Francesco Luigi del Palatinato-Neuburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Luigi Wittelsbach-Neuburg
arcivescovo della Chiesa cattolica
Franz Ludwig von Pfalz Neuburg.jpg
Ritratto di Francesco Luigi del Palatinato-Neuburg
ArchbishopPallium PioM.svg
Incarichi ricoperti vedi sotto
Nato 18 luglio 1664, Neuburg an der Donau
Ordinato presbitero 1683
Elevato arcivescovo 1729
Deceduto 6 aprile 1732, Breslavia
Francesco Luigi del Palatinato-Neuburg, ritratto del XVIII secolo tratto dal libro di Karl Kastner, Breslauer Bischöfe (1929)

Francesco Luigi del Palatinato-Neuburg (Neuburg an der Donau, 18 luglio 1664Breslavia, 6 aprile 1732) fu vescovo e arcivescovo di molte diocesi e Gran Maestro dell'Ordine Teutonico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni e la carriera a Breslavia[modifica | modifica wikitesto]

Egli era figlio dell'Elettore Palatino Filippo Guglielmo e della principessa Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt.

Quando venne eletto vescovo di Breslavia, già suo fratello Volfango Giorgio Federico era stato proposto per questa carica, ma era morto prima che la scelta venisse comprovata. Con il supporto della corte viennese (la sorella di Francesco Luigi, Eleonora Maddalena, era la terza moglie dell'imperatore Leopoldo I) venne eletto vescovo di Breslavia nel 1683.

Dopo appena due anni di reggenza, divenne Governatore della Slesia, mostrandosi come uno degli ecclesiastici più potenti della sua epoca. Nel 1687 ottenne il suddiaconato. Per la diocesi di Breslavia, dal 1694 attuò un processo di riorganizzazione dei seminari, creando nel 1702 l'Università di Breslavia, la cosiddetta "Leopoldina", e nel 1711 fondò l'Ospedale di Barmherzigen, oltre ad aver già fondato l'orfanotrofio "Orphanotropheum" nel 1702. Dal 1729 iniziò anche la costruzione della nuova residenza dei vescovi, oltre ad inaugurare la nuova chiesa parrocchiale di San Nicolao a Ottmachau, nei pressi della propria residenza di Niederschloss (1706-1707).

Vescovo di Worms[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del fratello Luigi Antonio del Palatinato-Neuburg nel 1694, Francesco Luigi divenne vescovo di Worms. Qui egli si procurò tra le altre cose di restaurare la cattedrale della città, donando a proprie spese i fondi per la costruzione di un orfanotrofio, mantenendo nella città la propria sede sino alla propria morte. Si preoccupò anche di regolare e rinnovare la diocesi, stabilendovi una chiesa ed un collegio di gesuiti tra il 1702 ed il 1729.

Gran Maestro dell'Ordine Teutonico e arcivescovo di Treviri[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1694 ricevette anche l'incarico di presiedere alla direzione dell'Ordine Teutonico, carica già concessa a suo fratello Luigi Antonio. Egli riorganizzò l'ordine e si batté fortemente contro le false concessioni delle medaglie dell'ordine perpetrate dal Principe del Brandeburgo e del Re di Prussia.

Dal 1716 al 1729 rivestì anche l'incarico di principe-arcivescovo di Treviri, attivandosi molto per la giurisdizione della diocesi. Sotto il suo regno la distrutta Treviri tornò a risorgere dalla proprie ceneri, con la costruzione di un ponte sul fiume Mosella e la ristrutturazione della Cattedrale in stile barocco.

Gli ultimi anni e l'incarico a Magonza[modifica | modifica wikitesto]

Nella città, Francesco Luigi iniziò molte riforme amministrative e giuridiche come la costruzione della Deutschhaus.

Dopo che Francesco Luigi era stato nominato nel 1710 coadiutore e gran cancelliere dell'arcidiocesi di Magonza, nel 1729 divenne il successore di quella sede arcivescovile. Dal momento che il Papa gli impedì di mantenere tutte queste sedi episcopali, rinunciò al proprio incarico a Treviri e si occupò a tempo pieno di Magonza.

Francesco Ludovico morì a Breslavia e venne sepolto nella cattedrale della città, in una cappella da lui appositamente fatta costruire, decorata con gli affreschi di Carlo Innocenzo Carloni.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Palatinato-Neuburg
Wittelsbach
Armoiries électeurs palatins de Neubourg.svg

Ottone col fratello Filippo
Filippo col fratello Ottone
Wolfgang
Figli
Filippo Luigi
Wolfgang Guglielmo
Filippo Guglielmo
Giovanni Guglielmo
Carlo Filippo
Carlo Teodoro
Modifica
Francesco Luigi del Palatinato-Neuburg Padre:
Filippo Guglielmo del Palatinato
Nonno paterno:
Wolfgang Guglielmo del Palatinato-Neuburg
Bisnonno paterno:
Filippo Luigi del Palatinato-Neuburg
Trisnonno paterno:
Wolfgang del Palatinato-Zweibrücken
Trisnonna paterna:
Anna d'Assia
Bisnonna paterna:
Anna di Jülich-Kleve-Berg
Trisnonno paterno:
Guglielmo di Jülich-Kleve-Berg
Trisnonna paterna:
Maria d'Austria
Nonna paterna:
Maddalena di Baviera
Bisnonno paterno:
Guglielmo V di Baviera
Trisnonno paterno:
Alberto V di Baviera
Trisnonna paterna:
Anna d'Austria
Bisnonna paterna:
Renata di Lorena
Trisnonno paterno:
Francesco I di Lorena
Trisnonna paterna:
Cristina di Danimarca
Madre:
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt
Nonno materno:
Giorgio II d'Assia-Darmstadt
Bisnonno materno:
Luigi V d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Giorgio I d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Maddalena di Lippe
Bisnonna materna:
Maddalena di Brandeburgo
Trisnonno materno:
Giovanni Giorgio di Brandeburgo
Trisnonna materna:
Elisabetta di Anhalt-Zerbst
Nonna materna:
Sofia Eleonora di Sassonia
Bisnonno materno:
Giovanni Giorgio I di Sassonia
Trisnonno materno:
Cristiano I di Sassonia
Trisnonna materna:
Sofia di Brandeburgo
Bisnonna materna:
Maddalena Sibilla di Hohenzollern
Trisnonno materno:
Alberto Federico di Prussia
Trisnonna materna:
Maria Eleonora di Jülich-Kleve-Berg

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Teutonico - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Teutonico

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Gli stemmi governativi di Franz Ludwig del Palatinato-Neuburg documentano l'ampiezza delle sue proprietà territoriali.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Heraldik: Photos von Wappen in architektonischem Zusammenhang, Dokumentation und Datenbank

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Leopold von Eltester: Franz Ludwig. In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Band 7, Duncker & Humblot, Leipzig 1877, S. 307 f
  • (DE) Franz Ludwig von Pfalz-Neuburg. In: Neue Deutsche Biographie (NDB). Band 5, Duncker & Humblot, Berlin 1961, S. 369 f.
  • (DE) Karl Kastner: Breslauer Bischöfe. Ostdeutsche Verlags-Anstalt, Breslau 1929.
  • (DE) Friedrich Maria Illert: Fürstbischof Franz Ludwig, der Erneuerer des Bistums Worms. Zu seinem Gedächtnis an seinem 200. Todestag. In: Der Wormsgau 1, 1926/33, S. 340–343
  • (DE) Josef Johannes Schmid: Franz Ludwig von Pfalz-Neuburg. In: Biographisch-Bibliographisches Kirchenlexikon (BBKL). Band 16. Bautz, Herzberg 1999, ISBN 3-88309-079-4, Sp. 1231–1237.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Breslavia Successore BishopCoA PioM.svg
Federico d'Assia-Darmstadt 1683-1732 Philipp Ludwig von Sinzendorf
Predecessore Vescovo di Worms Successore BishopCoA PioM.svg
Luigi Antonio del Palatinato-Neuburg 1694-1732 Franz Georg von Schönborn
Predecessore Prevosto di Ellwangen Successore Monastergen.png
Luigi Antonio del Palatinato-Neuburg 1694-1732 Franz Georg von Schönborn-Buchheim
Predecessore Gran Maestro dell'Ordine Teutonico Successore Coat of arms of the Teutonic Order.png
Luigi Antonio del Palatinato-Neuburg 1694-1732 Clemente Augusto di Baviera
Predecessore Arcivescovo di Treviri Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Carlo Giuseppe di Lorena 1716-1729 Franz Georg von Schönborn
Predecessore Primate di Germania e Legatus natus a Treviri Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Carlo Giuseppe di Lorena 1716-1729 Franz Georg von Schönborn
Predecessore Abate di Prüm Successore Prepozyt.png
Carlo Giuseppe di Lorena 1716-1729 Franz Georg von Schönborn
Predecessore Arcivescovo di Magonza Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Franz Lothar von Schönborn 1729-1732 Philipp Karl von Eltz
Predecessore Primate di Germania e Legatus natus a Magonza Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Franz Lothar von Schönborn 1729-1732 Philipp Karl von Eltz

Controllo di autorità VIAF: 40178182 LCCN: no2010089047