Processo Gotha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Processo Gotha è un processo penale a carico di soggetti che secondo l'impianto accusatorio sarebbero i vertici della 'ndrangheta reggina, la cosiddetta "cupola".[1] A capo della 'ndrangheta è stata individuata una "componente riservata", cioè dei "soggetti ‘cerniera’ che interagiscono tra l’ambito ‘visibile’ e quello ‘occulto’ dell’organizzazione criminale".[2] Il processo è stato avviato in seguito alle inchieste Mamma Santissima, Reghion, Fata Morgana e Sistema Reggio.[3].

A processo con il rito ordinario, sono imputate 34 persone, tra cui figurano il senatore Antonio Caridi, l'avvocato e politico Paolo Romeo, l'avvocato Giorgio De Stefano, l'avvocato Antonio Marra, il parroco di San Luca Giuseppe Strangio, l'ex magistrato di Cassazione Giuseppe Tuccio, una volta Procuratore della Repubblica di Palmi. Con il rito abbreviato l'avvocato Giorgio De Stefano, zio del boss Giuseppe De Stefano, ed i fratelli Mario e Domenico Stillitano sono stati condannati a 20 anni di reclusione, Antonino Nicolò e Roberto Franco a 18 anni, Dimitri De Stefano, figlio del defunto boss Paolo De Stefano a 15 anni, Emilio Angelo Frascati a 13 anni, Natale Saraceno e Domenico Marcianò a 12 anni, Aldo Inuso, cancelliere della Corte d'appello di Reggio Calabria, a 5 anni e 4 mesi, l'ex sindaco di Villa San Giovanni Antonio Messina a 3 anni e 4 mesi, l'ingegnere Antonio Idone a 2 anni.[4][5]

Il senatore Antonio Caridi, precedentemente arrestato per l'inchiesta "Mamma santissima" con l'autorizzazione del Senato il 4 agosto 2016,[6] il 26 marzo 2018 viene rimesso in libertà.[7]

Operazioni delle forze dell'ordine[modifica | modifica wikitesto]

Il processo nasce dalle precedenti operazioni conclusesi nel 2016 Sistema Reggio, Fata Morgana e Mamma Santissima.

In dettaglio:

il 15 marzo 2016 si conclude l'operazione Sistema Reggio che porta all'arresto di 17 persone, presunte affiliate ai De Stefano, tra cui Giorgio De Stefano e Franco e dei Serraino e Araniti. Dall'indagine si evince anche il controllo da parte delle cosche dell'accesso al lavoro negli esercizi commerciali della città di Reggio Calabria[8][9].

il 10 maggio 2016 si conclude l'operazione Fata Morgana che porta all'arresto di 7 persone presunte contigue alla 'ndrangheta reggina e al sequestro del centro commerciale La Perla dello Stretto[10]

il 15 luglio 2016 si conclude a Reggio Calabria l'operazione Mammasantissima del Ros dei Carabinieri che porta all'arresto di 3 persone: Alberto Sarra ex consigliere regionale della Calabria, Giorgio De Stefano avvocato e Francesco Chirio, anch'esso avvocato; inoltre è indagato anche il già arrestato Paolo Romeo ex deputato del Psdi e viene presentata la richiesta d'arresto del senatore di Grandi Autonomie e Libertà Antonio Caridi[11][12]

Sentenza di primo grado[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2018 si conclude il primo grado del processo Gotha condannando a 20 anni di carcere Giorgio De Stefano, ex consigliere comunale DC come al vertice della 'ndrangheta reggina ed in cui viene spiegato che a capo dei tre mandamenti vi sono ancora oggi i Piromalli per la zona tirrenica, i De Stefano-Tegano per Reggio città, i Nirta Scalzone per la Jonica, assetto definito ormai dagli anni '70 del secolo scorso[13]. Il processo conferma Giorgio De Stefano e Paolo Romeo come i capi del mandamento Città e disvela il cosiddetto livello "invisibile" della 'ndrangheta reggina, fatta di soggetti cerniera e di manipolazione della vita politica, della massoneria deviata, dell'imprenditoria e della magistratura. [14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.repubblica.it/cronaca/2018/03/02/news/maxiprocesso_sulla_cupola_della_ndrangheta_20_anni_a_de_stefano-190168503/
  2. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/10/antonio-caridi-chiesto-il-processo-per-il-senatore-di-gal-fa-parte-del-sistema-riservato-della-ndrangheta/3381922/
  3. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/02/ndrangheta-lavvocato-de-stefano-condannato-a-20-anni-vertice-del-direttorio-che-detta-gli-indirizzi-politici/4198120/
  4. ^ http://www.antimafiaduemila.com/home/mafie-news/261-cronaca/69282-ndrangheta-processo-gotha-in-abbreviato-pioggia-di-condanne-2.html
  5. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/04/22/ndrangheta-il-senatore-caridi-resta-in-carcere-uso-deviato-del-ruolo-pubblico/3536949/
  6. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/08/04/senato-palazzo-madama-dice-si-allarresto-di-antonio-caridi-154-favorevoli-110-contrari-e-12-astenuti/2954943/
  7. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/26/ndrangheta-torna-in-liberta-ex-senatore-antonio-caridi-era-stato-arrestato-nel-2016/4252787/
  8. ^ Sistema Reggio. 17 arresti, in gazzettadelsud.it, 15 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  9. ^ Il “Sistema Reggio”: arrestati anche i prestanomi, in strill.it, 15 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  10. ^ Reggio Calabria, tutti i dettagli sull’operazione “Fata Morgana”: sequestrata anche la Perla dello Stretto, in strettoweb.com, 10 maggio 2016. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  11. ^ 'Ndrangheta: scoperta cupola segreta in Calabria, chiesto l'arresto del senatore Caridi, 15 luglio 2016. URL consultato il 18 luglio 2016.
  12. ^ ’Ndrangheta, scoperta cupola segreta. Chiesto arresto per il senatore Caridi, 15 luglio 2016. URL consultato il 18 luglio 2016.
  13. ^ 'Ndrangheta, 20 anni all'avvocato De Stefano: "Era ai vertici della cupola", in repubblica.it, 3 marzo 2018. URL consultato il 3 marzo 2018.
  14. ^ ‘Ndrangheta, le motivazioni della sentenza Gotha: “Sistema allargato di potere tra cosche, massoneria e politica” ‘Ndrangheta, le motivazioni della sentenza Gotha: “Sistema allargato di potere tra cosche, massoneria e politica”, in ilfattoquotidiano.it, 30 novembre 2018. URL consultato il 9 dicembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto