc.). Nella fase di progettazione dell'evento, il direttore artistico deve valutare, oltre agli aspetti artistici, anche parametri economici e tecnici, procedendo ad un'autentica analisi di fattibilità. Il direttore artistico può distinguersi per abilità nella scelta di artisti e spettacoli, capacità di redigere progetti di qualità, interesse e risonanza, creatività nell'ideazione di eventi originali ed indirizzo delle strategie di comunicazione.

Il direttore artistico, a volte, è anche ideatore e/o organizzatore (vedi anche promoter musicale) e/o produttore di eventi.

Normativa italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il direttore artistico è pienamente e completamente responsabile dello svolgimento e del risultato dell'evento o dello spettacolo, dal punto di vista giudiziario e legale, e deve valutare, controllare e vigilare ogni decisione presa da funzionari, direttori tecnici, di allestimento, operatori, e quanti altri ricadano sotto la sua responsabilità durante la realizzazione dell'evento[1] Può in qualsiasi momento convocare assemblea per vari motivi: siano essi di comunicazione collettiva o di problemi interni allo staff operativo. Ha l'obbligo di un corrisposto mensile pari alla sua corrispettiva attività in termini di mandato e ore ed ha diritto a privilegi quali: telefono aziendale, benefit, rimborsi per chilometraggi, sconti e buoni pasto, pass per eventi e location. Per validare la presa di inizio di suddetto ruolo, egli deve firmare una dichiarazione in cui si prende responsabilità di eventuali punti elencati nello statuto. Senza tale documento la responsabilità e l'importanza del ruolo, decadono nel momento in cui, in casi problematici o gravi, vi siano accadimenti di blocco nell'ordinario collettivo; inoltre Il Direttore artistico può pertanto estraniarsi dal ruolo in qualsiasi momento, senza penalità legali o di rivalsa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vedi sentenze relative, tra cui n1813/2006 sez Giur. Lazio, Corte dei Conti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]