John O'Shea (calciatore 1981)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John O'Shea
Johnoshea.jpg
Dati biografici
Nome John Francis O'Shea
Nazionalità Irlanda Irlanda
Altezza 191 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Sunderland Sunderland
Carriera
Giovanili
1996-1998
1998-2000
Sunderland Sunderland
Manchester Utd Manchester Utd
Squadre di club1
1999-2000 Manchester Utd Manchester Utd 0 (0)
2000 Bournemouth Bournemouth 10 (1)
2000-2001 Manchester Utd Manchester Utd 0 (0)
2001 Anversa Anversa 14 (0)
2001-2011 Manchester Utd Manchester Utd 256 (10)
2011- Sunderland Sunderland 85 (3)
Nazionale
2000-2002
2001-
Irlanda Irlanda U-21
Irlanda Irlanda
13 (1)
97 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 febbraio 2014

John Francis O'Shea (Waterford, 30 aprile 1981) è un calciatore irlandese, difensore del Sunderland e della Nazionale irlandese.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore dotato di buona resistenza fisica, viene solitamente schierato come terzino ma, per la sua versatilità, può essere schierato anche come difensore centrale o come mediano.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Waterford, Irlanda, O'Shea trascorse due anni nelle giovanili del Manchester United e firmò un contratto da professionista il 3 agosto 1998 all'età di diciassette anni. Nonostante questo, O'Shea ha dichiarato di essere tifoso del Liverpool, i rivali dello United per eccellenza.

Debuttò il 13 ottobre 1999 al Villa Park contro l'Aston Villa in Carling Cup, all'età di diciotto anni.

Nel 2000 e nel 2001 trascorse due periodi in prestito, rispettivamente a Bournemouth ed Anversa. Poi ritornò al Manchester United a lottare per un posto in squadra.

Dopo una stagione da comprimario (2001-2002), diventò titolare nella stagione 2002-2003 dimostrando grande duttilità tattica; la stagione si concluse per lui con 32 presenze in campionato e la conquista del titolo nazionale. Roy Keane affermò che O'Shea avrebbe dovuto far parte della selezione irlandese per la Coppa del mondo 2002.[2]

Nella stagione 2003-2004, il Manchester dovette fare a meno di Rio Ferdinand sospeso per aver saltato un test anti doping; O'Shea prese il suo posto al centro della difesa aiutando il Manchester United a vincere la FA Cup contro il Millwall.[3]

Nella stagione 2004-2005, O'Shea non parve particolarmente in forma e sembrò vicino a dare l'addio ai Red Devils. L'episodio più ragguardevole di O'Shea in questa stagione fu il gol in casa dell'Arsenal che sigillò la vittoria per 4-2[4]; si trattò tra l'altro di un bel gol: un pallonetto incrociato sul secondo palo che batté Manuel Almunia in uscita.

Nella stagione 2005-2006, l'infortunio di Gary Neville gli spalancò le porte di un posto da titolare. Si sparse in seguito la voce che il capitano Roy Keane lo avesse criticato aspramente in un'intervista insieme ad altri giovani della squadra.[5]

La stagione 2006-2007 fu per O'Shea proficua: riuscì a scansare le critiche su di lui e terminò la stagione con un totale di 49 presenze e 5 gol. Il 27 ottobre 2006, nella partita di Champions League contro l'FC Copenaghen O'Shea segnò il suo primo gol in ambito europeo.[6] In questa stagione fu anche protagonista di un insolito episodio: il 4 febbraio 2007 durante una partita di campionato contro il Tottenham, si cimentò nel ruolo di portiere sostituendo nei minuti finali l'infortunato Van Der Sar poiché la sua squadra aveva già effettuato le 3 sostituzioni a disposizione.[7] In questa occasione negò il gol al compagno di Nazionale Robbie Keane con un intervento da portiere esperto; i tifosi del Manchester United intonarono il coro "Ireland's number one" (Il numero uno d'Irlanda) rivolto ad O'Shea.[8] Un mese più tardi, il 3 marzo 2007, fece gioire i tifosi dello United segnando il gol vittoria ad Anfield contro il Liverpool al novantesimo minuto[9]: questo risultato avviò il Manchester alla conquista del titolo. Il 7 aprile 2007 segnò contro il Portsmouth, gol però inutile dato che i Red Devils persero la partita per 2-1.[10] Salvò il Manchester United anche il 28 aprile 2007 contro l'Everton. Segnò su una respinta sbagliata del portiere Iain Turner in seguito ad un calcio d'angolo battuto da Giggs e diede il via alla rimonta del Manchester che era sotto di due gol.[11] Questo gol fu ancora più decisivo del precedente in ottica campionato poiché il Chelsea pareggiò 2-2 con il Bolton scivolando a 5 punti dai Red Devils con sole due partite ancora da giocare.[12] In questa stagione O'Shea si dimostrò nuovamente un giocatore duttile e utile infatti ebbe una precisione tiro del 100% e una percentuale di gol realizzati dell'80% in base alle occasioni avute.[13]

John O'Shea mentre firma autografi.
« Sono fortunato ad avere giocatori come O'Shea. [...] Sono sicuro che se lo schierassi come attaccante lui segnerebbe.[14] »
(Alex Ferguson)

Durante la stagione 2007-2008, O'Shea venne utilizzato addirittura come attaccante d'emergenza a causa dei tanti infortunati in attacco. Questo, oltre ad aver per l'ennesima volta sottolineato la versatilità del giocatore, gli diede il simpatico primato di aver giocato in ogni posizione di campo per il Manchester United. Il 26 settembre 2007 O'Shea indossò per la prima volta la fascia di capitano in Carling Cup contro il Coventry City[15] e il 23 novembre 2007 O'Shea prolungò il suo contratto con i Red Devils fino al 2012.[16] La stagione si concluse con la vittoria di campionato e Champions League; O'Shea però rimase in panchina nella finale di Mosca contro il Chelsea.[17]

Nella stagione 2008-2009, complici gli infortuni a lungo termine di Gary Neville e Wes Brown, O'Shea fu utilizzato quasi sempre titolare. Il 20 gennaio 2009, O'Shea segnò il suo primo gol stagionale contro il Derby County nella semifinale di Carling Cup.[18] Il 29 aprile 2009, nella gara d'andata della semifinale di Champions League contro l'Arsenal, O'Shea segnò il gol vittoria, suo secondo gol in questa competizione.[19] Il 21 maggio 2009 dichiarò che sarebbe pronto a cambiare squadra in caso non facesse parte dei piani di Alex Ferguson.[20] Il 27 maggio 2009 giocò a Roma la finale di Champions League persa contro il Barcellona.[21]

La stagione 2009-2010 iniziò male, con la sconfitta ai rigori contro il Chelsea, al Wembley Stadium, nel Community Shield, il 9 agosto 2009. In questa partita O'Shea venne schierato nella tradizionale posizione di terzino destro.[22] In Premier League, invece, il cammino di O'Shea iniziò bene: debuttò alla prima giornata contro il Birmingham City con la fascia di capitano al braccio. Spostato al centro della difesa, O'Shea propiziò l'azione del gol vittoria di Rooney con un preciso lancio lungo.[23] Ha segnato il primo gol stagionale al Britannia Stadium in data 26 settembre 2009 contro lo Stoke City.[24] Il 18 novembre 2009, durante lo spareggio tra Irlanda e Francia per il campionato del mondo 2010, O'Shea si è procurato un infortunio alla coscia; in seguito a complicazioni dovute alla coagulazione del sangue, è costretto ad un lungo periodo fuori dai campi di gioco.[25] Dopo quattro mesi e mezzo di stop, è rientrato nel mese di aprile e ha giocato per la prima volta il 7 aprile 2010 nella partita di ritorno dei quarti di finale Champions League contro il Bayern Monaco, partita terminata 3-2 per i Red Devils ma culminata con l'eliminazione degli stessi per la regola dei gol fuori casa.[26]

John O'Shea, after Barca match - 29th of April 2008.jpg

Il 7 luglio 2011 lascia dopo 10 anni il Manchester United e torna al club che lo ha lanciato nel calcio professionistico, il Sunderland.[27]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò con la Nazionale irlandese il 15 agosto 2001 contro la Croazia[28] e segnò il suo primo gol il 19 agosto 2003 in amichevole contro l'Australia.[29]

Negli incontri di qualificazione al campionato del mondo 2010 è partito titolare otto volte su dieci.

È regolarmente convocato dal CT Giovanni Trapattoni che lo schiera indifferentemente nei ruoli di difensore centrale e terzino destro; ha collezionato più di 60 presenze.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 30 agosto 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppa nazionale Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1999-gen. 2000 Inghilterra Manchester United PL 0 0 FACup+CdL 0+1 0 UCL 0 0 CS+SU+CInt 0 0 1 0
gen.-giu. 2000 Inghilterra Bournemouth FLT 10 1 - - - - - - - - - 10 1
2000-gen. 2001 Inghilterra Manchester United PL 0 0 FACup+CdL 0+2 0 UCL 0 0 CS 0 0 2 0
gen.-giu. 2001 Belgio Anversa JL 14 0 - - - - - - - - - 14 0
2001-2002 Inghilterra Manchester United PL 9 0 FACup+CdL 0+1 0 UCL 3 0 CS 0 0 13 0
2002-2003 PL 32 0 FACup+CdL 1+3 0 UCL 16[30] 0 - - - 52 0
2003-2004 PL 33 2 FACup+CdL 6+2 0 UCL 7 0 CS 1 0 49 2
2004-2005 PL 23 2 FACup+CdL 4+4 1+0 UCL 5[30] 0 CS 1 0 37 3
2005-2006 PL 34 1 FACup+CdL 2+4 0+1 UCL 7[31] 0 - - - 47 2
2006-2007 PL 32 4 FACup+CdL 5+1 0 UCL 11 1 - - - 49 5
2007-2008 PL 28 0 FACup+CdL 2+1 0 UCL 6 0 CS 1 0 38 0
2008-2009 PL 30 0 FACup+CdL 4+6 0+1 UCL 12 1 CS+SU+Cmc 1+1+0 0 54 2
2009-2010 PL 15 1 FACup+Cdl 0 0 UCL 3 0 CS 1 0 19 1
2010-2011 PL 20 0 FACup+CdL 3+0 0 UCL 2 0 CS 1 0 26 0
Totale Manchester United 256 10 52 3 72 2 7 0 387 15
2011-2012 Inghilterra Sunderland PL 29 0 FACup+CdL 5+0 0 - - - - - - 34 0
2012-2013 PL 34 2 FACup+CdL 0+2 0 - - - - - - 36 2
2013-2014 PL 33 1 FACup+CdL 2+7 0 - - - - - - 42 1
2014-2015 PL 3 0 FACup+CdL 0+1 0 - - - - - - 4 0
Totale Sunderland 99 3 17 0 - - - - 116 3
Totale carriera 379 14 69 3 72 2 7 0 527 19
John O'Shea nel 2009.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 2002-2003, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2010-2011
Manchester United: 2003-2004
Manchester United: 2005-2006, 2008-2009, 2009-2010
Manchester United: 2003, 2007, 2008, 2010

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Manchester United: 2007-2008
Manchester United: 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) O'Shea pleased with versatility, Skysports.com.
  2. ^ (EN) FOOTBALL: O'SHEA TIPPED TO PARTNER RECORD BUY, findarticles.com.
  3. ^ (EN) Man Utd win FA Cup, BBC Sport.
  4. ^ (EN) Arsenal 2-4 Man Utd, BBC Sport.
  5. ^ (EN) KEANE BLAST IS GAGGED, mirror.co.uk.
  6. ^ (EN) Man Utd 3-0 FC Copenhagen, BBC Sport.
  7. ^ (EN) Tottenham 0-4 Man Utd, BBC Sport.
  8. ^ (EN) O'Shea proud of keeper stint, manutd.com.
  9. ^ (EN) Liverpool 0-1 Man Utd, BBC Sport.
  10. ^ (EN) Portsmouth 2-1 Man Utd, BBC Sport.
  11. ^ (EN) Everton 2-4 Man Utd, BBC Sport.
  12. ^ (EN) Chelsea 2-2 Bolton, BBC Sport.
  13. ^ (EN) United's midfield options, Skysports.com.
  14. ^ (EN) United’s rock, Hinduonnet.com.
  15. ^ (EN) Man United 0 - 2 Coventry City, mirrors.co.uk.
  16. ^ (EN) O'Shea extends Man Utd contract, BBC Sport.
  17. ^ (EN) Man Utd earn dramatic Euro glory, BBC Sport.
  18. ^ (EN) Man Utd 4-2 Derby (4-3 agg), BBC Sport.
  19. ^ (EN) Man Utd 1-0 Arsenal, BBC Sport.
  20. ^ (EN) O'Shea needs regular action, Skysports.com.
  21. ^ (EN) Barcelona 2-0 Man Utd, BBC Sport.
  22. ^ (EN) Chelsea 2-2 Man Utd, Manutd.com.
  23. ^ (EN) Man utd 1-0 Birmingham, BBC Sport.
  24. ^ (EN) Stoke 0-2 Man Utd, BBC Sport.
  25. ^ Stagione finita per O'Shea, CalcioIta.com.
  26. ^ (EN) Man Utd 3-2 Bayern Munich (agg 4 - 4), BBC Sport.
  27. ^ (EN) O'Shea signs for Black Cats, manutd.com.
  28. ^ (EN) Full-time: Rep of Ireland 2-2 Croatia, BBC Sport.
  29. ^ (EN) Morrison caps Irish comeback, guardian.co.uk.
  30. ^ a b 2 presenze nel Terzo turno preliminare.
  31. ^ 1 presenza nel Terzo turno preliminare.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]