Differenze tra le versioni di "Ugo Foscolo"

Jump to navigation Jump to search
Nessun cambiamento nella dimensione ,  8 mesi fa
m
Bot: i simboli corretti degli ordinali sono º e ª
m (Bot: i simboli corretti degli ordinali sono º e ª)
Il capitano Ugo Foscolo, per ingraziarsi il generale [[Marie-François Auguste de Caffarelli du Falga|Augusto Caffarelli]], aiutante di campo di Napoleone e ministro della guerra del Regno d'Italia, curò una edizione delle opere di [[Raimondo Montecuccoli]], con una ricca premessa sull'arte della guerra. L'opera si inserisce anche in una polemica con [[Madame de Staël]] sull'attitudine militare degli italiani.<ref>{{Cita web |url=http://www.150anni.it/webi/index.php?s=25&wid=44 |titolo=150 anni unità d'italia |accesso=6 luglio 2011 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131224110012/http://www.150anni.it/webi/index.php?s=25&wid=44 |dataarchivio=24 dicembre 2013 |urlmorto=no }}</ref>
 
Sollevato dagli incarichi militari su interessamento del Caffarelli, Foscolo si candidò alla cattedra di [[eloquenza]] dell'[[Università di Pavia]], che si era resa vacante (la cattedra era stata tenuta in precedenza da Vincenzo Monti e da [[Luigi Cerretti]]). Ottenutala ''per chiara fama'' (18 marzo 1808) grazie all'interessamento di Luigi Arborio Gattinara di Breme, ministro dell'interno del Regno d'Italia, arrivò in città il 1°º dicembre dello stesso anno. Qui, il 22 gennaio 1809 pronunciò la sua celebre orazione inaugurale, ''Dell'origine e dell'ufficio della letteratura'', alla presenza di [[Alessandro Volta]] e Vincenzo Monti<ref>{{Cita web|url=https://ricerca.gelocal.it/laprovinciapavese/archivio/laprovinciapavese/2018/12/22/pavia-il-prof-ugo-foscolo-210-anni-dopo-ecco-le-tracce-a-pavia-del-grande-poeta-23.html|titolo=Il prof Ugo Foscolo 210 anni dopo. Ecco le tracce a Pavia del grande poeta. La Provincia Pavese, 22 dicembre 2018}}</ref>. Tuttavia il Foscolo tenne poche lezioni (l'ultima il 15 giugno 1809), poiché l'incarico venne a breve soppresso da Napoleone, divenuto sospettoso di ogni libero pensiero.<ref>{{cita|Pecchio|p. 150-153}}.</ref> A [[Pavia]] Foscolo abitò a [[Palazzo Cornazzani]] in compagnia dell'amico [[Gabrielli|Giulio Gabrielli di Montevecchio]]<ref>{{Cita web|url=https://ricerca.gelocal.it/laprovinciapavese/archivio/laprovinciapavese/2018/12/22/pavia-il-prof-ugo-foscolo-210-anni-dopo-ecco-le-tracce-a-pavia-del-grande-poeta-23.html|titolo=Il prof Ugo Foscolo 210 anni dopo. Ecco le tracce a Pavia del grande poeta. La Provincia Pavese, 22 dicembre 2018}}</ref><ref>{{Cita web|url=https://www.consiglio.marche.it/informazione_e_comunicazione/pubblicazioni/quaderni/pdf/150.pdf|titolo=Alberto Polverari. Monteporzio e Castelvecchio nella storia. Quaderni del Consiglio regionale delle Marche. Anno XIX - N.150 - luglio 2014}}</ref>, arredandone le stanze in maniera sfarzosa e assumendo più persone di servizio; nello stesso edificio, curiosamente, poi abitarono anche [[Ada Negri]] e [[Albert Einstein]]<ref>{{Cita web|url=http://www.visitpavia.com/it/poi/95|titolo=Casa di Ugo Foscolo|accesso=1 aprile 2019|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20190401162400/http://www.visitpavia.com/it/poi/95|dataarchivio=1 aprile 2019|urlmorto=sì}}</ref>.
 
=== Il ritorno a Milano e le difficoltà (1809-1812) ===
3 215 561

contributi

Menu di navigazione