Brema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Brema (città))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo stato federato, vedi Brema (stato).
Brema
Città extracircondariale
(DE) Bremen
Brema – Stemma Brema – Bandiera
Brema – Veduta
Localizzazione
Stato Germania Germania
Land Flag of Bremen.svg Brema
Distretto gov. Non presente
Circondario Non presente
Amministrazione
Sindaco Jens Böhrnsen[1] (SPD)
Territorio
Coordinate 53°04′37″N 8°48′32″E / 53.076944°N 8.808889°E53.076944; 8.808889 (Brema)Coordinate: 53°04′37″N 8°48′32″E / 53.076944°N 8.808889°E53.076944; 8.808889 (Brema)
Altitudine 11,5 m s.l.m.
Superficie 325,42 km²
Abitanti 547 340 (31-12-2010)
Densità 1 681,95 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 28001–28779
Prefisso 0421
Fuso orario UTC+1
Codice Destatis 04 0 11 000
Targa HB
Brema-città:
   HB + 1 o 2 lettere + 1, 2 o 3 cifre
/>Bremerhaven:
   HB + 1 lettera + 4 cifre />Targhe governative bremensi:
   HB + 1, 2, 3 o 4 cifre <br
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Brema
La città di Brema nel land omonimo
La città di Brema nel land omonimo
Sito istituzionale
Il porto di Brema tra il 1890 e il 1900

Brema (in tedesco Bremen) è una città situata nel Nord Ovest della Germania.

La città di Brema è la capitale dello Stato di Brema al quale appartiene anche la città di Bremerhaven (55 km circa a Nord di Brema) ed è sede della maggior parte degli organi amministrativi dello stato omonimo.

Brema si fregia del titolo di "Città-comune" (Stadtgemeinde Bremen). Il titolo "Libera Città Anseatica di Brema" (in tedesco Freie Hansestadt Bremen) invece si riferisce solo all'insieme dei due comuni cioè allo Stato di Brema (art. 64 della Costituzione dello Stato di Brema)

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Brema è situata sulle rive del Weser a circa 60 km prima del punto in cui il fiume sfocia nel Mare del Nord. Il fiume, in corrispondenza della città, si allarga e quindi è navigabile da navi di grosse dimensioni permettendo l'esistenza del porto. Brema è la più antica città-stato tedesca, ricca di monumenti e musei, nonché secondo porto commerciale della Germania.
La città più vicina è Amburgo a circa 95 km a nord est. A Brema è presente un importante aeroporto, l'Aeroporto internazionale di Brema (City Airport Bremen) che, essendo situato a soli 3,5 km dal centro geografico della città, dalla chiusura di Berlino-Tempelhof (2 km) detiene il primato in Europa fra gli aeroporti più centrali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

782: Prima citazione della città su documenti scritti
787: Carlo Magno fonda la diocesi di Brema trasformando la città nel centro religioso più importante del Nord Europa
845: Insediamento dell'arcidiocesi di Amburgo-Brema
888: Re Arnolfo concede alla città i diritti di mercato
1043-1072: Primo periodo di crescita economica sotto l'arcivescovo Adalberto
1076: Adamo di Brema conclude la sua storia dell'arcidiocesi di Amburgo e cita la scoperta dell'America da parte dei Vichinghi
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Il municipio e la statua sulla piazza del mercato di Brema
(EN) Town Hall and Roland on the Marketplace of Bremen
Bremen-rathaus.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii) (iv) (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2004
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
1300: costruzione delle mura cittadine
Nel XIII secolo indipendenza dal potere arcivescovile
1358: Brema diventa membro della Lega Anseatica
1619: Viene iniziata la costruzione del porto
1646: Dopo la guerra contro la Svezia nel corso della Guerra dei Trent'anni Brema diventa libera città
1783: Inizio dei traffici commerciali con gli USA
1815: Brema ottiene dal Congresso di Vienna lo status di stato sovrano e diviene parte della federazione tedesca
1827: fondazione di Bremerhaven
1849: apre la Kunsthalle Bremen.
1871: Fondazione dell'impero tedesco. Brema entra a far parte come stato dell'impero con il titolo di "libera città anseatica".
1928: Inaugurazione dei Columbuskaje a Bremerhaven, dai quali più di sette milioni di emigranti si sono imbarcati per l'America
1945: Brema e Bremerhaven divengono zona d'occupazione americana
1947: 21 gennaio: costituzione dello Stato di Brema di cui la città di Brema diventa la capitale
1949: Lo Stato di Brema (l'unione fra la città di Brema e la città di Bremerhaven) diventa uno Stato Membro della Repubblica Federale di Germania
2004: Il municipio storico e il simbolo dell'indipendenza dello stato, la statua di Rolando, entrano nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO

Antichità e Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 150 d.C. il geografo Claudio Tolomeo descrisse Fabiranum o Phabiranum, oggi conosciuta come Brema. All'epoca, la regione, oggi chiamata Germania nord-occidentale o Bassa Sassonia, era abitata dai Chauci. Verso la fine del III secolo, la popolazione si era mischiata con i Sassoni. Durante le guerre sassoni (772-804), i Sassoni, guidati da Vitichindo, combatterono contro i Franchi della Germania occidentale, i fondatori dell'impero carolingio, e persero la guerra.

Carlo Magno, re dei Franchi, emanò una nuova legge, la Lex Saxonum. Tale legge affermava che ai Sassoni non era permesso venerare Odino (il dio dei Sassoni) e che essi dovevano convertirsi al Cristianesimo, pena la morte. Questo periodo fu chiamato "cristianizzazione".

Nel 787 Willehad fu il primo vescovo di Brema. Nell'848 l'arcidiocesi di Amburgo si fuse con la diocesi di Brema e, nei secoli successivi, i vescovi di Brema divennero la forza primaria nella cristianizzazione della Germania settentrionale.

Le prime mura della città furono erette nel 1032. In quel periodo, iniziarono a crescere i commerci con la Norvegia, l'Inghilterra e i Paesi Bassi settentrionali e la città accrebbe, allo stesso modo, la propria importanza. Nel 1186, il Principe Arcivescovo di Brema Hartwig di Uthlede e il suo balivo confermarono il dominio arcivescovile sulla città, che fu riconosciuta come entità politica dotata di un sistema legislativo autonomo.

Le proprietà all'interno delle mura non potevano essere soggette al dominio feudale; ciò era vero anche per i servi della gleba che acquistavano una proprietà, purché riuscissero a vivere in città per un anno e un giorno; al termine di tale periodo, essi venivano riconosciuti come persone libere. Il patrimonio veniva ereditato liberamente senza alcun diritto feudale di reversione. Questo privilegio permise a Brema di ottenere in seguito lo status di Libera città imperiale.

In realtà, Brema non aveva una completa autonomia dai principi arcivescovi, in quanto non c'era libertà di religione e gli abitanti erano ancora costretti a pagare le tasse ai principi arcivescovi. Brema assunse un duplice ruolo: partecipò alle Diete del vicino principe-arcivescovato come parte dei territori di Brema e pagò le tasse per la quota che le spettava. Giacché la città rappresentava il maggiore contribuente, il suo consenso era molto ricercato. In questo modo la città esercitò un potere fiscale e politico all'interno del principe-arcivescovato; essa infatti non permetteva al principe arcivescovo di governare senza il suo consenso.

Nel 1260, Brema aderì alla Lega Anseatica.

Nel 1350, il numero di abitanti raggiunse quota 20.000. Intorno a quell'anno, l'Hansekogge divenne una specialità di Brema. Nel 1362, i rappresentanti della città resero omaggio ad Alberto II, principe arcivescovo di Brema a Langwedel. In segno di riconoscenza, Alberto confermò alla città i suoi privilegi e ratificò una pace tra la città e il conte Gerardo III di Hoya, che dal 1358 teneva prigionieri alcuni cittadini di Brema. La città riuscì a ottenerne la liberazione.

Nel 1365, una tassa aggiuntiva, imposta per pagare il riscatto, scatenò una rivolta di cittadini e artigiani, che fu repressa in modo violento dal consiglio cittadino. Nel 1366 Alberto II cercò di trarre vantaggio dalla tensione che si era creata tra il consiglio di Brema e le corporazioni, i cui membri espulsero alcuni consiglieri dalla città. Quando tali consiglieri si appellarono ad Alberto II affinché li aiutasse, molti cittadini considerarono questo atto come un tradimento contro la città. L'appello ai principi li avrebbe solamente indotti ad abolire l'autonomia della città.

Nella notte del 29 maggio 1366, le truppe di Alberto invasero la città. In seguito, la città dovette di nuovo rendergli omaggio; il Rolando di Brema, simbolo della città, fu demolito e fu istituito un nuovo consiglio, che concesse ad Alberto un credito corrispondente all'esorbitante somma di 20.000 marchi di Brema.

Tuttavia i consiglieri dell'assemblea precedente, che si erano rifugiati nella Contea di Oldenburg, riuscirono ad ottenere il sostegno dei Conti e riconquistarono la città il 27 giugno 1366. I membri del consiglio provvisorio furono considerati traditori e decapitati, mentre la città recuperava de facto la propria autonomia.

Le distruzioni della seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Operazione Millennium.

Millennium 2 è il nome dell'attacco aereo su Brema dato dal capo del Bomber Command inglese, Arthur Harris, in quanto replica dell'attacco su Colonia effettuato un mese prima con 1000 bombardieri. Nella notte del 26 giugno 1942, 1067 velivoli si alzarono in volo per «...annientare la città e il porto di Brema». A causa delle mutate condizioni meteorologiche, però, non si verificò la tempesta di fuoco che avrebbe dovuto avvolgere il centro cittadino. Questa si verificò invece il 19 agosto 1944, durante il 132º attacco. Oltre 10.000 bombe al fosforo e 108.000 spezzoni incendiari provocarono 1054 vittime. L'ultima incursione, la 173ª, ebbe luogo il 24 aprile 1945, appena un giorno prima dell'irruzione dei carri armati americani.

In totale, le 890.000 bombe sganciate su Brema registrarono la distruzione dell'85% del centro storico e la morte di 3562 persone.[2]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

È ovviamente ambientata in questa città la storia de "I musicanti di Brema", favola dei fratelli Grimm. La ricorda una statua bronzea in piazza del municipio.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Visione generale[modifica | modifica wikitesto]

I porti bremensi a Brema e Bremerhaven sono il secondo porto tedesco (il primo è Amburgo). La varietà di merci che vi transitano è molto ampia e spazia dai prodotti alimentari (pesci, formaggi, carni, , riso, tabacco, vino e agrumi) alle merci di carattere industriale: a Brema si trovano infatti anche industrie automobilistiche (Daimler vi produce i modelli della classe C, il modello T e la Roadster SL), elettroniche, acciaierie e cantieri navali, come anche alcune industrie aerospaziali.

Aziende[modifica | modifica wikitesto]

Immagini di Brema[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale compagine calcistica cittadina è il Werder Brema, titolata squadra della Bundesliga, che gioca nello stadio cittadino "Weserstadion".

La squadra di pallacanestro è il Brema Roosters.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

La città di Brema è divisa in 5 distretti numerati che comprendono 23 quartieri:

Distretto (Stadtbezirk) Quartiere Superficie (km²) Abitanti Densità (ab./km²) Mappa
Mitte
1
33.741 17392 515 Bremen 1 Mitte.svg
Süd
2
66.637 123303 1850 Bremen 2 Süd.svg
Ost
3
108.201 218843 2023 Bremen 3 Ost.svg
West
4
56.606 89216 1576 Bremen 4 West.svg
Nord
5
60.376 98606 1633 Bremen 5 Nord.svg

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le cariche di sindaco di Brema e di presidente del senato del Land sono ricoperte dalla medesima persona
  2. ^ Citazioni dal libro: La Germania bombardata, di Jorg Friedrich
  3. ^ Stazione ferroviaria centrale
  4. ^ Città gemellate con Bratislava dal suo sito ufficiale. URL consultato il 26 luglio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Bremen Wappen.svg Città del Land Brema Coat of arms of Germany.svg

Città extracircondariali:    Brema · Bremerhaven

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità