Antonio Zagari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Antonio Zagari (San Ferdinando, 1954San Ferdinando, 2004) è stato un mafioso italiano della 'ndrangheta, affiliato all'omonima 'ndrina, pentito dal 1990.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del capobastone Giacomo Zagari (con dote di santista), originario di San Ferdinando, negli anni sessanta si trasferiscono nel varesotto a Malnate[1][2][3].

Il 14 ottobre 1974 viene sequestrato a Buguggiate Emanuele Riboli (dove allora gli Zagari risiedevano)[1][4].

Si pente nel 1990, assieme a Saverio Morabito e grazie alle sue deposizioni il 15 gennaio 1994 vengono condannati (tra cui lui stesso) al carcere 42 affiliati alle cosche[5].

Nel 1992 viene pubblicato il suo libro Ammazzare stanca (dalle edizioni Periferia di Cosenza), nel quale racconta la sua storia nella 'Ndrangheta. Dello stesso libro viene fatta ristampa nel 2008.

Muore per un incidente d'auto nel 2004[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie