Adamo da Brema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Adamo da Brema o Adamo di Brema (Adam Bremensis in latino) (ante 1050 – 12 ottobre 1081/1085) è stato uno storico e teologo tedesco vissuto nella seconda metà dell'XI secolo.

È passato alla storia soprattutto come cronista e la sua opera più famosa è Gesta Hammaburgensis Ecclesiae Pontificum, scritta in lingua latina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Adamo proveniva dalla Saxonia superior, probabilmente da Bamberga. Verso il 1066, con il vescovado di Adalberto di Brema, divenne canonico del Duomo della città. Nel 1069, rientrato da un viaggio in Danimarca presso il re danese Sven Estridsson, divenne magister scholarum e direttore della scuola del convento annesso al Duomo. Morì presumibilmente nel 1081 e comunque non oltre il 1085.

Nel 1075 redasse, con abbondante ed accurato uso di vecchie cronache e fonti, così come l'utilizzo di rapporti propri relativi al suo viaggio in Danimarca, la sua opera più famosa: le Gesta Hammaburgensis Ecclesiae Pontificum.

I Gesta[modifica | modifica sorgente]

L'opera è in quattro volumi (del 1075/1076 la prima edizione) e ci narra la storia dell'arcivescovato di Amburgo-Brema e delle isole del nord. Nei primi tre volumi è narrata principalmente la storia dell'arcivescovato, mentre l'ultimo è più incentrato sulla geografia, la storia e i costumi della Scandinavia. Nel quarto libro (Descriptio insularum Aquilonis) dei suoi Gesta ci parla di Vinland, la porzione di America settentrionale scoperta dai vichinghi islandesi, descrivendola come una grande isola scoperta "da molti" e ricca di viti.[1] Fu il primo a scrivere di questa scoperta (avvenuta pochi decenni prima della stesura del suo libro), che è ben attestata nelle saghe islandesi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La sua narrazione fu ripresa ampiamente da Helmold di Bosau

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

  • Adamo di Brema, Storia degli arcivescovi della chiesa di Amburgo, Introduzione, traduzione con testo latino a fronte, commento a cura di Ileana Pagani, Torino, UTET, 1996

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84951025 LCCN: n81004407