Diocesi di Magonza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'antico principato-arcivescovile, vedi Elettorato di Magonza.
Diocesi di Magonza
Dioecesis Moguntina
Chiesa latina
Mainzer Dom von Nordosten.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Friburgo in Brisgovia
Wappen Bistum Mainz.png  
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo cardinale Karl Lehmann
Vicario generale Dietmar Giebelmann
Sacerdoti 536 di cui 442 secolari e 94 regolari
1.486 battezzati per sacerdote
Religiosi 135 uomini, 411 donne
Diaconi 122 permanenti
Abitanti 2.807.896
Battezzati 796.562 (28,4% del totale)
Superficie 7.692 km² in Germania
Parrocchie 343 (20 vicariati)
Erezione IV secolo
Rito romano
Cattedrale San Martino
Santi patroni San Martino di Tours
Indirizzo Postfach 1560, D-55005 Mainz
Bischofsplatz 2, D-55116 Mainz, Bundesrepublik Deutschland
Sito web www.bistummainz.de
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Germania
Le torri della cattedrale di Worms.
La basilica di Sant'Eginardo a Seligenstadt.
Mappa della diocesi di Magonza prima del 1790 (tratteggiata in nero) e dopo il 1821 (in giallo).
Il vescovo Wilhelm Emmanuel von Ketteler, che si distinse nell'Ottocento per i suoi contributi nel dibattito sulla questione sociale.

La diocesi di Magonza (in latino: Dioecesis Moguntina) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Friburgo in Brisgovia. Nel 2004 contava 796.562 battezzati su 2.807.896 abitanti. È attualmente retta dal vescovo cardinale Karl Lehmann.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende parte della Renania-Palatinato e dell'Assia, nonché la località di Bad Wimpfen nel Baden-Württemberg. È costituita da due entità geografiche distinte e non contigue tra loro: questa peculiarità è dovuta alla costituzione dell'odierna diocesi, nata nel 1821 e corrispondente al territorio dell'allora granducato d'Assia oggi non più esistente.

Sede vescovile è la città di Magonza, dove si trova la cattedrale di San Martino. Nel territorio diocesano si trova anche l'ex cattedrale di Worms, dedicata a San Pietro apostolo.

Il territorio si estende su 7.692 km² ed è suddiviso in 344 parrocchie, raggruppate in 20 decanati.

Chiese importanti[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magonza, corrispondente alla Mogontiacum dei Romani, faceva parte, secondo la Notitia Galliarum dell'inizio del V secolo[1], della provincia romana della Germania prima, di cui era la capitale.

La tradizione leggendaria attribuisce la fondazione della Chiesa di Magonza a san Crescente, inviato ad evangelizzare la regione dall'apostolo san Pietro nel I secolo. Il primo vescovo conosciuto appare solamente nella prima metà del IV secolo: negli atti dello pseudo concilio di Colonia del 346 figura il nome di Martinus Mogontiacensium.

La sede acquisì importanza e prestigio nell'VIII secolo grazie all'opera di san Bonifacio e del suo successore san Lullo, primi che si fregiarono del titolo di arcivescovo; è in quest'epoca che si definisce il territorio diocesano, che si estese anche sulla riva destra del fiume Reno. Da Magonza e da Colonia partivano i missionari per l'evangelizzazione della Germania.

Con l'affermarsi dell'organizzazione ecclesiastica in epoca carolingia, Magonza divenne arcidiocesi metropolitana. Inizialmente aveva tre diocesi suffraganee, Worms, Strasburgo e Spira, nel rispetto dell'antica suddivisione amministrativa romana. Mano a mano che venivano create, furono aggregate alla provincia ecclesiastica di Magonza anche le diocesi di Augusta, Costanza, Coira, Eichstätt, Halberstadt, Würzburg, Hildesheim, Paderborn e Verden. Questa struttura organizzativa ecclesiastica, già attestata nell'XI secolo, rimase invariata, malgrado tutti i cambiamenti politici della regione, fino alla rivoluzione francese.

A partire dall'epoca ottoniana (X secolo), gli arcivescovi di Magonza acquisirono poteri comitali che li resero i più importanti principi vescovi del Sacro Romano Impero. Tra i primi principi dell'Impero si distinse l'arcivescovo Willigis, che divenne anche arcicancelliere dell'Impero e diede inizio alla costruzione della nuova cattedrale nel 975.

Il principato arcivescovile era costituito dai seguenti territori:

Dal 1257 l'arcivescovo di Magonza, già primate della Germania e legatus natus del papa per i territori imperiali[2], fu ufficialmente riconosciuto arcicancelliere dell'impero e presidente-decano della Dieta o Reichstag e primo Grande Elettore. Tale situazione venne sancita definitivamente dalla Bolla d'oro del 25 dicembre 1356 (Erzbischof von Mainz und des Heiligen Römischen Reichs Erzkanzler für Germanien und Chur-Furst). Come decano degli Elettori presiedeva anche il "Consiglio aulico dell'Impero" (Reichshofrat) e fino al 1343 incoronava personalmente il nuovo imperatore eletto. Come presidente della Dieta poteva convocare il Collegio elettorale, aprendone i lavori e concedendo l'apertura delle votazioni cominciando dagli elettori di Treviri e di Colonia; esaminava e legittimava le lettere credenziali dei deputati plenipotenziari inviati dai vari principi alle votazioni. Dal 10 giugno 1630 per decreto di papa Urbano VIII ricevette il trattamento di eminenza e gli viene riconosciuto il rango reale, più o meno contestato, dagli altri sovrani europei.

Nel XVI secolo, con l'affermarsi della riforma protestante, l'arcidiocesi perse molte parrocchie, soprattutto nel nord e nel Palatinato, passate alla nuova confessione religiosa. Contestualmente, la provincia ecclesiastica perse le diocesi di Halberstadt e di Verden, che furono soppresse, per il passaggio pressoché totale dei fedeli alla chiesa evangelica.

La rivoluzione francese, con le sue conseguenze, pose fine al principato ecclesiastico e modificò sostanzialmente il territorio dell'arcidiocesi. Nel 1792 le truppe francesi occuparono i territori dell'arcidiocesi fino al fiume Reno, mentre l'arcivescovo Friedrich Karl Josef von Erthal fuggiva assieme al capitolo della cattedrale a Aschaffenburg sulla riva destra del fiume. Con il trattato di Campoformio (1797) l'arcidiocesi si trovò divisa fra due Stati, la Francia, che occupava i territori situati sulla riva sinistra del Reno, e l'Impero, che deteneva i territori sulla riva destra.

Il 29 novembre 1801 in forza della bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII, nel territorio francese fu eretta una nuova circoscrizione ecclesiastica magontina, corrispondente al dipartimento, oggi non più esistente, di Mont-Tonnerre. Con la bolla papale, l'antica arcidiocesi fu ridotta al rango di diocesi, suffraganea dell'arcidiocesi di Malines, e comprendeva parti delle antiche sedi di Magonza, di Worms e di Spira (con le rispettive città episcopali), e di Metz. Per questa sede fu eletto il vescovo Joseph Ludwig Colmar.

La restante parte dell'antica arcidiocesi, sulla riva destra del Reno, fu secolarizzata in seguito al Reichsdeputationshauptschluss del 1803, ed il suo territorio scorporato fra le varie entità politiche tedesche circostanti.

Il congresso di Vienna e altri trattati successivi modificarono nuovamente la geografia ecclesiastica della regione. Il 16 agosto 1821 Pio VII emanò la bolla Provida solersque, con la quale sopprimeva tutte le giurisdizioni ecclesiastiche precedenti e stabiliva nuove arcidiocesi e diocesi in alcuni Stati della Confederazione germanica nel sud-ovest della Germania. La nuova diocesi di Magonza venne fatta coincidere con il territorio del Granducato d'Assia entrando al contempo a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Friburgo in Brisgovia.

La diocesi di Magonza poté mantenere la tradizione medievale di eleggere i propri vescovi direttamente dal capitolo della cattedrale, caratteristica che la accomuna alle diocesi svizzere di Coira, di Basilea e di San Gallo, metodo scomparso nel resto della Chiesa cattolica.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Il più antico catalogo dei vescovi di Magonza risale agli inizi del X secolo e si conclude con il vescovo Erigero: in questo catalogo sono 11 i vescovi che precedono san Bonifacio. Cataloghi successivi (una decina circa anteriori al XIV secolo) allungano a dismisura la serie dei vescovi per rendere ancora più antica la Chiesa di Magonza; Gallia christiana, sulla scia di questi cataloghi, elenca 41 vescovi prima di san Bonifacio.[3]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 2.807.896 persone contava 796.562 battezzati, corrispondenti al 28,4% del totale. Geograficamente, la proporzione dei cattolici varia considerevolmente: nella città di Magonza sono circa metà della popolazione, mentre nella parte settentrionale della diocesi sono una piccola minoranza.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 631.100 1.794.600 35,2 516 437 79 1.223 128 1.907 284
1970 893.357 2.344.970 38,1 657 533 124 1.359 201 1.622 1.037
1980 939.372 2.637.000 35,6 658 564 94 1.427 40 136 1.145 346
1990 856.461 2.300.000 37,2 645 538 107 1.327 76 132 796 344
1999 825.309 2.746.000 30,1 581 477 104 1.420 104 142 657 344
2000 820.932 2.770.000 29,6 567 475 92 1.447 106 130 616 344
2001 814.205 2.770.000 29,4 553 464 89 1.472 111 119 458 344
2002 809.223 2.770.000 29,2 549 456 93 1.473 113 123 423 344
2003 803.923 2.807.896 28,6 570 476 94 1.410 115 121 423 344
2004 796.562 2.807.896 28,4 536 442 94 1.486 122 135 411 344

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monumenta Germaniae Historica, Chronica minora, I, p. 557.
  2. ^ Queste prerogative contribuirono ad attribuire alla sede di Magonza (unico caso nella Chiesa cattolica oltre a Roma) il titolo di "Santa Sede", sebbene questo titolo sia diventato oggi meno comune.
  3. ^ Alcuni di questi nomi riportati da Gallia christiana si riferiscono in realtà a varianti medievali del medesimo nome; altri nomi sono ripetizioni di nomi di vescovi realmente esistiti, ma in epoche successive a quelle indicate. Gams mette in dubbio questa serie episcopale, per lo più leggendaria.
  4. ^ Prima di Martino, secondo con questo nome nella cronotassi, Gallia christiana inserisce questi 18 vescovi: san Crescente, san Marino, san Crescenzio, san Ciriaco, sant'Ilario, beato Martino I, san Celso, san Lucio, san Gottardo, Sofronio, sant'Erigero I, san Rutero, sant'Avito, sant'Ignazio, Dionigi, Rutberto, sant'Adelardo, san Lucio II Anneo. Alcuni di questi nomi sono di origine germanica, e per Louis Duchesne sono anacronistici nell'impero romano del II o III secolo.
  5. ^ Il più antico catalogo episcopale di Magonza, inizia la sua serie episcopale con Aureo, omettendo il vescovo precedente Martino. Un'antica tradizione riferisce che Aureo morì durante la distruzione di Magonza da parte degli Unni di Attila nel 451. Ammiano Marcellino e San Girolamo riferiscono di altre distruzioni della città nel 368 e nel 407; secondo Duchesne, nulla vieta di attribuire a queste date il decesso di Aureo.
    Prima di Aureo, Gallia christiana inserisce i vescovi Sidonio I, Sigismondo, Lupoldo, Nicezio e Mariano; dopo Aureo riporta i nomi dei vescovi Eutropio, Adalberto, Raterio, Adelbaldo, Sigeberto, Lautfrido e Rutardo.
  6. ^ Presente nell'antico catalogo, ma ignoto a Gallia christiana.
  7. ^ Corrisponde a Sidonio II nella cronotassi di Gallia christiana. Di Sidonio parla Venanzio Fortunato, secondo il quale il vescovo avrebbe ricostruito molte chiese ed altri edifici. Secondo Duchesne, questo accenno di Fortunato potrebbe far riferimento alla ricostruzione della città dopo il periodo delle invasioni e dunque anche al ristabilimento della sede episcopale dopo una lunga vacanza.
  8. ^ Assente nel più antico catalogo episcopale; inserito da Duchesne, che identifica Momociacus di cui parla Gregorio di Tours con il nome latino di Magonza (Moguntiacus).
  9. ^ Duchesne identifica il Sigismundus Momociacus di cui parla Gregorio di Tours con il Sigismondo menzionato nel più antico catalogo moguntino. Gallia christiana inserisce Sigismondo prima di Aureo, e dopo Sidonio menziona un vescovo di nome Vilberto.
  10. ^ Prima di Lanvaldo, Gallia christiana menziona un vescovo Rutelmo.
  11. ^ Menzionato nella passio di san Bonifacio come predecessore di Geroldo.
  12. ^ Padre del successore Gewiliobo.
  13. ^ Vescovo di Worms, la sua elezione da parte del capitolo di Magonza non fu accettata dalla Santa Sede.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi