Schleswig-Holstein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schleswig-Holstein
land
Land Schleswig-Holstein
Schleswig-Holstein – Stemma Schleswig-Holstein – Bandiera
Localizzazione
Stato Germania Germania
Amministrazione
Capoluogo Kiel
Ministro presidente Torsten Albig (SPD) dal 2012
Territorio
Coordinate
del capoluogo
54°19′31″N 10°08′26″E / 54.325278°N 10.140556°E54.325278; 10.140556Coordinate: 54°19′31″N 10°08′26″E / 54.325278°N 10.140556°E54.325278; 10.140556
Superficie 15 799,38 km²
Abitanti 2 815 955[1] (31 dicembre 2013)
Densità 178,23 ab./km²
Distretti gov. non presente
Circondari 11 circondari rurali
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 DE-SH
Cartografia

Schleswig-Holstein – Localizzazione

Sito istituzionale

Lo Schleswig-Holstein è il più settentrionale dei 16 stati federati della Germania. Il nome in danese è Slesvig-Holsten, il nome in basso sassone è Sleswig-Holsteen. Storicamente il nome si riferisce a una regione più ampia, che comprende l'odierno Schleswig-Holstein e la contea danese dello Jutland meridionale (Sønderjyllands Amt in danese).

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Lo Schleswig-Holstein si trova alla base della penisola dello Jutland, tra il Mar Baltico e il Mare del Nord.

L'ex ducato dell'Holstein costituisce la parte meridionale dello Schleswig-Holstein, mentre lo Schleswig meridionale ne forma la parte settentrionale. L'ex Ducato dello Schleswig, (Sønderjylland in danese), è stato diviso tra Germania e Danimarca fin dal 1920. Lo Schleswig settentrionale, l'ex contea danese dello Jutland meridionale facente parte dal 1º gennaio 2007 della nuova regione del Syddanmark, venne ceduta alla Danimarca dopo un referendum che seguì la sconfitta tedesca nella prima guerra mondiale.

Lo Schleswig-Holstein confina con la Danimarca (regione del Syddanmark) a nord, il Mare del Nord ad ovest, il Mar Baltico e il Meclemburgo-Pomerania Anteriore ad est, e la Bassa Sassonia e la città-stato di Amburgo a sud.

Il territorio è composto da pianure e praticamente senza montagne, l'elevazione più alta è il Bungsberg con soli 168 metri. Ci sono molti laghi, specialmente nella parte orientale dell'Holstein, chiamata Holsteinische Schweiz ("Svizzera dell'Holstein"). Un gruppo di isole chiamate Isole Frisone Settentrionali si trova al largo della costa occidentale, e altre piccole isolette (arcipelago di Helgoland) si trovano ancor più al largo. Solo un'isola si trova davanti alla costa orientale: Fehmarn. Il fiume più lungo, oltre all'Elba, è l'Eider.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Lo Schleswig-Holstein è diviso in undici circondari (Kreis):

Schleswig-Holstein Kreise (nummeriert).svg

  1. Dithmarschen
  2. Ducato di Lauenburg (Herzogtum Lauenburg)
  3. Frisia Settentrionale (Nordfriesland)
  4. Holstein Orientale (Ostholstein)
  5. Pinneberg
  6. Plön
  1. Rendsburg-Eckernförde
  2. Schleswig-Flensburgo
  3. Segeberg
  4. Steinburg
  5. Stormarn

Inoltre ci sono quattro città extracircondariali, che non appartengono ad alcun circondario:

  1. Kiel (KL)
  2. Lubecca (HL)
  3. Neumünster (NMS)
  4. Flensburg (FL)

Lingue[modifica | modifica sorgente]

Lingua ufficiale è il tedesco; nel circondario della Frisia Settentrionale e sull'isola di Helgoland anche il frisone. La lingua basso-tedesca ha il carattere di una lingua regionale, mentre il danese, il frisone e il romanì quello di una lingua minoritaria.

La lingua danese e quella frisone vengono parlate esclusivamente a nord, nello Schleswig, ma non nella parte meridionale dello stato, nello Holstein. Dopo l'approvazione della Legge sulla lingua frisone (in tedesco Friesisch-Gesetz, in danese Friisk Gesäts) da parte del parlamento statale nel 2004, il frisone è la seconda lingua ufficiale anche nel circondario della Frisia del Nord e sull'isola di Helgoland. Di conseguenza, nel circondario della Frisia del Nord si possono trovare cartelli stradali bilingui tedesco/frisone, come per esempio quello di Niebüll/Naibel.

La parte sudorientale dello Schleswig-Holstein era abitata fino al XII secolo da popolazioni slave. Ne sono testimonianza ancora oggi alcuni toponimi di origine slava, come Lubecca, Laboe, Eutin, Preetz o Ratzeburg.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Chiesa evangelica in Germania 54,3 %[2], Chiesa cattolica 6,0 %[3].

Il 14 gennaio 2009, è stato firmato a Kiel, un accordo con la Santa Sede, per regolare i rapporti della Chiesa Cattolica Romana in questo Stato. Si tratta di 24 articoli che regolano la situazione giuridica di Santa Romana Chiesa nel Land-Schleswig-Holstein, come l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole di ogni ordine e grado, il riconoscimento statale in pieno delle Scuole gestite dalla Chiesa Cattolica, la formazione universitaria, l'attività della Chiesa nei campi pastorali socio-sanitario e caritativo, l'imposta ecclesiastica e la cura degli edifici di proprietà della Chiesa soggetti a tutela monumentale. In sintesi, viene riconosciuto in pieno, il ruolo della Chiesa Cattolica Romana nella società del Land-Schleswig-Holstein.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Articolo principale: Storia dello Schleswig-Holstein

All'inizio del Medioevo il Ducato dello Schleswig venne separato dal Regno Danese. Anche lo Holstein venne in seguito unito in un Ducato. Nel corso della loro storia entrambi hanno saltuariamente mantenuto l'indipendenza, appartenendo alla corona danese e al Sacro Romano Impero. Per estesi periodi di tempo, il re di Danimarca fu anche il duca dedesco dello Schleswig e/o dello Holstein.

Il risveglio nazionale successivo alle Guerre Napoleoniche portò a un forte movimento popolare per la riunificazione con la Germania (dominata dalla Prussia), che - dopo una vana ribellione nel 1848 e la fallimentare Prima guerra dello Schleswig (1848-1851) - Otto von Bismarck riuscì a effettuare con la Seconda guerra dello Schleswig (1864).

Dopo la prima guerra mondiale, la Danimarca riacquisì parte di quel territorio (Schleswig Settentrionale), in seguito a un referendum tenuto nella regione.

Varie[modifica | modifica sorgente]

Come curiosità, il termine "Holstein" deriva dall'antico norvegese e antico sassone, Holseta Land, che significa semplicemente "terra dei boschi". Originariamente, faceva riferimento alla centrale delle tre tribù Sassoni a nord del fiume Elba, Tedmarsgoi, Holcetae, e Sturmarii. L'area degli Holcetae era posta tra il fiume Stör ed Amburgo, dopo la cristianizzazione la loro chiesa principale era a Schenefeld.

Il termine Schleswig deriva dalla città di Schleswig. Il nome deriva dall'insenatura di Schlei ad est e da vik che significa insenatura o insediamento in Antico sassone e norreno.

Il Canale di Kiel attraversa lo Schleswig-Holstein e permette alle navi tedesche di attraversare dal Baltico al Mare del Nord senza lasciare il territorio tedesco. Ebbe un ruolo vitale nell'assistere i commerci e lo sforzo bellico tedesco durante lo scorso secolo.

Lista dei Presidenti del Land Schleswig-Holstein[modifica | modifica sorgente]

  1. 1945 - 1947: Theodor Steltzer
  2. 1947 - 1949: Hermann Lüdemann
  3. 1949 - 1950: Bruno Diekmann
  4. 1950 - 1951: Walter Bartram
  5. 1951 - 1954: Friedrich-Wilhelm Lübke
  6. 1954 - 1963: Kai-Uwe von Hassel (CDU)
  7. 1963 - 1971: Helmut Lemke
  8. 1971 - 1982: Gerhard Stoltenberg (CDU)
  9. 1982 - 1987: Uwe Barschel (CDU)
  10. 1987 - 1988: Henning Schwarz (CDU)
  11. 1988 - 1993: Björn Engholm (SPD)
  12. 1993 - 2005: Heide Simonis (SPD)
  13. dal 2005: Peter Harry Carstensen (CDU)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ente statistico del Schleswig-Holstein - Dati sulla popolazione
  2. ^ EKD http://www.ekd.de/download/kirchenmitglieder_2007.pdf
  3. ^ chiesa cattolica http://www.dbk.de/imperia/md/content/kirchlichestatistik/bev-kath-l__nd-2008.pdf

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

germania Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di germania