Arcidiocesi di Zara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Zara
Archidioecesis Iadrensis
Chiesa latina
Sveta Stosija Zadar front.jpg
Arcivescovo Želimir Puljić
Sacerdoti 127 di cui 89 secolari e 38 regolari
1.267 battezzati per sacerdote
Religiosi 41 uomini, 143 donne
Abitanti 167.064
Battezzati 160.964 (96,3% del totale)
Superficie 3.009 km² in Croazia
Parrocchie 117
Erezione IV secolo
Rito romano
Indirizzo Zeleni trg 1, 23000 Zadar, Hrvatska
Sito web zadar.hbk.hr
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Croazia
La chiesa della Santa Croce, già cattedrale di Nona, diocesi soppressa nel 1830 a vantaggio dell'arcidiocesi di Zara

L'arcidiocesi di Zara (in latino: Archidioecesis Iadrensis) è una sede della Chiesa cattolica immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2010 contava 160.964 battezzati su 167.064 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Želimir Puljić.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende parte della Dalmazia.

Sede arcivescovile è la città di Zara, dove si trova la cattedrale di Sant'Anastasia.

Il territorio è suddiviso in 117 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di Zara fu eretta nel IV secolo.

Con la bolla Licet universalis del 17 ottobre 1154 la diocesi fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana e dal 1157 subordinata al patriarcato di Grado.

In seguito alla bolla Locum Beati Petri di papa Leone XII del 30 luglio 1828, nel 1830 fu soppressa la diocesi di Nona e il suo territorio annesso dall'arcidiocesi di Zara. La stessa bolla stabiliva come suffraganee di Zara le diocesi di Spalato-Macarsca, Ragusa, Sebenico, Lesina e Cattaro.

In seguito ai mutamenti geopolitici susseguitisi dopo la prima guerra mondiale, la sede rimase vacante e nel 1922 la Santa Sede procedette alla nomina di due amministratori apostolici: uno per la parte italiana dell'arcidiocesi (la provincia di Zara) ed un altro per la parte jugoslava.[1]

Il 1º agosto 1932 in seguito alla bolla Pastorale munus di papa Pio XI il territorio dell'arcidiocesi fu limitato alla provincia di Zara e l'arcidiocesi perse il rango di sede metropolitana diventando una sede arcivescovile immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Il 1º marzo 1948 i confini della diocesi furono riportati alla situazione precedente le variazioni territoriali del 1932.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • San Felice † (prima del 381 - dopo il 390)
  • Andrea I † (prima del 530 - dopo il 533)
  • Sabiniano † (prima del 593 - dopo il 598)
  • San Donato † (circa 801 - dopo l'806)
  • Vitale † (menzionato nell'879)
  • Firmino † (prima del 925 - dopo il 928)
  • Basilio † (menzionato nel 969)
  • Anastasio † (prima del 978 - dopo il 981)
  • Andrea II † (prima del 1029 - dopo il 1036)
  • Pietro I † (prima del 1044 - dopo il 1045)
  • Andrea III † (prima del 1056 - dopo il 1059)
  • Stefano I † (menzionato nel 1066)
  • Andrea IV † (prima del 1072 - 1073)
  • Stefano II † (1073 - circa 1090 deceduto)
  • Andrea V † (1091 - dopo il 1094)
  • Gregorio † (circa 1101 - 1111)
  • Marco † (1111 - circa 1124 deceduto)
  • Micha † (circa 1124 - circa 1136/1137 deceduto)
  • Pietro II † (menzionato nel 1138)
  • Lampridio † (1141/1154 - 1178 deceduto)
  • Teobaldo Balbi, O.S.B. † (1178 - 1181)
  • Damjan † (1183 - circa 1186/1187)
  • Petar † (1187 - 1197)
  • Nikola Manzavin † (1198 - 1202)
  • Leonard † (1208 - 1218)
  • Giovanni Venier † (1218 - 1238)
  • Toma † (8 maggio 1238 - 1238)
  • Domenico Franco † (1239 - 1245)
  • Lovro Periandar (Perijander) † (1245 - 1287 deceduto)
  • Andrea Gussoni † (1287 - 1290)
  • Giovanni da Anagni, O.F.M. † (12 febbraio 1291 - 17 giugno 1297 nominato arcivescovo di Trani)
  • Enrico da Todi, O.F.M. † (18 giugno 1297 - 1299 deceduto)
  • Jacopo da Foligno, O.F.M. † (15 giugno 1299 - 1312 deceduto)
  • Niccolò da Sezze, , O.P. † (13 luglio 1312 - 1320 deceduto)
  • Ivan Butovan † (28 aprile 1322 - 6 aprile 1333 deceduto)
  • Nicola Matafari † (10 settembre 1333 - 1367 deceduto)
  • Domenico, O.P. † (27 settembre 1368 - 23 gennaio 1376 nominato vescovo di Bosnia)
  • Pietro Matafari † (5 maggio 1376 - 1400 deceduto)
  • Luca Vagnozzi † (28 luglio 1400 - 1419 o 1420 deceduto)
  • Biagio Molin † (4 marzo 1420 - 17 ottobre 1427 nominato patriarca di Grado)
  • Lorenzo Venier † (19 gennaio 1428 - 1449 deceduto)
  • Polidoro Foscari † (5 novembre 1449 - 1450 deceduto)
  • Maffeo Valaresso † (1º luglio 1450 - 1494 deceduto)
  • Giovanni Robobello † (19 dicembre 1494 - 1503 deceduto)
  • Alvise Cippico † (11 dicembre 1503 - 1504 deceduto)
  • Giovanni Cippico † (6 marzo 1504 - 1505 deceduto)
  • Francesco Pesaro † (18 aprile 1505 - 19 dicembre 1530 nominato patriarca di Costantinopoli)
  • Cornelio Pesaro † (10 novembre 1533 - 1554 deceduto)
  • Alvise Cornaro † (25 giugno 1554 - 17 luglio 1555 dimesso)
  • Muzio Calini † (17 luglio 1555 - 12 luglio 1566 nominato vescovo di Terni)
  • Alvise Cornaro † (1566 - 1567 dimesso) (per la seconda volta)
  • Andrea Minucci † (5 dicembre 1567 - 1572 deceduto)
    • Marco Loredan † (16 novembre 1573 - 25 giugno 1577 deceduto) (amministratore apostolico)
  • Natale Venier † (13 novembre 1577 - 25 dicembre 1588 deceduto)
  • Marcantonio Venier † (25 aprile 1589 - 27 febbraio 1592 deceduto)
  • Alvise Barozzi † (3 aprile 1592 - 2 maggio 1592 deceduto)
  • Alvise Molin † (6 novembre 1592 - 3 novembre 1595 nominato arcivescovo, titolo personale, di Treviso)
  • Minuccio Minucci † (7 febbraio 1596 - 7 marzo 1604 deceduto)
  • Vittorio Ragazzoni † (25 giugno 1604 - 1615 deceduto)
  • Luca Stella † (16 novembre 1615 - 4 dicembre 1623 nominato arcivescovo di Creta)
  • Ottaviano Garzadori † (11 marzo 1624 - 1639 dimesso)
  • Benedetto Cappello † (11 luglio 1639 - 21 ottobre 1641 nominato arcivescovo, titolo personale, di Concordia)
  • Bernardo Florio, O.Cruc. † (28 aprile 1642 - 14 febbraio 1656 deceduto)
  • Teodoro Balbo † (18 settembre 1656 - 19 maggio 1669 deceduto)
  • Giovanni Evangelista Parzaghi, O.F.M. † (19 agosto 1669 - 24 agosto 1688 deceduto)
  • Vittorio Priuli, C.R.L. † (20 dicembre 1688 - 5 novembre 1712 deceduto)
  • Vicko Zmajević † (27 marzo 1713 - 12 settembre 1745 deceduto)
  • Mate Karaman † (22 novembre 1745 - 7 maggio 1771 deceduto)
  • Michele Triali † (23 settembre 1771 - 13 gennaio 1774 deceduto)
  • Giovanni Carsana † (6 giugno 1774 - gennaio 1801 deceduto)
  • Giuseppe Gregorio Scotti † (24 agosto 1807 - 1º gennaio 1817 deceduto)
  • Josip Franjo di Paola Novak † (27 settembre 1822 - 20 marzo 1842 dimesso)
  • Giuseppe Godeassi † (22 giugno 1843 - 5 settembre 1861 deceduto)
  • Pietro Doimo Maupas † (21 maggio 1862 - 1891 deceduto)
  • Grgur Rajčević † (1891 - 27 ottobre 1899 deceduto)
  • Mate Dujam Dvornik † (1901 - 1910 dimesso)
  • Vinko Pulišić † (16 giugno 1910 - 2 aprile 1922 dimesso)
    • Sede vacante (1922-1933)
  • Pietro Doimo Munzani † (16 marzo 1933 - 11 dicembre 1948 dimesso)
  • Mate Garković † (24 dicembre 1960 - 26 maggio 1968 deceduto)
  • Marijan Oblak † (20 agosto 1969 - 2 febbraio 1996 ritirato)
  • Ivan Prenđa † (2 febbraio 1996 succeduto - 25 gennaio 2010 deceduto)
  • Želimir Puljić, dal 15 marzo 2010

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 167.064 persone contava 160.964 battezzati, corrispondenti al 96,3% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1948 35.200 36.000 97,8 67 51 16 525 21 37 31
1970 166.251 192.512 86,4 108 81 27 1.539 33 155 107
1980 144.700 187.000 77,4 105 75 30 1.378 37 178 112
1990 145.000 188.000 77,1 95 62 33 1.526 39 183 112
1999 155.500 160.000 97,2 106 72 34 1.466 39 148 116
2000 155.500 164.310 94,6 107 76 31 1.453 35 148 116
2001 158.215 164.310 96,3 110 75 35 1.438 41 144 117
2002 155.559 164.965 94,3 103 72 31 1.510 36 139 117
2003 157.235 166.641 94,4 112 77 35 1.403 39 142 117
2004 158.344 164.160 96,5 103 76 27 1.537 34 143 117
2010 160.964 167.064 96,3 127 89 38 1.267 41 143 117

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AAS 15 (1923), p. 115.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi