Perizoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una donna con un V-String (perizoma)
Un uomo con un perizoma

Il perizoma è un indumento intimo (classificabile nella categoria mutande), esiste sia in versione femminile che in versione maschile. Esso è costituito da un pannello di tessuto piuttosto ridotto sul davanti e da una sottile striscia, o anche un semplice cordoncino, che congiunge il cavallo con la cintura dell'indumento.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La parola deriva dal greco perì-zoma (dal verbo perizonnynai cingere attorno, composto a sua volta da perì "attorno" e zonnynai cingere), che indica una fascia che cingeva i fianchi e scendeva fino a coprire i genitali.

In inglese il perizoma è indicato con la parola thong, che significa appunto cinturino, cinghia, laccio, ma anche correggia (un tipo di finimento per cavalli) o anche frustino. Un altro termine inglese per definire il perizoma, lemma che si sta diffondendo rapidamente anche in Italia, è string, il cui primo significato è corda. In effetti, nell'uso comune dei paesi anglosassoni il termine thong è particolarmente utilizzato per identificare un indumento simile, nella parte anteriore, ad uno slip molto sgambato, con le parti dei fianchi che si uniscono dietro formando un triangolo dal quale parte una striscia di stoffa che passa tra le natiche. Con il termine string o g-string si indica invece un indumento ancora più succinto, in italiano indistintamente anche esso chiamato perizoma, con il pannello anteriore ridotto al minimo indispensabile per coprire il pube o solamente i genitali, mentre la parte posteriore è costituita da un cordoncino o un elastico che passa tra le natiche, e che si ricongiunge direttamente (in inglese indicato come modello "T-back") con l'elastico che cinge la vita oppure indirettamente attraverso un piccolissimo triangolino di stoffa (in inglese indicato come modello "Delta-back"). Esiste anche un modello che ha un sottilissimo elastico in vita che dietro si incunea direttamente tra le natiche congiungendosi con un elastico che passa attraverso la zona perineale e che apparentemente non si vede (in inglese indicato come modello "Y-back" oppure "V-string").

Altra cosa è invece l'indumento che in italiano generalmente viene definito con il termine brasiliana, dove le natiche sono parzialmente coperte (due lembi di stoffa coprono diagonalmente le due natiche ricongiungendosi poco prima del cavallo). Talvolta il perizoma viene definito anche, impropriamente, con le parole tanga (che si riferisce invece ad una mutandina con parte posteriore di dimensioni normali, ma abbastanza sgambata da avere, sui fianchi, solo un sottile nastro o un cordoncino)

Nei paesi ispanici è nato e si è diffuso uno spiritoso modo alternativo per chiamare il perizoma: filo interdentale (hilo dental in spagnolo o fio dental in portoghese), facente riferimento ovviamente alla tendenza dell'elastico posteriore a infilarsi attraverso l'incavo tra le natiche come il filo interdentale passa tra gli interstizi tra i denti.

Uso, società e aspetti sanitari[modifica | modifica sorgente]

Per le ridotte dimensioni e per la tendenza del perizoma a sottolineare alcune parti del corpo, esso è considerato normalmente un indumento particolarmente sexy. In effetti, per le sue caratteristiche di essenzialità, una volta indossato il perizoma si posiziona, posteriormente, nell'incavo tra le natiche, lasciando scoperta la quasi totalità del sedere. Questo può avere una valenza erotica sia per chi lo indossa, sia per chi lo osserva; le indagini sulle consumatrici dimostrano in effetti che esse scelgono generalmente il perizoma, a discapito della praticità, in quanto lo ritengono più valido da un punto di vista estetico, soprattutto quando vengono indossati indumenti attillati. Infatti è più difficile che esso possa essere notato sotto la gonna o i pantaloni.

Discordanti sono i pareri relativamente agli aspetti di praticità dell'indumento: la stragrande maggioranza delle donne dichiara che esso è molto meno confortevole di uno slip. Ciò è dovuto in particolare all'attrito che la striscia di tessuto posteriore genera continuamente contro la pelle della zona anale e genitale mentre l'indumento è indossato. Una parte di chi indossa abitualmente il perizoma lo ritiene invece pratico, una volta fatta l'abitudine, soprattutto perché consente loro di non preoccuparsi dell'aspetto che l'indumento assume sotto gli indumenti. Infine, una quota molto piccola delle consumatrici interpellate dichiara addirittura che tale sensazione di "sfregamento" può essere considerata di per sé piacevole.[senza fonte]

Di certo si può dire che alcuni studi clinici effettuati su donne che indossano regolarmente perizoma hanno evidenziato, specialmente in associazione con filati non naturali (poliestere, poliammide, elastam), una maggior incidenza di patologie infiammatorie e, in qualche caso, di infezioni in zona anale, perianale e pubica rispetto a chi indossa regolarmente uno slip. L'orientamento clinico attuale è, pertanto, quello di sconsigliarne l'utilizzo quantomeno a donne con tendenza individualmente accertata a questo tipo di patologie, a donne che abbiano in corso una di esse, a donne in gravidanza o nei periodi mestruale e premestruale. Orientamento che, peraltro, risulta pochissimo seguito, stante il continuo aumento di donne che seguono la moda, indossando il perizoma, piuttosto che i consigli degli igienisti.[senza fonte]

Nessuno studio di questo tipo condotto su uomini è noto ad oggi, sembra comunque che alcuni modelli di perizoma per uomo - perizoma con effetto push-up o anche i modelli che in lingua inglese sono chiamati "thong bulge" oppure "string bulge" (perizoma con sporgenza)oppure "thong 3D" - siano più consoni alle caratteristiche dei genitali maschili in quanto, a differenza degli slip che generalmente tendono a schiacciare e a comprimere la zona genitale, essi favoriscono la naturale posizione dei genitali stessi e la giusta temperatura per i testicoli idonea per la sopravvivenza degli spermatozoi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Storicamente capi simili ai moderni perizoma venivano usati da molte popolazioni antiche. Nell'antico Egitto (Basso Egitto, I Dinastia) ne usavano uno di cotone, spesso in abbinamento ad una cintura; quello di schiavi, soldati e contadini era abbastanza semplice, più raffinato e ornato quello di giudici, sacerdoti e re. Nell'antica Grecia esso veniva usato dagli atleti o nei bagni termali. Esempi di diffusione del perizoma sono però presenti in numerose tribù primitive, in particolare modelli costruiti con pelle e/o fibre vegetali.

In tempi moderni ha iniziato a diffondersi in ambito femminile alla fine degli anni settanta, il perizoma maschile nella metà degli anni ottanta, anche se ad oggi l'uso da parte degli uomini è ancora abbastanza limitato, in Italia ancor meno che in altri paesi. Più che in altri paesi d'Europa per molti italiani il perizoma maschile è un indumento solamente per gay, al contrario esso è scelto dagli uomini sia etero che omosessuali. Gli uomini che lo apprezzano lo scelgono per la sua praticità, perché sostiene bene l'anatomia dei genitali e anche per una valenza erotica. Tra le donne esso è un indumento indubbiamente molto più diffuso. Quasi tutte le marche di abbigliamento intimo, sia femminile che maschile, ne propongono vari modelli e di fatto le statistiche di vendita hanno recentemente testimoniato un "sorpasso" in termini di popolarità rispetto a tutti gli altri modelli di mutandina.

Varianti e indumenti simili[modifica | modifica sorgente]

Anche la parte inferiore di costumi da bagno due pezzi (bikini) può avere essere strutturata come un perizoma, finalizzato a facilitare un'abbronzatura quasi integrale; l'uso del perizoma da mare è, comunque, molto soggetto alle tendenze e ai flussi e reflussi della moda. In Italia il perizoma da mare non è ancora molto diffuso, soprattutto tra gli uomini in quanto legato, nell'immaginario di molti, alla cultura gay. In questi ultimi anni molte case di moda di costumi da bagno per donna si sono dedicate maggiormente al modello detto brasiliano.

Un altro tipo di perizoma è il "cache sex", esso coincide spesso con il modello che in inglese è chiamato "string" (come sopra descritto). Il cache sex è formato da un solo cordoncino ai fianchi, un triangolo ridottissimo davanti appena sufficiente per coprire i genitali e da un altro cordoncino che si congiunge dietro passando attraverso la zona perineale. Il triangolino davanti può, in alcuni casi, avere anche la possibilità di essere regolato in larghezza attraverso una coulisse. Il cache sex è usato ad esempio dai modelli e dalle modelle per le pose di nudo artistico.

Esistono particolari modelli di body, sia per uomo che per donna, detti body-perizoma, che nella parte posteriore sono costruiti come un perizoma. Alcune versioni di body-perizoma sono molto ridotte tanto da lasciare completamente liberi i fianchi: dal triangolino dietro si diramano due strisce di stoffa, o due bretelle, che salgono su fino alle spalle per poi ricadere sul petto e riallacciarsi sulla parte davanti. Questo tipo di Body-perizoma viene chiamato anche Suspender e può essere sia da uomo che da donna (con coppe per il seno incluse o senza). Una variante per uomo è il modello Stola della Manstore: esso è costituito da un unico stretto triangolo che da dietro sale per tutto il centro della schiena fino ad allacciarsi al collo per poi ricadere con una sottile striscia di stoffa al centro del petto fino a coprire la zona genitale. Ultima variante, in senso cronologico, è il modello per uomo che in lingua inglese è definito "one side thong" ovvero "perizoma da un lato", esso lascia completamente libero un fianco poiché gli elastici che passano ai lati dell'inguine si diriggono entrambi verso un solo fianco per poi passare dietro tra le natiche.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Quasi tutti i marchi di intimo per donna hanno in catalogo modelli di perizoma.

Più rari sono i marchi che si dedicano alla produzione di perizoma per uomo, a titolo di esempio possono essere citati i marchi europei: Olaf Benz, Manstore, Body Art (Germania); L'Homme Invisible, Lookme, PetitQ (Francia); Hom, Kiniki (Regno Unito); Eros Veneziani (Italia) nonché alcuni marchi artigianali che producono su ordinazione: Tendenze (Germania); Thongbiker (Francia); Jovana Design (Regno Unito); Kriszsartoria (Ungheria).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kybalova, Herbenova, Lamarova: Enciclopedia illustrata del costume. Fratelli Melita, 1988

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda