Arcidiocesi di Paderborn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Paderborn
Archidioecesis Paderbornensis
Chiesa latina
Paderborner Dom bei Nacht2.jpg
Paderborn-bistum.PNG  
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Erfurt, Fulda, Magdeburgo
Arcivescovo metropolita Hans-Josef Becker
Vicario generale Alfons Hardt
Ausiliari Manfred Grothe, Matthias König, Hubert Berenbrinker
Sacerdoti 1.152 di cui 1.074 secolari e 78 regolari
1.525 battezzati per sacerdote
Religiosi 127 uomini, 2.173 donne
Diaconi 129 permanenti
Abitanti 4.900.000
Battezzati 1.757.474 (35,9% del totale)
Superficie 14.754 km² in Germania
Parrocchie 571 (19 vicariati)
Erezione 799
Rito romano
Cattedrale San Liborio
Santi patroni San Liborio
Indirizzo Domplatz 3, D-33098 Paderborn, Bundesrepublik Deutschland
Sito web www.erzbistum-paderborn.de
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Germania
Il palazzo del vicario generale a Paderborn
Mathäus Seuter: Mappa della diocesi di Paderborn nel 1750

L'arcidiocesi di Paderborn (in latino: Archidioecesis Paderbornensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2004 contava 1.757.474 battezzati su 4.900.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Hans-Josef Becker.

Il patrono della diocesi è San Liborio.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi trova nella Germania centro-settentrionale e si estende nello stato federato di Renania Settentrionale-Vestfalia e comprende piccole porzioni della Bassa Sassonia e dell'Assia.

Sede arcivescovile è la città di Paderborn, dove si trova la cattedrale di San Liborio.

Il territorio è suddiviso in 19 decanati e in 571 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Paderborn fu eretta da papa Leone III nel 799. Era originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Magonza (oggi diocesi).

Bernhard zur Lippe, nella prima metà del XIV secolo, fu il primo principe vescovo di Paderborn. Inizialmente la sede di Paderborn fu in conflitto con quella di Colonia per ragioni temporali. Una composizione del conflitto si ebbe nel XVI secolo, quando in più occasioni gli arcivescovi di Colonia furono anche amministratori apostolici di Paderborn.

Nel 1792 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Corvey.

Franz Egon von Fürstenberg fu l'ultimo principe vescovo di Paderborn, il quale venne secolarizzato come tutti gli stati ecclesiastici del Sacro Romano Impero tra il 1802 ed il 1803.

Il 16 gennaio 1821 con la bolla De salute animarum di papa Pio VII la diocesi di Corvey fu soppressa e il suo territorio fu aggregato a quello della diocesi di Paderborn. Con la stessa bolla il vicariato apostolico delle Missioni del Nord cedette una porzione del suo territorio a vantaggio della diocesi di Paderborn, che entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Colonia.

Il 1º marzo 1921 incorporò i territori della soppressa missione del ducato di Anhalt.

Il 13 agosto 1930 con la bolla Pastoralis officii nostri di papa Pio XI il vicariato apostolico della Germania settentrionale fu soppresso e parte del suo territorio fu aggregato a quello della diocesi di Paderborn, che contestualmente era elevata al rango di arcidiocesi metropolitana, avente come suffraganee le diocesi di Fulda e di Hildesheim.

Il 23 febbraio 1957 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Essen, che divenne suffraganea di Paderborn.

Il 20 gennaio 1966 l'arcidiocesi adottava una suddivisione in 39 decanati.

Il 23 luglio 1973 ha ceduto un'altra porzione di territorio a vantaggio dell'erezione dell'amministrazione apostolica di Magdeburgo (oggi diocesi).

Il 27 ottobre 1994 la diocesi di Hildesheim è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Amburgo.

Il 1º gennaio 2006 l'arcidiocesi ha adottato una nuova suddivisione in 19 decanati.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • San Hathumar † (795 - 9 agosto 815 deceduto)
  • San Badurado † (815 - 17 settembre 852 deceduto)
  • Liutardo † (859 - 2 maggio 886 deceduto)
  • Biso † (giugno 886 - 9 settembre 908 deceduto)
  • Toderico † (ottobre 908 - 8 dicembre 916 deceduto)
  • Unwan † (25 gennaio 917 - 20 luglio 935 deceduto)
  • Dudo † (agosto 935 - 26 luglio 960 deceduto)
  • Folkmar, O.S.B. † (agosto 960 - 17 febbraio 981 deceduto)
  • Rethar † (983 - 6 marzo 1009 deceduto)
  • Meinwerk † (13 marzo 1009 consacrato - 5 giugno 1036 deceduto)
  • Rotho, O.S.B. † (luglio 1036 - 6 novembre 1051 deceduto)
  • Imado † (25 dicembre 1051 consacrato - 3 febbraio 1076 deceduto)
  • Poppo † (marzo 1076 - 28 novembre 1084 deceduto)
  • Heinrich von Assel † (dicembre 1084 - 1090 deposto)[1]
  • Heinrich von Werl † (1090 - 14 ottobre 1127 deceduto)
  • Bernhard von Oesede † (novembre 1127 - 16 luglio 1160 deceduto)
  • Evergis † (agosto 1160 - 28 settembre 1178 deceduto)
  • Siegfried (von Hallermund?) † (ottobre 1178 - 10 febbraio 1186 deceduto)
  • Bernhard von Ibbenbüren † (marzo 1186 - 23 aprile 1203 deceduto)
  • Bernhard von Oesede † (maggio 1203 - 28 marzo 1223 deceduto)
  • Thomas Olivier † (7 aprile 1225 - 28 settembre 1225 nominato cardinale vescovo di Sabina)
  • Wilbrand van Oldenburg † (ottobre 1225 - 1228 nominato vescovo di Utrecht)
  • Bernhard zur Lippe † (1228 - 14 aprile 1247 deceduto)
  • Simon zur Lippe † (1247 - 7 giugno 1277 deceduto)
  • Otto von Rietberg † (1277 - 23 ottobre 1307 deceduto)
  • Günther von Schwalenberg † (1307 - 15 maggio 1310 dimesso)
  • Dietrich von Itter † (3 dicembre 1310 - 20 settembre 1321 deceduto)
  • Bernhard zur Lippe † (1321 - 30 gennaio 1341 deceduto)
  • Balduin von Steinfurt † (1341 - 1361 dimesso)
  • Heinrich von Spiegel zum Desenberg, O.S.B. † (17 marzo 1361 - 21 marzo 1380 deceduto)
  • Simon von Sternberg † (giugno 1380 - 25 gennaio 1389 deceduto)
  • Ruprecht von Berg † (9 novembre 1389 - 28 giugno 1394 deceduto)
  • Johann von Hoya † (7 settembre 1394 - 28 febbraio 1399 nominato vescovo di Hildesheim)
  • Bertrando d'Arvazzano † (4 marzo 1399 - 1400 ?)
  • Wilhelm von Berg † (5 novembre 1400 - prima del 13 aprile 1415 deposto)
    • Dietrich von Moers † (13 aprile 1415 - 24 gennaio 1446 dimesso) (amministratore apostolico)
    • Dietrich von Moers † (4 dicembre 1447 - 13 febbraio 1463 deceduto) (amministratore apostolico, per la seconda volta)
  • Simon zur Lippe † (18 maggio 1463 - 7 marzo 1498 deceduto)
  • Ermanno d'Assia † (7 marzo 1498 succeduto - 27 settembre 1508 deceduto)
  • Eric di Brunswick-Grubenhagen † (20 aprile 1509 - 14 maggio 1532 deceduto)[2]
    • Hermann von Wied † (22 settembre 1532 - 25 febbraio 1547 deposto) (amministratore apostolico)
  • Rembert von Kerssenbrock † (1º luglio 1547 - 12 febbraio 1568 deceduto)
  • Johann von Hoya zu Stolzenau † (6 novembre 1568 - 5 aprile 1574 deceduto)
  • Salentin von Isenburg † (14 settembre 1574 - 5 settembre 1577 dimesso)
    • Enrico di Sassonia-Lauenburg † (16 novembre 1577 - 22 aprile 1585 deceduto) (vescovo eletto)
  • Dietrich von Fürstenberg † (7 ottobre 1585 - 4 dicembre 1618 deceduto)
  • Ferdinando di Baviera † (4 dicembre 1618 succeduto - 13 settembre 1650 deceduto)
  • Dietrich Adolf von Reck † (7 maggio 1751 - 30 gennaio 1661 deceduto)
  • Ferdinand von Fürstenberg † (30 maggio 1661 - 26 giugno 1683 deceduto)
  • Hermann Werner von Wolf-Metternich zur Gracht † (24 aprile 1684 - 21 maggio 1704 deceduto)
  • Franz Arnold von Wolff-Metternich zur Gracht † (21 maggio 1704 succeduto - 25 dicembre 1718 deceduto)
  • Clemente Augusto di Baviera † (30 aprile 1719 - 6 febbraio 1761 deceduto)
  • Wilhelm Anton von der Asseburg † (16 maggio 1763 - 26 dicembre 1782 deceduto)
  • Federico Guglielmo di Westfalia † (26 dicembre 1782 succeduto - 6 gennaio 1789 deceduto)
  • Franz Egon von Fürstenberg † (6 gennaio 1789 succeduto - 11 agosto 1825 deceduto)
  • Friedrich Klemens von Ledebur † (30 luglio 1826 - 30 agosto 1841 deceduto)
  • Richard Kornelius Dammers † (23 maggio 1842 - 11 ottobre 1844 deceduto)
  • Johann Franz Drepper † (21 aprile 1845 - 5 novembre 1855 deceduto)
  • Martin Konrad † (19 giugno 1856 - 16 luglio 1879 deceduto)
    • Sede vacante (1879-1882)
  • Franz Kaspar Drobe † (24 marzo 1882 - 7 marzo 1891 deceduto)
  • Hubert Theophil Simar † (17 dicembre 1891 - 14 dicembre 1899 nominato arcivescovo di Colonia)
  • Wilhelm Schneider † (25 giugno 1900 - 31 agosto 1909 deceduto)
  • Karl Joseph Schulte † (7 febbraio 1910 - 8 marzo 1920 nominato arcivescovo di Colonia)
  • Kaspar Klein † (19 giugno 1920 - 26 gennaio 1941 deceduto)
  • Lorenz Jäger † (10 agosto 1941 - 30 giugno 1973 ritirato)
  • Johannes Joachim Degenhardt † (4 aprile 1974 - 25 luglio 2002 deceduto)
  • Hans-Josef Becker, dal 3 luglio 2003

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 4.900.000 persone contava 1.757.474 battezzati, corrispondenti al 35,9% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 2.345.344 9.382.323 25,0 1.918 1.454 464 1.222 652 6.955 605
1970 2.339.211 8.823.432 26,5 2.277 1.862 415 1.027 438 4.700 647
1980 2.024.500 5.200.000 38,9 1.624 1.262 362 1.246 18 463 4.173 548
1990 1.869.420 4.661.000 40,1 1.476 1.197 279 1.266 71 374 3.483 567
1999 1.829.855 5.106.044 35,8 1.292 1.155 137 1.416 104 201 2.601 568
2000 1.816.330 5.109.410 35,5 1.300 1.139 161 1.397 113 227 2.478 570
2001 1.796.591 5.115.821 35,1 1.227 1.135 92 1.464 111 156 2.253 570
2002 1.786.330 4.934.408 36,2 1.210 1.126 84 1.476 116 147 2.269 571
2003 1.771.660 4.900.000 36,2 1.191 1.110 81 1.487 129 137 2.272 571
2004 1.757.474 4.900.000 35,9 1.152 1.074 78 1.525 129 127 2.173 571

Istituti religiosi presenti in arcidiocesi[modifica | modifica wikitesto]

Istituti religiosi maschili[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2012 contavano case in arcidiocesi i seguenti istituti religiosi maschili:[3]

Istituti religiosi femminili[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2012 contavano case in arcidiocesi i seguenti istituti religiosi femminili:[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nominato nel giugno 1102 arcivescovo di Magdeburgo.
  2. ^ Il 27 marzo 1532 fu eletto vescovo di Münster, ma morì prima della conferma pontificia.
  3. ^ Männerorden im Erzbistum Paderborn. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  4. ^ Frauenorden und -kongregationen. URL consultato il 14 gennaio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi