Arcidiocesi di Amburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Amburgo
Archidioecesis Hamburgensis
Chiesa latina
Domkirche Sankt Marien Hamburg.jpg
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Hildesheim, Osnabrück
Arcivescovo metropolita sede vacante
Vicario generale Franz-Peter Spiza
Ausiliari Norbert Werbs,
Hans-Jochen Jaschke
Arcivescovi emeriti Werner Thissen
Sacerdoti 247 di cui 209 secolari e 38 regolari
1.590 battezzati per sacerdote
Religiosi 38 uomini, 368 donne
Diaconi 55 permanenti
Abitanti 5.765.004
Battezzati 392.774 (6,8% del totale)
Superficie 33.055 km² in Germania
Parrocchie 121 (3 vicariati)
Erezione IX secolo
Rito romano
Cattedrale Santa Maria
Santi patroni Sant'Ansgario
Indirizzo Danzigerstr. 52 a, D-20099 Hamburg, Bundesrepublik Deutschland
Sito web www.erzbistum-hamburg.de
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Germania

L'arcidiocesi di Amburgo (in latino: Archidioecesis Hamburgensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2006 contava 392.774 battezzati su 5.765.004 abitanti. È attualmente sede vacante.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta della più vasta diocesi tedesca e si estende negli stati federati della sua città sede, dello Schleswig-Holstein e nel Meclemburgo-Pomerania Occidentale.

Sede arcivescovile è la città di Amburgo, dove si trova la cattedrale di Santa Maria (Neuer Mariendom).

Il territorio si estende su 33.055 km² ed è suddiviso in 121 parrocchie, raggruppate in 3 decanati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno 831 papa Gregorio IV nominò come primo arcivescovo di Amburgo il benedettino Sant'Ansgario. Dopo la conquista di Amburgo da parte dei Vichinghi nell'845, nell'848 la diocesi fu unita in persona episcopi a quella di Brema, che era stata fondata nel 787 come diocesi suffraganea dell'arcidiocesi di Colonia.

Dal 1072 la sede dell'arcidiocesi fu traslata a Brema, che ereditò così il rango arcivescovile. Ad Amburgo rimase un capitolo dotato di poteri particolari (la costruzione del Mariendoms).

Nel 1104 fu eretta la metropolia di Lund, di cui divennero suffraganee tutte le diocesi della Scandinavia e della Danimarca, precedentemente soggette ad Amburgo.

Il 25 settembre 1188, con il breve Ex iniuncto nobis di papa Clemente III, furono assegnate alla sede di Brema quattro diocesi suffraganee: Lubecca, Ratzeburg, Schwerin e Schleswig.

La Riforma protestante e la conseguente Pace di Vestfalia sancirono la fine della diocesi di Brema e del capitolo di Amburgo. L'ultimo vescovo di Brema Georg von Braunschweig-Lüneburg morì nel 1566 e non ebbe successori.

Nel 1620 fu eretto il vicariato apostolico dei Nordici con sede a Brema, il cui territorio giunse a comprendere alla fine del XVII secolo una vastissima area, a grande maggioranza protestante, corrispondente a tutta la Germania settentrionale fino alla Slesia, la Danimarca, la Scandinavia. Nel XVIII secolo il territorio si ridusse per l'erezione del vicariato apostolico di Sassonia, soppresso però nel 1780 e del vicariato apostolico di Svezia, eretto il 23 settembre 1783. Il 16 agosto 1821 con la bolla Provida solersque di papa Pio VII il vicariato cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Osnabrück, di Paderborn e di Breslavia.

Papa Gregorio XVI il 17 settembre 1839 con il breve Ex pastoralis stabilì ad Amburgo la residenza del vicariato apostolico.

Il 7 agosto 1868 cedette altre porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione della prefettura apostolica di Danimarca (oggi diocesi di Copenaghen), della prefettura apostolica dello Schleswig-Holstein e della missione sui iuris di Norvegia (oggi diocesi di Oslo) e assunse il nome di vicariato apostolico della Germania settentrionale. Infine, il 13 agosto 1930 fu soppresso con la bolla Pastoralis officii di papa Pio XI, a vantaggio della diocesi di Osnabrück e dell'arcidiocesi di Paderborn.

Con l'unificazione della Germania la Santa Sede riorganizza la parte settentrionale della Germania. Il 24 ottobre 1994, in forza della bolla Omnium Christifidelium di papa Giovanni Paolo II, viene eretta l'arcidiocesi di Amburgo con i territori della soppressa amministrazione apostolica di Schwerin e con territori scorporati dalle diocesi di Hildesheim e di Osnabrück, che contestualmente diventano suffraganee della medesima sede di Amburgo.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Arcivescovi di Amburgo-Brema[modifica | modifica wikitesto]

  • Sant'Ansgario, O.S.B. † (834 - 3 febbraio 865 deceduto) (vescovo di Brema dall'849)
  • San Rimberto † (865 - 11 giugno 888 deceduto)
  • Sant'Adalgar † (888 - 9 maggio 909 deceduto)
  • Hoger † (909 - 20 dicembre 915 deceduto)
  • Reginwart † (915 ? - 1º ottobre 917 deceduto)
  • Unni † (917 - 17 settembre 936 deceduto)
  • Sant'Adaldago, O.S.B. † (936 - 28 aprile 988 deceduto)
  • Libentius I † (988 - 14 febbraio 1013 deceduto)
  • Unwan † (1013 - 28 gennaio 1029 deceduto)
  • Libentius II † (1029 - 25 agosto 1032 deceduto)
  • Hermann † (28 settembre 1032 - 19 settembre 1035 deceduto)
  • Adalbrand † (21 dicembre 1035 - 15 aprile 1043 deceduto)
  • Adalberto di Brema † (15 luglio 1043 - 16 marzo 1072 deceduto)
  • Liemar † (1072 - 16 maggio 1101 deceduto)
  • Humbert † (1101 - 10 novembre 1104 deceduto)
  • Friedrich † (1104 - gennaio 1123 deceduto)
  • Adalbert † (1123 - 25 agosto 1148 deceduto)
  • Hartwig von Stade † (1148 - 11 ottobre 1168 deceduto)
  • Balduin † (1169 - 1178 deceduto)
    • Bertold † (1179) (vescovo eletto)
  • Siegfried † (1179 - 24 ottobre 1184 deceduto)
  • Hartwig von Utlede † (1184 - 3 novembre 1207 deceduto)
  • Burghard von Stumpenhausen † (1207 - 1210 dimesso)
    • Waldemar † (1207) (intruso)
  • Gerhard von Oldenburg-Wildeshausen † (30 ottobre 1210 - 13 agosto 1219 deceduto)
  • Gebhard von Lippe † (1219 - 27 luglio 1258 deceduto)
  • Hildebold von Wunstorf † (17 aprile 1259 - 11 ottobre 1273 deceduto)
  • Giselbert von Brunkhorst † (27 febbraio 1274 - 17 novembre 1306 deceduto)
  • Heinrich von Goltern † (1306 - 9 aprile 1307 deceduto)
    • Florenz von Bronchorst † (1307) (vescovo eletto)
  • Bernhard von Wölpe † (1307 - 17 settembre 1307 deceduto)
  • Jens Grand † (11 febbraio 1310 - 30 maggio 1327 deceduto)
  • Burchard Grelle † (25 settembre 1327 - 12 agosto 1344 deceduto)
  • Otto von Oldenburg † (14 febbraio 1345 - 14 marzo 1348 deceduto)
  • Godfried von Arnsberg † (13 giugno 1348 - 1360 dimesso)
  • Alberto di Brunswick-Wolfenbüttel † (17 luglio 1360 - 14 aprile 1395 deceduto)
  • Otto von Braunschweig-Lüneburg † (2 ottobre 1395 - 30 giugno 1406 deceduto)
  • Johann von Schlamstorf † (25 settembre 1406 - 20 dicembre 1421 deceduto)
  • Nikolaus von Oldenburg-Delmenhorst † (14 marzo 1422 - 1434 dimesso)
  • Baldwin von Wenden, O.S.B. † (22 dicembre 1434 - 8 luglio 1441 deceduto)
  • Gerhard von der Hoye † (1º aprile 1442 - 14 aprile 1463 deceduto)
  • Heinrich von Schwarzburg † (20 novembre 1463 - 24 dicembre 1496 deceduto)
  • Johann Rode von Wale † (27 aprile 1497 - 4 dicembre 1511 deceduto)
  • Christoph von Braunschweig-Lüneburg † (4 dicembre 1511 succeduto - 22 gennaio 1558 deceduto)[1]
  • Georg von Braunschweig-Lüneburg † (14 febbraio 1561 - 4 dicembre 1566 deceduto)
    • Sede soppressa

Vicari apostolici[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vicariato apostolico della Germania settentrionale.

Arcivescovi di Amburgo[modifica | modifica wikitesto]

  • Ludwig Averkamp † (24 ottobre 1994 - 16 febbraio 2002 ritirato)
  • Werner Thissen (22 novembre 2002 - 21 marzo 2014 ritirato)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 5.765.004 persone contava 392.774 battezzati, corrispondenti al 6,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1999 408.390 4.761.339 8,6 263 217 46 1.552 42 56 376 143
2000 404.443 5.759.039 7,0 251 217 34 1.611 42 44 368 173
2001  ? 5.769.315  ? 240 197 43  ? 39 56 368 173
2002 404.734 5.769.315 7,0 248 208 40 1.631 48 40 368 166
2003 398.992 5.802.124 6,9 245 204 41 1.628 48 41 368 163
2004 396.527 5.806.901 6,8 238 200 38 1.666 49 38 368 163
2006 392.774 5.765.004 6,8 247 209 38 1.590 55 38 368 121

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Era contemporaneamente anche vescovo di Verden.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]