Rodolfo di Zähringen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rodolfo di Zähringen (Balsareny, 1135Herdern, 5 agosto 1191) fu principe-arcivescovo di Magonza dal 1160 al 1161 e principe-vescovo di Liegi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque da Corrado I di Zähringen e di Clemence di Lussemburgo.

Dopo la assassinio di Arnoldo di Selenhofen, i cittadini di Magonza lo elessero arcivescovo, ma la città era stata posta sotto interdetto e l'aristocrazia e il clero erano fuggiti a Francoforte sul Meno, dove elessero invece Cristiano di Buch. Nessuna delle due elezioni venner riconosciuta dall'imperatore, Federico Barbarossa. Al Sinodo di Lodi, entrambi gli arcivescovi eletti vennero deposti e Rodolfo venne scomunicato.

Nel 1167 divenne vescovo di Liegi, una carica importante (dal punto di vista secolare) quasi quanto quella che ricopriva a Magonza. In qualità di vescovo sostenne il fratello Bertoldo IV di Zähringen. L'11 maggio 1188 prese parte con il suo esercito all'assedio di Acri. Morì sulla via del ritorno dalla Crociata, a Herdern, dove venne sepolto nel monastero di San Pietro.

Predecessore Arcivescovo di Magonza Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Arnoldo di Selenhofen 1160-1161 Corrado I di Wittelsbach
Predecessore Arcivescovo di Liegi Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Alessandro II di Orle 1167-1191 Alberto I di Löwen

Controllo di autorità VIAF: 80796579