Canale di Kiel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karte Nord-Ostsee-Kanal.png

Il canale di Kiel (in tedesco: Nord-Ostsee Kanal, detto anche NOK), è un canale artificiale di 98 chilometri che collega il mare del Nord (a Brunsbüttel) al mar Baltico (a Kiel).

Il canale, tramite il quale si evita la circumnavigazione della penisola dello Jutland permettendo un risparmio di 280 miglia nautiche (519 km), è la via d'acqua più utilizzata al mondo.

Chiusa semplice del mare del Nord sul canale di Kiel

Il primo collegamento tra i due mari era l'Eiderkanal che utilizzava il fiume Eider. Fu completato nel 1784 e misura 43 chilometri sui 175 chilometri del tragitto tra Kiel e l'imboccatura dell'Eider (a Tönning). Era largo 29 metri e profondo 3 metri cosa che limitava la grandezza dei battelli a circa 300 tonnellate.

La marina tedesca volle collegare le sue basi nel Baltico e nel mare del Nord senza fare il giro della Danimarca. La costruzione del nuovo canale fu decisa.

Canale di Kiel

Nel giugno 1887, la costruzione cominciò a Holtenau nei pressi di Kiel. In otto anni, circa 9000 uomini lavorarono alla sua costruzione. Il 20 giugno 1895 il canale è ufficialmente inaugurato dal Kaiser Guglielmo II. Durante la cerimonia pose l'ultima pietra dell'opera e lo chiamò Kaiser-Wilhelm-Kanal in onore di suo nonno Guglielmo I. Mantenne tale nome sino al 1948.

In seguito all'aumento del traffico la parte del canale che permette l'incrocio dei battelli fu ingrandita tra il 1907 e il 1914. Due chiuse furono aggiunte a Brunsbüttel e a Holtenau.

Dopo la prima guerra mondiale, il trattato di Versailles internazionalizza il canale lasciandolo sotto amministrazione tedesca. Adolf Hitler annullò lo statuto internazionale nel 1936.

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale, il canale è di nuovo aperto a tutte le imbarcazioni.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La nave più grande che abitualmente percorre il canale è la Norwegian Dream (tonnellaggio lordo: 50.764 t), una nave da crociera della Norwegian Cruise Line.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]