Domenico Pino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Pino
Domenico Pino.jpg

Ministro della Guerra del Regno d'Italia
Durata mandato 17 marzo 1805 –
marzo 1806
Monarca Napoleone Bonaparte
Predecessore Se stesso come Ministro della Guerra della Repubblica Italiana
Successore Marie-François Auguste de Caffarelli du Falga

Ministro della Guerra della Repubblica Italiana
Durata mandato agosto 1804 –
17 marzo 1805
Presidente Napoleone Bonaparte
Predecessore Alessandro Trivulzio
Successore Se stesso come Ministro della Guerra del Regno d'Italia

Dati generali
Professione Militare
Firma Firma di Domenico Pino
Domenico Pino
SoprannomeDominique
NascitaMilano, 8 settembre 1760
MorteCernobbio, 29 marzo 1826
Dati militari
Paese servitoFlag of the Duchy of Parma.svg Ducato di Parma e Piacenza
Flag of the Cispadane Republic.svg Repubblica Cispadana
Flag of the Repubblica Cisalpina.svg Repubblica Cisalpina
Flag of the Italian Republic (1802).svg Repubblica Italiana
bandiera Regno d'Italia
Forza armataEsercito della Repubblica Cisalpina
Esercito della Repubblica Italiana
Grande Armata
CorpoLegione Lombarda
GradoGenerale di divisione
ComandantiNapoleone Bonaparte
Eugenio di Beauharnais
GuerrePrima coalizione
Seconda coalizione
Terza coalizione
Quarta coalizione
Guerra d'indipendenza spagnola
Campagna di Russia
Sesta coalizione
CampagneCampagna d'Italia (1796-1797)
Campagna d'Italia (1800)
Campagna d'Italia (1805)
Campagna d'Italia (1813-1814)
BattaglieBattaglia di Marengo
Scontro di Siena
Assedio di Kolberg (1807)
Assedio di Roses (1808)
Battaglia di Molins de Rei
Battaglia di Malojaroslavec
DecorazioniOrdine della Corona ferrea
Altre caricheMinistro della guerra e marina
voci di militari presenti su Wikipedia

Domenico Pino (Milano, 8 settembre 1760Cernobbio, 29 marzo 1826) è stato un generale italiano che servì quale generale di divisione nella Grande Armata di Napoleone Bonaparte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pino nacque a Milano, figlio di Francesco Pino e Margherita Lonati, in una distinta famiglia di commercianti. Frequentò il Collegio Gallio di Como per poi entrare nell'esercito del Ducato di Parma servendo quale capitano di cavalleria. Nell'ottobre 1796 si arruolò come granatiere nella Legione Lombarda, formata da Napoleone come parte dell'Armata d'Italia. Nel 1799 partecipò alla difesa di Ancona. Nella campagna di Marengo fu comandante di Ugo Foscolo. Nel 1804 successe ad Alessandro Trivulzio (1773-1805) come Ministro della guerra del Regno d'Italia, sino al marzo 1806, quando passò a comandare una divisione in Pomerania e in Prussia distinguendosi nell'assedio di Kolberg (1807). In occasione della guerra d'indipendenza spagnola fu messo a capo di una Divisione[1] agli ordini del generale Laurent de Gouvion-Saint-Cyr. Pino partecipò anche alla Campagna di Russia, dove rimase ferito, nella battaglia di Malojaroslavec del 1812.

In seguito fu capo del partito antifrancese a Milano (1814) e, all'abdicazione di Napoleone, come membro del governo provvisorio presieduto da Carlo Verri, venne coinvolto negli incidenti che portarono all'eccidio di Giuseppe Prina. Messo inizialmente a riposo dagli austriaci alla proclamazione del Lombardo-Veneto, fu poi nominato feldmaresciallo[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Ferrea
«Almanacco Imperiale del 1805»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Composta dal e 2º Reggimento leggero, dal 4º Reggimento di linea e dal I/7º di linea (italiani); successivamente gli furono aggregati il 6º Reggimento di linea italiano e dal 113e Régiment d'infanterie de ligne (toscani).
  2. ^ Mario Spagnol, Luciano Zeppegno, Guida ai misteri e segreti della Brianza, Milano, Sugarco Edizioni, 1987.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN18098423 · GND (DE122170865 · CERL cnp00568279 · WorldCat Identities (ENviaf-18098423