Futbol Club Barcelona 2011-2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Futbol Club Barcelona.

Futbol Club Barcelona
Stagione 2011-2012
Allenatore Spagna Josep Guardiola
Presidente Spagna Sandro Rosell
La Liga 2º (in Champions League)
Coppa del Re Vincitore
Supercoppa di Spagna Vincitore
Champions League Semifinale
Supercoppa UEFA Vincitore
Coppa del mondo per club FIFA Vincitore
Maggiori presenze Campionato: Messi (37)
Totale: Messi (60)
Miglior marcatore Campionato: Messi (50)
Totale: Messi (73)
Maggior numero di spettatori 99.252 vs Real Madrid (24 aprile 2012)
Minor numero di spettatori 37.374 vs BATE Borisov (6 dicembre 2011)

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti il Futbol Club Barcelona nelle competizioni ufficiali della stagione 2011-2012.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

È stata la stagione con il record di reti all'attivo, superando l'annata 2008-2009 quando la squadra segnò 158 gol.[1]

La nuova stagione del club spagnolo si apre con le conquiste dell'undicesimo e del dodicesimo trofeo nell'era Guardiola: grazie a un pareggio all'andata (reti di Villa e Messi) il 14 agosto 2011[2] e una vittoria al ritorno (gol di Iniesta e decisiva doppietta di Messi) il 17 contro gli eterni rivali del Real Madrid, gli azulgrana si aggiudicano la loro decima Supercoppa di Spagna[3], mentre dopo poco più di una settimana con una vittoria per 2-0 contro i portoghesi del Porto detentori dell'Europa League (in gol Messi e Fàbregas) conquistano la loro quarta Supercoppa Europea[4].

Il 22 gennaio 2012 il Barcellona chiude il girone d'andata al 2º posto, a 5 punti di distanza dalla capolista Real Madrid, con un bilancio di 13 vittorie, 5 pareggi, 1 sconfitta (a Getafe per 1-0), 59 gol fatti e 12 reti subite (di cui solo 2 al Camp Nou, contro il Real Betis). Il pareggio a Villarreal (0-0) e la sconfitta a Pamplona (3-2) dei catalani permettono ai blancos di incrementare il loro vantaggio fino a ben 8 punti: nonostante qualche successivo passo falso del Real Madrid e un'importante striscia positiva del Barcellona, questi ultimi non riescono a riprendersi la vetta della classifica e infine risulta decisiva, alla 35ª giornata, la sconfitta casalinga nel Clasico al Camp Nou (1-2). Due turni più tardi, i madrileni si aggiudicano matematicamente il loro 32º titolo nazionale di Campioni di Spagna con sette punti di vantaggio sui blaugrana. La squadra dell'uscente allenatore Josep Guardiola chiude successivamente il campionato con un bilancio di 91 punti (-9 dalla capolista), 28 vittorie, 7 pareggi, 3 sconfitte, 114 gol fatti, 29 reti subite e una differenza reti in positivo di +85.

Essendo campione di Spagna, il Barcellona accede direttamente alla fase a gironi di UEFA Champions League, venendo sorteggiato assieme a Milan, BATE Borisov e Viktoria Plzeň. Gli spagnoli si qualificano agli ottavi di finale come primi nel Gruppo H, avendo ottenuto un pareggio interno (2-2)[5] e una vittoria esterna (3-2)[6] contro gli italiani, doppia vittoria con i bielorussi (4-0 in casa[7] e 5-0 in trasferta[8]) e doppia vittoria contro i cechi (2-0 in casa[9] e 4-0 in trasferta[10]). Nel sorteggio del 16 dicembre 2011[11], i blaugrana sono abbinati per il turno successivo con i tedeschi del Bayer Leverkusen. La partita d'andata alla BayArena finisce 3-1 in favore dei blaugrana, grazie a una doppietta di Sánchez e a un goal di Messi, mentre per le aspirine il goal della bandiera viene siglato da Kadlec. Il ritorno termina 7-1 per i padroni di casa, grazie a due goal di Tello e alla cinquina di Messi, che diventa il primo giocatore ad avere segnato cinque goal in una partita di Champions League. Ai quarti di finale incontrano, come ai gironi, il Milan di Allegri. L'andata al Meazza si conclude 0-0[12]. Il ritorno in terra catalana si conclude 3-1 per i padroni di casa, grazie a due goal di Messi (ambedue su rigore di cui uno clamorosamente regalato) e uno di Iniesta. La squadra di Guardiola si guadagna così il pass per la semifinale[13] contro il Chelsea di Di Matteo. Gli inglesi, reduci dall'eroica rimonta ai danni del Napoli, riescono anche nell'impresa di eliminare gli uscenti Campioni d'Europa, grazie alla vittoria a Stamford Bridge decisa da un gol di Didier Drogba[14] e a un rocambolesco pareggio in Spagna (2-2) ottenuto a partire da uno svantaggio di due reti e in dieci uomini per l'espulsione del difensore John Terry[15].

Il 18 dicembre 2011, tre giorni dopo aver centrato il poker di reti contro gli arabi dell'Al-Sadd in semifinale[16], il Barcellona conquista il quinto trofeo dell'anno solare battendo il Santos per 4-0 a Yokohama nella finale della Coppa del mondo per club[17].

Altri successi non tardano ad arrivare nemmeno nell'edizione stagionale della Coppa del Re: come tutte le squadre di prima divisione, il Barça esordisce ai sedicesimi di finale contro l'Hospitalet, club di terza divisione, e passa il turno grazie a due trionfi per 1-0 in trasferta e per ben 9-0 al Camp Nou[18]. Il Barcellona è sorteggiato a sfidare l'Osasuna agli ottavi di finale, squadra poi sconfitta sia in casa per 4-0 che in trasferta per 1-2: grazie a questi risultati, l'ostacolo da superare nei quarti per il passaggio alle semifinali è, già per la quarta e quinta volta in stagione, il doppio confronto con il Real Madrid[19]. I Blancos, però, ancora una volta non riescono a imporsi con i rivali catalani, soccombendo in casa per 1-2[20] e riuscendo solo a rimontare due gol di svantaggio nel 2-2 a Barcellona[21]. In semifinale il Barça incontra il Valencia. La partita d'andata al Mestalla finisce 1-1, complice anche un errore dal dischetto di Messi[22]; il ritorno al Camp Nou finisce 2-0 (reti di Fàbregas e Xavi), consentendo ai blaugrana di accedere alla finalissima contro l'Athletic Bilbao[23]. La partita, giocata al Santiago Bernabéu il 25 maggio 2012, vede la conquista del quarto e ultimo trofeo stagionale del Barcellona a fronte della netta vittoria per 3-0.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 2011-2012 rimane Nike, presente per la 12ª stagione di fila, mentre, oltre a UNICEF, un secondo e nuovo sponsor ufficiale sarà il marchio Qatar Foundation, che frutterà al Barcellona la cifra record di 30 milioni di euro a stagione per i prossimi 5 anni[24].

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza Divisa


Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
3ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
4ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
5ª portiere

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornamento al 31 gennaio 2012[25]

N. Ruolo Giocatore
1 Spagna P Víctor Valdés (3C)
2 Brasile D Dani Alves
3 Spagna D Gerard Piqué
4 Spagna C Cesc Fàbregas
5 Spagna D Carles Puyol (capitano)
6 Spagna C Xavi (vice-capitano)
7 Spagna A David Villa
8 Spagna C Andrés Iniesta (4C)
9 Cile A Alexis Sánchez
10 Argentina A Lionel Messi (6C)
11 Spagna C Thiago Alcántara
N. Ruolo Giocatore 600px Catalano azulgrana.png
13 Spagna P José Pinto
14 Argentina C Javier Mascherano
15 Mali C Seydou Keita
16 Spagna C Sergio Busquets
17 Spagna A Pedro
19 Brasile D Maxwell[26]
20 Paesi Bassi C Ibrahim Afellay
21 Brasile D Adriano Correia
22 Francia D Éric Abidal (5C)
23 Spagna A Isaac Cuenca
24 Spagna D Andreu Fontàs

Calciatori aggregati dal Barcellona B[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
26 Spagna D Marc Muniesa
27 Spagna A Gerard Deulofeu
28 Messico C Jonathan dos Santos
29 Spagna C Martí Riverola
30 Spagna C Sergi Roberto
31 Spagna P Rubén Miño
32 Spagna D Marc Bartra
33 Spagna D Sergi Gómez
N. Ruolo Giocatore 600px Catalano azulgrana.png
34 Brasile C Rafinha
35 Spagna D Martín Montoya
36 Spagna P Oier Olazábal
37 Spagna A Cristian Tello
38 Spagna C Kiko Femenía
39 Spagna A Rodri
40 Spagna A Jonathan Soriano[26]

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Staff 2011-2012 dell'area sportiva


Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Il calciomercato del club blaugrana è segnato dagli acquisti dispendiosi ma contemporaneamente di grande prestigio dell'attaccante Alexis Sánchez dall'Udinese per 26 milioni di euro[senza fonte] e del centrocampista Cesc Fàbregas dall'Arsenal per 34 milioni più 6 milioni di bonus[senza fonte]: curiosamente, per quest'ultimo può essere considerato un "ritorno a casa", dato che Francesc è cresciuto nella cantera del club spagnolo. Ritornano poi dal prestito Henrique dal Racing Santander, Keirrison dal Santos, Aljaksandr Hleb dal Birmingham City (rigirati poi con la stessa formula rispettivamente al Palmeiras, al Cruzeiro e al Wolfsburg) e Víctor Sánchez dal Getafe, il quale rescinde poi il contratto con il Barça assieme al difensore Gabriel Milito. Le entrate di nuovo denaro sono poi divise tra i riscatti dei cartellini di Martín Cáceres da parte del Siviglia per 3 milioni[senza fonte], di Zlatan Ibrahimović per 24 milioni[senza fonte] esercitato dal Milan e dalle cessioni a titolo definitivo dei due giovani attaccanti spagnoli Bojan Krkić e Jeffrén Suárez rispettivamente alla Roma per 12 milioni di euro e allo Sporting Lisbona per 3,75 milioni[senza fonte] di euro.

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Henrique Racing Santander Racing Santander fine prestito
C Aljaksandr Hleb Birmingham City Birmingham City fine prestito
C Víctor Sánchez Getafe Getafe fine prestito
C Cesc Fàbregas Arsenal Arsenal definitivo
A Alexis Sánchez Udinese Udinese definitivo
A Keirrison Santos Santos fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Gabriel Milito Independiente Independiente svincolato
D Henrique Palmeiras Palmeiras prestito
D Martín Cáceres Siviglia Siviglia riscatto cartellino
C Aljaksandr Hleb Wolfsburg Wolfsburg prestito oneroso
C Víctor Sánchez Neuchatel Xamax Neuchâtel Xamax svincolato
A Keirrison Cruzeiro Cruzeiro prestito
A Bojan Krkić Roma Roma definitivo
A Jeffrén Suárez Sporting Lisbona Sporting Lisbona definitivo
A Zlatan Ibrahimović Milan Milan riscatto cartellino


Sessione invernale (dal 3/1 al 31/1)[modifica | modifica wikitesto]

A gennaio ritorna Aljaksandr Hleb dal prestito al Wolfsburg e successivamente rescinde il contratto con il club spagnolo, accasandosi a parametro zero al Krylja Sovetov. Vengono ceduti il terzino brasiliano Maxwell al PSG per circa 3,5 milioni di euro e, dalla formazione primavera, l'attaccante spagnolo Jonathan Soriano al Red Bull Salisburgo per 500.000 euro.

Acquisti
R. Nome da Modalità
C Aljaksandr Hleb Wolfsburg Wolfsburg fine prestito
A Keirrison Cruzeiro Cruzeiro fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Maxwell Paris SG Paris SG definitivo
C Aljaksandr Hleb Kryl'ja Sovetov Kryl'ja Sovetov svincolato
A Jonathan Soriano Salisburgo Salisburgo definitivo
A Keirrison (*) Coritiba Coritiba prestito


(*) Ceduto il 22 marzo 2012.[27]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Primera División[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Primera División 2011-2012 (Spagna).

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]




















Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]




















Coppa del Re[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coppa del Re 2011-2012.

Sedicesimi di Finale[modifica | modifica wikitesto]



Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]



Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]



Semifinale[modifica | modifica wikitesto]



Finale[modifica | modifica wikitesto]


Supercoppa di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Supercoppa di Spagna.


Coppa del mondo per club FIFA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Coppa del mondo per club FIFA 2011.

Semifinale[modifica | modifica wikitesto]


Finale[modifica | modifica wikitesto]


Supercoppa UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Supercoppa UEFA.

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi UEFA Champions League 2011-2012.

Fase a gironi (Gruppo H)[modifica | modifica wikitesto]







Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]



Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]



Semifinale[modifica | modifica wikitesto]



Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barcellona, missione 200 gol sportmediaset.mediaset.it
  2. ^ Real Madrid-Barcellona 2-2: Xabi Alonso salva i blancos, verdetto rinviato alla sfida del Camp Nou goal.com
  3. ^ Messi-show! Barcellona-Real 3-2 gazzetta.it
  4. ^ Segna Messi, raddoppia Cesc! Supercoppa al Barcellona gazzetta.it
  5. ^ Thiago Silva all'ultimo respiro: Milan, figurone col Barça: 2-2 gazzetta.it
  6. ^ Milan-Barcellona 2-3: Spettacolo puro a San Siro! Ibra e Boa tengono su il Diavolo, ma quella di Pep è una macchina perfetta goal.com
  7. ^ Champions, Barcellona-Bate Borisov 4-0 corriere.it
  8. ^ Il Barça dei giovani spazza via il BATE uefa.com
  9. ^ Il Barça mostra i muscoli uefa.com
  10. ^ Messi trascina il Barcellona agli ottavi uefa.com
  11. ^ Champions League: Napoli-Chelsea, Milan-Arsenal e Marsiglia-Inter gazzetta.it
  12. ^ Abbiati e Antonini salvano il Milan. Il Barça non segna: a San Siro è 0-0, Tuttomercatoweb. URL consultato il 28 marzo 2012.
  13. ^ Troppo Barça per il Milan. Doppio Messi ed Iniesta: rossoneri eliminati, Tuttomercatoweb. URL consultato il 3 aprile 2012.
  14. ^ Il dominio blaugrana non basta, Drogba fa sognare Stamford Bridge, Tuttomercatoweb. URL consultato il 18 aprile 2012.
  15. ^ L'attacco vende i biglietti, la difesa vince le partite. E' impresa Chelsea, Barça matato, Tuttomercatoweb. URL consultato il 24 aprile 2012.
  16. ^ Poker Barcellona all'Al Sadd. Ora Messi-Neymar in finale gazzetta.it
  17. ^ Messi è stellare, il Barça è mondiale gazzetta.it
  18. ^ Barcellona schiacciasassi, 9-0 all'Hospitalet in coppa gazzetta.it
  19. ^ Il Barça mata l'Osasuna: e ora sotto col Real in Coppa gazzetta.it
  20. ^ Real Madrid-Barcellona 1-2: Cristiano Ronaldo illude il Bernabeu, Puyol e Abidal lo gelano! goal.com
  21. ^ Real Madrid, rimonta amara: il 2-2 qualifica il Barcellona gazzetta.it
  22. ^ Coppa del Rey, tra errori e polemiche Valencia-Barcellona finisce in pareggio, Tuttomercatoweb. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  23. ^ Copa del Rey, il Barcellona batte il Valencia, Tuttomercatoweb. URL consultato il 9 febbraio 2012.
  24. ^ Qatar Foundation si compra la maglia del Barcellona businesspeople.it
  25. ^ (CA) FC Barcelona 2011/12, FCBarcelona.cat. URL consultato il 22 luglio 2011.
  26. ^ a b Ceduto nella sessione invernale di calciomercato
  27. ^ UFFICIALE: Barcellona, Keirrison torna al Coritiba
  28. ^ La Liga non parte: Sciopero in Spagna gazzetta.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio