InBev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
InBev
Stato Belgio Belgio
Borse valori Pubblicata Euronext: INB, NYSE: ABV
Fondazione 2004
Sede principale Belgio Belgio, Lovanio
Gruppo Anheuser-Busch InBev
Filiali San Paolo in Brasile
Persone chiave Peter Harf presidente, Carlos Brito direttore generale
Settore Bevande
Prodotti Birra, bibite analcoliche
Fatturato 13,3 miliardi di € (2006)
Dipendenti 86.000 (2007)
Sito web www.inbev.com

La InBev è il maggiore produttore di birra al mondo per quantità prodotta[1][2]. Rappresenta una quota di mercato di circa il 13%, ed una produzione di 190 milioni di ettolitri di birra e 25 milioni di ettolitri di limonate. Il gruppo ha circa 86.000 dipendenti (2007).

Profilo[modifica | modifica sorgente]

InBev opera in 30 paesi e vende i propri prodotti in oltre 180[3]. Nel 2006 presentava una capitalizzazione di 30,6 miliardi di euro, un profitto di oltre 3,2 miliardi di € ed un fatturato di 13,3 miliardi.

La sede sociale è situata a Lovanio in Belgio, nello stesso stabilimento dove aveva precedentemente sede la Interbrew, la compagnia che fondendosi con la brasiliana AmBev ha dato vita alla InBev.

Gli investimenti si concentrano attualmente su tre marchi mondiali: Stella Artois, Beck's e Brahma. La InBev produce anche altri marchi, molti conosciuti a livello internazionale, come Jupiler, Hoegaarden (birra bianca), Staropramen, Leffe, Bass, Tennent's o Labatt. InBev ha creato catene di bar ed industrie della birra per vendere direttamente i suoi prodotti: in Francia rappresenta infatti 200 marchi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 3 marzo 2004, Interbrew (uscita della fusione delle industrie della birra Stella Artois con sede a Lovanio in Belgio e la distilleria Piedbœuf di Jupille sempre in Belgio), effettuò un'operazione di fusione aziendale con la fabbrica di birra brasiliana Companhia de Bebidas das Americas (AmBev) per formare InBev. In seguito alla fusione (l'economia generata da tale fusione si aggirerebbe intorno ai 280 milioni di euro[senza fonte]) InBev è divenuto il primo produttore di birra al mondo.

Il 14 luglio 2008 InBev SA/NV acquista al costo di 52 miliardi di dollari (70$ per ogni azione) la Anheuser-Busch, azienda americana, detentrice in particolare del marchio Budweiser. Questa operazione darà origine alla formazione di un'altra società, la Anheuser-Busch InBev, che gestisce circa 300 marche di birra. Con questa operazione la neonata Anheuser-Busch InBev è diventata la compagnia madre e la InBev e la Anheuser-Busch sono diventate semplici consociate controllate dalla società capogruppo.

Azionariato[modifica | modifica sorgente]

  • Stichting Administratiekantoor INBEV - 52.44%
  • Eugénie Patri Sébastien SA - 13.19%
  • Fondatori: 1.28%

Aggiornato al 6 settembre 2008 www.euronext.com

Nota: Stichting Administratiekantoor INBEV è controllata al 55.9% da Eugénie Patri Sébastien SA e al 44.1% da BRC Sàrl. EPS SA è riconducibile ai consiglieri di amministrazione Allan Chapin, Philippe de Spoelberch, Arnoud de Pret Roose de Calesberg, Alexandre Van Damme. BRC Sarl è riconducibile ai consiglieri Jorge Paulo Lemann, Marcel Herrmann Telles, Carlos Alberto da Veiga Sicupira e Roberto Moses Thompson Motta.

Fonte: [1]

Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia opera attraverso Anheuser-Busch InBev Italia s.p.a.

Marche di birra detenute da InBev[modifica | modifica sorgente]

Birra a distribuzione mondiale[modifica | modifica sorgente]

Altre marche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anheuser-Busch InBev beverage business news, Anheuser-Busch InBev company profile, Anheuser-Busch InBev analysis, comment and interviews
  2. ^ I maggiori cinque produttori mondiali di birra in base agli ettolitri prodotti sono i seguenti (milioni di ettolitri trattati):
  3. ^ http://www.inbev.com/press_releases/20050330.1.e.cfm

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]