Principe vescovo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ornamenti esteriori per lo stemma da Principe-Vescovo
Ornamenti esteriori per lo stemma da Principe-Arcivescovo

Un principe vescovo o principe arcivescovo (altre volte principe spirituale, Fürstbischof in tedesco) era un vescovo o arcivescovo che univa al suo ruolo religioso il potere temporale su di un territorio (che non necessariamente coincideva esattamente con la diocesi su cui esercitava l'autorità religiosa). L'investitura religiosa era però necessaria per l'esercizio del potere temporale. Nel Sacro Romano Impero questa figura scomparve di fatto solo con lo scioglimento dell'Impero, nell'anno 1806. In Montenegro questo titolo sopravvisse fino alla nascita dello stato jugoslavo, nel 1918.

Principi vescovi nel Sacro Romano Impero[modifica | modifica wikitesto]

Un principe vescovo era un vescovo che, nel Sacro Romano Impero, aveva il rango di principe imperiale. Questa fusione delle funzioni spirituali e temporali dei vescovi – entro l'ambito del Sacro Romano Impero – risale alla politica dei re tedeschi durante l'alto medioevo, i quali si appoggiarono a vescovi da loro nominati per porre dei limiti all'influenza delle più potenti famiglie nobiliari. Molti di loro vennero investiti di diritti regali (regalie). Con il nascere di principati territoriali anche i vescovi imposero la loro potestà sui territori di loro competenza, creando i cosiddetti principati vescovili.

La Bolla aurea, emanata dall'imperatore Carlo IV, stabilì che i tre principi-vescovi più potenti facessero parte del collegio di elettori dell'imperatore (assieme a quattro principi laici): si trattava dei principi-arcivescovi di Magonza, Colonia e Treviri. Nel 1521 il Sacro Romano Impero contava 53 principati ecclesiastici; la riforma protestante e la conseguente secolarizzazione ridussero questo numero, nel 1648, a 23 (che poi divennero 26 nel corso del secolo XVII). Nel corso delle guerre di religione molti principati vescovili furono secolarizzati ed annessi dai sovrani laici protestanti (Brema, Magdeburgo, Halberstadt, Ratzeburg, ecc.) che ne mantennero il seggio ed il voto nel Collegio dei Principi al Reichstag. Tuttavia, come per i principi secolari, non tutti i principi-vescovi avevano la piena sovranità sulle loro terre o il voto alla Dieta dell'impero (Vienna, Praga, Olmütz, Malines, Breslavia, Seckau, Gurk, Sion, Lavant, ecc.).

Così nel secolo XVI e al principio del XVII esistettero, accanto ai principati vescovili cattolici anche numerosi principati vescovili protestanti, il più importante dei quali era quello di Magdeburgo. Quasi senza eccezioni questi territori ecclesiastici protestanti venivano governati da principi appartenenti a potenti dinastie confinanti, e, con la pace di Vestfalia del 1648, vennero trasformati in principati laici, a vantaggio dei maggiori stati protestanti, come per esempio la Prussia. L'unico principato vescovile protestante che sopravvisse fu quello di Lubecca, e il caso specialissimo del principato vescovile di Osnabrück, che veniva governato alternativamente da vescovi cattolici e protestanti.

Anche il priore dell'Ordine Teutonico, dal 1526, era un principe ecclesiastico, senza però essere un principe-vescovo. Dal secolo XVI fino agli inizi del XIX la carica di principe vescovo era ricoperta quasi esclusivamente da esponenti della nobiltà, figli di principi, cavalieri imperiali, esponenti dell'antica nobiltà. Per questo, fino al 1803, la Chiesa cattolica nell'Impero era sostanzialmente una chiesa di nobili. Fino al secolo XVII esisteva però qualche forma di mobilità sociale, quando alcuni esponenti della nobiltà minore e persino qualche persona di famiglia non nobile, con la nomina a vescovo, riuscirono a raggiungere il rango di principe imperiale.

Con il trattato di Lunéville, nel 1801 si procedette alla secolarizzazione di tutti i principati ecclesiastici nel territorio del Sacro Romano Impero. La loro rapida fine fu determinata da diversi fattori, tra i quali in primo luogo la perdita di legittimazione dell'autorità temporale della chiesa nell'epoca del razionalismo e dell'illumismo, l'influenza della Francia rivoluzionaria, dove i beni ecclesiastici erano stati secolarizzati, e la volontà annessionistica degli stati confinanti. Quasi tutti i principati vescovili vennero secolarizzati nel 1802, e il Reichsdeputationshauptschluss (1803) ne diede la sanzione ufficiale. I principi-vescovi in carica al momento della secolarizzazione mantennero a vita il rango di principi imperiali.

Elenco dei principati ecclesiastici del Sacro Romano Impero[modifica | modifica wikitesto]

Stemma Nome Rango Nome/i locale Collegio
imperiale
Nazione
attuale
Note
Colonia Elettorato arcivescovile Erzstift Köln, Kurköln Provincia dell'Elettorato del Reno Germania Germania Principe elettore e Arcicancelliere d'Italia. Ha il 3° voto alla Dieta imperiale
Magonza Elettorato arcivescovile Erzbistum Mainz, Kurmainz Provincia dell'Elettorato del Reno Germania Germania Principe elettore e Arcicancelliere di Germania. È presidente e decano della Dieta ed ha il 1º posto nelle precedenze degli altri principi ma esprime il proprio voto alla Dieta per ultimo.
Treviri Elettorato arcivescovile Erzbistum Trier, Kurtrier
Archevêque Trèves
Provincia dell'Elettorato del Reno Germania Germania Principe elettore e Arcicancelliere di Borgogna (Gallie e Arles). Ha il 2º posto nelle precedenze, ma ha il privilegio di esprimere per primo il voto alla Dieta.
Aquileia Patriarcato Patriarchæ Aquileiensis
Patrìa del Friuli
Nessuno Italia Italia Incorporato nella Repubblica di Venezia dopo il Concilio di Firenze del 1445
Augusta Vescovato Hochstift Augsburg Provincia Sveva Germania Germania Ha il 25° voto alla Dieta e con la riforma protestante il vescovo è costretto a risiedere a Dillingen.
Bamberga Vescovato Hochstift Bamberg Franconia Germania Germania Ha l'11° voto.
Basilea Vescovato Principauté de Bâle
Fürstbistum Basel
Alto Reno Francia Francia
Germania Germania
Svizzera Svizzera
Una parte del vescovato fa oggi parte della Svizzera: Schliengen e Istein sono entrambi in Germania; una parte del Vogtei of St Ursanne è oggi in Francia. Ha il 41° voto e con la riforma protestante il vescovo deve risiedere a Porrentruy (Pruntrut).
Besançon Arcivescovato Archévêqué de Besançon
Erzstift Besantz
Nessuno Francia Francia L'arcivescovo era anche governatore di Besançon, una Libera città imperiale dal 1307, che dal 1512 era stata inclusa nella Provincia di Borgogna, ma con l'annessione francese dell'Alsazia ha solo una sovranità nominale fino al 1790 quando viene soppresso dai rivoluzionari francesi. Alla Dieta ha il 7° voto.
Brandeburgo Vescovato Hochstift Brandenburg Alta Sassonia Germania Germania Continuò con amministratori luterani dalla Riforma del 1520 e venne secolarizzato definitivamente dal Margraviato di Brandeburgo nel 1571
Brema Arcivescovato Erzstift Bremen Bassa Sassonia Germania Germania Continuò con amministratori luterani dalla Riforma del 1520 sino al 1645/1648 quando diviene principato laico e ceduto alla Svezia che nel 1719 a sua volta lo cede all'elettore di Hannover. Ha come principato secolare il 12° voto alla Dieta.
Brescia Vescovato Principato vescovile di Brescia Nessuno Italia Italia
Breslau Vescovato Fürstbistum Breslau
Biskupskie księstwo wrocławskie
Nessuno Polonia Polonia Nel 1344 il vescovo Przecław di Breslavia comprò la frazione di (Grodków) dal Duca di Slesia, Boleslavo III il Generoso e lo aggiunse al Ducato di Nysa, di competenza episcopale, divenendo quindi principe di Neisse e duca di Grottkau come vassallo della corona boema.
Bressanone Vescovato Principato vescovile di Brixen/Bressanone Austria Italia Italia Ha il 39° voto alla Dieta. Secolarizzato alla Contea del Tirolo nel 1803.
Cambrai Vescovato, poi Arcivescovato Principauté de Cambrai
Hochstift Kammerich
Basso Reno-Vestfalia Francia Francia Alla Francia dal 1678 con la Pace di Nimega
Cammin Vescovato Bistum Kammin
Biskupskie księstwo kamienskie
Alta Sassonia Polonia Polonia Perse lo status Reichsfreiheit a favore del Ducato di Pomerania nel 1544, secolarizzato nel 1650 e passato al Brandeburgo
Chur Vescovato Bistum Chur (Coira) Austria Svizzera Svizzera Antichissima diocesi, il suo principe-vescovo acquista il 51° voto alla Dieta solo nel 1720.
Costanza Vescovato Hochstift Konstanz Svevia Austria Austria
Germania Germania
Svizzera Svizzera
Con la riforma protestante il suo vescovo deve trasferirsi a Meersburg; ha il 23° voto alla Dieta.
Eichstätt Vescovato Hochstift Eichstätt Franconia Germania Germania Ha il 17° voto alla Dieta.
Frisinga Vescovato Hochstift Freising Baviera Austria Austria
Germania Germania
Ha il 31° voto alla Dieta.
Fulda Abbazia, poi Vescovato Reichskloster Fulda, Reichsbistum Fulda Alto Reno Germania Germania Prima Abbazia Imperiale il suo abate-prevosto ha il privilegio di essere l'arcicancelliere dell'imperatrice sino al 5 ottobre 1752, data in cui venne elevata a vescovato. Com primo principato abbaziale ha il 53° voto alla Dieta. Secolarizzata nel 1802
Ginevra Vescovato Évêché de Genève
Fürstbistum Genf
Alto Reno Francia Francia
Svizzera Svizzera
Gurk Vescovato Diözese Gurk Nessuno Austria Austria Parte del Ducato di Carinzia, i vescovi pretendevano il titolo di Fürstbischof, ma non lo ottennero mai di fatto seppure il loro territorio fosse un'Immediatezza imperiale. La sede era a Freisach. Il principato ecclesiastico venne secolarizzato nel 1764.
Halberstadt Vescovato Bistum Halberstadt Bassa Sassonia Germania Germania Secolarizzato con la riforma protestante e ceduto al Brandeburgo.
Havelberg Vescovato Bistum Havelberg Bassa Sassonia Germania Germania Continuato da amministratore luterani dopo la Riforma dal 1548 al 1598 e ceduto al Brandeburgo.
Hildesheim Vescovato Hochstift Hildesheim Bassa Sassonia Germania Germania Con la riforma protestante parte della città è ceduta al duca di Brunswick. Ha il 27º posto alla Dieta.
Lavant Vescovato Diözese Lavant
Škofija Lavant
Nessuno Austria Austria
Slovenia Slovenia
Parte della Carinzia e della Stiria, vescovato sino dal 1446 e conosciuto anche come S. Andrae, i suoi vescovi pretesero il titolo di Fürstbischof, ma non lo ottennero mai sebbene il territorio fosse una reichsfrei. Fu secolarizzato nel 1782.
Lebus Vescovato Fürstbistum Lebus
Diecezja lubuska
Nessuno Germania Germania
Polonia Polonia
Con sede a Fürstenwalde dal 1385; Reichsfreiheit cambiato dal Margraviato di Brandeburgo, continuò con amministratore protestanti dal 1555 sino alla secolarizzazione nel 1598.
Liegi Vescovato Prinsbisdom Luik
Principauté de Liège
Fürstbistum Lüttich
Principåté d' Lidje
Basso Reno-Vestfalia Belgio Belgio
Paesi Bassi Paesi Bassi
Ha il 43° voto alla Dieta. È soppresso dalla Francia rivoluzionaria.
Losanna Vescovato Prince-Évêché de Lausanne
Bistum Lausanne
Nessuno Svizzera Svizzera Conquistato dal cantone svizzero di Berna nel 1536.
Lubecca Vescovato Hochstift Lübeck Bassa Sassonia Germania Germania Con sede a Eutin dal 1270 circa; Riformato nel 1535, continuò sotto amministratori luterani sino al 1586 e poi dal 1694 sino alla secolarizzazione nel 1803 appartenne alla linea ducale cadetta di Holstein Gottorp. È l'unico principato vescovile protestante con diritto di voto alla Dieta (49° voto).
Magdeburgo Arcivescovato Erzstift Magdeburg Bassa Sassonia Germania Germania Continuò sotto amministratori luterani dal 1566 al 1631 e nuovamente dal 1638 al 1680, fino alla sua annessione al Brandeburgo.
Merseburg Vescovato Bistum Merseburg Nessuno Germania Germania Secolarizzato con la riforma protestante diviene principato secolare della Sassonia.
Metz Vescovato Evêché de Metz
Hochstift Metz
Alto Reno Francia Francia Uno dei Tre Vescovati ceduti alla Francia dal 1552 sulla base del Trattato di Chambord.
Minden Vescovato Hochstift Minden Basso Reno-Vestfalia Germania Germania Secolarizzato è dato al Brandeburgo nel 1648.
Münster Vescovato Hochstift Münster Basso Reno-Vestfalia Germania Germania Ha il 47° voto alla Dieta.
Naumburg Vescovato Bistum Naumburg-Zeitz Secolarizzato con la riforma protestante diviene principato della Sassonia. Germania Germania Sotto tutela del Margraviato di Meissen dal 1259, amministrato dall'Elettore di Sassonia dal 1564.
Olomouc Vescovato Biskupství olomoucké
Bistum Olmütz
Nessuno Rep. Ceca Rep. Ceca Il vescovato ceco (poi metropolitano) di Olomouc, in quanto territorio vassallatico della corona boema, rientrava nei pari del Margraviato di Moravia e dal 1365 il suo principe-vescovo divenne anche Conte della Cappella Boema e primo cappellano di corte col diritto di accompagnare il monarca durante i suoi frequenti viaggi.
Osnabrück Vescovato Hochstift Osnabrück Basso Reno-Vestfalia Germania Germania Si alternano al suo governo vescovi cattolici e protestanti durante la Guerra dei Trent'anni, poi confermati nel 1648; secolarizzato nel 1802/1803 aveva il 45° voto alla Dieta.
Paderborn Vescovato Fürstbistum Paderborn Basso Reno-Vestfalia Germania Germania Ha il 29° voto alla Dieta.
Passau Vescovato Hochstift Passau Baviera Austria Austria
Germania Germania
Ha il 35° voto alla Dieta.
Ratzeburg Vescovato Bistum Ratzeburg Bassa Sassonia Germania Germania Secolarizzato nel 1555 diviene principato secolare dei duchi di Mecklenburg, mantenendo il 77° voto alla Dieta.
Regensburg Vescovato Hochstift Regensburg Baviera Germania Germania HA IL 33° voto alla Dieta.
Salisburgo Arcivescovato Fürsterzbistum Salzburg Baviera Austria Austria Dal 1648 l'arcivescovo deteneva anche il titolo di Primas Germaniae, primo arcivescovo di Germania. Il potere di questo titolo - non giurisdizionale - era limitato ad essere il primo corrispondente del pontefice per le popolazioni di lingua tedesca (Legato Apostolico), ma includeva il privilegio di precedere nelle processioni i principi del Sacro Romano Impero.

Deteneva il 5° voto alla Dieta. Elevato ad elettorato nel 1803, ma simultaneamente secolarizzato; vedi Elettorato di Salisburgo.

Schwerin Vescovato Bistum Schwerin Bassa Sassonia Germania Germania Secolarizzato nel 1555 diviene principato dei duchi di Mecklenburgo; ha il 75° voto alla Dieta.
Seckau Vescovato Diözese Seckau Nessuno Austria Austria
Slovenia Slovenia?
Anche se i vescovi avevano il titolo di Fürstbischof, non è chiaro se il territorio fosse anche una Reichsfrei. È secolarizzato nel 1764.
Sion Vescovato Prince-Évêché de Sion
Bistum Sitten
Nessuno Svizzera Svizzera Un classico esempio di autorità secolare e diocesana unificate; è privato dell'effettiva sovranità nel corso del XVI secolo.
Spira Vescovato Hochstift Speyer Alto Reno Germania Germania Con la riforma protestante il principe trasferisce la sua sede a Philippsburg; ha il 19° voto alla Dieta.
Strasburgo Vescovato Bistum Strossburi
Évêché de Strasbourg
Fürstbistum Straßburg
Alto Reno Francia Francia
Germania Germania
Con il titolo di conte dal 1680 è sottoposto alla sovranità francese, pur mantenendo il 21° voto alla Dieta; è secolarizzato nel 1789.
Toul Vescovato Principauté de Toul
Bistum Toul
Alto Reno Francia Francia Uno dei Tre Vescovati ceduti alla Francia nel 1552 in virtù del Trattato di Chambord.
Trento Vescovato Principato vescovile di Trento/Trient Austria Italia Italia Hail 37° voto alla Dieta. Secolarizzato alla Contea del Tirolo nel 1803.
Utrecht Vescovato Sticht Utrecht Basso Reno-Vestfalia Paesi Bassi Paesi Bassi Venduto a Carlo V d'Asburgo, fatto dopo il quale venne compreso nella Provincia Borgognona e successivamente annesso dalla nuova Repubblica dei Paesi Bassi.
Verden Vescovato Hochstift Verden Basso Reno-Vestfalia Germania Germania Continuato da amministratori luterani dopo la riforma sino al 1645/1648, mantenendo il 40° voto alla Dieta.
Verdun Vescovato Principauté de Verdun
Bistum Verdun
Alto Reno Francia Francia Uno dei Tre Vescovati ceduti alla Francia nel 1552 in virtù del Trattato di Chambord.
Worms Vescovato Bistum Worms Alto Reno Germania Germania Il governo sulla città tedesca di Worms venne stabilito dal vescovo Burcardo (1000–1025), ma la residenza episcopale venne spostata dal 1400 a Ladenburg. In seguito fu spesso in unione personale con gli elettori di Treviri; aveva il 15° voto alla Dieta. Gran parte dei territori del vescovato sulla sponda sinistra del Reno vennero persi dal 1797 sulla base del Trattato di Campoformio, secolarizzati poi nel 1803 all'Elettorato di Baden ed al Langraviato d'Assia-Darmstadt.
Würzburg Vescovato Hochstift Würzburg Franconia Germania Germania Per decreto imperiale di Federico Barbarossa il vescovo deteneva il titolo di Duca di Franconia. Aveva il 13° voto alla Dieta.

Principati ecclesiastici dell'impero secolarizzati nel corso del XVIII secolo

  • Principato arcivescovile di Besançon (1792)
  • Principato vescovile di Gurk (1782)
  • Principato vescovile di Lavant (1782)
  • Principato vescovile di Seckau (1786)
  • Principato vescovile di Sitten (1798)
  • Principato vescovile di Orta e San Giulio (1786)

(Per l'ordine di precedenza e di voto, vedi la voce Reichstag).

Principi vescovi in Montenegro[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Principato_del_Montenegro#Principi-Vescovi del Montenegro (1696-1851).

Nemmeno nelle Chiese orientali era comune che i vescovi esercitassero un potere temporale. A questo proposito fa però eccezione il ruolo politico del vescovo di Cettigne (Cetinje), nella regione del Montenegro (Crna Gora), che si sviluppò a partire dal XVI secolo. Dopo la conquista della Serbia, l'Impero Ottomano voleva estendere il suo controllo anche sul Montenegro, ma le popolazioni che abitavano quelle montagne vi si opposero con successo. I capi dei diversi clan attribuirono al vescovo di Cettigne (Vladika) la funzione di “presidente” al di sopra delle parti in questa entità territoriale. Danilo Petrović-Njegoš, che nel 1697 era divenuto Vladika, riuscì a indicare come proprio successore un suo nipote, di modo che, nel XVIII secolo, tale ufficio, ad un tempo spirituale e temporale, venne attribuito alla famiglia Petrović, i cui esponenti formarono una vera e propria “dinastia” di vescovi.

Fu però solo col principe-vescovo Pietro I (1872-1830) che questa situazione venne riconosciuta definitivamente. Il successore, il di lui nipote Pietro II (1831-1851) eliminò completamente un potente clan rivale, cosicché il principe-vescovo divenne capo politico indiscusso del Montenegro. Di conseguenza il nipote di Pietro II, Danilo II (1851 – 1860), un anno dopo esser divenuto Vladika rinunciò alla carica proclamandosi principe (laico) del Montenegro. Il nipote e successore di Danilo II, Nicola I (18601918), padre di Elena, andata in sposa a Vittorio Emanuele III di Savoia, nel 1910, fece del principato un regno, che però venne annesso, nel 1918, al “Regno dei Serbi, dei Croati e degli Sloveni”, la futura Jugoslavia.

Altrove[modifica | modifica wikitesto]

In Inghilterra il Vescovo di Durham era un Principe-Vescovo col grado di Conte palatino incaricato non tanto di governare una diocesi quanto di proteggere il paese dalla minaccia scozzese. Il titolo sopravvisse all'unione fra Inghilterra e Scozia nel 1707 e persistette fino al 1836 insieme a quello di altri ecclesiastici. Infatti nella Camera dei Lords erano riservati 30 seggi con voto ai principi ecclesiastici di cui 26 inglesi (Canterbury, Londra, Durham, Winchester, Oxford, Bristol, Chester, St. Asaph, Bath, Wells, Chichester, York, Dunkeld, Carlisle, Salisbury, Raphoe, Glasgow, Aberdeen, St. David, Galloway, Argyll, St. Andrews, Brechin, Murray, Ross, Caithness) e 4 irlandesi (Connor, Londonderry, Cloyne, Clogher).

In Francia erano riconosciuti principi-vescovi i sei titolari di Parìe ecclesiastiche: l'arcivescovo di Reims, i vescovi di Laon, Langres, Beauvais, Chalon e Noyon. Inoltre, mantennero il titolo di principi dell'impero i tre vescovi di Metz, Toul e Verdun i cui stati furono annessi dalla Francia nel 1552.

In Italia principi-Vescovi furono l'arcivescovo di Ravenna (dal X secolo), il patriarca di Aquileia fino al 1751, in seguito l'arcivescovo di Gorizia, il vescovo di Novara come principe di Orta, il vescovo di Sarzana, quelli di Feltre, di Treviso.

Casi speciali[modifica | modifica wikitesto]

Il più importante Principe-Vescovo è il vescovo di Roma, il Papa, capo universale della Chiesa cattolica, le cui pretese di dominio temporale si basavano sulla falsa Donazione di Costantino (fino alla fine dello Stato della Chiesa nel 1870). Ancora oggi però, in seguito ai Patti lateranensi il papa è un sovrano assoluto, capo di stato della Città del Vaticano.

Il vescovo di Urgell in Spagna è un altro caso di Principe-Vescovo essendo coprincipe di Andorra insieme al presidente della Repubblica francese.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]