Dolce & Gabbana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dolce e Gabbana)
Dolce & Gabbana S.r.l.
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1985 a Legnano
Sede principale Via Goldoni 10 Milano
Persone chiave Domenico Dolce, Stefano Gabbana
Settore Moda
Prodotti
Sito web www.dolcegabbana.it

Dolce & Gabbana è una casa di moda italiana fondata nel 1985 dagli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana a Legnano[1]. Ha sede a Milano[2].

L'azienda di design[modifica | modifica wikitesto]

Storia iniziale[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Dolce è nato il 13 agosto 1958 a Polizzi Generosa mentre Stefano Gabbana è nato il 14 novembre 1962 a Milano. Dolce iniziò già a disegnare e confezionare i suoi vestiti all'età di sei anni.[3] Il primo incontro tra i due avvenne per telefono, quando Dolce chiamò l'azienda di moda per cui Gabbana stava lavorando, in cerca di lavoro. Dopo essere stato assunto dalla ditta, Gabbana prese Dolce sotto le proprie ali e gli insegnò il funzionamento del processo di design per un'azienda di moda e come abbozzare nuovi design. Poco dopo l'assunzione di Dolce, Gabbana fu arruolato per il servizio militare obbligatorio di 18 mesi, ma dopo il suo ritorno i due crearono un'azienda di consulenza nell'ambito del design.[4]

  • Nonostante lavorassero insieme, fatturavano sempre separatamente, finché un commercialista gli consigliò di fatturare congiuntamente in modo da semplificare le cose e rendere l'attività più efficiente dal punto di vista dei costi. I due cominciarono a fatturare ai clienti con il nome di Dolce e Gabbana, che diventò il nome della loro attività di design in via di sviluppo.[3] La prima collezione del duo di stilisti è stata mostrata nell'ottobre del 1985[4], insieme a cinque altre nuove etichette, nell'ambito della Milan Fashion Week. I due non avevano soldi per delle modelle, pertanto cercarono aiuto dai loro amici; non avevano neanche soldi per fornire accessori alle loro modelle, quindi queste vestirono semplicemente i loro oggetti personali come complemento ai vestiti. Come tenda per lo stage utilizzarono persino un lenzuolo da letto che Dolce portò da casa.[5]

I due stilisti diedero il nome di Real Women alla loro prima collezione, dovuto in parte all'impiego di donne del posto sulla passerella.[4] Le vendite della loro prima collezione furono abbastanza deludenti e costrinsero Gabbana ad annullare l'ordine di tessuto fatto per creare la seconda collezione. Quando i due andarono in Sicilia per Natale la famiglia di Dolce si offrì di pagare il costo della fornitura e per coincidenza l'azienda di tessuti non ricevette in tempo la revoca dell'ordine quindi al rientro a Milano il tessuto era a loro disposizione.[3] Produssero la loro collezione successiva nel 1986 e aprirono il loro primo negozio lo stesso anno.[4] Michael Gross scrisse della loro terza collezione in un'intervista del 1992, affermando che "erano un segreto conosciuto soltanto da una manciata di editori di moda italiani. Le loro poche modelle si cambiavano dietro uno schermo traballante. Alla loro collezione di pezzi in cotone da magliette e seta elastica diedero il nome di ″Trasformazione″. Il loro abbigliamento in questa collezione era accompagnato dalle istruzioni circa i sette diversi modi in cui è possibile indossare un pezzo in un completo, poiché l'indossatore poteva utilizzare il velcro e le chiusure a scatto per modificare la forma dei vestiti".[6]

Fu la loro quarta collezione la prima ad avere un impatto significativo sul mercato italiano della moda. In questa collezione Dolce si rifece alle sue radici siciliane. La campagna pubblicitaria della collezione fu girata dal fotografo Fernando Scianna in un luogo in Sicilia, con fotografie in bianco e nero ispirate al cinema italiano degli anni 40. Continuarono a utilizzare il cinema italiano come ispirazione nella loro quinta collezione, prendendo come spunto il lavoro del regista Luchino Visconti e il suo film Il gattopardo.[4]

Uno dei pezzi della loro quarta collezione fu chiamato "Il vestito siciliano" dalla stampa della moda e fu indicato dall'autore Hal Rubenstein come uno dei 100 vestiti più importanti mai disegnati. È considerato essere il pezzo più rappresentativo per il marchio in questo periodo. Rubenstein ha descritto il pezzo nel 2012, scrivendo: "Il vestito siciliano è l'essenza di Dolce & Gabbana, la pietra di paragone sartoriale del marchio. Il vestito prende spunto da una sottoveste, ma è una sottoveste che ha adornato Anna Magnani, ed è una sagoma che ha ornato Anita Ekberg, Sophia Loren, [e così via]. Le cinghie si adattano strette al corpo proprio come quelle di un reggiseno; la scollatura scorre dritta, ma viene attaccata almeno due volte, una per ciascun lato, per accarezzare i due seni e nel mezzo per incontrare un'edificante piega che fornisce un lieve sostegno. La sottoveste non scivola semplicemente verso il basso, ma sale alla vita per tenere la figura con fermezza ma non troppo stretta, e in seguito si allarga per enfatizzare le anche, per cadere in modo leggermente rastremato alle ginocchia, in modo da garantire l'oscillazione delle anche mentre si cammina.[7]

Nuove linee e nuovi mercati[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 il duo lanciò una linea distinta di maglie e nel 1989 iniziò a disegnare una linea di biancheria e costumi da mare. Nel 1990 lanciarono la prima collezione da uomo.[8] In questo anno spostarono la casa di design nei suoi primi uffici veri e propri e cominciarono a disegnare abiti da sera e altri pezzi più costosi, in aggiunta al loro abbigliamento originale.[6] La loro collezione da donna primavera/estate 1990 fece riferimento al dipinto mitologico di Raffaello e il duo iniziò a costruirsi una reputazione per i vestiti ricoperti di cristallo. La collezione donna autunno/inverno 1991 fu adornata da ciondoli, comprese medaglie in filigrana e corsetti decorati. La collezione donna autunno/inverno 1992 fu quindi ispirata dallo schermo argentato degli anni 50, tuttavia la collezione comprendeva ancora body adornati con cristallo.[9]

Nel 1991 la loro collezione da uomo fu insignita del Woolmark Award in quanto collezione da uomo più innovativa dell'anno.[10] Ciò che viene considerato come il loro primo tentativo di riconoscimento a livello internazionale è arrivato quando Madonna vestì un corsetto fatto di gemme e una giacchetta di accompagnamento di Dolce & Gabbana per la prima di A letto con Madonna al Festival di Cannes. Il duo poi lavorò con Madonna nel 1993 per disegnare oltre 1500 costumi per il tour internazionale dell'artista Girlie Show a supporto del suo album del 1992 Erotica.[8] In un'intervista sui costumi, Madonna affermò che "i loro vestiti sono sexy con un senso dell'umorismo-come me."[6] Nel 1994 il marchio di fabbrica della casa, una giacchetta a doppio petto, fu chiamato "La Turlington", ispirandosi alla modella Christy Turlington. Nello stesso anno l'azienda lanciò la sua seconda linea principale--D&G, una linea mirata a persone giovani. Nel 1996 la sfilata di D&G fece la sua apparizione soltanto su internet e non sulla passerella, sperimentando lo spostamento verso i nuovi media. In questo anno Dolce & Gabbana disegnarono anche i costumi per il film Romeo + Juliet.[11]

Nell'ambito dell'industria cinematografica, sia Dolce che Gabbana comparirono nel 1995 nel film L’Uomo delle Stelle del regista Giuseppe Tornatore, coprendo ruoli minori. Comparirono in cammeo più importanti nell'adattamento a film di Rob Marshall Nine.[12] In qualità di stilisti lavorarono anche al video musicale Girl Panic! dei Duran Duran.[13]

Nell'ambito della loro espansione sul mercato negli anni 90, nel 1989 Dolce & Gabbana firmarono un accordo con il gruppo Kashiyama per aprire il loro primo negozio in Giappone. Lanciarono nel 1992 il loro primo profumo per donna, chiamato "Dolce & Gabbana Parfum", che nel 1993 è stato insignito del premio della Perfume Academy come miglior profumo per donna dell'anno. Il loro primo profumo per uomo, "Dolce & Gabbana pour Homme", fu insignito del premio di miglior profumo per uomo dell'anno dalla stessa Academy nel 1995.[10] In quell'anno le collezioni di Dolce & Gabbana causarono una controversia con la stampa inglese e italiana, quando i due scelsero il tema del gangster americano ad ispirazione del loro lavoro.[14] Dolce & Gabbana trasposero questa ispirazione dell'autunno/inverno 1995 nei vestiti da donna, che secondo la critica portarono un taglio erotico ai vestiti. Il duo aveva già utilizzato il tema in passato. Nel 1992 il fotografo Steven Meisel scattò una campagna pubblicitaria per la casa, in cui le modelle posarono in "gangster chic". Ciò comprendeva giacche con il bavero largo in stile anni 30 e berretti in pelle neri.[15]

L'autore Nirupama Pundir ha affermato che "Dolce & Gabbana, con il loro stile superfemminile e fantasioso, si distaccarono dalle mode serie e compassate che dominarono la scena per la maggior parte degli anni 90."[16]

Diventare un marchio globale[modifica | modifica wikitesto]

Dolce & Gabbana continuarono a lavorare con Madonna, disegnando i vestiti per il suo Drowned World Tour internazionale del 2001, a supporto del suo album uscito nel 2000 Music.[11] Disegnarono anche vestiti per i tour internazionali di Missy Elliot, Beyonce, e Mary J. Blige.[11][17] Nel 1999 il duo comparve nel The Oprah Winfrey Show a supporto della cantante Whitney Houston, che utilizzò lo spettacolo per presentare in anteprima i vestiti disegnati da Dolce & Gabbana per il suo tour My Love is Your Love, considerato dalla critica della moda e della musica come insolitamente risqué.[18] Il duo continuò a disegnare vestiti per artisti nell'ambito musicale per tutti gli anni 2000, compresi vestiti per il tour Showgirl Homecoming di Kylie Minogue.[11]Madonna ha anche preso parte alle campagne pubblicitarie del 2010 di Dolce & Gabbana.[7]

Negli anni 2000 Dolce & Gabbana si ispirarono notevolmente allo sport del calcio. Nel 2003 la linea uomo prese ispirazione principalmente dalle più grandi stelle del calcio al mondo.[8] Altre forme di arte si ispirarono a Dolce & Gabbana. Nel 2003 l'artista di musica dance Frankie Knuckles disse che la casa di moda era un "ottimo barometro" per le tendenze nel mondo della moda e della musica.[19] In seguito al loro impatto sul mondo del design, nel 2002 i corsetti, che ebbero un ruolo essenziale negli inizi dell'attività di Dolce & Gabbana, furono riscoperti da molti designer europei come tendenza prossima ad arrivare.[20] Negli ultimi anni Dolce & Gabbana hanno cominciato a organizzare visioni private delle loro collezioni per gli acquirenti, allo scopo di vendere le loro collezioni prima che queste siano disponibili al pubblico e ostacolare il plagio dei loro disegni da parte di aziende del fast fashion.[21]

Nel 2012 D&G fu fusa con Dolce & Gabbana, allo scopo di rafforzare la linea principale. L'ultima collezione indipendente di D&G fu nella primavera/estate 2012, mostrata nel settembre del 2011.[22] The New Yorker nel 2005 affermò che "Dolce & Gabbana stanno diventando negli anni 2000 ciò che Prada ha rappresentato negli anni 90 e Armani negli anni 80-gli stilisti, la cui sensibilità definisce il decennio."[3] Per quanto riguarda i premi personali, nel 1996 e nel 1997 Dolce & Gabbana furono nominati da FHM designer dell'anno. Nel 2003 GQ ha elencato Dolce & Gabbana tra i suoi "Uomini dell'anno". L'anno seguente i lettori di Elle votarono Dolce & Gabbana come migliori designer internazionali agli Elle Style Awards del 2004.[23] Il 19 giugno 2010 Dolce & Gabbana festeggiarono il 20º anniversario del loro marchio in Piazza della scala e nel Palazzo Marino a Milano. Il giorno successivo fu allestita una mostra pubblica, che comprendeva una sala in cui diverse decine di televisioni erano state impilate a caso le une sulle altre, ciascuna delle quali mostrava una diversa collezione passata della casa, passando in rassegna i suoi venti anni di storia.[24]

I marchi[modifica | modifica wikitesto]

D&G.JPG

Dolce & Gabbana ha avuto due linee centrali (D&G e Dolce & Gabbana) fino al 2012, quando le due linee sono state fuse sotto il marchio Dolce & Gabbana.

Dolce&Gabbana[modifica | modifica wikitesto]

Dolce&Gabbana (scritto senza spazi, diversamente dal nome dell'azienda) è specializzato in oggetti di lusso e influenzato in gran parte dai designer, ed è più formale e 'senza tempo', in risposta alle tendenze di lungo termine ma anche ai cambiamenti stagionali.[25] Vende anche occhiali da sole e eyewear correttivo, borse, orologi e make-up.[26]

D & G[modifica | modifica wikitesto]

D & G è una linea casual che segue l'ispirazione urbana e cerca di stabilire tendenze piuttosto che seguirle. È la linea di diffusione più giovane e sgargiante del marchio. Diversamente da Dolce&Gabbana, D&G vende orologi e vestiti. La prima collezione per uomo di D&G è stata lanciata nel gennaio del 1994, mentre quella per donna ha debuttato in aprile dello stesso anno.[27]

Altre linee[modifica | modifica wikitesto]

Dolce & Gabbana hanno creato una collezione da sposa, ma soltanto tra il 1992 e il 1998. La Dolce & Gabbana Home Collection - lanciata nel 1994 - fu abbandonata nel 1999, con l'eccezione di pezzi unici creati per i locali di D&G. La prima collezione di abbigliamento mare da donna è stata sviluppata nel 1989, seguita dalla prima collezione di abbigliamento mare da uomo nel 1992. D&G ha lanciato una linea di eyewear nel 1998 e una linea di orologi nel 2000. Nello stesso anno, D&G ha lanciato una collezione di intimo da uomo e da donna, separata rispetto alla collezione di lingerie di Dolce & Gabbana. Nel 2001 hanno lanciato la linea D&G Junior, per bambini. Nel 2006 il duo ha lanciato la linea Anamalier di accessori leopardati per donne, e nel 2007 hanno lanciato una linea di valigie da viaggio di coccodrillo per uomo. Tra le altre borse prodotte dalla casa vi è il borsone portatutto di Miss Sicilia,[28] e la borsa "Dolce", proposta in paglia e pelle.[29]

Nel 2009 hanno lanciato la loro prima linea di cosmetici colorati,[27] con Scarlett Johansson come viso per la campagna pubblicitaria.[30] Dolce & Gabbana hanno lanciato la loro prima linea di gioielleria alla fine del 2011, con una linea di 80 pezzi tra cui rosari ingioiellati, braccialetti di fascino e collane.[31] Dolce & Gabbana hanno ricevuto diversi premi per i loro profumi, come descritto nelle sezioni precedenti. Tra i loro profumi attuali si trova: "The One", "Sport", "Light Blue", "Classic", "Sicily", "The One Rose","Dolce" e le fragranze originali "Pour Homme" e "Parfum".[32] Linea giovane (con tutte le sue articolazioni: Jewels, Time, Beachwear, Sportwear, Underwear), è destinata ad un pubblico più giovane, e quindi più attento ai cambiamenti e alle tendenze della moda. Nel 2011 la linea D&G è stata chiusa ed inglobata nella linea principale Dolce & Gabbana.[33]

Internet[modifica | modifica wikitesto]

Dolce & Gabbana hanno reso il logo "DG" un simbolo iconico,[34] ma non sono mai riusciti ad ottenere il corrispondente indirizzo internet DG.com. In effetti DG.com è uno dei più vecchi domini internet e nel 1986 era già stato registrato dall'azienda di computer Data General, adesso scomparsa. DG.com è stato acquistato in giugno 2010[35] dalla catena statunitense di negozi di vario genere Dollar General, che utilizza un logo DG diverso per vendere i propri prodotti.

Profumi Dolce e Gabbana[modifica | modifica wikitesto]

Il profumo The One.

Il seguente è un elenco incompleto dei profumi commercializzati sotto il marchio Dolce&Gabbana[36]:

Partenariati[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Dolce & Gabbana hanno disegnato la tenuta da gioco dell'AC Milan dal 2004.[37] Oltre ad avere la divisa da gioco disegnata da Dolce & Gabbana, i giocatori dell'AC Milan vestono una tenuta di Dolce & Gabbana durante le occasioni ufficiali fuori dal campo.[38] Il duo disegnò anche completi non da gioco per la nazionale italiana di calcio.[39] Nel 2010 Dolce & Gabbana hanno firmato un contratto di tre anni con il Chelsea Football Club per disegnare e fornire le uniformi e tenute da gioco e fuori campo. Il contratto comprende la creazione di vestiti per i membri donne dello staff, in aggiunta ai membri maschi e ai giocatori stessi. Le tenute fuori campo disegnate per la squadra comprendono un completo blu scuro che presenta il simbolo di un leone sul taschino. Inoltre i designer hanno riprogettato la lounge del direttore della squadra e la zona reception degli uffici principali.[40] Dolce & Gabbana sono inoltre sponsor del Milano Thunder Italian Boxing Team.[41]

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Dolce & Gabbana hanno stretto un partenariato con Motorola per produrre il telefono cellulare Motorola V3i Dolce & Gabbana.[42] In seguito, nel 2009, Dolce & Gabbana hanno stretto un accordo con Sony Ericsson per produrre una versione della sua linea di telefoni cellulari Jalou con particolari in oro 24 carati e il logo della casa di design decorato nell'oggetto di tecnologia.[43] Dolce & Gabbana hanno stretto anche un accordo con Citroën per partecipare alla progettazione di una versione della loro autovettura C3 Pluriel.[44] Nel 2010, Dolce & Gabbana hanno hanno stretto un partenariato con Martini per produrre un'edizione "gold" del suo vermouth.[45] Nel 2010 la casa di design si è abbinata con la cantante Madonna per lanciare una linea di occhiali da sole progettata insieme chiamata MDG.[46]

Campagne pubblicitarie[modifica | modifica wikitesto]

Lo spot creato per il primo profumo da donna di Dolce & Gabbana è stato in onda in Italia per diversi anni, da una creazione del regista Giuseppe Tornatore, arrangiato da Ennio Morricone e con protagonista l'attrice Monica Bellucci. Lo spot surrealista di 30 secondi inizia con un uomo che sbatte un polpo contro i bordi di pietra di una pozza di marea. Si alza in piedi e guarda intorno a sé, dove ci sono diverse donne occupate nelle loro vite quotidiane. Una donna (la Bellucci) viene mostrata che indossa un vestito da bagno stile anni 50 dietro un lenzuolo bianco tenuto da due altre donne. Dopo essersi cambiata, lancia il suo reggiseno sopra un cactus spinoso a forma di pera e cammina verso l'oceano. In seguito viene mostrata sdraiata sopra un letto ben fatto e l'uomo che la vede è in piedi fuori della sua finestra, che tiene il suo reggiseno sopra il proprio naso. La pellicola termina con l'immagine delle bottiglie di profumo di Dolce & Gabbana contro uno sfondo nero.[47] Nel 2003 il profumo di the Dolce & Gabbana Sicily fu pubblicizzato in un altro spot surrealista sul funerale siciliano, anch'esso diretto da Giuseppe Tornatore.[48]

Gisele Bundchen fu protagonista nel 2006 dello spot sul profumo "The One", che presenta Bundchen davanti ad uno specchio della vanità in corso di allestimento, con inframezzati flash di una folla di cameraman; poi lei indossa un vestito dorato, scarpe e si mette sul viso un paio di occhiali da sole D&G.[49] Tra i fotografi e i registi che hanno lavorato con Dolce & Gabbana per le campagne pubblicitarie si può annoverare Giampaolo Barbieri,[50] Michel Comte,[51] Fabrizio Ferri,[52] Steven Klein,[53][54] Steven Meisel,[55] Mert + Marcus,[56] Jean Baptiste Mondino,[30] Ferdinando Scianna,[57] Giampaolo Sgura,[58] Mario Sorrenti,[59] Solve Sundsbo,[60] Mario Testino,[61] Giuseppe Tornatore, e Mariano Vivanco.[62] Dolce & Gabbana hanno vinto due Leadawards, il premio sulla pubblicità più importante in Germania, per le loro campagne. Nel 2004 hanno vinto con la loro campagna autunno/inverno 2003/04 campaign[63] e nel 2006 hanno vinto con la loro campagna autunno/inverno 2005/06.[64]

Ispirazioni e stile[modifica | modifica wikitesto]

Ispirati in origine dall'eclettico negozio di articoli usati Bohemia, le stampe animalier molto colorare di Dolce & Gabbana sono state descritte come "alto hippy", ispirandosi in particolare alla prestigiosa storia cinematografica italiana. "Quando disegniamo è come un film (Domenico)", afferma Domenico Dolce. "Pensiamo ad una storia e disegniamo i vestiti che si adattano ad essa (Domenico)." Sostengono di essere più interessati a creare i vestiti migliori e che donano di più rispetto a tendenze che fanno scintille, dopo aver ammesso che non gli interesserebbe se il loro unico contributo alla storia della moda fosse un reggiseno nero (Dolce e Gabbana 2007).

I marchi registrati D & G comprendono intimo e capi d'abbigliamento (come corsetti e lacci per reggiseni), abiti gessati da gangster capo e cappotti stampati in modo stravagante. Nel frattempo le loro collezioni da donna sono sempre sostenute da potenti campagne pubblicitarie, come spot in bianco e nero, che presentano la modella Marpessa fotografata da Ferdinando Scianna nel 1987 (Dolce & Gabbana). "Trovano la loro via di uscita da ogni abito nero, da ogni camicetta abbottonata (Domenico)," dice Rossellini. "Il primo loro pezzo che ho indossato è stato una maglietta bianca, molto innocente, ma tagliata per far sembrare che i miei seni saltassero fuori da essa (Domenico)."

Dopo aver doppiato il "Gilbert and George of Italian fashion",[65] Dolce and Gabbana diedero una svolta musicale ai loro interessi sulla moda nel 1996, quando registrarono il loro singolo, nel quale cantavano le parole "D&G is love" su una base techno (Dolce & Gabbana 2011). Più recenti nel gioco del design rispetto ad altre blasonate case di moda italiane quali Versace e Armani, la coppia ammette che la fortuna ha avuto il suo ruolo nel loro eccezionale successo. Nel 1997 la loro azienda registrò un fatturato di 400 milioni, il che ha spinto i due designer ad annuciare l'intenzione di andare in pensione all'età di 40 anni - promessa da loro non mantenuta (Domenico).

Libri di Dolce & Gabbana[modifica | modifica wikitesto]

In aggiunta a disegnare vestiti, Dolce & Gabbana sono stati co-autori di un paio di decine di libri che tematizzano narrazioni fotografiche e collezioni del loro lavoro. I proventi di molti di questi libri sono stati devoluti a scopi caritatevoli, tra cui il Children’s Action Network e la fondazione Butterfly Onlus “école sans frontières”.[27] Segue una bibliografia dei loro lavori letterari:

  • 10 Anni Dolce & Gabbana (Una collezione delle più importanti immagini pubblicitarie ed editoriali della casa di design nel suo primo decennio)[66]
  • Wildness[67]
  • Animal[68]
  • Hollywood (Presenta oltre 100 fotografie di personalità del cinema dell'epoca post-1985)[69]
  • Calcio (Fotografie di 44 giocatori di calcio, 3 squadre e 2 allenatori)[70]
  • A.C. Milan[71]
  • Music (Presenta oltre 150 musicisti dalla fama mondiale)[72]
  • 20 Years Dolce & Gabbana (Una storia fotografica cronologica di ciascuna delle collezioni della casa, con oltre 1000 foto)[27]
  • Milan[73]
  • 2006 Italia (Un libro che celebra la coppa del mondo del 2006 vinta dall'Italia)[74]
  • Fashion Album (Include oltre 400 immagini che rendono omaggio ai grandi fotografi delle collezioni di Dolce & Gabbana)[75]
  • Secret Ceremony[76]
  • Family (Un libro incentrato sulla famiglia come il fulcro della vita di un uomo)[27]
  • The Good Shepherd (Un libro che illustra la vita di un pastore comune che indossa vestiti di Dolce & Gabbana)[77]
  • Milano Beach Soccer[27]
  • Diamonds & Pearls[78]
  • 20 Years of Dolce & Gabbana for Men[79]
  • Icons 1990-2010[80]
  • Fashion Shows 1990 – 2010[81]
  • Nazionale Italiana: South Africa 2010 (Una serie di immagini incentrate sulla Nazionale italiana di calcio durante le sessioni di allenamento precedenti la Coppa del mondo FIFA 2010)[82]
  • Uomini[83][84]
  • Milan Fashion Soccer Players Portraits[85]
  • David Gandy (Segue la vita del modello David Gandy per un anno intero)[86]
  • Campioni[87]

Spazi e mostre[modifica | modifica wikitesto]

Dolce & Gabbana hanno aperto La sede di via San Damiano atelier nel settembre del 1995. Nel 2002 hanno inaugurato l'edificio a sette piani con funzione di boutique e spazio aziendale Lo showroom di via Goldoni, spostandovi il loro precedente showroom principale situato in Piazza Umanitaria. Nel luglio 2006 Dolce & Gabbana aprirono uno spazio dimostrativo di 450 m² denominato Lo showroom di via Broggi a Milano. La casa di moda acquistò anche il teatro Il Metropol a Milano, un cinema storico costruito negli anni 40. Fu ristrutturato e riaperto nel settembre 2005.[27] Nel 2006 Dolce & Gabbana aprirono IL GOLD, un edificio con café, bar, bistrot e aree ristorante. A questo seguì nel 2003 l'apertura di un bar co-sponsorizzato che i due fondarono nel loro showroom milanese per uomo chiamato Martini Bar.[11] Un altro Martini Bar fu poi aperto nel 2006 a Shangai.[27] Nel 2009 Dolce & Gabbana avevano 93 boutique e 11 outlet aziendali ed effettuavano vendite in 80 paesi.[88] Complessivamente possedevano 251 negozi mono-marchio.[89]

In aggiunta a sfilate sulla passerella in aumento e campagne pubblicitarie per le loro collezioni, Dolce & Gabbana utilizzano i loro spazi per ospitare mostre artistiche e fotografiche. Poco dopo l'apertura del Metropol, ospitarono due mostre dell'artista Ron Arad nell'atrio dell'edificio: Blo-Glo tra aprile 2006 e aprile 2007,[90] e Bodyguards verso la fine di aprile 2007.[91] Nel 2007 tennero mostre fotografiche a presentazione del lavoro di Enzo Sellerio[92] e di Herbert List nel 2008.[93] Nel 2011 Dolce & Gabbana tennero una mostra open house e architettonica con lo Studio Piuarch che servì come trampolino di lancio per i diversi disegni e progetti dello studio a partire dal 1996.[94] Studio Piuarch costruì la sede di Dolce & Gabbana nel 2006, che si trovava nel luogo in cui furono tenute la open house e la mostra.[95]

Dolce & Gabbana utilizzano i loro spazi anche per presentare libri e mostre fotografiche dei loro vestiti, come il lancio del loro libro David Gandy nel 2011.[96] Utilizzano anche altri spazi, come il Palazzo della Ragione in Milan, dove nel maggio 2009 organizzarono una mostra fotografica con oltre 100 immagini scelte dalla storia di Vogue USA nei suoi oltre 90 anni di storia. La mostra fu chiamata Extreme Beauty in Vogue.[97][98]

L'azienda ha inoltre stabilimenti di produzione a Legnano[99] e Incisa Val D’Arno.[100]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il negozio Dolce e Gabbana di via della Spiga a Milano.

Dolce & Gabbana vanta una ampia rete di boutique sparse in tutti i continenti. Si contano 27 negozi negli Stati Uniti a New York, Beverly Hills, Long Island, Miami, Las Vegas, Short Hills, Atlanta, Chicago, Boston, San Francisco e Washington D.C., distribuiti attraverso boutique monomarca o grande distribuzione organizzata come Bergdorf Goodman, Lord and Taylor, Neiman Marcus e Saks Fifth Avenue. In Italia esistono 19 punti vendita ed in Giappone sette negozi. Il marchio è distribuito anche in Germania, Austria, Belgio, Spagna, Francia, Grecia, Irlanda, Regno Unito, Paesi Bassi, Russia, Svizzera, Ucraina, Arabia Saudita, Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Cina, India, Kuwait, Libano, Singapore, Thailandia, Taiwan, Canada, Messico, Brasile, Argentina, Cile e Cuba.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2007, l'associazione dei consumatori si è lamentata dei manifesti utilizzati per una campagna pubblicitaria spagnola e francese di Dolce & Gabbana. In tale campagna veniva mostrato un uomo che immobilizzava a terra dai polsi una donna, mentre intorno a loro altri uomini guardavano la scena indifferentemente. Le critiche relative alla pubblicità indicavano come tale atteggiamento potesse essere rappresentativo di uno stupro, ed in ogni caso era umiliante per le donne. In Spagna la campagna pubblicitaria è stata bandita,[101] e per evitare ulteriori critiche si è preferito evitare di promuovere tale campagna anche in Italia.

Accuse di plagio[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 2009, Giorgio Armani ha accusato Dolce & Gabbana di avergli copiato un paio di pantaloni matelassé, mostrati durante la settimana della moda di Milano.[102][103] I due stilisti hanno risposto ad Armani dichiarando "Sicuramente abbiamo ancora tanto da imparare, ma certo non da lui".[104]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Evasione fiscale[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2009, Dolce&Gabbana sono stati accusati di evasione fiscale ai danni dello Stato di circa 249 milioni di euro imponibili, deviati invece in Lussemburgo, in un arco di tempo dal 2004 al 2006. La successiva multa ammonterebbe a circa 800 milioni di euro.[105][106]

Nel marzo del 2013 la sentenza di appello condanna Dolce e Gabbana al pagamento di 343 milioni di euro a testa per evasione fiscale.[107]

Il 19 giugno del 2013 sono stati condannati a un anno e otto mesi di carcere per evasione fiscale e al pagamento di una multa previsionale di 500.000 euro.

Testimonial[modifica | modifica wikitesto]

Il modello Salvatore Angelucci indossa un costume Dolce e Gabbana.

Fra le più celebri clienti di Dolce e Gabbana, sicuramente la più famosa è Madonna, che ai due stilisti chiese di disegnare 1500 abiti di scena per il tour Girlie Show del 1993.[108] Fra gli altri celebri "indossatori" Dolce e Gabbana si possono citare Demi Moore, Nicole Kidman, Isabella Rossellini, Eva Riccobono, Susan Sarandon, Tina Turner, Gwyneth Paltrow, Liv Tyler, Jon Bon Jovi e Simon Le Bon.[108] Nel 1996, in occasione del decennale dell'azienda è stato pubblicato il libro fotografico 10 anni di Dolce & Gabbana, che ritraeva in copertina Monica Bellucci. La stessa Bellucci è stata protagonista dello spot televisivo del primo profumo D&G, diretto da Giuseppe Tornatore.[108] Anche la cantante Kylie Minogue si è sempre dichiarata grande ammiratrice del marchio, tanto che per lei, nel 2002 e nel 2011 i due stilisti hanno creato tutti i costumi del suo tour.[108] Nel 2006 per la campagna pubblicitaria dell'intimo maschile Dolce e Gabbana Underwear sono stati scelti come testimonial i calciatori italiani Fabio Cannavaro, Gianluca Zambrotta, Andrea Pirlo, Gennaro Gattuso e Manuele Blasi.[109] Un altro celebre testimonial per Dolce & Gabbana è stato l'attore statunitense Matthew McConaughey, che è apparso negli spot televisivi del profumo The One.[110]

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il marchio Dolce e Gabbana viene citato in numerose canzoni, principalmente di genere hip hop, fra cui Money On My Mind di Lil' Wayne, My Humps dei Black Eyed Peas, Loungin' (Who Do Ya Luv) di LL Cool J, P.I.M.P. di 50 Cent, Daddy di Kelis, Hustler's Story di Notorious B.I.G., Suga Suga di Baby Bash, Window Shoppin' di Jamelia, Italian Bastards dei The Rocker, Braveheart Party di Nas, Fashionista di Jimmy James e Elevator di Flo Rida Feat. Timbaland. Inoltre vari riferimenti alla casa di moda italiana vengono fatti nei film Il diavolo veste Prada, Material Girls, Sex and the City e Un amore a 5 stelle ed anche nel film I Fantastici Quattro e Silver Surfer.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dolce & Gabbana, treccani.it. URL consultato il 9 aprile 2014.
  2. ^ Uffici Dolce & Gabbana, dolcegabbana.it. URL consultato il 10 maggio 2014.
  3. ^ a b c d John Seabrook, Hands and Eyes: When Dolce met Gabbana, ‘’The New Yorker’’, 14 marzo 2005.
  4. ^ a b c d e Brenda Polan and Roger Trendre, The Great Fashion Designers, Berg, 2009, p. 206.
  5. ^ Stefanie Blendis and Gisella Deputato, Dolce & Gabbana: Fashion’s golden duo, CNN International, 21 luglio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  6. ^ a b c Michael Gross, La Dolce (& Gabbana) Vita, ’’New York Magazine’’, 7 settembre 1992, pp. 16-17.
  7. ^ a b Hal Rubenstein, 100 Unforgettable Dresses, Harper Collins, 2012.
  8. ^ a b c Valerie Steele, The Berg Companion to Fashion, Berg, 2010, pp. 223-225. URL consultato il 3 maggio 2012.
  9. ^ Valentina Zannoni, Dolce & Gabbana and their Private Renaissance, ’’Swide Magazine’’, 27 novembre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  10. ^ a b Dolce & Gabbana. URL consultato il 29 maggio 2012.
  11. ^ a b c d e Dolce & Gabbana, ’’Vogue’’. URL consultato il 29 maggio 2012.
  12. ^ Angela Bottolph, Dolce & Gabbana turn film stars!, ’’Grazia Daily’’, 3 dicembre 2009. URL consultato il 29 maggio 2012.
  13. ^ Lauren Milligan, Supermodel Summit, ’’Vogue (magazine)’’, 13 giugno 2011. URL consultato il 29 maggio 2012.
  14. ^ Caroline Evans, Fashion at the Edge: Spectacle, Modernity, and Deathliness, Yale University Press, 2003, p. 19.
  15. ^ Rebecca Arnold, Fashion, Desire and Anxiety: Image and Morality in the 20th Century, I.B. Tauris, 2001, pp. 39-40.
  16. ^ Nirupama Pundir, Fashion Technology: Today And Tomorrow, Mittal Publications, 2007, p. 40.
  17. ^ Carrie Bornillo-Vrenna, Cherry Bomb: The Ultimate Guide to Becoming a Better Flirt, a Tougher Chick, and a Hotter Girlfriend--and to Living Life Like a Rock Star, Simon & Schuster, 2008, p. 55.
  18. ^ Britt Aboutaleb, Looking Back at Whitney Houston, ’’Elle’’, 13 febbraio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  19. ^ Michale Paoletta, Armani Conjures ‘Night’ for its Second A, ’’Billboard Magazine’’, 8 novembre 2003, p. 28.
  20. ^ Brendan Lemon, A model designers, ’’Out Magazine’’, marzo 2002, p. 74.
  21. ^ Richard A. D’Aveni, Beating the Commodity Trap: How to Maximize Your Competitive Position and Increase Your Pricing Power, Harvard Business Press, 2009, p. 34.
  22. ^ Ella Alexander, The End of D&G, ’’Vogue UK’’, 1º giugno 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  23. ^ International Awards. URL consultato il 29 maggio 2012.
  24. ^ Dolce & Gabbana, Dolce&Gabbana 20th Anniversary. A day in history. A video., Youtube: Dolce & Gabbana Channel, 16 luglio 2010. URL consultato il 31 maggio 2012.
  25. ^ Valerie Steele, The Berg Companion to Fashion, Berg, 2010, p. 225.
  26. ^ D & G – Scarlett Johansson launches D&G Make-up at Selfridges – sofeminine.co.uk
  27. ^ a b c d e f g h Group History. URL consultato il 30 maggio 2012.
  28. ^ Tabitha Simmons, Editors’ Eye: The Ten Things We Loved (or Longed For) This February, ’’Vogue UK’’, 28 febbraio 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  29. ^ Tracy Lomrantz, Celebrity Obsession Alert: Dolce & Gabbana's "Dolce" Bag Is Everything For Spring, ’’Glamour’’, 27 gennaio 2012.
  30. ^ a b Kevin Jagernauth, Watch: Scarlett Johansson Likes Her Lips For Kissing In Dolce & Gabbana Ad By Jean-Baptiste Mondino, Indiewire, 24 ottobre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  31. ^ Lisa Niven, Dolce’s Jewels, ’’Vogue UK’’, 9 novembre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  32. ^ Perfumes. URL consultato il 31 maggio 2012.
  33. ^ DOLCE & GABBANA CHIUDE LA LINEA D&G
  34. ^ Dolce & Gabbana Logo – Design and History in FamousLogos.us. URL consultato il 7 maggio 2011.
  35. ^ VB.com Internet Hall of Fame.
  36. ^ Osmoz.it - Dolce & Gabbana
  37. ^ 2004: a soccer obsession is born, ’’Swide Magazine’’, 2 ottobre 2010. URL consultato il 29 maggio 2012.
  38. ^ Grant Wahl, Onyewu finding his way into Milan, ’’Sports Illustrated’’, 28 luglio 2009. URL consultato il 29 maggio 2012.
  39. ^ Sara Pizzi, Dolce&Gabbana, ’’Vogue Italia’’. URL consultato il 29 maggio 2012.
  40. ^ =Hilary Alexander, Dolce & Gabbana and Chelsea Football Club, ’’The Telegraph’’, 27 luglio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  41. ^ Dolce&Gabbana Milano Thunder Italian Boxing Team. URL consultato il 29 maggio 2012.
  42. ^ Motorola V3i Dolce & Gabbana, ’’ABC News’’, 12 dicembre 2006. URL consultato il 29 maggio 2012.
  43. ^ Celular Jalou 'veste' Dolce & Gabbana, ’’Gazeta de Algoas’’, 27 ottobre 2009. URL consultato il 29 maggio 2012.
  44. ^ Eleonora Marini, Auto griffate: non solo una moda, ma uno stile di vita, ’’Chronica’’, 27 febbraio 2008. URL consultato il 29 maggio 2012.
  45. ^ Martini Gold by Dolce & Gabbana, Moetodete.bg, 23 novembre 2010. URL consultato il 29 maggio 2012.
  46. ^ Marie-Louise Gumuchian, Madonna designs Dolce & Gabbana sunglasses, ’’Reuters’’, 16 marzo 2010. URL consultato il 29 maggio 2012.
  47. ^ Valentina Zannoni, 1994: Monica Bellucci and Giuseppe Tornatore for Dolce & Gabbana, ’’Swide Magazine’’, 9 ottobre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  48. ^ Valentina Zannoni, Funeral alla Dolce & Gabbana, ’’Swide Magazine’’, 30 ottobre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  49. ^ Valentina Zannoni, Gisele is The One, ’’Swide Magazine’’, 13 novembre 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  50. ^ Photo Spread, GQ Russia, marzo 2011, pp. 242-245.
  51. ^ The Artist, 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  52. ^ Spring/Summer 1987: The Power of Dolce & Gabbana Transformation. URL consultato il 19 maggio 2012.
  53. ^ Dolce & Gabbana: Madonna by Steven Klein for Dolce & Gabbana S/S 2010, OhLaLa Magazine, 16 dicembre 2009. URL consultato il 19 maggio 2012.
  54. ^ Stefano and Domenico’s Dolce Vita, ’’W Magazine’’, febbraio 2007. URL consultato il 19 maggio 2012.
  55. ^ Dolce & Gabbana Fall Winter 2006: The Renaissance by Steven Meisel, ’’Design Scene’’, 13 giugno 2008. URL consultato il 19 maggio 2012.
  56. ^ Felicity Jones by Mert+Marcus for Dolce &Gabbana Make-up, ’’Swide Magazine’’, 13 febbraio 2012.
  57. ^ Ferdinando Scianna - Dutch model, MARPESSA, photographed for DOLCE & GABBANA. 1987.. URL consultato il 19 maggio 2012.
  58. ^ Alfred Kovac & Valerija Sestic For D&G Summer 2012 Eyewear, ’’Ohlala Magazine’’. URL consultato il 19 maggio 2012.
  59. ^ On Fire, ’’W Magazine’’, marzo 2008. URL consultato il 19 maggio 2012.
  60. ^ Karin Nelson, Pulse; Wearing the Works, ’’New York Times’’, 23 agosto 2009. URL consultato il 19 maggio 2012.
  61. ^ Phong Luu, Meet Adam Senn, the new face of Dolce & Gabbana's The One Sport, ’’The Telegraph’’, 15 febbraio 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  62. ^ Gary Pini, Why Is This Dolce & Gabbana Poster Worth $500?, 7 maggio 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  63. ^ The Winners. URL consultato il 29 maggio 2012.
  64. ^ The Winners. URL consultato il 29 maggio 2012.
  65. ^ Jo Craven, Dolce & Gabbana, Vogue UK, 11 maggio 2011. URL consultato il 31 marzo 2012.
  66. ^ Dolce & Gabbana, 10 Anni Dolce & Gabbana, Leonardo Arte SRL, 1996.
  67. ^ Dolce & Gabbana, Dolce & Gabbana Wildness, Leonardo Arte SRL, 1997.
  68. ^ Dolce & Gabbana, Animal, Abbeville Press, 1998.
  69. ^ Dolce & Gabbana, Hollywood, Assouline, 2003.
  70. ^ Mariano Vivanco. URL consultato il 19 maggio 2012.
  71. ^ Dolce & Gabbana and Mariano Vivanco, AC Milan Dressed by Dolce & Gabbana, Dolce & Gabbana, 2004.
  72. ^ Books. URL consultato il 19 maggio 2012.
  73. ^ Dolce & Gabbana and Mariano Vivanco, Milan, Mondadori Electa, 2006.
  74. ^ 2006 Italia. URL consultato il 30 maggio 2012.
  75. ^ Dolce & Gabbana and Mariuccia Casadio, Fashion Album, Skira, 2006.
  76. ^ Steven Klein and Dolce & Gabbana, Secret Ceremony, Dolce & Gabbana SRL, 2007.
  77. ^ Michael Roberts, The Good Shepherd, Dolce & Gabbana SRL, 2007.
  78. ^ Jared Paul Stern, Dolce & Gabbana's Diamonds & Pearls, The Luxist, 26 dicembre 2008. URL consultato il 30 maggio 2012.
  79. ^ 20 Years of Dolce & Gabbana for Men, Mondadori Electa, 2010.
  80. ^ Icons: Dolce & Gabbana 1990-2010, 2DM, 1º giugno 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  81. ^ Fashion Shows 1990 – 2010 Dolce & Gabbana, Mondadori Electa, 2011.
  82. ^ Rod Hagwood, “Sporno” Soccer studs pitch Fashion or Futball?, ’’Fort Lauderdale Sun-Sentinel’’, 27 maggio 2010. URL consultato il 19 maggio 2012.
  83. ^ Uomini, Rizzoli, 2011.
  84. ^ Lauren Milligan, Dolce Undressed, ’’Vogue UK’’, 6 gennaio 2011.
  85. ^ Dolce & Gabbana celebrates AC MILAN, ’’DA Man’’, 24 agosto 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  86. ^ Dolce & Gabbana, David Gandy, Rizzoli, 2011.
  87. ^ Campioni. URL consultato il 3 luglio 2012.
  88. ^ Jack W. Plunkett, Plunkett's Retail Industry Almanac 2009: Retail Industry Market Research, Statistics, Trends and Leading Companies, Plunkett Research, 2008.
  89. ^ Group Profile. URL consultato il 29 maggio 2012.
  90. ^ Blo-Glo by Ron Arad. URL consultato il 19 maggio 2012.
  91. ^ Bodyguards by Ron Arad. URL consultato il 19 maggio 2012.
  92. ^ Freeze: Photos by Enzo Sellerio. URL consultato il 19 maggio 2012.
  93. ^ Herbert List: An Eye for Beauty. URL consultato il 19 maggio 2012.
  94. ^ Pauline Sung, Haute Event: Dolce & Gabbana and Studio Piuarch Present Open House – Piuarch@Dolce&Gabbana, ’’Haute Living’’, 11 aprile 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  95. ^ Nico Saieh, Dolce & Gabbana Headquarters / Studio Piuarch, ArchDaily, 16 giugno 2008. URL consultato il 19 maggio 2012.
  96. ^ Carolina Rimondi, Dolce & Gabbana Celebrates with David Gandy, Style.it, 20 giugno 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  97. ^ Extreme Beauty in Vogue. URL consultato il 19 maggio 2012.
  98. ^ Tim Blanks, To the Extreme, Style.com, 2009. URL consultato il 19 maggio 2012.
  99. ^ Mauro Gasperi. URL consultato il 19 maggio 2012.
  100. ^ what's up in viapiranesi, Ymag, 14 aprile 2011. URL consultato il 19 maggio 2012.
  101. ^ Dolce & Gabbana angry at advertising campaign controversy in Spain, Euskal Irrati Telebista, 23 febbraio 2007. URL consultato il 24 febbraio 2007.
  102. ^ Fashionistas in row over trousers, British Broadcasting Corporation, 19 gennaio 2009. URL consultato il 19 gennaio 2009.
  103. ^ Il sole 24 ore.com
  104. ^ Affari italiani
  105. ^ D&G tentano l'evasione del secolo, Mazzetta blog, 31 maggio 2009. URL consultato il 31 maggio 2009.
  106. ^ Più Gabbana che Dolce Perché i giornali ignorano quella notizia, Il Giornale, 26 maggio 2009. URL consultato il 31 maggio 2009.
  107. ^ Corriere della Sera
  108. ^ a b c d Dizionario della moda
  109. ^ Intimo Dolce e Gabbana
  110. ^ Osmoz.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti nella pittura[modifica | modifica wikitesto]

  • Con una pubblicità di Dolce & Gabbana * Collage di Luigi Granetto, opera su carta 40X30 cm. Anno 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]