Cattedrale di Aquisgrana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 50°46′29″N 6°05′04″E / 50.774722°N 6.084444°E50.774722; 6.084444

Cattedrale imperiale di Santa Maria
Marienkaiserdom
Esterno
Esterno
Stato Germania Germania
Land Flag of North Rhine-Westphalia.svg Renania Settentrionale-Vestfalia
Località DEU Aachen COA.svg Aquisgrana
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Santa Maria Assunta
Diocesi Diocesi di Aquisgrana
Stile architettonico bizantino, gotico, barocco
Inizio costruzione 786
Completamento XVIII secolo
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Cattedrale di Aquisgrana
(EN) Aachen Cathedral
Aachen Cathedral North View at Evening.jpg
Tipo Culturale
Criterio i,ii,iv,vi
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1978
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La cattedrale imperiale di Santa Maria (in tedesco: Marienkaiserdom) è il principale luogo di culto cattolico di Aquisgrana, in Germania, sede vescovile della diocesi omonima e la più antica cattedrale del Nord Europa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 786, Carlo Magno diede inizio alla costruzione della cappella del suo palazzo, la Cappella Palatina, che costituisce il nucleo più antico della cattedrale. Alla sua morte, nell'814, fu sepolto nella sua cattedrale, dove i suoi resti sono tuttora conservati in uno scrigno,insieme al suo trono e il suo busto reliquiario.

Per 600 anni, dal 936 al 1531, la cattedrale di Aquisgrana fu la chiesa di incoronazione per 30 regnanti del Sacro Romano Impero.

Nell'anno 1000, Ottone III fece aprire la cripta di Carlo Magno. Si disse che il corpo dell'imperatore fu trovato in notevole stato di conservazione, seduto su un trono di marmo, vestito con gli abiti imperiali, con la sua corona in testa, con i Vangeli aperti in grembo e lo scettro in mano. Un grande affresco che rappresenta Ottone e i suoi nobili che ammirano l'imperatore defunto fu dipinto sulla parete della sala grande del municipio.

Nel 1165, l'imperatore Federico Barbarossa aprì ancora la cripta e fece disporre le spoglie in un sarcofago scolpito nel marmo, che si diceva essere quello in cui Augusto fu sepolto. Le ossa vi riposarono fino al 1215, quando Federico II le fece trasferire in uno scrigno di oro e argento.

Per sopportare l'enorme flusso di pellegrini, tra il 1355 e il 1414 fu costruito un coro in stile gotico, che fu consacrato nell'anno 1414, 600º anniversario della morte di Carlo Magno.

Nei secoli successivi, la cattedrale venne arricchita di nuove cappelle laterali, in vario stile.

La cattedrale di Aquisgrana è stata il primo monumento tedesco ad essere incluso, nel 1978, nelle lista dell'UNESCO dei Patrimonio dell'umanità, come pure è stato uno dei primi tre beni storici in Europa. È inoltre candidato come una delle sette meraviglie moderne.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pianta[modifica | modifica sorgente]

Pianta della cattedrale

AaachenChapelDB.svg

1 white, blue rounded rectangle.svg
2 white, blue rounded rectangle.svg
3 white, blue rounded rectangle.svg
4 white, blue rounded rectangle.svg
5 white, blue rounded rectangle.svg
5 white, blue rounded rectangle.svg
6 white, blue rounded rectangle.svg
7 white, blue rounded rectangle.svg
8 white, blue rounded rectangle.svg
9 white, blue rounded rectangle.svg
10 white, blue rounded rectangle.svg
11 white, blue rounded rectangle.svg
12 white, blue rounded rectangle.svg
13 white, blue rounded rectangle.svg
14 white, blue rounded rectangle.svg
15 white, blue rounded rectangle.svg

██ antica cappella palatina


1 white, blue rounded rectangle.svg Ingresso
2 white, blue rounded rectangle.svg Westwerk
3 white, blue rounded rectangle.svg Trono di Carlo Magno (nel matroneo)
4 white, blue rounded rectangle.svg Cappella Palatina
5 white, blue rounded rectangle.svg Matroneo e deambulatorio
6 white, blue rounded rectangle.svg Altare maggiore
7 white, blue rounded rectangle.svg Pulpito

██ aggiunte successive


8 white, blue rounded rectangle.svg Marienschrein
9 white, blue rounded rectangle.svg Coro
10 white, blue rounded rectangle.svg Sarcofago di Carlo Magno
11 white, blue rounded rectangle.svg Cappella di San Mattia
12 white, blue rounded rectangle.svg Cappella di Sant'Anna
13 white, blue rounded rectangle.svg Cappella Ungherese
14 white, blue rounded rectangle.svg Cappella dei Santi Nicola e Michele
15 white, blue rounded rectangle.svg Cappella dei Santi Carlo e Uberto

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale ha assunto il suo aspetto attuale nel corso di oltre un millennio. La struttura attuale è il frutto di aggiunte fatte all'edificio centrale, la Cappella Palatina.

Il cuore del complesso è, appunto, la Cappella Palatina che, pur essendo oggi sorprendentemente piccola al confronto delle aggiunte successive, al tempo della sua costruzione era la più grande cupola a Nord delle Alpi.

Si accede alla Cappella Palatina tramite un Westwerk, sormontato da torre cuspidata; sul lato opposto dell'ottagono, in asse con l'ingresso, vi è il coro gotico. Intorno alla Cappella Palatina, poi, si aprono varie cappelle laterali, di dimensioni differenti fra di loro, tra cui la più importante è la Nikolaus- und Michaeliskapelle, ove si trovano le tombe dei canonici.

Westwerk[modifica | modifica sorgente]

Il westwerk

Sul lato occidentale dell'ottagono, si trova il Westwerk, coevo alla Cappella Palatina, che costituisce l'ingresso principale alla cattedrale.

Esso è costituito da una torre principale a pianta quadrangolare affiancato da due torri più piccole, all'interno delle quali si trovano le scale a chiocciola che consentono di salire al matroneo della Cappella Palatina. Alla base della torre quadrangolare, vi è l'ingresso della chiesa, costruito in stile barocco nel XVIII secolo, con triplice portale bronzeo. Più in alto vi è una trifora gotica, sormontata da una loggetta. La torre termina con la cella campanaria, coperta con cuspide piramidale e decorata con quattro piccole guglie agli angoli.

La torre campanaria è unita alla cupola tramite uno stretto camminamento sospeso e coperto.

Cappella Palatina[modifica | modifica sorgente]

Interno della Cappella Palatina
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cappella Palatina di Aquisgrana.

La Cappella Palatina (in tedesco: Kaiserkapelle) è una costruzione ottagonale di circa 31 m d'altezza e 16 m di diametro, sostenuta da forti pilastri. Al di sopra degli archi della galleria si erge un tamburo ottagonale finestrato, su cui poggia la cupola che copre lo spazio centrale. Attorno a questi pilastri corre un periambolo di 16 lati con basse volte a crociera, sopra cui si trova un'alta galleria, coperta anch'essa da volte e chiusa da cancelli di bronzo in stile carolingio. Le colonne che adornano gli interstizi dell'ottagono sono per lo più antiche e provengono da Roma, Treviri e Ravenna. Nel matroneo, al di sopra dell'ingresso, si trova il trono di Carlo Magno.

Questo ottagono carolingio fu iniziato e completato nel 796 secondo lo stile bizantino dal mastro Oddone da Metz. Fu consacrata durante la festa dei Re Magi del 804 da Papa Leone III.

Coro[modifica | modifica sorgente]

Il coro con la Pala d'Oro e il Pulpito

In asse con il westwerk, si trova il coro gotico. Questo, è costituito da un unico grande ambiente che misura 25 m di lunghezza, 13 m di larghezza e 32 m di altezza.

Nelle pareti, si aprono altissime bifore, con vetrate policrome, su ispirazione della Sainte-Chapelle di Parigi. Nel coro si trovano il Sarcofago di Carlo Magno, realizzato dagli orafi di Aquisgrana nel 1215 per volere di Federico II di Svevia, e il Marienschrein, reliquiario contenente un pannolino e il perizoma di Gesù, un vestito di Maria e il sudario di Giovanni Battista. Nel passaggio tra la Cappella Palatina e il coro, si trova il moderno altare maggiore, il cui paliotto è costituito dalla Pala d'Oro (1020), costituita da diciassette pannelli di lamina d'oro con rilievi. Sulla destra dell'altare, vi è il pulpito, costruito per volere di Enrico II il Santo, realizzato tra il 1002 e il 1014.

Cappelle laterali[modifica | modifica sorgente]

Lungo il perimetro della Cappella Palatina, si aprono delle cappelle minori. Queste sono:

Tesoro della cattedrale[modifica | modifica sorgente]

Il tesoro della cattedrale di Aquisgrana mette in mostra capolavori dell'arte sacra dei periodi tardo-classico, carolingio, ottoniano e staufiano; tra di essi ve ne sono di unici come la "Croce di Lotario", il "busto di Carlo Magno" e il "sarcofago di Persefone". Il tesoro della cattedrale è considerato tra i più importanti tesori ecclesiastici dell'Europa settentrionale.

Organi a canne[modifica | modifica sorgente]

Organo principale[modifica | modifica sorgente]

Nelle campate nord-est e sud-est del matroneo della Cappella Palatina, si trova l'organo a canne Johannes Klais Orgelbau opus 1719, frutto dell'ampliamento (1991-1993) dell'organo opus 1492 (1973), a sua volta ampliamento dell'organo opus 982, costruito nel 1939.

Lo strumento, a trasmissione integralmente elettrica, è costituito da due corpi distinti, denominati Organo Nord (corpo di sinistra) e Organo Sud (corpo di destra). I registri, in totale 59, sono distribuiti sulle tre tastiere, di 56 note ciascuna, e la pedaliera concava di 30.

Di seguito, la sua disposizione fonica:

Prima tastiera - Hauptwerk
Organo Nord
Prinzipal 16'
Octave 8'
Rohrflöte 8'
Superoctave 4'
Koppelflöte 4'
Quinte 2.2/3'
Doublette 2'
Cornett V 8'
Mixtur VI 2'
Cymbel III 1/2'
Trompete 16'
Trompete 8'
Glockenspiel
Seconda tastiera - Chorwerk
Organo Sud
Bordun 16'
Prinzipal 8'
Holzflöte 8'
Gemshorn 8'
Octave 4'
Rohrflöte 4'
Spitzquinte 2.2/3'
Superoctave 2'
Hohlflöte 2'
Terz 1.3/5'
Mixtur IV–VI 1.1/3'
Cymbel IV 1/2'
Dulcian 16'
Trompete 8'
Kopftrompete 4'
Tremulant
Terza tastiera - Schwellwerk
Organo Sud
Gedacktpommer 16'
Geigenprinzipal 8'
Liebl. Gedackt 8'
Gamba 8'
Vox coelestis 8'
Prinzipal 4'
Blockflöte 4'
Octave 2'
Nasard 1.1/3'
Sesquialter II 2.2/3'
Scharff IV
Basson 16'
Trompette harmonique 8'
Hautbois 8'
Clairon 4'
Tremulant
Nordost-Pedal
Organo Nord
Offenbaß 16'
Quintbaß 10.2/3'
Bartpfeife 8'
Venezianerflöte 4'
Bauernflöte 2'
Hintersatz VI 2.2/3'
Bombarde 32'
Bombarde 16'
Trompete 8'
Klarine 4'
Südost-Pedal
Organo Sud
Prinzipalbaß 16'
Subbaß 16'
Octavbaß 8'
Spillpfeife 8'
Superoctave 4'
Glöckleinton II 2.2/3'
Baßtrompete 8'

Organo del Coro[modifica | modifica sorgente]

Sul tratto di matroneo che separa la Cappella Palatina dal coro, si trova l'organo a canne Johannes Klais Orgelbau opus 1718, costruito nel 1973.

Lo strumento, a trasmissione mista, meccanica per i manuali e il pedale, elettrica per i registri, ha tre tastiere di 56 note ciascuna ed una pedaliera concava di 30.

La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Hauptwerk
Praestant 8'
Singend Gedackt 8'
Prinzipal 4'
Spielflöte 4'
Waldflöte 2'
Scharffmixtur IV 1.1/3'
Trompete 8'
Vox humana 8'
Seconda tastiera - Positiv
Spitzflöte 8'
Quintade 8'
Praestant 4'
Holzgedackt 4'
Octave 2'
Quinte 1.1/3'
Glockenzymbel III 2/3'
Cromorne 8'
Tremulant
Terza tastiera - Echo
Gedackt 8'
Rohrgedackt 4'
Nasard 2.2/3'
Flachflöte 2'
Terz 1.3/5'
Sifflet 1'
Tremulant
Pedal
Violon 16'
Gedackt 16'
Prinzipalbaß 8'
Gedackt 8'
Flöte 4'
Posaune 16'
Trompete 8'
Trompete 4'

Organo Zoboli[modifica | modifica sorgente]

Nella chiesa, si trova anche un organo positivo costruito nel 1850 dall'organaro italiano Cesare Zoboli. Lo strumento, a trasmissione integralmente meccanica, ha un'unica tastiera e pedaliera.

Di seguito, la disposizione fonica dello strumento in base alla posizione delle manette che comandano i vari registri nelle due colonne della registriera:

Manuale - Ripieno
Prinzipale 8' Bassi
Prinzipale 8' Soprani
Ottava 4' Bassi
Ottava 4' Soprani
Decimaquinta 2'
Decimanona 1.1/3'
Vigesimaseconda 1'
Vigesimasesta 2/3'
Manuale - Concerto
Voce umana 8'
Flauto 8' Soprani
Viola 4' Soprani
Flauto in VIII 4' Bassi
Flauto in VIII 4' Soprani
Flauto in XII 2.2/3' Soprani
Flauto in XV 2' Soprani
Fagotto 8' Bassi
Tromba 8' Soprani
Pedale
Contrabbassi 16'

Organo positivo[modifica | modifica sorgente]

Nella cattedrale, si trova, inoltre, un organo a cassapanca, costruito nel 2004 dall'organaro Martin Scholz. Lo strumento, a trasmissione integralmente meccanica, ha un'unica tastiera senza pedaliera. La sua disposizione fonica è la seguente:

Manual
Bourdon 8' Bass
Bourdon 8' Diskant
Flöte 8' Diskant
Prinzipal 4'
Rohrflöte 4'
Nasard 2.2/3' Diskant
Oktave 2'

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]