Domenico Condello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Domenico Condello detto Micu 'u pazzu (Reggio Calabria, 4 novembre 1956) è un mafioso italiano della 'ndrangheta, affiliato, ed in seguito alla cattura di suo cugino Pasquale Condello, capobastone dei Condello; fino alla sua cattura era nell'elenco dei latitanti più pericolosi d'Italia.

Domenico Condello è il cugino del più noto Pasquale Condello, detto U supremu e cognato di Antonio Imerti dell'omonima famiglia. Fu lui ad uccidere nella seconda guerra di 'Ndrangheta il boss Paolo De Stefano e per questo omicidio fu processato e condannato. Secondo il pentito Giacomo Ubaldo Lauro era un grado al di sotto di suo cugino Pasquale e allo stesso livello dei suoi fratelli Paolo Pasquale e Vincenzo[1].

Domenico Condello è stato condannato all'ergastolo al processo Olimpia per associazione mafiosa, traffico di droga, estorsione e omicidio ed era ricercato sin dal 7 dicembre 1990, mentre in campo internazionale le ricerche erano state diramate dal 20 febbraio 1993[1].

La sua latitanza è terminata il 10 ottobre 2012 con il suo arresto da parte delle forze dell'ordine a Rosalì di Reggio Calabria[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gli ultimi tre della black-list Il numero uno è Condello di Pietro Comito, Calabria Ora del 28 aprile 2010, p.8
  2. ^ È finita la latitanza di Domenico Condello, su corrieredellacalabria.it. URL consultato il 10 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie